allegri_massimiliano_milan_gettyNon facciamo in tempo a riprenderci dallo scialbo pareggio di Verona che subito, a freddo, lunedì il circo mediatico se ne esce con una pagliacciata degna del teatrino dell’estate 2012; l’universo rossonero rimane con il fiato sospeso, Allegri sembra più che mai in bilico, Berlusconi non ha apprezzato le dichiarazioni post-partita di Verona e ha tutte le intenzioni di cacciarlo. Ma tutto si risolve in un fuoco di paglia, in un vero e proprio castello di carta creato da qualche giornalaio, una vile menzogna che ha infranto in un lampo la speranza di milioni di milanisti di vedere esonerato il Livornese. Qualcuno verrà, sicuramente, ad appuntare che nel mio ultimo editoriale ero io stesso a ritenere inutile un avvicendamento in panchina, tuttavia la partita di Verona mi ha completamente fatto cambiare idea: assurdo non giocare in quel modo contro l’ultima in classifica, assurdo un centrocampo a 4 senza esterni di fatto, assurdo andare al Rione con solo una punta. Credevo che peggio di così non potesse andare, ma ora come ora non ne sono più così convinto; credo che serva una scossa e l’esonero dell’allenatore, responsabile non unico ma principale della attuale situazione, può sicuramente avere effetti positivi. Del resto non è possibile sfaldare ancor di più una squadra che è già sfaldata di suo.

Spesso ho sentito dire che sugli errori dei singoli l’allenatore non ha alcuna responsabilità. Non ne sono del tutto convinto: è vero che se Robinho prende il palo, Abate sbaglia la diagonale e Montolivo sbaglia il passaggio e perde palla l’allenatore non ha responsabilità; in campo ci vanno i giocatori, loro sono gli interpreti pratici e durante la partita solo loro sono consapevoli e responsabili delle loro azioni. Ma se Robinho sbaglia dieci gol, Abate dieci diagonali e Montolivo perde dieci palloni distribuiti su più partite, allora il problema non può essere solamente il singolo. E il rendimento complessivo dei giocatori presi singolarmente rispetto alla seconda parte della scorsa stagione, che avrebbe dovuto essere il punto di partenza per questa squadra, è ai limiti del grottesco. Prenderò in considerazione due casi: Zapata e Montolivo. Il difensore centrale colombiano la passata stagione si fece valere, dopo il periodo iniziale di ambientamento ha formato con Mexes una coppia di tutto rispetto dimostrandosi più delle volte sicuro e pulito negli interventi, è inspiegabile, alla luce di tutto ciò, come oggigiorno Zapata inanelli minchiate su minchiate partita dopo partita, rivelandosi soprattutto molto più deconcentrato di quanto non lo fosse la passata stagione. Caso ancor più incomprensibile quello di Riccardo Montolivo, cervello del centrocampo rossonero  e autentico leader della squadra la passata stagione. Quest’anno, a dispetto delle buone premesse, sta dimostrando un’involuzione assolutamente inspiegabile: impostazione lenta, la maggior parte dei passaggi sono orizzontali o addirittura all’indietro, si propone pochissimo e ancor meno crea gioco per le punte. Alla luce di tutto ciò, l’allenatore non può essere indifferente a tutto questo: Zapata e Montolivo, così come altri, l’anno passato sono stati protagonisti della scalata al terzo posto, oggi stanno rendendo dieci volte di meno facendo dieci volte più schifo. Non è possibile che sia solo colpa del loro carattere, della loro pochezza o della luna storta.

Naturalmente vanno contestualizzate anche le responsabilità di Allegri stesso: è impossibile pensare che lui solo possa occuparsi di tutto, esiste uno staff in quel di Milanello che dovrebbe aiutarlo e supportarlo. Staff che, a quanto pare, si sta rivelando assolutamente incapace di contribuire nella gestione della rosa e nel rendimento dei suoi componenti; in caso di esonero del Livornese, quindi, sono convinto che completare l’opera inserendo figure nuove e capaci al posto degli attuali incompetenti, perchè tali si sono rivelati, sia cosa imprescindibile. Siamo in piena tempesta, la situazione è seria, sia ai piani alti della nuova sede in zona Portello sia in campo; sopra la panca la capra campa, a noi non resta che armarci di immenso coraggio per far fronte ai numerosi pomeriggi di strazio che ancora ci attendono; i fervidi sostenitori del Livornese, che al contrario il coraggio l’hanno evidentemente riposto tutta nella assurda scelta di difenderlo, come al solito si limiteranno a buttare tutto in caciara, a sparare un paio di insulti qui e la incolpando a caso questo o quell’altro senza mai proporre argomentazioni chiare e definite. Alla fine, non ci resta che sperare che prima o poi la capra termini il suo lento declino sotto la panca, o ancor meglio lontano dalla panca, e i suoi sostenitori con lui.

Posted by Giangi_Ceresara

Classe '93, studente di Linguaggi dei Media in Cattolica, è redattore del blog da quasi un anno. Il Milan è la passione di una vita, nel bene e nel male rossonero per sempre.

31 Comments

  1. Lo vuoi sapere perchè Montolivo è involuto? Perchè è Montolivo!

    Mi dispiace per voi se credevate fosse Gerrard. Ma è Montolivo. E non parlo di Pirlo e del gol di domenica per non infierire.

    Ora, d’accordo che la rosa rende meno di quel che vale, ma avete un tantino rotto il cazzo a ipervalutare buoni/medi giocatori per qualche mese importante.

    Adesso aspettiamo Pazzini manco fosse Ruud Van Nistelrooy.. c’è Boldi che è in trepidante attesa del Pazzo Pazzini.. vedremo quante partite vincerà da solo!

    Montolivo.. in valore assoluto Montolivo vale la tibia sinistra e la chiappa destra di Andrea Pirlo, siamo seri.

    1. il discorso non riguarda il valore di Montolivo, ma il rendimento: perchè l’anno scorso rendeva 10 e ora rende -10? Siamo sicuri sia solo perchè “è Montolivo”?

    2. . E non parlo di Pirlo e del gol di domenica per non infierire.

      Pirlo ormai non si muove, fa cagare a spruzzo poi segna una punizione su 10-15 che danno alla Juve ogni partita e diventa un fenomeno. Non scambio MAI nella vita Monto per il Pirlo di oggi che renderebbe come gli altri senza le guardie a centrocampo. Montolivo col Barça ha fatto una signora partita, Pirlo ogni volta che trova una squadra che corre o che lo marca fa pena.

  2. E non parlo di Pobbà e del gol di domenica perchè sei un Gallianiano e non voglio infierire.

    E non ditemi che Raiola voleva la tangente, che non tutti i favori e favorini fatti in questi anni da Galliani ci ripagavamo il debito pubblico dell’Italia.

    Pobbà.. ma l’avete visto il gol? Vale più di tutto il nostro centrocampo messo assieme cazzo.

    1. Gallianino? Suona malissimo dai. In ogni caso io sono un tifoso del Milan, la mia opinione la leggi nei post e nei post critico chi devo criticare ed elogio chi credo sia giusto elogiare. Pogba grandissimo giocatore, tra qualche mese, se non un annetto, se lo godranno a Madrid o in Francia. In questo Milan avrebbe fatto la differenza, ma non avrebbe raggiunto i livelli della Juve secondo me

      1. Al Milan avrebbe fatto la riserva di Birsa

        1. il Livornese ne sarebbe capace, altroché. Alla Juve magari Cristante sarebbe il nuovo Pobbà

    2. Pobbà? Sei milioni in nero a Raiola e una denuncia alla FIFA? Cosa c’entra Galliani? Non è nello stile Milan fare acquisti di quel genere inimicandosi club potenti come lo United.

      E ci sono almeno 10 giovani potenzialmente migliori: basti pensare a De Sciglio, Kovacic o Insigne

  3. che poi la tangente in quel caso era più che giusta.

  4. Pazzini ed El Shaarawi meglio di Balotelli e di Birsa.

    Non vedo l’ ora di rivedere il vero motore del nostro gioco. El Shaarawi! Altro che Rigotelli utile giusto per far eccitare diavolo che con i giocatori come lui e Ibra ci va a nozze

  5. @Diablo
    Se la FIFA indagasse sulle operazioni Galliani-Preziosi degli ultimi anni chissà cosa ne verrebbe fuori. Noi le tangenti le abbiamo pagate, si chiamano Salamon, Emanuelson e tutti quei mezzi giocatori che ci ha portato Raiola negli anni, per avere in cambio Pannolimovic, 6 mesi buoni di Van Bommerd e Mario Marciotelli.

    Sulle qualità di Pobbà non rispondo nemmeno, basta vedere una a caso delle sue partite per restare impressionati. Ha panchinato Marchisio, tra l’altro, mica Nocerino.

    @GiangiCheGuevara
    Se non ti piace l’appellativo Gallianiano me lo sbatto sulle palle. Non lo critichi mai, quindi sei Gallianiano. Che c’entra essere Milanisti, ci sono diverse correnti scusa, io mica sono allo stesso circolo con Sadyq o Merdavan o te o il Camicia. Ognuno sta nelle proprie sezioni, nel 2013 ancora con sti pseudo discorsi di unità? Ma dai.

    Venendo al campo Montolivo non sta rendendo da -10. Nella mia scheda valutativa è un mediocre++ cioè un mestierante un pelo sopra il livello della sufficienza che talvolta rende di più, talvolta di meno. E’ leggermente sotto il suo livello, ma il suo livello non è quello dello scorso anno, lì era sopra-livello.

    Per chiudere a cerchio: nella mia sheda valutativa Pobbà è top top.

    1. Marchisio è uno dei giocatori più sopravvalutati del panorama internazionale.

      1. Marchisio con Allegri al Milan sarebbe una delle tante “pippe” secondo i “soliti”

    2. Ironia questa sconosciuta. Se vai avanti così avrai bisogno dell’enciclopedia per schedare ogni singolo tifoso. Per curiosità mi completi la tua scheda di valutazione? Pobbà è top top, Montolivo mediocre++, in mezzo chi c’è?

  6. Mattioni!!!! la tangente mattioni!!!!

  7. pogba non è cosi forte, marchio è sopravvalutato, pirlo è finito… stai a vedere che abbiamo il centrocampo più forte di quello della juve.

    1. De Jong – Poli – Montolivo – Kakà è un centrocampo top, ma top top. Se la capra non lo sa far rendere problemi suoi. Se poi arrivasse anche Honda non ci sono scuse…

      1. che il nostro non sia cosi scarso( come molti dicono) non ci sono dubbi(kakà è un attaccante però) ma quello della juve, per usare parole care al tuo idolo, è qualitativamente superiore.

        1. sono d’accordo, qualitativamente migliore quello della Juve, ma sono dell’idea che ad allenatori inverititi la differenza si noterebbe mille volte meno

  8. Non ricordavo se Mattioni era suo o di Bronzetti, un altro con cui si è fatti degli affari che non voglio nemmeno immaginare.

  9. Stavo per dirlo io..

    Pirlo è cotto.
    Pobbà così così.
    Vidal è meno forte di Boateng (Diablo cit.).
    Marchisio sopravvalutato.

    Poi trovano il Napoli e gli danno tre pere. E il Napoli è tipo due spanne sopra di noi.

    1. Il Napoli a San Siro meritava di perdere e non sa come l’ha sfangata. Poi in Champions noi siamo 2° loro dietro al Copenaghen….

    2. che sia migliore quella della Juve non è in discussione, ma a mio parere ad allenatori invertiti la differenza si noterebbe molto meno

  10. che poi sto Bronzetti non è proprio un agente, fa tipo l’intermediario, come è successo qualche settimana fa con Rami… in poche parole fa il lavoro che potrebbe fare tranquillamente Galliani. chissà quanto ci costa l’intermediazione di quel mezzo maiale.

  11. Intanto per colpa di Allegri ci avviamo alle dismissioni non potento contare il prossimo anno sui 30 milioni della champions.

    Via vari giocatori più uno fra El Shaarawi e Balotelli. Se a gennaio cedono Saponara sono dei pazzi furiosi

  12. Se vai avanti così avrai bisogno dell’enciclopedia per schedare ogni singolo tifoso.

    Basta una parola per mettere ognuno al suo posto, non ci vuole un laboratorio di scienziati. C’è qualche casino ogni tanto con le sotto-categorie (es: Tassottiani non Allegriani, Gallianiani colombe, Barbariani che al contempo sono Balotelliani) però tendenzialmente la divisione tra Gallianiani, Allegriani e tifosi non talebani si vede all’istante.

    Pobbà è top top, Montolivo mediocre++, in mezzo chi c’è?

    Ci sono i top semplici come Pirlo (che non è morto, semplicemente è stato declassato da top top), De Rossi, Hamsik,
    I prestige: Strootman, Borja Valero, Marchisio, Cambiasso, Pizarro, Pjanic …
    I braviiii: Guarin, Behrami, De Jong, Hernanes, Inler, Jorginho …

    Montolivo è poco sotto i braviiii … lì basta niente per salire di categoria, Montolivo poteva starci, ma preferisco essere severo. E’ in compagnia di Allan, Nainggolan, Aquilani, Ciccio Lodi, Candreva, Ledesma.

    Non ho mica detto che è merda.

    1. Mi fai morire, veramente 😀

      1. La tifoseria rossonera è una guerra di bande dove le une disprezzano le altre.

        Quelli che capiscono di calcio al Milan sono pochi e in genere sono disprezzati dai catto comunisti cacciaviti incompetenti 🙂

        1. Sono pochi ma con Barbara presto assumeranno il controllo e inizierà una seconda dinastia della famiglia Berlusconi nel segno del rinnovamento. Così giusto per avere altri 20 anni di orgogliosa gestione di destra…

          Voglio che mio figlio un giorno cresca con valori sani disprezzando come me il cacciavitismo!!!

  13. I due migliori del campionato sono Pobbà e Arturo Celoduro Vidal.

    Il nostro Poli è un mediocre+ potrebbe diventare un ++.

  14. Quindi il nostro centrocampo titolare è costituito da un ++, un + e un bravoooo*.

    I braviiii sarebbero tutti titolari da noi, con un prestige si alzerebbe di brutto il livello di competitività.

    *ovviamente tralascio il fatto che Acciuga faccia giocare Muntari, che è un mediocre.

Comments are closed.