Non ci è voluto molto a vedere i primi effetti della cessione del 48% del Milan a Mr. Bee: è bastata una settimana abbondante ed il Milan dopo aver sondato ha chiuso il primo colpo. Jackson Martinez è del Milan: l’annuncio sarà dato, come di consueto, dopo le visite mediche. 35 milioni al Porto – 3.5 al giocatore. Al di là del fatto che il Milan acquisisce una delle prime 10 punte del mondo il prezzo può essere più o meno alto e più o meno giusto ma questa campagna acquisti si apre con un segnale ed è un segnale importante: il Milan va nella boutique più cara del calcio europeo a prendere il pezzo migliore e lo strappa alla concorrenza di Manchester United ed Arsenal.

Se consideriamo che gli anni scorsi al 12 di Giugno quando andava bene c’era qualche telefonata con Preziosi si capisce subito che la svolta è una svolta importante. Si capisce che Jackson Martinez è solo il primo pezzo di un mercato che continuerà con Ibrahimovic e Kondogbia – troppa esposizione mediatica per vederli saltare ora. E’ un segnale importante perché non è un segnale di ritorno al passato ma addirittura un segnale di svolta col passato: Jackson Martinez è il terzo acquisto più costoso della storia del Milan e non è nemmeno escluso che prossimamente scenda nelle gerarchie.

Tutto questo non sarebbe stato possibile senza Bee ma non sarebbe stato possibile nemmeno senza il lavoro di Berlusconi e Galliani. A Berlusconi va dato atto di aver mantenuto volutamente un prezzo alto e fuori mercato per la cessione di quote e di non aver venduto al primo Thohir di turno pur di liberarsi della sua creatura per disinteresse. A Galliani quello di poterla smettere di dover fare dichiarazioni di facciata per non far scappare gli sponsor (opera peraltro riuscita) e tornare ad operare correttamente con il contante a disposizione – e se vi diranno che coi soldi sono buoni tutti fategli notare che Jackson Martinez costa meno di Dybala ed è stato pagato come Iturbe e Spolli messi insieme. Tutti quei buoni rapporti coi procuratori, messi in croce come fossero il demonio, ecco che improvvisamente tornano utili nel momento in cui devi convincere un giocatore a preferire un nuovo progetto senza Champions League rispetto a realtà affermate.

Le reazioni non si sono fatte attendere: il Milan decimo piace ai giornali. Non affrettatevi a cercare notizie sui principali quotidiani sportivi, spesso finite in insulsi riquadrini. Non affrettatevi a cercarle sulla pay TV satellitare impegnata a dire che la Juventus è la più attiva sul mercato grazie al rinnovo di Bonucci. Il Milan competitivo è un rischio che nessuno si era posto e nessuno aveva calcolato in un sistema da sempre bianconerocentrico con la vecchia signora che controlla ogni giornale e TV in ambito sportivo. Ecco così che prima la Gazzetta cerca di boicottare la cordata di Mr. Bee, poi coloro che esaltano i progetti di Siviglia ed Atletico Madrid cominciano a dipingere la Doyen come fosse il mostro di Firenze.

Tranquillizziamo tutti: la Doyen sarà l’advisor del Milan, in pratica il nuovo direttore sportivo. La Doyen non può più avere TPO in base all’attuale normativa FIFA per cui sta usando il Milan per passare all’incasso delle parti dei cartellini di competenza prima che si svalutino i giocatori. Leggo in giro che sarebbe un problema cambiare giocatori ogni 2-3 anni continuando a comprare e rivendere mantenendo una squadra competitiva: non vedo dove sia questo problema. Il Milan 2007 fu ceduto a zero euro, l’Inter 2010 pure: da lì la crisi e la svalutazione delle società. Tutto ciò, peraltro, ad interesse di entrambe le parti e in maniera perfettamente legale. Se cercate una società che operava nell’illegalità nel calcio Italiano spostando giocatori con minacce per interessi personali siete arrivati con 10 anni di ritardo: quella società esisteva fino al 2006 e si chiamava Gea World.

I giornalisti Moggiani sanno che il Milan non si accontenterà del quieto vivere coi bianconeri raccogliendo le briciole, come è stato fino al 2006. L’obiettivo è scalzarli da ogni palazzo, da ogni luogo di potere per poterli poi scalzare in classifica ed è una guerra cominciata già un anno fa con Tavecchio ed i diritti TV di Serie A e Champions League. Da qui il boicottaggio mediatico ad ogni cosa che stia riguardando il Milan per proteggere se stessi ed i datori di lavoro. Quella che per loro sarebbe una catastrofe per noi è una speranza. Non illudiamoci troppo: anche in caso di arrivo di quei tre, senza innesti in difesa, la Juve è e resta favoritissima. Però c’è la sensazione che questo sia l’inizio di qualcosa di grande per tempi e modi. C’è quella sensazione di tornare ai nostri livelli. Una sensazione che a Milanello non si sentiva da anni.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

19 Comments

  1. Papin III

    Jackson Marinez è un gran colpo ad un buon prezzo, 92 gol in 133 presenze con il Porto… i numeri parlano da soli… Grazie Silvio!
    Complimenti pure al “Condor”, stavolta 3,5 milioni per 4 anni di contratto è davvero un prezzo molto molto buono.

  2. Papin III

    Ora però spero che non comprino Miranda che fa la riserva di Ruiz in Brasile il che è tutto dire… proprio non ci serve, no a giocatori così così, o trequartisti mezzi buoni,per la panca ne abbiamo fin troppi anche nella primavera…
    OK per Kongdombia se è così forte come dicono (io non lo conosco), poi avanti tutta su Thiago Silva (o Hummels)… e scusate l’arroganza! 😀

  3. Io non sono di quelli che la fanno lunga e quindi mi compiaccio quando le persone
    sono capaci di ricredersi .
    “Tutto questo non sarebbe stato possibile senza Bee ma non sarebbe stato possibile nemmeno senza il lavoro di Berlusconi e Galliani. A Berlusconi va dato atto di aver mantenuto volutamente un prezzo alto e fuori mercato per la cessione di quote e di non aver venduto al primo Thohir di turno pur di liberarsi della sua creatura per disinteresse ”
    Era ora , Diavolo , mi meraviglia soltanto che una mente sveglia come la tua si era intorpidita fino al punto di dire le cose che hai detto . Ma tutto e’ bene cio’ che finisce bene . E , credimi , Diavolino , ne vedremo di belle . Altro che ” condannato ” , ” pregiudiato ” , ” rincoglionito ” . Fra l’altro mi sembra che il Presidente , abbia trovato equilibri pure in cose interne che non funzionavano . Io , ma non e’ una novita’ , ho grande fiducia ed ora grandi attese . Minchia , pero’ , tutti quei soldi , che al Milan vale , attenzione , all’agnellino lo hanno fatto schiumare !
    Che faccia in culo insieme alla sua acciuga salata !

  4. Johnathan Palmieri 13 Giugno 2015 at 16:09

    Il Milan che sta per tornare è osteggiato quanto la Lazio e Tavecchio adesso aspettiamo solo qualche dichiarazione velenosa su Berlusconi o Galliani e una campagna mediatica anti Milan basata sul nulla ma purtroppo per i “giornalai” bianconeri il campo racconterà altre storie e chissà che il Milan non riesca da decimo a lottare per lo scudetto?

  5. Borgofosco

    Amico mio forse tu eri tra i pochi che non credevano ai voli pindarici del vecchio e illuso pazzo quale io sono. Avevo fiducia e parlavo di navicelle spaziali alla conquista delle galassie. Ieri ho visto ed ammirato il ritorno sulla terra milanista di Stephan El Saarawy e di Mattia De Sciglio. Sorprendente soltanto per gli uomini di poca fede! Il ritorno prepotente di Silvio Berlusconi alla riscoperta della galassia Milan lo ha condotto a non prendere elicotteri ed a non scendere sull’Arena al suono della marcia trionfale. Silvio si è coraggiosamente imbarcato sulla navicella spaziale alla conquista delle galassie. Evviva bentornato presidente!

    1. Ciao , Borgofosco
      Tu tocchi un argomento molto delicato citando De Sciglio e El Shaaravi . Li abbiamo persi e non sappiamo se li abbiamo ritrovati . Per El Shaaravi salta agli occhi un indebolimento fisico preoccupante ma la classe ovviamente e’ intatta e notevole . E’ un problema serio . Io credo che verra’ Ibrahimovic a fare il trequartista e vedo la cosa estremamente positiva . Grandissimo fuoriclasse , forse il miglior calciatore al mondo , puo’ illuminare da solo una squadra , specialmente a questa eta’ che porta ad essere meno egoisti . Jakson Martinez prima punta non si discute . Chi potra’ essere la seconda punta fra Menez ed il Faraoncino ?
      Per De Sciglio e’ chiaro che giochera’ a destra , le minchiate del piede al contrario sono morte , si spera . Io venderei Abate . Ed a questo proposito ti confesso che ho sempre pensato che la nostra difesa fa acqua per colpa dei terzini e non dei centrali . Io non condivido che i terzini vadano avanti tutti e due . Non parliamo poi a fare che , visto che crossano come cessi . E non mi piace per niente il modulo con due ali senza fantasista e senza fantasia .
      Vedremo .

  6. Papin III

    Sto leggendo alcune insinuazioni di qualche rubentino o filorubentino sul Milan e Doyen e sono patetiche, dopo aver rubato per anni e perso champions a bizzeffe, sembra che l’idea di un nuovo Milan li terrorizzi… poveracci c’è da capirli, prima almeno si consolavano con il campionato dove non c’era concorrenza e potevano esultare anche grazie agli aiuti arbitrali, sempre puntuali… ora invece, se il Milan fa uno squadra forte loro che faranno ? 😥

  7. Scusate, ma Doyen chi sarebbe? E questo Jakson Maicol, c’è un comunicato ufficiale? Ha mica qualche dente cariato, ha fatto le visite?
    E ci sono altri accquisti fatti, tipo l’allenatore? Perché io tutto questo entusiasmo non lo capisco. Su cosa è fondato?

    1. Sulla mancanza di smentite . E sulla speranza , ovviamente . E tu cosa speri ?

      1. Per carità, mai dire mai, ma tutto questo can-can non mi sembra proprio solo roba mediatica. A che pro? Per cosa?
        Ti ricordi gli ultimi tre anni di questi tempi? Qualcosa è cambiato, o no?
        Il nervosismo poi dei gobbi e della stampa affiliata è palese e anche oggi la cazzetta riporta un articolo tendenziosamente disturbatore (ieri on line ne ho trovati un paio: la prima, la seconda). Per contro si inventa favole da mille e una notte con un’offerta di Ali Babà ai ladroni di 214 mln x Pogba (!!!???), 124 ai ladroni e 90 a lui x 5 anni. Roba da rimanere allibiti.
        Aspettiamo gli sviluppi senza fasciarci troppo la testa e senza esultare oltremodo inutilmente, ma con la concreta speranza che qualcosa sia davvero cambiato.
        Poi la domanda di Vittorio ha un senso: tu cosa speri???

      2. E questo è il chiarimento sull’allenatore.
        Cautela si, remare contro no.

    2. Diavolo1990

      Il comunicato ci sarà dopo le visite mediche come sempre.

  8. In effetti per ora è tutto da ufficializzare, allenatore compreso.

    Pure la cessione delle quote è da ufficializzare. Comunque se a casa Juve tremano e se i giornalai si sono innervositi è buon segno. Significa che in pentola bollono cose pregevoli

  9. A me non interessa la mancanza di smentite o gli articoli dei giornali, non li leggo.
    Mi interessa l’ufficialità da parte della società. Mi interessaa che decidano chi sarà l’allenatore e si faccia mercato sulle idee che ha in testa per il suo gioco. Non mi piace che si faccia mercaro e poi si dica all’allenatore: “questa è la squadra, siamo a ppsto così, devi arrivare in cempions!”. Non funzio a così. Mi interessa che si facciano acquisti in tutti i reparti dove siamo carenti e soprattutto nel centrocampo.
    Quindi per l’entusiasmo aspetto la fine del mercato. Aspetto di vedere giocare i nuovi che non conosco. Aspetto di vedere il gioco che avrà il Milan.
    C’è tempo e non m’interessano i discorsi.
    Questo penso e non mi sembra voglia dire “remare contro”!

    1. OK . Vediamo , speriamo . Prima ,pero’ , remavi contro , eccome .Ed a chi intavvedeva la terra all’orizzonte davi del coglione e leccaculo .
      Vabbe’ !

  10. Tu vaneggi! Io non ho mai remato contro il Milan. Non ho mai tifato contro e mai mi sono sognato di sperare una minima cosa negativa per lui.
    I coglioni sono quelli che dietro il tifo per il Milan, supportano altre cose, altri interessi, altri personaggi. E tu sei uno di quelli!

    1. Papin III

      Nel Milan ci sono sempre state due anime, una di sinistra e una di destra, anche se c’erano più motivi per supportare Berlusconi e meno per supportare la sinistra. Eppure ci sono ancora tante persone che votano perchè bene o male, si cerca di mandare il meno peggio se non il più bravo…
      Gente importante come Benigni,che stimo, difende a spada tratta la sinistra nonostante proprio la sinistra più di altri abbia sfasciato la scuola rendendola sterile e mnemonica (infatti quasi tutti i professori che insegnano sono di sinistra, specie al centro e al sud, sono di sinistra pure nella gran parte delle università dove il concorso per entrare è solo di facciata, infatti tutti sanno che sono i prof. che scelgono gli assistenti e poi tra questi alcuni di loro vengono scelti sempre dal professore per occupare le nuove cattedre e diventare così professori universitari in una data materia)… hanno occupato quasi tutti i posti pubblici anche in magistratura (vedi com’è la giustizia…) e pure la tv di Stato (vedi com’è la rai…).
      Berlusconi oltre il Milan ha costruito Milano 2, ha fatto i primi grandi supermarkets, ecc…ben 3 reti senza canone, mettendo anche giornalisti e comici di sinistra, in questo è stato un liberale .
      Però se si legge bene la sua biografia si capisce che è sempre stato in politica… e che da essa agli inizi ha avuto molti “vantaggi” che hanno reso “quasi normale” quello che sarebbe stato impossibile… ma è un discorso che forse vale per tutti i “grandi” imprenditori, purtroppo.
      Le persone vengono lasciate nell’ignoranza e non ragionano finendo per fare come i pappagalli… quelli di sinistra ripetono le parole del loro politico e quelli di destra fanno altrettanto…

      1. Ripeto . Ma quante volte ! Chi mette dentro il tifo la politica non ama .

        1. Il primo a farlo sei tu. Inizia a smetterla!

Comments are closed.