E Jackson Martinez sia. Uno.
Un crack assoluto, che non pochi mesi fa ha messo in ginocchio il Bayern. Uno di quei giocatori che da solo ti sposta il baricentro della squadra. Che da solo ti fa la differenza e lo dimostra una clausola di 35 milioni.
Cash, senza un euro di sconto per il caffè.
E non c’è solo lui nella lista del Condor: il prossimo è Kondogbia, un altro di quei giocatori da cambiarti il centrocampo in positivo. Di quelli che al Milan mancano da quando Allegri è subentrato a Leonardo.
E da quanto, grazie a Berardi, se ne andò.
La ciliegina: Ibrahimovic. Quello zingaro che dal mio cuore non se n’è mai andato, che ho sempre voluto al Milan e che sarebbe stato un sogno vederlo finire con noi.
Ve li immaginate i fegati spappolati di Juventini e Interisti nel vedere davvero che Ibra ama il Milan tanto da ritornarci?
Non è mai voluto ritornare da nessuna parte, tranne che da noi. Non voleva andare via per nessuna ragione e non aveva nessun mal di pancia nonostante lo scudetto rubato.
Uno di quei sogni al pari di Carletto (ma spero che questo si avveri almeno).

Fegati spappolati ovunque che stanno uscendo dopo che il Milan ha pagato ben 35 milioni cash il Porto per JM. Che se ne escono con le frasi ‘ma il Fair Play vale solo per l’Inter?’ o anche ‘Ma il Fair Play per il Milan non vale?’. O addirittura vanno a fare i conti in tasca rossonera, che prima chiamavano ‘accattoni’.
No, ma se volete vale il #rigoreperilMilan, tanto è la stessa cosa.
Il bello della cosa sono i giornalisti, e presunti tali, che si stanno rimettendo in carreggiata per difendere la Juve in primis (con Allegri, cosa che al Milan non fecero mezza volta), e per screditare prima il Milan, poi in fila Galliani, Berlusconi e JM.
E continuano a tifare fuori la balla elettorale, o il denaro sporco di Bee e del fondo Doyen (fondo che lavora da anni con Atletico e Monaco e che nessuno nelle altre parti del mondo ha mai osato pensare fosse losco… Ce le vogliamo fare due domandine o no?).
Brucia proprio il c*** che, per una volta, si hanno davvero 150 milioni da spendere (e bene) per il mercato. Che si possa spendere bene una cifra così importante senza cessioni in modo da rilanciare il Milan. Che Bee voglia portarci addirittura in borsa, e li son soldi e nemmeno pochi che entrano. Ci han provato a screditarlo per mezzo di Twitter i vari Ravezzani e compagnia cantante, ma quel comunicato gli ha stroncato ogni unghia del mignolo.
Ogni pelo in corpo: duro, freddo, potente. Come un calcio nei denti a gente che sono anni che gode nel vedere questo Milan così giù, che gode nel vedere Galliani andare ad elemosinare in giro giocatori (come Diego Lopez, pippa clamorosa secondo certi giornalisti da twitter che ancora non cambiano idea pur di non ammettere l’enorme figura di merda che han fatto), che gode nel vedere un San Siro vuoto e senza abbonamenti.
E non lo cela nemmeno: lo dice apertamente in studio senza nascondersi.

E’ anche per loro, oltre che per tifosi come Ascione, che io godo il doppio, anche se Ibra non dovesse arrivare.
Tifosi che hanno abbandonato la nave quando era in difficoltà. Tifosi che hanno goduto delle perdite, dei non acquisti, delle vittorie altrui tifandole anche.
Tifosi che sono tutto fuorché Milanisti e godo anche per loro perché è una bella batosta adesso dover cambiare idea, dover tornare indietro sui propri passi, dover chiedere scusa pubblicamente (o magari non lo fanno e cambiano idea dall’oggi al domani senza dire nulla) e dover ritirare le asce di guerra perché alla fine hanno perso.
Si, hanno perso loro e i giornalisti anti Milan.
Hanno perso tutti coloro che godevano, da milanisti e non, e hanno vinto invece coloro che con le lacrime e con una maglia rossonera addosso hanno sperato fino all’ultimo in una rinascita. Con Inzaghi, con Seedorf, con chiunque.
Coloro che hanno sostenuto il Milan con i vari Traorè, Nocerino o Matri e che hanno fatto l’abbonamento nonostante la merda che giocasse in campo.
E anche se arrivassero i soli Kondogbia e Martinez o il solo Martinez, loro hanno vinto comunque sostenendo il Milan nel bene e nel male non solo a parole.
Perché la prima cosa che abbiamo dimostrato in questa settimana e mezzo di trattativa è che i soldi non sono un problema, che ci sono e che li stiamo spendendo bene per rinforzare il Milan e togliere un egemonia fin troppo duratura di una Juventus che stava facendo ricreazione per troppo tempo.

Ricreazione finita, non è più domenica: si torna al lavoro, al campo di calcio e questa volta state pur certi che vi daremo quello che meritate da quel Muntari maledetto.
E questa volta però vi serviranno molti più soldi (e non solo sul mercato) per poterci portare via la scena sia sul mercato che sul campo.
Con la speranza di avere Ibrahimovic in squadra e soprattutto contro di voi, visto che sappiamo già a tavolino come finisce.

MargheritAxen

Posted by MargheritAxen

30 Comments

  1. Borgofosco

    Si Margherita la ricreazione è finita ed ora possiamo tornare ad urlare con orgoglio e sana arroganza: MILAN…MILAN! No il Milan, anche di Silvio Berlusconi, non ha mai rubato ‘tituli’ ed ha sempre vinto grazie alla forza del team ed alla splendida genialità e grandezza dei suoi giocatori. Abbiamo molti meno ‘tituli’, di quelli che mostriamo nella splendida sala trofei di Casa Milan, di quelli che meritiamo. Ne cito due eclatanti: Quello di Muntari in Italia e la Champions League vinta in maniera totalmente truffaldina dal Marsiglia! Per non dire della Intercontinentale regalata dall’argentino Brozzi, poi radiato, al Santos. Un titulo per ogni grande competizione che soltanto i Rossoneri di Milano possono rivendicare toltogli in modo più che truffaldino. Si Margherita…la ricreazione è finita al di là degli altri grandi arrivi che ci saranno. La ricreazione è finita anche per quei giocatori, nell’attuale rosa,che non avevano creduto al possibile ritorno del Milan tra le big planetarie. Diceva bene Pep Guardiola… Attenti al Milan…ritornerà dove gli compete di stare…in cima al mondo!

  2. Nel sentirsi sollevati , nel godere per JM , nello sperare in Ibra , facci entrare Margherita , ed anche gli altri che lo sapete bene , fateci entrare , vi prego , un po’
    di onesta’ intellettuale , di senso del giusto e del buono . Anche al fine di consentire a tutti un modo piu’ sereno di condividere la speranza . Intendo dire , ma lo hanno capito pure i sassi , che ringraziare Mr. Bee e Adriano Galliani ( con il Fondo ) e NON ringaziare , per primo , il Presidente , e , prima che un errore di diplomatica intelligenza , una carognata schifosa ed idiota . Roba da iuventini . Posso chiedeti , Margherita , di fare esplicitamente come Diavolo che , non ha importanza alcuna se un po’ in ritardo , ma con grande ed apprezabile intelligenza , ha dato a Cesare quel che e’ di Cesare , E di nessun altro , per favore . Cosi’ magari lasciamo in pace chi deve eseguire gli imput al meglio e noi ci godiamo i frutti . Cosi’ sia !

    1. MargheritAxen
      MargheritAxen 14 Giugno 2015 at 15:14

      Il mio ringraziamento al Presidente è sempre stato implicito. Sono sempre stata dalla sua parte, perché è sempre stato onesto. Quando non poteva spendere, lo diceva. Ora può, spende.

      1. OK . Ma esplicito e’ molto meglio , Grazie .

    2. Oh e che palle! Picchi sempre lì. Qualsiasi argomento lo fai finire con la leccata del culo presidenziale! E basta, seimonotono, hai rotto abbondantemente il cazzo!

  3. Papin III

    Va bene sognare, gioire, giusto ringraziare il Presidente, però occhio a fare le cose per bene… l’anno scorso il Milan ha subito una valanga di gol… ok,colpa delle strategie di gioco, di scelte sbagliate dell’allenatore… ma che aspettano a cercare campioni in difesa? Li lasciamo agli altri che stanno messi meglio di noi?
    Tutti i successi del Milan si basavano su una difesa d’acciao,
    Miranda è scarso e a non ci serve! Di difensori forti ce ne sono pochissimi, che aspettano??? Non è un caso che le squadre che vincono in Italia solitamente sono pure quelle con la miglior difesa… Purtroppo, pare che ancora questo concetto non sia chiaro a chi deve fare mercato e proprio in difesa si vanno a cercare rincalzi… al giorno d’oggi un campione in difesa è raro e per questo vale più di un campione in attacco…

    1. MargheritAxen
      MargheritAxen 15 Giugno 2015 at 01:42

      Arriveranno piano piano tutti i rinforzi. Ma già con una coppia Ibra-Martinez parti 1-0. Di base. 🙂

      1. Papin III

        Su Ibra ho molti dubbi… come giocatore non si discute, ma ieri sera in tv dicevano che avrebbe già un accordo con i los angeles galaxy per la stagione 2016-2017… dunque a 9 mln per una stagione + Rami non mi sembra proprio una buona idea essendo quest’ultimo,al momento, il nostro miglior difensore… E’ un affare fare solo se rescinde il contratto, senza contropartite di valore o pagamenti di cartellino al PSG… la vedo dura…

  4. Io la spero dura per gli altri . Ibra e’ la differenza . Parlano i fatti e pure gli occhi .

    1. Papin III

      Nel frattempo da quanto riportano i siti sul calciomercato pare che il Milan abbia intenzione di prendere Arda Turan, trequartista turco dell’Atletico… ora mi chiedo con Menez, Honda,El Sharawi che fanno? E poi non lo hanno ancora capito che all’atletico madrid i giocatori rendono al massimo grazie allo staff tecnico e all’ambiente intorno… presi singolarmente valgono poco… 😐

      1. Lascia perdere i giornalai , gli strilloni e pure i coglioni che menano notizie a go go!

        1. Papin III

          Spero tu abbia ragione. Il mio timore e che come nel recente passato, dopo un acquisto buono, ne seguano due o tre superflui…
          Quest’anno avremo solo il campionato, alla lista dei trequartisti si aggiunge pure Niang che ha 20 anni ed è un talento su cui il Milan farebbe bene a puntarci seriamente onde evitare un altro caso come fu per Patrick Vieira…

      2. E Davids , ricordi ?

        1. Papin III

          Per Davids ci furono problemi legati a questioni interne allo spogliatoio… in quel caso l’errore grosso fu non tanto di venderlo ma di venderlo alla Juve e per due lire…

  5. E quel coglione di costacurta fu il fautore dell’allontanamento di Davids. Ricordo ancora le sue interviste. Fu l’unico a parlare in quel modo!

    1. Papin III

      C’era stata una scazzottata tra i due per qualche battutina, almeno così si diceva… situazione gestita male.

    2. Non capisco la tua radicata antipatia per Billy. Anzi, forse la capisco anche, ma è solo una sensazione.
      Costacurta è un esempio di come un calciatore con poco talento possa diventare un grandissimo campione usando il cervello. Se hai visto il documentario di Buffa sui Maldini (se non l’hai visto te lo consiglio vivamente) puoi sentire di come lo stesso giornalista parla di lui. Un “gemello” di Maldini che senza il talento del grandissimo, riesce a vincere quello che forse nessuno o quasi potrà fare.
      Certe cose non te le da la fortuna se non te le meriti.
      Cosa ha detto su Davids? Che era una mela marcia? Dietro quella frase si ricamano tante storielle da gossip. La verità che alla fine nel 2003, all’Old Trafford, uno era tra i campioni e l’altro tra i soliti sconfitti.
      La storia non ha pietà per nessuno.

      1. Papin III

        In quanto a storia ricordo la coppia d’oro Costacurta – Lehmann ne ha combinate tante di papere…

        1. Papin, ma che cazzo stai a di???
          Lehmann ha giocato 6, dico sei (!), partite con il Milan, di cui 1 di coppa italia. Billy ne ha giocate 458.
          Baresi-Costacurta è stata la coppia di centrali più forte al mondo per anni.
          Avevi gli incubi questa notte, di la verità?

      2. Papin III

        Lehmann era il suo partner ideale 😀 .
        Scherzi a parte e che neanche a me Costacurta mi era molto simpatico.
        Lo reputavo un buon difensore,da giovane, in un periodo in cui in Italia c’erano molti difensori migliori di lui e già al tempo in cui c’era Davids doveva ritirarsi.
        Ha avuto molta fortuna a giocare in una squadra straordinaria ed il suo più grosso merito che gli riconsco è stato quello di riuscire ad entrare nelle simpatie dei leader del gruppo.

        1. Ripeto.
          Certe cose non te le da la fortuna se non te le meriti.

        2. Papin III

          E’ solo un modo di dire,è vero anche il suo contrario, pensa che Aldair è campione del mondo e Baresi no,Cannavaro pallone d’oro e campione del mondo e Maldini no, potrei continuare all’infinito con questi esempi, la verità è che non tutti abbiamo le stesse opportunità e capacità, se per più meritevole intendiamo “solo” chi è più capace allora quel detto non è valido per la maggior parte dei casi…

        3. Papin, quello che ha vinto Costacurta non si tratta di un trofeo, ma di una serie di trofei che sono quasi ineguagliabili. Credo che Aldair e Cannavaro forse farebbero anche a cambio.
          Ce li vogliamo ricordare? 7 campionati, 5 Champion League, 2 Coppe Intercontinentali, 4 supercoppe UEFA, 5 supercoppe italiane e 1 coppa Italia.
          Fortuna? Si e anche ingiustizia quella di Cannavaro campione del mondo e pallone d’oro. Ma il mondo si ricorda di Maldini e Baresi non di lui.

        4. Papin III

          Ti darei ragione se quei trofei li avesse vinti in sport individuali come il tennis o la boxe… ma li ha vinti perchè giocava nella squadra più forte di tutti i tempi. Per come la vedo io con lui o con un altro al suo posto il Milan dell’epoca avrebbe avuto le stesse possibilità e forse avrebbe vinto anche di più. I giocatori fondamentali erano Maldini,Baresi,Van Basten, Gullit, Rejkard,poi i vari Simone,Whea,Papin ecc…
          Nell’era Sacchi era come avere uno o due Messi per ogni reparto… quel Milan avrebbe potuto vincere anche di più forse anche giocando in 10…
          Non a caso con Capello un portiere come Sebastiano Rossi stabilì il record di imbattibilità… ora non è che mi dirai che Sebastiano Rossi ha vinto tutto perchè lo meritava più di altri portieri bravi come e più di lui ?

        5. La storia di Billy non ha niente a che vedere con la storia di Seba Rossi e neppure con quella di Tassotti, tanto per rimanere nei ruoli.
          Billy, l’austriaco come lo chiama Buffa, è nato nel Milan e faceva parte della primavera prima che vi arrivasse Maldini e ha comunque collezionato anche 59 presenze in Nazionale.
          Se poi non ti è simpatico è un’altra cosa e non posso farci niente.
          Un suo merito particolare: aver smazzolato a dovere Mancini tutte le volte che lo ha incontrato in campo… e anche fuori dal campo.

  6. Non è mica scritto da nessuna parte che devo pensarla come te! Secondo me, costacurta ha avuto la sola fortuna di giocare con dei difensori mostruosi (nel senso buono, altrimenti mi bacchetti). Lui sarà pure stato bravo ad approfittarne e ad adeguarsi alla situazione, però resta, sempre secondo me, un difensore mediocre. Non c’entra nulla la simpatia personale, non mi è antipatico, ma ricordo molti recuperi di Baresi o Maldini, per rimediare ad altrettante sue cappellate!
    Sulla questione di Davids, non so se si tratti di gossip, non me ne interesso, mi ha dato molto fastidio quell’intervista che, per quanto ti possa stare antipatico un collega, non le dice quelle cose pubblicamente. Non lo trovo corretto!
    Sul discorso dei trofei e dell’old trafford, che vuoi che ti dica: meno male avevamo costacurta, altrimenti non si vinceva un cazzo!
    Di solito tendo a non seguire programmi di parole che riguardano il calcio, io guardo il Milan e basta. Però di quel documentario di Buffa ne ho sentito parlare bene diverse volte e se mi capita lo guarderò. Ti dico comunque, che non cambierò idea su costacurta!

    1. Mi dispiace per te.
      Il Milan però è fatto da uomini.

      1. E non devi dispiacerti. Io so benissimo che una squadra vincente è SEMPRE composta di campioni e portatori d’acqua. costacurta è sempre stato u portatore che oltretutto, ha sempre avuto bisogno di supporto.
        E guarda, lo dice pure càntera che non era un campione e lui … se ne … ca … pisce, di calcio … oddio, che ho detto?

    2. Il caro Billy non è mai stato ai livelli di Baresi e di Maldini ma nemmeno di Nesta. Però è stato un grande uomo spogliatoio e ha sicuramente dato il suo contributo, almeno quando ha avuto difensori forti accanto

  7. Penso pure io che questa rinascita non appartenga a tutti a solo ai meritevoli

Comments are closed.