Juventus – Milan 0-1: non c’è niente da festeggiare

Il Milan è ufficialmente in Champions League e lo è da quinto (sul campo) in classifica grazie alle indagini del procuratore Chiné arrivate in questa stagione riguardo cose di due anni fa. Lo è in una stagione che conclude con zero titoli dopo aver perso male il derby di supercoppa, dopo aver perso male in coppa italia, in casa, contro il Torino e dopo aver perso malissimo la semifinale di Champions League – sempre contro l’Inter – non tre avversari insormontabili.

Il Milan è più forte della Juventus e nonostante tutto lo si è visto anche stasera se pensiamo alle partite passate allo Stadium – non abbiamo concesso quasi niente e non ricordo parate di Maignan mentre di là Giroud ha sì trovato il capolavoro ma è anche vero che Leao e Saelemakers si sono divorati un gol a testa. Partita comunque bruttina che fa poco testo con tante praterie da una parte e dall’altra – insomma, sembrava una amichevole di inizio stagione.

Concludiamo quindi alla 37a con il risultato minimo accettabile – accettabile, insomma, non da festeggiare. Siamo stati “graziati” e non sono stati eccessivamente puniti errori di progetto madornali fatti dopo lo scudetto ma questa rimane una delle peggiori difese del titolo dalla Juventus di Pirlo (che però era stata mezza smantellata). Ora sarebbe un gravissimo errore fare finta che sia stato un incidente di percorso e che va tutto bene.

Il Bayern Monaco ieri ha licenziato due dirigenti durante la festa scudetto – perché lo scudetto è arrivato inaspettatamente all’ultima giornata per suicidio altrui (e non ne parliamo nemmeno in Champions League dove non hanno visto biglia contro il City). Questa è la differenza tra un top club che il Milan è per blasone e i racconti dell’amore e di coreanello bianco che da un anno a questa parte hanno nascosto la polvere sotto il tappeto.

La stagione è finita – il tappeto ora lo alziamo e quei grumi sono diventati un bel polverone, anche abbastanza intenso. Cosa facciamo? Affrontiamo il problema e tagliamo i rami secchi sia in dirigenza, che in panchina, che in rosa – o facciamo finta di niente e ci ripresentiamo col potere dell’amore e dell’amicizia ai nastri di partenza come se fossimo ancora i più forti in Italia e questa stagione non sia mai avvenuta? Da questo ci giochiamo tutto il futuro del club – un futuro che abbiamo salvato per pochissimo grazie ai soldi della coppa.

Ecco perché, quindi, i festeggiamenti a bordocampo sono totalmente fuori luogo. Insomma, non c’è proprio niente da festeggiare.

JUVENTUS-MILAN 0-1

Marcatori: 40’ Giroud.

JUVENTUS (3-4-3): Szcz?sny; Gatti, Bremer (dal 83’ Bonucci), Danilo; Cuadrado, Locatelli, Rabiot, Kosti? (dal 63’ Paredes); Di María (dal 63’ Milik), Kean (dal 73’ Iling-Junior), Chiesa. A disp.: Perin, Pinsoglio; Alex Sandro, Barbieri, Rugani; Miretti, Sersanti. All.: Allegri.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria (dal 86’ Kalulu), Thiaw, Tomori, Hernández; Tonali, Kruni?; Messias (dal 56’ Saelemaekers), Díaz (dal 82’ Pobega), Leão (dal 82’ Ballo-Touré); Giroud (dal 86’ Origi). A disp.: Mirante, T?t?ru?anu; Ballo-Touré, Florenzi, Gabbia, Kjær; Adli, Vranckx; De Ketelaere. All.: Pioli. 

Arbitro: Mariani di Aprilia.

NoteAmmoniti: 34’ Messias, 56’ Cuadrado, 64’ Krunic. Recupero tempo: 2’ 1T, 4’ 2T.

Milan – Sampdoria 5-1: la partita che non fa testo

Tripletta di Giroud e due assist più gol di Brahim. Basta questo per capire come stasera la partita andata in onda aveva un risultato obbligatorio per noi contro una squadra che non esiste e non ha più nulla da chiedere a questo campionato. La Sampdoria ha fatto poco e senza il peso di dover fare punti salvezza a tutti i costi non ha nemmeno messo il bus dietro stile Cremonese o Salernitana. O Inter martedì.

Il risultato è una vittoria larga che evidenzia, ovviamente, le differenze tra i due stili di gioco ed organici ma è una vittoria che non deve trarre in inganno, specie visto le ultime due partite. Se davanti Giroud si è finalmente svegliato e Tonali sta tenendo su da solo il centrocampo dietro Tomori ha concesso troppo alla Samp e non parlo solo del gol del pari dove è in concorso di colpa con Theo (già con la testa ad Ibiza) e Messias.

L’unica ragione dei 20 minuti finali è stata provare a far fare un gol a De Keteleare – che le occasioni, in realtà, le ha anche avute ma è riuscito a dimostrarsi inadeguato anche in un contesto del genere. Per il resto riusciamo a far diventare scontati tre punti che dovevano esserlo ma che Spezia e Cremonese hanno dimostrato che non lo sono affatto.

La classifica dice quindi che mancano 3 punti al mettersi davanti definitivamente l’Atalanta mentre per quanto riguarda la Roma sarà la stessa cosa solamente in caso di non vittoria dei giallorossi domani. Da tenere d’occhio anche la situazione del Verona sperando, appunto, che all’ultima a San Siro non abbia niente da chiedere – oltre ad una eventuale penalizzazione della Juventus. Difficilmente infatti perderà punti la Lazio con squadre abbordabili oppure l’Inter visto che il Napoli ha già mandato in vacca la regolarità del torneo.

Al calcio d’inizio della sfida contro la Juventus avremo quindi sicuramente un quadro della situazione molto più chiaro dell’attuale considerato che tutte le nostre competitor avranno già giocato due volte. Appuntamento al 28 maggio, ore 20.45, per il ventennale.

MILAN-SAMPDORIA 5-1

Marcatori: 9’ Leao, 20’ Quagliarella, 24’, 29’ e 68’ Giroud, 63’ Diaz

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Thiaw, Tomori (dal 81’ Kjaer), Theo Hernández (dal 81’ Ballo-Touré); Tonali (dal 81’ Pobega), Kruni?; Messias (dal 60’ Saelemaekers), Díaz (dal 70’ De Ketelaere), Leão; Giroud. A disp.: Mirante, T?t?ru?anu, Gabbia, Kalulu; Adli, Bakayoko. All.: Pioli.

SAMPDORIA (4-4-2): Ravaglia; Zanoli, Günter, Nuytinck (dal 69’ Amione), Augello; ?uri?i? ( dal 82’ ?lkhan), Winks, Rincón (dal 82’ Paoletti), Léris; Gabbiadini (dal 69’ Lammers), Quagliarella (dal 69’ Oikonomu). A disp.: Tantalocchi, Turk, Murillo, Murru, Segovia; De Luca, Jesé. All.: Stankovi?.

Arbitro: Fourneau di Roma 1.

NoteAmmoniti: 27’ Gunter, 30’ Zanoli, 75’ Theo, 89’ Oikonomu.

Inter – Milan 1-0: via i mercanti dal tempio

Va in finale la squadra con l’allenatore migliore. Ci dice questo il doppio euroderby di Champions che macchia indelebilmente la storia del Milan. Un euroderby approcciato come fosse il trofeo Birra Moretti in una semifinale di Champions – avrebbe avuto molte più chances di passare il Monza di Palladino. Una finale di Champions persa, una storia macchiata finita a sorrisi, auguri alla rivale e Maldini che parla di stagione da 8 se si finisce in Champions League grazie alla Juventus penalizzata.

Quanto successo è una follia totale. Un dirigente che vive nelle nuvole, parlando di soldi spesi e di calciatori che non arrivano perché non fanno parte del progetto – insomma meglio un pippone belga a 35 milioni che Dybala a zero. Maldini non spiega come una squadra tecnicamente fallita è in finale di Champions League mentre noi ci giochiamo lo scudetto del bilancio. Non spiega come mai si spende meno di Roma e Napoli ma fatturando di più. Non spiega come la dirigenza sia ciecamente convinta che quello che sta facendo sia a posto – un po’ come il capitano che non si accorge che la nave sta affondando.

E’ ovvio che questa squadra che non ha un gioco non possa continuare con questo allenatore e viste le ulteriori dichiarazioni nemmeno con questi dirigenti. Ma io credo che, purtroppo, nessuno si è reso conto della gravità della situazione. Mentre ci contendiamo il trofeo dei conti in ordine, delle commissioni non pagate gli altri vincono trofei veri e reali.

Ma passiamo alla partita di stasera – l’Inter si è limitata a fare la Salernitana o la Cremonese di turno perché se tu fai la Salernitana o la Cremonese di turno col Milan tu passi. Senza se e senza ma. Tutti dietro neutralizzando Leao e pericolosissimi in contropiede. Due occasioni le abbiamo avute, entrambe sbagliate – poi più niente. Il secondo tempo è stato semplicemente desolante con la palla morta nella nostra metà campo e i nostri che non sapevano cosa fare. E’ sembrata Napoli – Milan al contrario.

Quello che è inaccettabile è ridursi ad aspettare la penalizzazione della Juventus per sperare di tornare in Champions League – per fare cosa, peraltro, dopo aver fallito una occasione che ricapiterà tra vent’anni? Maldini delira parlando di grandi d’Europa ma non sei uscito con Real Madrid o Bayern Monaco ma con la seconda squadra cittadina – unica italiana che soffri.

Come si colma il gap? Spendendo 22 milioni per riscattare Brahim palla persa Diaz? Riscattando la salma di Giroud inesistente da un mese? Spiegatecelo e per favore non mi parlate di 20enni asiatici, francesi o belgi che dovrebbero salvare una squadra che non sa giocare a calcio e a cui manca esperienza.

Tiriamo le somme ora o sabato siamo tutti contenti di nuovo a farci prendere per il culo cantando Pioli is on fire?

INTER-MILAN 1-0

INTER (3-5-2): Onana; Darmian, Acerbi, Bastoni; Dumfries, Barella (39’st Gagliardini), Çalhano?lu, Mkhitaryan (43′ Brozovi?), Dimarco (21’st Gosens); Džeko (21’st Lukaku), Martínez (39’st Correa). A disp.: Cordaz, Handanovi?; Bellanova, D’Ambrosio, de Vrij; Asllani, Stankovi?. All.: Inzaghi.  

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Thiaw (19’st Kalulu), Tomori, Hernández; Tonali, Kruni?; Messias (31’st Saelemaekers), Díaz (31’st Origi), Leão; Giroud. A disp.: Mirante, Nava; Ballo-Touré, Florenzi, Gabbia, Kjær; Pobega; De Ketelaere, Rebi?. All.: Pioli.

Arbitro: Turpin (FRA).
Gol: 29’st Martínez (I).
Ammoniti: 11’st Thiaw (M), 36’st Kruni? (M)

Spezia – Milan 2-0: vi dovete vergognare

Se Pioli sarà ancora l’allenatore del Milan il prossimo anno io non guarderò le partite e non le commenterò fino al suo esonero. E’ una promessa che faccio qua, ora e per tutti nel momento in cui la Champions League sta sfumando ed il progetto sta fallendo per colpa di una incompetenza totale e di una presunzione che nel mondo del calcio non ha pari. Proprio oggi Marotta dice che è suo compito tenere sempre tutti in discussione nel giorno in cui Maldini va a dire che non siamo da semifinale e che l’annata va bene.

La partita con lo Spezia è la solita fotocopia di Lecce, Fiorentina, Cremonese, Empoli, Salernitana e altre grandi partite andate a vuoto per colpa di una rosa evidentemente non pari a queste fortissime compagini. Vedere il Milan giocare un anno fa era un piacere e non vedevi l’ora della prossima partita – ora causa solo nausea, vomito e non vedi l’ora che finisce la stagione.

Anche oggi una difesa ridicola, anche oggi non entriamo in area avversaria via di palla lunga. Anche oggi concediamo contropiede come se piovesse. Lo hanno capito tutti come giochiamo – da mesi – e chi sta in panchina – sempre da mesi – non è in grado di proporre piani alternativi. Non c’è accountability e non c’è pressione perché i tifosi organizzati pensano ad andare a Torino gratis mentre in società non frega niente e si vive a Narnia.

Si continua a parlare di rosa quando lo Spezia viene a palleggiarti in faccia. Prima si cominci ad avere un gioco accettabile, poi parliamo di rosa. Abbiamo una condizione fisica di nuovo pari a quella di Gennaio ed è successo tutto in 4 mesi. Cosa stracazzo aspetta qualcuno ad andare davanti alle telecamere e prendersi qualche responsabilità? A dire che così non si può e non va bene?

Io non ho più niente da dire se non che spero che Pioli e Maldini l’anno prossimo siano fuori dai coglioni in quanto entrambi complici di questo scempio, partito da lontano con una ridicola pantomina dei rinnovi. Se non lo fanno i giocatori, se non lo fa la curva, almeno voi due – veramente – vi dovete vergognare.

Spezia-Milan 2-0 (primo tempo 0-0)
Spezia (3-5-2): Dragowski,   Wisniewski, Nikolaou, Ampadu, Amian, Bourabia (18’ st Zuekowski), Esposito, Ekdal, Reca, Nzola, Gyasi (48’ st Kovalenko). All. Semplici
Monza (4-2-3-1): Maignan, Kalulu, Kjær, Tomori (37’ st Calabria), Hernández (18’ st Ballo), Tonali, Pobega, Saelemaekers (18’ De Ketelaere), Díaz (25’ st Adli), Origi (25’ st Giroud), Rebi?. All. Pioli
Arbitro: Daniele Doveri di Roma.
Marcatore: 30’ st Wisniewski, 40’ st Esposito

Ammoniti: 38’  Amian (S), 7’ st Diaz (M)
Espulso: 17’ st Lorieri (S)

Milan – Inter 0-2: Pioli porta l’Inter ad Istanbul

La nostra semifinale di Champions League finisce dopo 10 minuti. Finisce con un angolo – che non c’era – dopo un fallo su Tomori – che non c’era, fischiato da un arbitro veramente vergognoso ed inadatto che ha rovinato una partita fischiando a senso unico. Il gol preso ci ha spiazzati e i soliti primi 15′ vergognosi che ormai sono una tassa da pagare hanno fatto sì che l’Inter ad oggi è la prima finalista di Champions League. Basta con gli alibi che l’Inter era più forte – dallo scorso campionato queste due squadre hanno fatto gli stessi punti. In Europa abbiamo eliminato avversari superiori a Porto e Benfica.

L’Inter è entrata a giocare una semifinale di Champions, il Milan è entrato a giocare una partita di campionato. Sembra la Supercoppa nuovamente. Inzaghi ha per l’ennesima volta surclassato tatticamente Pioli. E la cosa più grave è che l’errore di mettere Calabria su Dzeko in marcatura ha portato l’Inter a fare la partita che voleva, ovvero le due linee dietro e chiudere gli spazi.

Sono tre derby consecutivi che il Milan non segna un gol – non succedeva dagli anni 80. E’ un disastro che si poteva vedere e a cui nessuno sarà chiesto di rendere conto. Non all’allenatore ancora pienamente in carica dopo i disastri di gennaio. Non ad un dirigente il cui mercato oggi non è praticamente sceso in campo – e nessuno ha avuto il coraggio di chiedere perché il tuo acquisto migliore oggi il campo non l’ha visto nemmeno.

Oggi Inzaghi ha dimostrato perché in coppa, da sempre, fa bene. Ha fatto bene in Coppa Italia, ha fatto bene col Barcellona e pure col Liverpool nonostante fosse uscito. E l’unica cosa che mi fa capire che mai rimonteremo (anzi, ci sono buone possibilità di perdere anche il ritorno) è proprio la panchina. La domanda dopo questi sei mesi dovrebbe essere la seguente: vale la pena continuare con questo progetto? Vale la pena continuare con Diaz, Giroud, Messias e le pippe belghe? Davanti serve esperienza, centimetri e possibilmente gente che la metta dentro. Teniamo palla, non sappiamo a chi darla o cosa farne.

Come sempre anche oggi nessuno si assumerà la responsabilità di un bel niente, ci beccheremo un’altra settimana di inutili video motivazionali prima della seconda ripassata in mondovisione. Che nessuno si azzardi a far passare un quinto posto con una squalifica della juventus come una stagione positiva. Sempre che arrivi.

MILAN-INTER 0-2

Marcatori: 8’Dzeko, 11’ Mkhitaryan.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria( dal 82’ Kalulu), Kjær (dal 59’ Thiaw), Tomori, Theo Hernández; Tonali, Kruni?; Díaz (dal 82’ Pobega), Bennacer (dal 18’ Messias), Saelemaekers (dal 59’ origi); Giroud. A disp.: Mirante, Nava; Ballo-Touré, Gabbia; De Ketelaere, Rebi?. All. Pioli.

INTER (3-5-2): Onana; Darmian, Acerbi, Bastoni; Dumfries, Barella, Çalhano?lu (dal 78’ Gagliardini), Mkhitaryan (dal 62’ Brozovic), Dimarco (dal 71’ de Vrij); Martínez (dal 78’ Correa), Džeko (dal 70’ Lukaku). A disp.: Cordaz, Handanovi?; D’Ambrosio, Zanotti; Asllani, Bellanova, Gosens. All. S. Inzaghi.

Arbitro: Gil Manzano (SPA)

Note: Ammoniti: 45’+1 Krunic, 45’+1 Mkhitaryan, 64’ Tomori. Recupero tempo: 4’ 1T, 4’ 2T.

Milan – Lazio 2-0: si è giocato a calcio

Torniamo nuovamente in lotta Champions League e come successo a Febbraio lo facciamo con un clean sheet con una squadra tra le prime in classifica. Nonostante l’infortunio di Leao, proprio come successo una settimana fa contro l’Inter, la Lazio non esiste – non arriva nemmeno a tirare in porta una volta. L’anomalia è stata la partita di Gennaio perché questa sembra esattamente la partita di un anno fa e in parte quella di Coppa Italia con Pioli che si limita a mettere un uomo su Milinkovic-Savic, allora Kessie e oggi Krunic, facendo scomparire i biancocelesti dal campo.

La seconda notizia è che il Milan è tornato a proporre calcio perché non potendo giocare tutto sul portoghese ognuno ha dovuto fare il suo. Non c’erano né De Keteleaere, né Brahim Diaz che in questo momento erano stati i peggiori nel loro ruolo ed è salito Bennacer a giocare da play. Se la semifinale di Champions League è un traguardo importante, garantire la continuità in campionato finendo nelle prime quattro è un traguardo ancora più importante per far diventare quella semifinale non una cosa sporadica ma una normalissima abitudine.

Siamo a Maggio, mancano sei o sette partite – sperando siano sette – e non si può più sbagliare nessuna di queste. Continuo a ribadire che il Milan è sulla carta più forte dell’Inter, non in panchina dove l’allenatore è migliore nella preparazione di queste partite secche. Si è rivisto anche Theo Hernandez con un bel goal in coast-to-coast, proprio come l’Atalanta un anno fa.

Se c’è forse una cosa da recriminare è che alla fine, ancora una volta, nonostante il gioco prodotto i due gol sono arrivati da un errore individuale ed una prodezza altrettanto individuale. Giroud rimane un terminale offensivo sterile ed abbandonato a se stesso in queste occasioni. Si entra quindi ufficialmente in clima euroderby – due partite in sei giorni che per noi valgono l’intera stagione, una stagione che potrebbe essere ancora da sogno o da incubo. Tutto è ancora aperto.

MILAN-LAZIO 2-0

Marcatori: 17’ Bennacer, 29’ Theo Hernandez

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria (dal 46’ Kalulu), Kjaer (dal 46’ Thiaw), Tomori, Theo Hernandez (dal 80’ Ballo-Touré); Tonali, Krunic; Messias, Bennacer, Leao (dal 11’ Saelemaekers); Giroud (dal 69’ Rebic). A disp.: Tatarusanu, Mirante, Adli, Diaz, Bakayoko, Origi, Pobega, Vranckx, Gabbia, De Ketelaere. All. Pioli.

LAZIO (4-3-3): Provedel; Marusic (dal 56’ Lazzari), Casale, Romagnoli, Hysaj (dal 68’ Pellegrini); Miliknovic-Savic (dal 68’ Basic), Marcos Antonio, Luis Alberto; Felipe Anderson, Immobile (dal 81’ Cancellieri), Zaccagni (dal 56’ Pedro).A disp.: Luis Maximiano, Adamonis, Gil, Romero, Radu, Gila, Bertini, Fares. All. Sarri. 

Arbitro: Rapuano di Rimini.

NoteAmmoniti: 20’ Romagnoli, 24’ Marusic, 42’ Calabria, 61’ Casale, 88’ Pellegrini, 89’ Thiaw. Recupero tempo: 2’ 1T, 5’ 2T.

Milan – Cremonese 1-1: ma qualcuno si vergogna???

Inaccettabile. Il solito pareggino strappato all’ultimo contro la solita squadra che si chiude, con i soliti giocatori in campo nel solito 2-8 che si contraddistingue per palloni alla difesa e spazzate allo spera in dio. Uno pensa anche che dopo Milan-Lecce Pioli avesse imparato la lezione: si mettono i titolari, si prova a chiuderla, si fanno i cambi. E invece niente – va in scena l’ennesima partita che grida “pareggio” contro una neopromossa il tutto per far riposare i giocatori in vista della Lazio – come se i tre punti valessero diversamente. La stessa andata con la Cremonese, Bologna ma anche in parte Empoli non hanno insomma veramente insegnato nulla.

Ma passiamo oltre – passiamo alla dura realtà dei numeri. Siamo in ballo ancora grazie al Monza che pareggia e grazie soprattutto al fatto che la Juventus sarà penalizzata quindi il quinto posto è un po’ come il quarto. Per il resto mancano cinque partite e dovessimo vincerle tutte saremmo a 73 punti. 13 in meno dell’anno scorso, una delle difese peggiori del titolo da campioni d’Italia. Eppure si continua a parlare come se la Champions League, vitale per il progetto del club, fosse in tasca. Basta un quinto posto e si ricomincia dalla stagione 2013-14, si ricomincia con stipendi non sostenibili per un buco di bilancio da 70 milioni che ti arriva all’improvviso e giocatori svalutati. E’ questo che vogliono?

Ad oggi nessuno si assume la responsabilità di tutto questo. Maldini va in giro per podcast, i giocatori pensano alla Champions League che gli ha evidentemente dato una vetrina per cui l’anno prossimo giocheranno altrove. Quelli che ci sono fanno schifo – su De Keteleaere non mi esprimo nemmeno dopo quel gol sbagliato. Davanti ci ha provato solamente Saelemakers con un bel gol purtroppo annullato.

Chi deve segnare al Milan? Giroud è una salma in dirittura d’arrivo per le grandi partite, Origi lasciamo stare, Diaz ha fatto 3 partite buone e si parla senza nemmeno un po’ di vergogna di riscattarlo per 22 milioni – De keteleare nemmeno quelle. Quanti soldi ha buttato questa dirigenza nei trequartisti pur di non dare 500mila euro in più al cornuto?

E’ bene realizzare due cose: la prima è che il ciclo è finito – la seconda è che azzeccare quattro acquisti in tre anni non fa di te un grande dirigente. E’ assolutamente impensabile pensare che il prossimo anno si possa ripartire con Stefano Pioli e 3/4 di questo organico – e ci metto dentro pure Leao perché non può essere il fulcro della squadra un giocatore che sparisce negli spazi chiusi.

Continuo a non capire se viviamo su marte o cosa perché qua l’intero progetto è saltato, la stagione in serie A è saltata ma continuiamo a fare finta che stia andando tutto bene perché siamo in semifinale di Champions League non sapendo come quando il massimo che può succedere è andare a fare da sparring partner a City o Real Madrid sperando di non prenderne più di quattro.

Ultima cosa: Charles De Keteleaere è un calciatore professionista, non un bambino autistico con la maestra di sostegno. E mi pare abbastanza chiaro che sia anche un bel bidone. Lo si giudichi come tale e la si smetta di trovare inutili attenuanti.

MILAN-CREMONESE 1-1
Marcatori: 77’ Okereke, 90’+3 Messias.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu, Thiaw, Ballo-Touré; Vranckx (dal 75’ Tonali), Bennacer (dal 46’ Krunic); Saelemaekers (dal 75’ Messias), De Ketelaere (dal 62’ Giroud), Díaz; Origi (dal 62’ Leao). A disp.: Mirante, T?t?ru?anu; Florenzi, Gabbia, Hernández, Kjær; Adli, Bakayoko, Rebi?. All. Pioli.

CREMONESE (3-4-1-2): Carnesecchi; Chiriche? (dal 72’ Ghiglione), Vásquez, Lochoshvili; Sernicola, Pickel, Meïté, Benassi (dal 56’ Okereke); Galdames (dal 84’ Castagnetti); Buonaiuto (dal 56’ Valeri), Afena-Gyan (dal 72’ Ferrari). A disp.: Saro, Sarr; Aiwu, Bianchetti Acella; Ciofani. All. Ballardini.

Arbitro: Pairetto di Torino.

NoteAmmoniti: 83’ Galdames, 90’+2 Vasquez, 90’+8 Ghiglione. Espulsi: 90’+6 Pickel. Recupero tempo: 1’ 1T, 5’ 2T.

Roma – Milan 1-1: in extremis

De Keteleaere ci stava costando la Champions League. Anche oggi è entrato, anche oggi lo ha fatto in maniera imbarazzante giocando a tre o più tocchi ed essendo incapace di proteggere il pallone – da qua nasce il gol della Roma che poteva portarci fuori dalla Champions League a -3 che erano -4 visto lo scontro diretto contro. Ci ha salvato Saelemakers all’ultimo secondo dopo l’ennesima partita bloccata che la Roma è stata brava a trasformare in una partita di rugby giocando in maniera scorretta e a fare botte, con l’avallo di Orsato designato appositamente per questo fine da una Lega Calcio a noi ostile.

E’ da sei mesi che Pioli non sa cosa fare in queste partite e la situazione non sembra migliorare. La Roma ha fatto la partita che grazie al cielo non ha fatto – per presunzione – il Napoli in Champions League e quella partita ha portato di fatto la Roma ad avere le occasioni migliori oggi. Occasioni nate da errori tecnici dei nostri, come le palle perse di Calabria e Krunic o l’incapacità di controllare il pallone del bidone belga da 35 milioni. Se si vuole andare in Champions questo pippone clamoroso non deve più vedere il campo.

A noi il pari non fa schifo ma il problema non è tanto questa partita ma le prossime dove il pensiero sarà, inevitabilmente, all’euroderby di Champions. Fondamentale quindi la prossima contro la Cremonese, altra squadra chiusissima che già ci ha tolto punti dove si ripresenteranno i problemi di oggi. Inammissibile non finire nelle prime quattro – roba da licenziamento di allenatore e staff tecnico nonostante la semifinale di coppa. Semifinale dove mi aspetto di vedere un Inzaghi che farà giocoforza lo stesso gioco della Roma oggi.

La situazione di classifica rimane quindi per niente tranquilla a sei giornate dalla fine – era forse meglio chiuderla prima del derby di Champions che costerà parecchi punti ed energie nervose. Fino a Milan – Inter deve esistere solo il campionato e deve esistere anche a Spezia – Milan perché grazie al tecnico e alla società non siamo in condizione di poter sbagliare mezza gara. A trasformare questa stagione in un incubo ci vuole un attimo.

ROMA-MILAN 1-1 (primo tempo 0-0) 

Marcatori: 94′ Abraham, 97′ Saelemaekers
Assist: 94′ Celik, 97′ Leao
Ammoniti: 16′ Tomori, 24′ Matic, 71′ Ibanez, 75′ Krunic, 83′ Cristante.

ROMA: Rui Patricio; Mancini, Kumbulla (15′ Bove, 89′ Camara), Ibanez; Celik, Cristante, Matic, Pellegrini, Spinazzola; Abraham, Belotti (46′ El Shaarawy).
All.: Mourinho

MILAN: Maignan; Calabria, Kjaer (73′ Kalulu), Tomori (46′ Thiaw), Theo Hernandez; Tonali, Krunic; Diaz (56′ Saelemaekers), Bennacer (73′ De Ketelaere), Leao; Giroud (88′ Origi). All.: Pioli

Arbitro: Orsato 

Milan – Lecce 2-0: ritornati al campionato

Milan batte Lecce 2-0 in una partita dove per fortuna arbitro e VAR non sono riusciti ad incidere nonostante ci abbiano provato dal primo minuto. Anche oggi usciamo con un rigore dato e rivisto, sono quattro nelle ultime sei, con Theo che aveva anticipato Baschirotto prima che questo prendesse sì palla ma contemporaneamente al giocatore e con il solito fallo di mano nel secondo tempo dove il VAR sempre pronto a correggere quando il fischio è a nostro favore, come al solito dormiva.

Abbiamo rimesso la testa in carreggiata e stiamo cercando di raggiungere l’obiettivo minimo – perché ad oggi, 23 aprile, abbiamo ancora tutte le possibilità aperte tra stagione ottima e stagione catastrofica. Per il resto ci confermiamo squadra Leaocentrica, lo siamo stati anche lo scorso anno nel finale di stagione e lo siamo a maggior ragione adesso. Abbiamo un piccolo vantaggio però, a differenza degli altri anni: mentre ad Aprile la preparazione ci abbandonava ora è il nostro punto di forza.

Fisicamente stiamo bene – nella partita di oggi abbiamo tenuto e abbiamo rischiato veramente poco, anche se con alcuni errori gravi, vedi Thiaw a vuoto sul loro palo. Tonali ha preso la squadra e l’ha portata per mano anche oggi con uno schema da corner che porta ad un inaspettato gol di testa di Leao – qualcuno parlava di stagione sottotono ma come dice Repice, questo Tonali gioca in Real Madrid o Manchester City.

C’è poco da dire se non che il 90% della nostra corsa CL si giocherà contro la Roma settimana prossima e mi aspetto un Milan al 120% come sempre quando è contato qualcosa quest’anno. Della Champions per ora non ne voglio parlare, arriverà più avanti e quanto fatto in queste settimane non conterà nulla.

MILAN-LECCE 2-0

Marcatori: 40′, 74′ Leao

Milan (4-2-3-1): Maignan; Kalulu, Thiaw (dal 59′ Kjaer), Tomori, Theo Hernandez; Tonali (dal 60′ Bennacer), Krunic; Messias (dal 59′ Saelemaekers), Brahim Diaz (dal 78′ De Ketelaere), Leao (dal 79′ Origi); Rebic. A disp.: Mirante, Tatarusanu, Florenzi, Gabbia, Ballo-Touré, Vranckx, Bakayoko, Adli. All.: Stefano Pioli.

Lecce (4-3-3): Falcone; Gendrey (dal 79′ Romagnoli), Baschirotto, Umtiti, Gallo; Blin (dal 75′ Gonzalez), Hjulmand, Oudin; Banda (dal 79′ Maleh), Ceesay (dal 66′ Voelkerling), Di Francesco (dal 65′ Strefezza). A disp.: Bleve, Brancolini, Askildsen, Tuia, Helgason, Ceccaroni, Cassandro, Pezzella. All.: Marco Baroni.

Ammoniti: Thiaw

Arbitro: Chiffi di Padova

Quelle notti di vent’anni fa

Esattamente vent’anni dopo sarà ancora euroderby di Champions League – ed esattamente come vent’anni fa sarà andata al mercoledì in casa del Milan e ritorno al martedì in casa dell’Inter. La stessa cosa è successa anche nel 2005. In quell’anno entrambe le formazioni arrivano in semifinale a zero titoli grazie alla rimonta della Juventus nel girone di ritorno con una classifica che prima dell’andata dice Juventus 68, Inter 60, Milan 58 e Lazio 54. Qualificazione Champions League ipotecata anche se all’epoca solo le prime due andavano direttamente al girone e tra le milanesi c’era quindi in ballo anche la lotta per evitare il preliminare.

Quello che molti non ricordano di quella stagione è che ad un euroderby ci siamo andati molto, molto vicini già l’anno precedente. In Coppa UEFA le semifinali sono Inter – Feyenoord e Borussia Dortmund – Milan ma finisce molto male per le milanesi: l’Inter perde l’andata in casa mentre il Milan perde addirittura 4-0 a Dortmund. Il Milan in quella coppa, però, ci aveva giocato dall’inizio mentre l’Inter ci arrivava da eliminata dalla Champions League.

La Champions noi l’avevamo mancata dopo essere usciti male l’anno prima mentre l’Inter ci rientrava dopo un anno di assenza, uscendo comunque male al girone. In campionato invece non c’è stata storia – è il campionato del 5 maggio 2002 con l’Inter che sembrava aver già vinto tutto mentre noi, invece, abbiamo dovuto qualificarci alla Champions all’ultima giornata. Insomma l’Inter in quella Champions entra comunque in prima fascia insieme alla Juventus – tra le protagoniste assolute (ai tempi le fasce erano solo di merito), noi entriamo dalla porta di servizio, fascia 3.

Qualcosa, ricorderete tutti, si intuisce già dall’andamento della competizione – in entrambi i gironi il Milan passa dopo 4 partite su 6, vincendole tutte. Tutto questo fino al gol di Tomasson al 93′ in Milan-Ajax, quarto di finale, che rimette un po’ in dubbio le certezze ma è anche vero che la stessa Inter faticò e non poco a Valencia il giorno prima, passando solo per i gol in trasferta. L’Inter era comunque una squadra forte – e lo sapeva – noi eravamo i più forti di tutti, ma ancora non lo sapevamo.

Per il Milan è un periodo molto sfortunato. Shevchenko in questa stagione non ha mai ingranato, arriverà sempre in doppia cifra nelle altre. Pirlo è rotto nella gara d’andata, Maldini si opera all’occhio – salterà quella di campionato ma ci sarà andata e ritorno. Ormai lo sapete tutti, all’epoca c’era la regola del gol fuori casa e Ancelotti punta tutta la partita d’andata sul non prendere gol in casa – è una partita di cui ci si ricorda poco o niente: un paio di tiri molli dell’Inter nel primo tempo e l’occasione più ghiotta di tutte arriva sulla parata di Toldo su un tiro di Gattuso.

Ben diversa la gara di ritorno dove complice il ritorno di Pirlo il Milan è molto più aggressivo. Nei primi 35 minuti Shevchenko ha già due occasioni colossali e si è giocato solamente nella metà campo dell’inter il tutto fino all’1-0 dell’ucraino, a poco dalla ripresa. Nel secondo tempo esce l’Inter ma non è mai pericolosa proprio fino alla fine dove al minuto 83 Maldini si fa saltare e dribblare da Martins.

In fisica la dilatazione del tempo, in accordo con la teoria della relatività ristretta, è il fenomeno per cui la durata di un medesimo evento risulta maggiore se misurata in un sistema di riferimento in moto rispetto a quello assunto come solidale con l’evento. Da quel momento alla fine di minuti ne mancavano solamente nove, ma è come se ci fosse stata un’altra partita. Ci innervosiamo, Kaladze prende un giallo, poi sbaglia di nuovo un intervento subito dopo su Kallon dove Abbiati farà la parata che vale manchester.

Già, Abbiati. Cosa ci faceva lì Abbiati? Tra andata e ritorno Dida si era infortunato contro il Brescia in campionato un dito della mano per uno scontro fortuito con Kaladze. Dida non finisce nemmeno tra i convocati. Tra Dida ed Abbiati c’è sempre stato un dualismo strano, Abbiati era il titolare, poi perde il posto per un infortunio fino al famoso petardo di Glasgow. Va in giro per prestiti per giocare, uno anche alla Juventus, poi va all’Atletico Madrid tornando a casa nel 2008 e riconquista il posto, salvo poi perderlo nuovamente perché infortunato per Storari e poi nuovamente Dida nel 2010 – fino a ritornare il portiere titolare dello scudetto 2010-11.

Di parate di Abbiati ce ne sono due, anche se la seconda su colpo di testa di Cordoba su corner è molto più facile. Sono però 9 minuti in cui è successo quello che non doveva succedere e siamo completamente in bambola ad aspettare il triplice fischio. C’è tempo per un cambio per far perdere qualche secondo, poi con soli due di recupero l’euroderby diventa storia.

E’ un finale che Adriano Galliani non vede in campo perché dopo l’1-1 di Martins è in infermeria, sul lettino, imbottito di tranquillanti. Al fischio finale si liberano sei giorni di tensioni dove a Milano non volava una mosca. Il derby non è mai stato una partita di calcio perché è prima di tutto una partita mentale dove bisogna essere bravi a non sentire la tensione. Quanto varrà questo Euroderby secondo me lo scopriremo più nei prossimi anni che nelle prossime tre settimane. Scopriremo se come quell’anno ci arriverà una squadra molto forte che non sa ancora di esserlo o se sarà un fuoco di paglia in una Champions fantastica per il calcio italiano.

Napoli – Milan 1-1: ha vinto l’umiltà

Era destino che fosse il Milan ad eliminare il Napoli, ed era destino che succedesse in un anno in cui si era comunque sopravvalutata una squadra che in una stagione anomala era in testa, meritatamente, ma non col distacco che si era visto. Nelle tre partite il Milan ha preso e ha detto al Napoli che anche se vinceranno lo scudetto la squadra più forte rimane il Milan – tre partite difensivamente perfette, con una sola sbavatura finale per un passivo di 6-1 il cui gol arriva alla fine.

Il Milan è meritatamente in semifinale di Champions – ci torna dopo 16 anni, da quel 3-0 al Manchester United e ci torna a 20 anni dall’euroderby che probabilmente si ripeterà nuovamente visto che l’Inter era praticamente passata. Ci torna contro tutto e contro tutti, contro gli errori arbitrali dell’andata e contro una stampa ed un ambiente che ha parteggiato per la nostra eliminazione dall’inizio alla fine.

Il Milan elimina giustamente una società provinciale che ha avvelenato i pozzi di questo incontro dal primo all’ultimo minuto con scene che la UEFA non dovrebbe nemmeno tollerare tra i fuochi sotto l’albergo e i cori razzisti a Leao, come sempre passati sotto silenzio in quanto non è un giocatore di Inter o Juventus. Sono contentissimo di non aver più a che fare con il più fazioso e penoso circo mediatico in italia, una banda di provinciali che non sa rapportarsi col tifo e non sa rispettare l’avversario. Per come si comportano questi in Champions League non dovrebbero più giocare.

La partita è stata bruttina e maschia – una partita di Champions League col Napoli a farla e noi in contropiede. Nel primo tempo loro hanno avuto tante palle e tante occasioni, noi le migliori (il rigore, il gol di Leao, la parata di piede di Meret a botta sicura di Giroud). Nel secondo abbiamo giocato forse male, quasi ad aspettare il novantesimo anche se per 80 minuti non abbiamo rischiato niente.

Partite monumentali di Calabria, Kjaer e Krunic – malino Bennacer che non è stato mai in grado di pressare o rilanciare l’azione. Sarà sicuramente da rivedere in ottica semifinale il secondo tempo perché per me non ci si può permettere di giocare una partita del genere in Champions. Oggi però ci si gode nuovamente il rientro tra le prime 4 d’europa e un 50% di possibilità di tornare sul luogo del delitto, da supersfavoriti, a vendicare il 2005.

Vorrei concludere con la cavalcata di Leao, prima e dopo fuori partita e discontinuo – ma è stata una cavalcata che ha ricordato tanto un signore che qualche anno fa ci ha portato a vincere questa coppa con la 22 sulle spalle. Mancano 3 partite e il momento per provare a fare qualcosa di straordinario, proprio come l’anno scorso, è qui ed ora.

Napoli-Milan 1-1 (primo tempo 0-1)

Marcatori:
 43′ p.t. Giroud (M), 48′ s.t. Osimhen (N).

Assist: 43′ p.t. Leao (M), 48′ s.t. Raspadori (N).

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani (29′ s.t. Ostigard), Juan Jesus, Mario Rui (34′ p.t. Olivera); Ndombele (18′ s.t. Elmas), Lobotka, Zielinski (29′ s.t. Raspadori); Politano (34′ p.t. Lozano), Osimhen, Kvaratskhelia. All. Spalletti.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kjaer, Tomori, Theo Hernandez; Krunic, Tonali; Brahim Diaz (14′ s.t. Messias), Bennacer, Leao (39 s.t. Saelemaekers); Giroud (23′ s.t. Origi). All. Pioli.

Arbitro: Marciniak (Polonia).

Ammoniti: 46′ p.t. Theo Hernandez (M), 51′ p.t. Maignan (M), 52′ p.t. Di Lorenzo (N).

Espulsi: –

Bologna – Milan 1-1: derubati da Massa

Che il Milan non debba andare in Champions League il prossimo anno in nessun modo possibile ormai lo si sta capendo un po’ ovunque. Lo si capisce anche oggi dove nonostante due occasioni nette mangiate da Diaz esce da Bologna con due rigori negati ed un gol irregolare perché nato da fallo su Ballo-Touré. Sappiamo benissimo che in Serie A c’è una società tra le prime cinque che rischia di portare i libri in tribunale se non andrà in Champions League e sappiamo benissimo che tale società ha un forte potere mediatico e arbitrale.

Le abbiamo viste di tutti i colori, abbiamo visto il rigore negato con l’Empoli, quello tolto fuori protocollo con la Salernitana ma gli arbitraggi in questa seconda parte di stagione ci stanno togliendo quello che una squadra tra le prime otto d’europa dovrebbe ottenere senza problemi e di diritto – la qualificazione alla prossima Champions.

Oggi nonostante il turnover è stata comunque una buona partita dove molte riserve hanno risposto presente mentre altre come Vranckx e De Keteleaere sono state ancora una volta tra i peggiori in campo spiegando di fatto perché si era arrivati a preferire Bakayoko. Mi è piaciuto molto Pobega, autore del gol e vicino anche al secondo nella ripresa nell’1-2 con Leao, perfetto a centrocampo a spezzare e recuperare palloni. Così così invece il rientro di Kalulu.

Alla fine ne usciamo con un punto e tantissimi rimpianti per uno score deficitario che potrebbe non bastare a fine anno. La società ha in mente solo la partita di martedì che potrebbe però finire molto male di fatto condannandoci ad una corsa senza fine da qua alla trentottesima. Se abbiamo abbandonato a se stesso il campionato – lo dicano – ci vorrebbe un po’ di casino sull’ennesima vergogna andata in scena oggi.

Bologna – Milan: 1-1 (primo tempo 1-1)

Marcatori: 1’ pt Sansone (B), 40’ pt Pobega (M).

Assist: 1’ pt Posch (B).

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Posch, Soumaoro, Lucumi, Kyriakopoulos; Ferguson, Schouten (40’ st Medel); Dominguez, Aebischer (28’ st Moro), Barrow (28’ st Lykogiannis); Sansone (12’ st Zirkzee). All. Thiago Motta.

Milan (4-2-3-1): Maignan; Florenzi (12’ Calabria), Kalulu, Thiaw (36’ st Gabbia), Ballo; Vranckx, Pobega; Saelemaekers (12’ st Messias), De Ketelaere (25’ st Diaz), Rebic; Origi (25’ st Leao). All. Pioli.

Arbitro: Massa di Imperia.    

Ammoniti: 10’ st Florenzi (M), 13’ st Posch (B), 24’ st Dominguez (B), 35’ st Calabria (M), 36’ st Pobega (M), 42’ st Vranckx, 45′ st Kyriakopoulos (B).

Milan – Napoli 1-0: amaro in bocca

Il Milan torna a vincere un quarto di finale di Champions League in casa – non accadeva da Milan-Lione 2005-06. Eppure la vittoria di misura che lascia ancora tutto aperto e lascia ancora il Napoli grande favorito qualora dovesse tornare Oshimen. E’ stata la partita peggiore delle tre col Napoli anche se a differenza di quella persa in campionato è stata vinta. Vittoria che ci porta in vantaggio ma che lascia la qualificazione 50-50 in quanto è molto difficile contro questo Napoli fare risultato al San Paolo in Champions League.

Su questo tema sicuramente oggi con 15 minuti in 10 il Milan ha perso una grande occasione e l’ha persa sia per un Giroud oggi veramente sottotono e lontano dal gioco, sia per un Rebic che non andava messo in campo e ha di fatto vanificato l’espulsione di Anguissa. Certo, le squalifiche di Anguissa e Kim per la gara di ritorno sulla carta sono un grosso vantaggio per noi ma potrebbero anche caricarli.

E’ stata un’altra notte di Brahim Diaz, migliore in campo per la UEFA protagonista di un paio di giocate tra cui quella del gol decisivo – meno di Leao che ha avuto una occasione, ottima, ma l’ha sprecata. In generale non sono soddisfattissimo di questa partita considerato che il Napoli era partito meglio in entrambi i tempi e ha avuto anche dei numeri migliori alla fine della giornata in termini di xG e tiri in porta.

Alla fine è una partita di Champions e ogni metro conta – abbiamo fatto valere esperienza, fortuna e furbizia. Rimane l’ultimo metro da compiere in terra ostile dove si è appena vinto ma non conta niente ciò che si è appena fatto. Serve comunque salire di livello e ripetere la partita di campionato perché il Milan di stasera non basta per passare il turno – e devono capirlo tutti, Pioli in primis.

MILAN-NAPOLI 1-0
Marcatori: 40’ Bennacer.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kjær, Tomori, Theo Hernandez; Tonali, Krunic; Brahim Diaz (dal 80’ Rebic), Bennacer (Dal 67’ Saelemaekers), Leao; Giroud. A disp.: Mirante, Ballo-Toure, Kalulu, Florenzi, Origi, Thiaw, Messias, Pobega, Gabbia, De Ketelaere. All. Pioli.

NAPOLI (4-3-3): Meret, Di Lorenzo, Kim, Rrahmani, Mário Rui (dal 81’ Olivera); Anguissa, Lobotka, Zielinski (dal 81’ Ndombele); Lozano (dal 69’ Raspadori), Elmas, Kvaratskhelia (dal 81’ Politano). A disp.: Idasiak, Gollini, Juan Jesus, Ostigaard, Gaetano, Bereszinski. All. Spalletti.

Arbitro: István Kovács (ROU)

NoteAmmoniti: 38’ Zielinski, 61’ Bennacer, 70’ e 74’ Anguissa, 70’ Di Lorenzo, 78’ Kim, 90’+3 Saelemaekers, 90+3 Rrahmani, Calabria. Espulsi: 74’ Anguissa. Recupero tempo: 4’ 1T, 5’ 2T.

Milan – Empoli 0-0: prima palla e poi piede

Altri due punti buttati nel cesso grazie al solito turnover che come per il resto della stagione non ha mai funzionato e non ha mai funzionato perché la dirigenza non è stata in grado di fornire all’allenatore un parco attaccanti adeguato alla competizione visto che il solo Giroud non può giocarle tutte e il resto non può giocare nemmeno nella cremonese. Abbiamo una partita di Champions League mercoledì – il Napoli a +20 e con lo scudetto in mano la gioca con tutti i titolari, noi invece decidiamo di farci male ancora una volta, passerà.

A dire la verità nonostante noi soffriamo le squadre che si chiudono la partita non la giochiamo nemmeno male, soprattutto nel secondo tempo perché l’Empoli non riesce a fare niente, si chiude in difesa e difende lo 0-0 – le occasioni le abbiamo e ce le mangiamo (una clamorosa a testa per Rebic ed Origi) ed è la classica partita maledetta in cui il gol non arriva.

Non sappiamo cosa fare se non abbiamo spazio nell’area avversaria e alla fine tocca mettere Diaz, Giroud e Leao per cercare disperatamente il gol come contro la Salernitana. Gol che arriva ma di mano e viene giustamente annullato – andrebbe tutto bene se non fosse che la partita poteva essere totalmente chiusa 20 minuti prima con questo rigore.

La cosa più scandalosa, oltre al rigore, è la spiegazione che viene data a Theo dal direttore di gara “ha preso la palla”. E se per qualcuno suonerà scandaloso voler vincere con un rigore contro l’Empoli, il grande ed imbattibile Napoli stava nella stessa situazione lo scorso novembre quando un carpiato di Oshimen risolse la questione.

Il Milan in serie A non prende un rigore senza l’intervento del VAR da Venezia-Milan del 9 gennaio 2022. Questo vuol dire che o ce li ha dati il var (3, in 29 partite) o il var ce li ha tolti come successo stasera. Non è un dato accettabile per una squadra che ha lo scudetto sul petto – non è un dato accettabile e non può spiegarsi in maniera razionale.

Per il resto si è capito che non possiamo giocare come stasera – è necessario scoprirsi e farsi attaccare per le caratteristiche che abbiamo anche se non in maniera eccessiva come successo ad Udine. La prestazione è positiva ma l’inconcludenza davanti è terrificante. Perlomeno mercoledì si giocherà una partita di calcio – il che va a nostro favore.

Ribadisco la mia impressione – comunque finisca la stagione Pioli non può essere l’allenatore del Milan nel 2023/24. Persino se dovesse compiere l’impresa di alzare la coppa. C’è tanto potenziale che questa squadra non esprime e partite come questa sono purtroppo ormai la regola.

MILAN-EMPOLI 0-0

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria (dal 62’ Florenzi), Thiaw, Tomori, Theo Hernández; Bennacer (dal 62’ Brahim Diaz), Tonali; Saelemaekers (dal 84’ De Ketelaere), Pobega, Rebi? (dal 70’ Leao); Origi (dal 70’ Giroud). A disp.: Mirante, T?t?ru?anu; Ballo-Touré, Gabbia, Kjær; Adli, Bakayoko, Kruni?, Vranckx, Messias. All. Pioli.

EMPOLI (4-3-1-2): Perisan; Ebuehi, de Winter, Luperto, Parisi; Fazzini, Marin (dal 78’ Cacace), Bandinelli (dal 64’ Grassi); Baldanzi (dal 78’ Haas); Caputo (dal 64’ Cambiaghi), Piccoli (dal 88’ Satriano). A disp.: Štubljar, Ujkani, Stojanovi?, Walukiewicz; Degli Innocenti, Henderson, Destro, Pjaca, Vignato. All. Zanetti.

Arbitro: Marcenario di Genova.

Note: Ammoniti: 38’ Pobega, 90’+2 Cambiaghi, 90’+4 Satriano, Tomori. Recupero tempo: 7’ 2T.

Napoli – Milan 0-4: siamo stronzi

A metà gennaio, in tempi non sospetti, scrivevo “Unpopular opinion: i picchi di gioco del Milan visti quest’anno (derby, Juve) o fine anno scorso sono superiori a quelli del Napoli. Il problema è tenuta fisica + infortuni“. Oggi è successo esattamente questo: il Milan è andato al San Paolo e si è messo in campo a giocare a calcio con una partita che ricorda il derby d’andata, quella con la Juventus a San Siro o quelle di Maggio dello scorso anno – e se il Milan si mette a giocare a calcio in Italia non ce n’è per nessuno – nemmeno il Napoli. Ha fatto una partita che ti fa incazzare di aver buttato via una stagione, della supponenza di Udine o Firenze e di tutte quelle situazioni che anche oggi ci fanno essere lì a lottare per un piazzamento Champions invece di essere in lidi più sicuri.

E attenzione, perché la partita del Milan stasera non è nemmeno un granché – il Milan aveva giocato molto molto meglio la gara d’andata dove aveva creato tanto quanto stasera senza rischiare nulla, ma con grandissima disonestà intellettuale lo si era dimenticato. Così come con grandissima disonestà si era dimenticato che questo Napoli in Italia nei big match non è che avesse fatto chissà cosa al di là della Juventus – vinti o persi di misura, con gol sporchi e spesso giocando in difesa. Sono stati bravi con le piccole e gliene va dato merito – ma non ci sono i 20 punti di divario tra noi e loro che la classifica dice oggi, non ci sono mai stati.

E’ inutile dire che la testa della squadra era sulla partita di Champions e rimane sulla partita di Champions. Era 50-50 prima e rimane 50-50 oggi, semplicemente si è fatto vedere che sulla partita secca non conta nulla il campionato. Da notare a livello tattico che rientrati a quattro esce Thiaw e rientra Kjaer per l’infortunio di Kalulu e Kjaer porta un altro clean sheet a referto – bene anche Calabria che ha annullato Kvaraskelia anche oggi dopo il primo tempo dell’andata (e infatti, nonostante l’odio dei milanisti, lo vuole il Real Madrid)

Al di là delle sirene europee comunque inizia ora un campionato di 10 partite dove partiamo ad un punto su Inter e Roma e con ancora da affrontare Roma, Lazio e Juventus. E’ ancora lunga ed è ancora difficile e va affrontata una partita alla volta dimenticando la partita di stasera ma affrontando sempre ogni gara contro tutto e contro tutti come fosse la partita di stasera. A partire da Milan – Empoli, gara pre-Champions del venerdì santo, che già sa di beffa.

NAPOLI-MILAN 0-4

Marcatori: 17’ e 59’ Leao, 25’ Diaz, 67’ Saelemaekers.

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Kim (dal 81’ Juan Jesus), Mário Rui; Anguissa, Lobotka (dal 68’ Elmas), Zieli?ski (dal 68’ Ndombele); Politano (dal 68’ Lozano), Simeone (dal 77’ Raspadori), Kvaratskhelia. A disp.: Gollini, Marfella, Østigård; Demme, Gaetano, Zedadka, Zerbin. All. Spalletti.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kjær, Tomori, Theo Hernández; Bennacer (dal 83’ De Ketelaere), Tonali; Brahim Díaz (dal 57’ Saelemaekers), Kruni? (dal 83’ Bakayoko), Leão (dal 74’ Rebic); Giroud (dal 74’ Origi). A disp.: Mirante, T?t?ru?anu; Ballo-Touré, Florenzi, Gabbia, Thiaw; Adli, Bakayoko, Pobega, Vranckx; De Ketelaere. All. Pioli.

Arbitro: Rapuano di Rimini.

NoteAmmoniti: 35’ Giroud, 40’ Lobotka, 63’ Krunic. Recupero tempo: 4’ 1T, 2’ 2T.

Udinese – Milan 3-1: così da gennaio, quando cacciamo Pioli?

Resuscitata l’Udinese che in casa non vinceva una partita da Settembre. E’ la nuova impresa di un Milan bruttissimo che va in scena alla Dacia Arena contro la solita avversaria che decide di giocarsela all’arma bianca, pressing e botte come fosse la finale del mondiale. Al 18 aprile siamo ad undici sconfitte stagionali da campione d’Italia, una delle peggiori difese del titolo di sempre – un mercato da 50 milioni di Euro che ha fortemente peggiorato la squadra e un allenatore che rimane in sella nonostante 12 punti nelle 11 partite – il peggior rendimento di sempre.

Non si può continuare in una società dove non c’è accountability. Leao se ne frega perché deve rinnovare? Gioca. Pioli fa schifo? Non è in discussione. In rosa possono giocare bene o male ma giocano sempre gli stessi. Il ciclo di Pioli al Milan è finito – è andato, morto, sepolto. Rimangono i giocatori che si automotivano nelle grandi partite. E’ vero che il pesce puzza dalla testa ma è anche vero che tutti colpevoli significa nessun colpevole – iniziamo a cacciare chi ha fatto 12 punti in 11 partite un rendimento che non può essere giustificabile a prescindere dal resto.

Andiamo a Maldini che ha avuto una cinquantina di milioni sul mercato ed è riuscito a peggiorare l’organico. Il direttore dell’area tecnica non ha comprato un giocatore che ha chiesto l’allenatore e questo è grave. Ha rinnovato un contratto fuori da ogni logica – ha peggiorato la squadra campione d’Italia in maniera pesante. Abbiamo un dirigente che non risponde ai suoi errori, che si nasconde dietro l’allenatore, che viene fuori solo quando c’è da battere cassa e fare l’amicone dei giornalisti.

Difendere Pioli e approvare questa roba è sì mentalità da Leicester d’Italia. Così male in termini di punti nemmeno con Inzaghi o l’ultimo allegri. In difesa facciamo ridere e concediamo 6-7 palle gol a partita – in attacco si vive di iniziative, non c’è un attaccante decente ormai e si vive dei guizzi di Giroud. Questa squadra arriverà quinta e lo abbiamo già capito a gennaio – il problema è che probabilmente non pagherà nessuno.

Non andare in Champions significa ricominciare dal via, significa ricominciare dal 2014-15 senza possibilità di investire per il FFP, dovendo cedere i migliori e avendo i vincoli. E’ una tragedia di cui non frega nulla a nessuno, perché in questa squadra non frega nulla a nessuno del proprio ruolo da quando non c’è più il cane da guardia (Gazidis). Non frega nemmeno ai tifosi contenti di farsi rubare soldi ogni domenica per vedere pareggi con la Salernitana o sconfitte col Sassuolo.

Tra due mesi e mezzo sarà finita una stagione in cui siamo passati dall’insegnare calcio a farcelo insegnare. In cui veramente chiunque ha alzato la cresta e si è vista la peggior difesa di un titolo di sempre. Allora dico dateci almeno la soddisfazione di vedere fuori tutti dai coglioni – fuori Leao e Bennacer, fuori Tomori e che si faccia una squadra vera in cui c’è voglia. Fuori il pippone belga – anzi, tutti e tre. Fuori l’allenatore e fuori il direttore sportivo. Fuori tutti quelli non degni di restare al Milan.

P.s. non me ne sono dimenticato, ma il gol del 3-1 con fallo di Success su Thiaw non fischiato è una vergogna assoluta.

UDINESE-MILAN 3-1

Marcatori: 9’ Pereyra, 45’+4 Ibrahimovic, 45’+6 Beto, 70’ Ehizibue.

UDINESE (3-5-2): Silvestri; Becao, Bijol, Perez; Ehizibue (dal 88’ Ebosele), Samardzic (dal 74’ Lovric), Walace, Pereyra (dal 81’ Arslan), Udogie (dal 88’ Zeegelar); Beto, Success (dal 74’ Thauvin). A disp.: Padelli, Piana, Abankwah, Nestorovski, Pafundi. All. Sottil

MILAN (3-4-2-1): Maignan; Kalulu, Thiaw, Tomori (dal 76’ Calabria); Saelemaekers, Tonali, Bennacer, Tourè; Diaz (dal 76’ De Ketelaere), Leao; Ibrahimovic (dal 76’ Origi). A disp.: Tatarusanu, Mirante, Adli, Rebic, Bakayoko, Kjaer, Florenzi, Pobega, Krunic, Vranckx, Gabbia. All. Pioli

Arbitro: Doveri di Roma 1.

NoteAmmoniti: 27’ Perez, 61’ Kalulu, 69’ Walace, 90’ Ebosele, 90’+2 Tonali, 90’+2 Becao. Espulsi: 45’+2 Sottil. Recupero tempo: 2’ 1T, 7’ 2T.

Milan – Salernitana 1-1: quando cacciamo il pelato?

Nemmeno nei peggiori sogni si poteva pensare di vedere la Salernitana giocare un calcio migliore del nostro a San Siro semplicemente rimanendo compatta dietro e accelerando con una precisione di passaggio che i nostri si sognano. Quanto visto stasera dovrebbe far pensare che il prossimo anno comunque vada in Champions dove – diciamocelo – siamo stati molto fortunati a trovare una squadra di rugby peggiore della nostra – si riparta da una nuova guida tecnica.

Anche oggi come nell’ultimo mese, come in un girone di ritorno dove hai fatto 10 punti in 7 partite, roba da banter era Inzaghiana, ma forse nemmeno lui così male. Ci limitiamo a carambolare e tirare in porta a caso senza mai aver veramente costruito qualcosa con la palla che spesso gira tra Thiaw, Tomori, Kalulu e Maignan in una delle peggiori versioni del Milan allegriano, senza nemmeno poter giocare su Leao che da Gennaio fa semplicemente schifo e perde palloni su palloni forse come ripicca per il rinnovo mancato, forse pensando alla sua prossima squadra.

L’unica Champions che importa è la prossima ed essere lì a giocarsela oggi è già fallimento comunque finisca la stagione. Essere a 20 punti dal Napoli il 13 marzo è una vergogna di cui qualcuno deve rispondere. Così come è una vergogna questo continuo non giocare, speculare, sperare di non prendere gol e cavarsela – se il Milan da Gennaio in poi avesse messo Allegri in panchina con la maschera di Pioli nessuno avrebbe notato la differenza.

Farsi palleggiare in faccia dalla Salernitana a San Siro e prendendo gol come quelli dell’1-1 è una roba vergognosa che qualcuno bollerà come sfortuna citando il numero dei tiri in porta, spesso imprecisi o costruiti male. E’ una roba vergognosa ostinarsi ancora con De Keteleare che è nettamente il bidone d’oro del 2022-23 se non degli ultimi 10 anni. Giocare con lui è come giocare in 10 in campo e si nota subito la differenza con Diaz che cerca il pallone e prova la giocata a costo di sbagliarla. Si continua a dire che va messo in campo per tutelare l’investimento ma il rischio è che più questo gioca, più si svaluti.

Ringraziamo Giroud per essere riuscito a mettere dentro la meta in un corner dopo un primo tempo abbastanza orribile in cui Maignan fa un intervento da fuoriclasse rischiando anche un rosso. Ringraziamo l’allenatore per aver messo dentro i due peggiori del mercato estivo in un momento in cui serviva segnare gol togliendo ogni possibilità di farlo. Ringraziamo i talebani della difesa a tre che hanno tolto ogni possibilità di avere un minimo di gioco.

La catastrofe del quinto posto è dietro l’angolo in un momento in cui la squadra ha veramente dato tutto ed esaurito ogni idea. Possiamo se volete parlare di fine ciclo o di scarsa voglia di osare sul mercato. Questa squadra non finirà nelle prime quattro – c’è chi l’ha già visto e chi vuole solo aspettare che succeda prima di parlare.

Nota finale, un applauso a La Penna che non vede un rigore netto su Theo Hernandez e poi usa il VAR fuori protocollo, facendo quindi giurisprudenza, per toglierne uno su Bennacer. Il Milan continua a non avere un rigore a favore dalla sesta giornata di campionato.

MILAN-SALERNITANA 1-1

Marcatori: 45+1’ Giroud, 61’ Dia.

MILAN (3-4-2-1): Maignan; Kalulu, Thiaw, Tomori; Saelemaekers (dal 77’ Florenz), Bennacer (dal 85’ Tonali), Krunic, Theo; Diaz (dal 62’ De Ketelaere), Leao (dal 62’ Origi); Giroud (dal 62’ Ibrahimovic). A disp.: Tatarusanu, Mirante, Calabria, Kjaer, Ballo-Tourè, Gabbia, Vranckx, Adli, Pobega, Rebic. All. Stefano Pioli

SALERNITANA (3-4-2-1): Ochoa; Daniliuc, Gyomber, Pirola (dal 68’ Lovato); Mazzocchi (dal 83’ Sambia), Coulibaly, Bohinen (dal 83’ Crnigoj) , Bradaric; Candreva (dal 68’ Bonazzoli), Kastanos (dal 56’ Piatek); Dia. A disp.: Fiorillo, Sepe, Bronn, Maggiore, Nicolussi Caviglia, Lovato, Vilhena, Botheim, Valencia. All. Paulo Sousa

Arbitro: La Penna di Roma 1.

NoteAmmoniti: 60’ Giroud, 85’ Sambia, 89’ Coulibaly, 90’+4 Tomori, 90+5 Dia. Recupero tempo: 1’ 1T, 6’ 2T.