L’esordio dei Brocchi’s a San Siro è quanto di più dimenticabile nella storia del Milan; partita moscia senza apparente voglia di vincere o quantomeno con troppe difficoltà nel provare a farlo. Donnarumma all’ottantanove ci ha messo una pezza per non rendere possibile lo psicodramma definitivo.
Alcuni trovano confortante l’80% di possesso palla, altri, forse più scaltri e con l’occhio più lungo trovano inaccettabile lo 0% delle occasioni create e la lentezza con cui si sia svolto quell’80%. Per quanto sia giusto ricostruirsi sul possesso palla, sarebbe altrettanto giusto plasmarsi a seconda del materiale che si ha, e se qualitativamente povero adeguarsi di conseguenza onde evitare di tenere la palla per un’ora ma senza mai entrare nell’area avversaria perchè domati difensivamente dalle riserve del Carpi e offensivamente dal proprio impaccio.
Di poco conto la frustrazione di Bacca al momento dell’uscita. Ci sta tutta, è la stessa che proviamo noi tifosi a vederci ridotti così male. Ben vengano i Bacca allora, che per la propria indole sanguigna abbiano delle reazioni piuttosto che i Montolivo che dopo aver provato a regalare la vittoria agli avversari non abbiano neanche uno stimolo di reazione, sia a parole che a fatti. Mosci, appunto. Per natura, per sfortuna. Sicuramente non per Milanismo.

Insomma, il momento è delicato. Come ci si sia arrivati lo sappiamo tutti, all’ombra di una società ormai assente e quando presente, dannosa. Di una proprietà non più capace di gestire una squadra di successo; ci può stare, nessuno è infinito. Bisogna però ammetterlo, bisogna essere trasparenti e onesti. Dichiarare apertamente e sinceramente di non farcela più, di essere inadeguati, tecnicamente ed economicamente per tenere alto il blasone della squadra più bella degli ultimi trent’anni. Noi non ne possiamo più, non ci piace vivacchiare a metà classifica mentre voi parlate di terzo posto o rinascita. Non ci piace sentirci ripetere slogan imbarazzanti o promesse poi smentite dai fatti. Vogliamo altro, ci avete abituati ad altro. Non è mancanza di riconoscenza ma analisi oggettiva dei fatti. Non si perdona con il passato la presa in giro che subiamo nel presente, non sarebbe giusto. Tutti noi tiferemmo Milan anche in B, quello che non siamo più disposti a tollerare è sentire dire che siamo da terzo posto, che stiamo tornando, che c’è impegno e voglia. Non è così, siete finiti e la realtà lo dimostra. Dateci realtà, se non è chiedervi troppo.

Mattia Urbinati

Posted by Mattia Urbinati

Prima c’era il gioco del calcio, poi è arrivato il Milan. Da quel momento tutto è cambiato. (L'Equipe)

11 Comments

  1. Urka e’ la prima volta che vedo scrivere cosi su questo blog…che succede avete cambiato linea o sei un ribelle? in qualsiasi caso complimenti per il fatto di non prostrarsi, ce ne vorrebbero di piu’ di tifosi del Milan come te…

    1. Diavolo1990

      Questo blog a differenza di altri che si rendono ridicoli dando la colpa al Milan anche quando piove non ha una linea editoriale. Certo parlare di “prostrarsi” o “ribelli” sembra roba da lavaggio del cervello proprio di quei siti.

      1. L’hai letto l’editoriale si? Perche’ la tua mi pare una risposta poco pertinente, l’articolo non e’ in linea con la difesa ad oltranza della societa’ e di galliani, mi risulta strano visto che se qualcuno la pensa diversamente, specie sulla pagina, viene bannato senza se e senza ma…o no? Bannato vero? 😉

        1. Diavolo1990

          No, viene bannato dalla pagina se viene solo per scrivere “Gallianivattene” e basta o se insulta, o se recita slogan preconfezionati tipo “il giannino” e cose del genere in quanto cose prive di apporto alla discussione.
          Chiamiamoli per quello che sono: incivili e maleducati. Però fa sempre comodo fare le povere vittime.

          Il blog, lo ripeto, non ha una linea editoriale precisa e nemmeno la pagina. Ogni post è firmato e riporta l’opinione di chi lo scrive.

          I blog che hanno una linea editoriale precisa sono privi della libertà e dell’educazione che c’è qua. Sono quelli che si devono rendere ridicoli buttandola in vacca sulla haka, tipo “piove governo ladro” e che svendono la propria dignità in cambio di pubblico, like e commenti dove ognuno non riporta ciò che pensa ma ciò che il lettore vuol leggere.

          Se poi uno vede le accuse ad un tecnico inadeguato come difesa ad oltranza di Galliani (che per la cronaca, lo voleva tenere) io penso che i problemi mentali li abbia lui, non certo io.

      2. Bravo Diavolo!Nei siti in questione, se non la si pensa come loro si viene insultati volgarmente.

        1. Diavolo1990

          Ma a loro piace avere traffico con una banda di commenti illeggibili dove il più colto ha la terza media. Contenti loro.

  2. Borgofosco

    Vorrei cancellare dalla memoria lo squallore della partita con il Carpi e mi hanno indispettito, non poco, le dichiarazioni di Cristian Brocchi sul possesso palla. Credo che se lui si fosse seduto non in panca ma sulle cadreghe degli spalti…si sarebbe indispettito ed avrebbe fischiato come hanno fatto tutti i tifosi. Indecente la scusa dello sterile possesso palla. Il discorso è che Cristian non ha una squadra di ‘brocchi’ e forse si era illuso, a Genova, a seguito della prodezza del duo Bonaventura-Bacca. La mia cocente delusione è stata quella di non aver rivisto in campo, nelle identiche posizioni, i due vincitori a Marassi. Sperimentare ex calciatori in ruoli dove neppure in passato avevano mai brillato…beh… per me è stata una cocente delusione. Ora ci attende la fatal Verona e da quel che leggo le beghe interne la fanno da padrone…ergo…prepariamoci alla disfatta finale. Un Milan appena decente avrebbe subissato di gol il Carpi che è di molto inferiore, qualitativamente, al Verona di Del Neri. Mi chiedo che Milan sarà e cosa si inventerà ancora Cristian. Mexes ripescato? Il ritorno al 4-3-3 oppure al 4-4-2 (metodo di giuoco che Mihajlovic faceva attuare bene). Mah…la squadra è nel marasma totale e Cristian, se non si impone e non impone le sue idee calcistiche, rischia di tornare alla Primavera ancor prima di quanto non si possa credere(questo se si vorrà avere anche una sola possibilità di vincere la Tim Cup)

    1. Borgofosco che cazzo ti ha fatto Mexes? Perche’ sarebbe illogico che venga ripescato? Qui se non si fanno giocare quelli con il sangue nelle vene e un poco di sperma nei testicoli ci addormenteremo davanti alla TV. Parli di Bacca e Bonaventura come di eroi. Da molte partite sono la palla al piede della squadra . Come Romagnoli, Come Montolivo.
      Perche mai debbono essere intoccabili ? Tutti i giocatori in rosa debbono giocarsi il posto e dare spazio ai compagni. Bacca ha capito in tempo e si e’ scusato. Bene . Aveva fatto schifo e per giunta non vale granche’ contro un catenaccio visto che stoppa a tre metri e non sa passare la palla. Avete voluto allontanere De Jong, altro con le palle. Coglionaggine pura! Boicottate Balotelli e lo farete con Menez
      appena sara’ schierato titolare : stracoglionaggine purissima!
      Vi piacciono le esangui verginelle e gli efebi trasparenti ?
      Io spero che Brocchi ci dia la possibilita’ di capire , in quel che resta del campionato, che tipo di giocatori , TUTTI , abbiamo in forza. Questo ha voluto il Presidente e questa era la cosa giusta da fare.
      Del risultato di queste partite non me ne fotte un cazzo. Delle coppe per la macedonia ancora meno. Cosi’ mi aspetto che la pensi oggi un Tifoso Vero. E sul fronte della eventuale cessione lasciate in pace Berlusconi perche’ trovi una SOLUZIONE . Una soluzione, capito?
      Che sia trovare i soldi lui stesso o cedere ad una persona seria e sicura come e’ stato lui. Porci e cretini scrivono : vendi! vendi ! vattene fuori dai coglioni! Pezzi di idioti, vendere a chi? A chi cazzo capita capita? Per finire nelle merda per sempre? Ma che facciano in culo!
      E chi pensa con la testa ed ha a cuore le sorti del Milan perche’ e’ un amore per la vita, deve sentirsi chiamare fanatico berlusconiano del cazzo!
      Non posso fare a meno di ricordare anni lontani quando bande di fanatici idioti fecero chiudere le fabbriche dove lavoravano e poi non sapevano come sfamare mogli e figli.

      1. Borgofosco

        Oggi ho seguito la Primavera e mi sono molto divertito. Da Brocchi a Nava la musica non è cambiata. Quella squadra gioca un calcio bello e produttivo. Crociata ogni volta che lo vedo mi entusiasma sempre di più. Avrei portato da subito Vido, Crociata e De Santis in prima squadra ed ho fatto un pensierino anche per Cutrone. Dopo quello che abbiamo assistito in Milan-Carpi … Penso che l’ancora di salvataggio non possano che essere i giovani della Primavera. Peccato che togliendoli a Nava(gradito ritorno anche del tattico Maldera ) ora si rischia sia di perdere il derby di sabato prossimo che di fargli vincere lo scudetto della loro categoria. ps. Non ho nulla contro Philippe … anzi… ma il Ménez ed il Balotelli visti contro il Carpi…non possono giocare nel Milan…Lasciamo perdere la lentezza di Montolivo…Ma chi c’è di meglio del ‘Caravaggio’ tra i centrocampisti italiani che giocano in Italia nel suo ruolo? Lodi? De Rossi? Chi? Verratti e Marchisio out sono il vero problema di Conte! Anche lì non gli resta che aggrapparsi a Montolivo. Nel Milan? Stesso discorso degli altri Primavera…da subito dentro Locatelli! Tanto, come giustamente dici, che ci importa del 6° posto e della coppetta di consolazione(tanto lì mandano uno di loro ad arbitrare ed abbiamo già perso in partenza).

        1. Che la perdiamo e’ sicuro. E se non la perdiamo noi ce la fanno perdere loro. Mi dispiace di non riuscire a mettere nella giusta luce quello che sostengo. Moltissimi la pensiamo in quel modo ma evidentemente non so comunicare. Pazienza. Borgofosco pero’ non ti lascio dire quello che hai detto su Balotelli e Menez. Hai visto quello che hai voluto vedere. Le prestazioni dell’uno e dell’altro sono distanti anni luce. Anche la prestazione complessiva e’ distante anni luce dallo schifo visto in altre partite . Non ti dico altro perche’ vedo che e’ inutile.
          E lascia in pace con Nava i ragazzini .Deve giocare Locatelli da subito, questo si. Ed anche Calabria e De Sciglio.

  3. La illogicita’ continua a farla da padrona. Anzi aumenta oltre la decenza e mette a dura prova la amichevole comprensione che dovrebbe unire i tifosi. Scrivere Brocchi’s dopo una partita vinta fuori casa ed un pareggio a reti bianchi contro una pericolante a poche giornate dalla fine, chiusa a catenaccio a doppia mandata e’ da fuori di testa. Se poi , si scrive una cattiveria del genere per essere indispettiti dall’esonero di un interista che allenava la squadra minacciando calci in culo e lo si scrive contro un cuore rossonero appena ha cominciato il suo lovoro, allora si deve pensare alla malafede pennivendola.
    Basta cosi’ . Alla prossima , Diavolo permettendo , analizzeremo in profondita’ le ragioni di questa patologica isteria.

Comments are closed.