Allegri-Max-500x300Niente di nuovo sul fronte Milan. Che sia Milano o Verona, casa o trasferta, cambia poco o nulla: la squadra non gioca, le occasioni sono rare e casuali e qualunque avversario ci mette in difficoltà. Il Chievo non fa eccezione e la disastrosa partenza del Milan di Allegri continua.

Così come continua l’avventura di quel tizio sulla nostra panchina, perché “si è vista la reazione della squadra, perché se Robinho avesse avuto un piede dritto avremmo vinto“. Nessuno fa però notare che l’occasione di Robinho è isolata totalmente, che per novanta minuti si sono create azioni e occasioni totalmente casuali, su tiri da fuori o su rimpalli in area. Nessuno si domanda del perché quel signore abbia fatto uscire dal campo Poli per metter dentro Constant, che non ne ha azzeccata mezza anche perché forse non era nemmeno girato cosa dovesse fare. Quanto avrei voluto che quel goal di Paloschi fosse stato convalidato, magari sarebbe stata la giusta conclusione della carriera di Allegri sulla nostra panchina, punito da un ragazzo su cui non si è mai deciso di puntare…meglio regalare denaro alla Juve per andarsi a prendere l’inutile Matri. Ma niente da fare, si va avanti così, nonostante non ci sia niente di nuovo in questo brutto, orribile Milan di Allegri.

Non hanno nessun valore le punizioni tirate da De Jong, i calci d’angolo come sempre sprecati, la gestione della palla sempre lenta e affannosa… niente ha valore, si va avanti così, si continua a soffrire anche se siamo già sul fondo. Se non è stato esonerato ora, probabilmente non accadrà più, e quindi prepariamoci a soffrire fino a fine stagione, con l’incompetente sempre saldo al suo posto. Gli altri continuano a correre, con la Juve che vince anche con il Napoli, mentre la Roma inizia ad inciampare… ma noi azzoppati e con quella zavorra in panchina facciamo fatica a vedere la luce, nemmeno flebile o soffusa. Servirebbero undici Kakà, o undici De Jong, per riportare a alla questa squadra, per aggiustare una situazione devastante. Tutto quello che circonda, le vicende societarie, le faide interne, non fanno altro aggravare la situazione a mio avviso, specie in un momento in cui bisognerebbe unire le forze, trovare la soluzione per un problema serio, sempre più serio.

Queste due settimane di pausa, forzata, per le nazionali, serviranno forse a chiarire un po’ di situazioni, a recuperare qualche giocatore importante… ma non a cambiare la natura della nostra squadra, che resterà quella. Non cambierà mai nulla fino a quando Allegri continuerà ad essere confermato, fino a quando un’occasione causale potrà essere utilizzata come scusa per non mandar via un incompetente. Bene così, andate pure avanti!

Posted by Nicco

Editorialista del blog. Responsabile degli approfondimenti sulla squadra immediatamente successivi alle gare italiane.

28 Comments

  1. Forse lo cacciano.

    DAI DAI DAI!

  2. Comunque sulla prestazione di Costant di ieri non ho nulla da ridire. L’ assist a Robinho lo ha fatto lui ed con Emanuleson è arrivato sul fondo diverse volte. Anzi forse non erano mai arrivati tanti cross dal fondo in un’ unica partita.

    Ieri Galliani diceva che Allegri non era in discussione….:roll:

  3. No el capisse un casso (supremacit.)

    e cmq d’accordissimo con cantera, constant non ha giocato cosi male… anzi se proprio si voleva fare il 4-4-1 era più logico iniziare con un esterno come constant che con due mediani come poli e muntari sulle fasce.

  4. Allegri confermato. E a sto giro non da Galliani ma dai figli di Berlusconi

  5. Ma secondo voi scienziati, il malvivente spende cinque milioni 5 per darli a uno che non farà un cazzo?

  6. Non ho letto niente tutto il giorno fino alle 16, quando l’esonero sembrava certo. Non ci ho mai creduto, d’altronde ha poco senso cacciare l’Acciuga e tenere il Gallo, vanno eliminati entrambi e siccome i conti col Gallo si faranno ad aprile è giusto continuare con l’Acciuga.

    Tanto ormai la stagione è andata. Ci salveremo sicuramente quindi è inutile eliminare solo il 50% del marciume e rischiare che l’altro 50% rovini Inzaghi o Mangia o chicchessia.

    A maggio piazza pulita, no il programma sovversivo e tendenzioso di La7, piazza pulita in senso fisico.

  7. Poi, ovviamente, va sempre tenuta aperta una finestra nel caso in cui dovessimo tenere questo media, ma adesso abbiamo una serie di partite facili con cui rimettersi in carreggiata e i nostri 50/55 punti li faremo.

  8. I figli di Berlusconi hanno ragionato come me. Ormai vogliono mettere Galliani con le spalle al muro. Giustamente. Galliani lo ha voluto lui e ora se lo ciuccia. Il fallimento è solo suo.

    1. No, no, i figli ed il babbino hanno detto che se va via a fare una sega, lo devono pagare lo stesso e se prendessero un altro allenatore, ne avrebbero da pagare due! Il tuo ragionamento, seppur astruso, non c’entra un cazzo! Son pidocchi!

      1. Per me centrano entrambe le cose. Ieri Galliani in anteprima aveva detto che Allegri non è in discussione. Ormai Galliani si permette pure di dire le cose senza nemmeno aspettare l’ incontro con la proprietà

  9. Bisognava cogliere l’occasione , gia’ dalla scorsa pausa della nazionale, dopo juve Milan, e cacciare Allegri per incominciare da subito a lavorare per il futuro.
    Bisognava dare subito la squadra ad Inzaghi, per poterlo valutare per piu’ di mezzo campionato e decidere a giugno cosa fare, cosi’ da scongiurare un altro
    caso Roma – Montella. (Non si sarebbero persi soldi, l’ingaggio di Acciuga comunque lo paghi, e Inzaghi non puo’ certo rifiutare)
    Bisognava mettere alla prova i ragazzi, Gabriel, Vergara, Cristante , e valutare , sempre a Giugno, se sono da Milan oppure no.
    Bisognava lavorare per la cessione di Robinho, di Matri e di tutte le zavorre inutili, anche se significa perdere soldi.
    Se davvero si decide per mantenere Allegri mi sembra pazzesco, l’unica spiegazione e’ che il prossimo allenatore ha gia’ firmato , ma per giugno, e nessuno
    vuole bruciarsi a fare il traghettatore con una squadra allo sfascio.

  10. quanto pesa la testardaggine di gallini ad Arcore quel pomeriggio dello scorso giugno… oggi è stato alzato un polverone per niente, magari i figli son andati li a mangiare i fagiolini e roba genuina, cosa volete che freghi a eleonora, marina e piersilvio del milan…

  11. Se non gli interessa niente, convincano il babbo a vendere!

    1. mica i figli devono avere per forza gli interessi del padre.

      i tuoi figli hanno le stesse tue passioni???

      1. Le passioni no ma gli interessi di famiglia si!

  12. No perchè a noi VERI Tifosi del Milan, non c’importa niente di chi è il proprietario. Ci interessa che si occupi del Milan e che non lo usi per altri scopi! Rsteremo Milanisti a prescindere dalla proprietà, mentre tanti poveracci si suicideranno quando andrà via testa d’afalto!

    1. Barbara Berlusconi dovrebbe piacere più a voi che a noi. Non esiste soluzione migliore per cambiare il presidente del milan se non quello di affidare il Milan a Barbara che fra parentesi è di gran lunga migliore del padre da tutti i punti di vista. E se proprio volete cambiare famiglia proprietaria del Milan….be l’ unica è passare da una come Barbara (altrimenti con i bilanci in dissesto col cavolo si trovano acquirenti)

      Quindi Barbara Berlusconi soluzione ideale per tutti. Per chi vuole ancora la famiglia Berlusconi, per chi non la vuole, per chi vuole vendere, per chi vuole il rinnovamento, per chi non vuole Allegri, per chi non vuole Galliani.

      Giusto ai Gallianiani ai Raiolani e Bronzettiani può stare sulle balle….

      1. per motivi abbastanza diversi, ma insomma

  13. Io non la conosco, anche se dal poco che so, capisce poco di calcio. Una persona non mi sta sulle palle così per niente. A meno che non sia di Arezzo! Solo non capisco come possiate credere che prenda in mano il Milan e si faccia da ora in poi, quello che vuole lei. Come potete credere che testa d’asfalto si faccia da parte?

    Queste “sette” dei “Gallianiani, Raiolani, Bronzettiani” poi, è un’altra delle vostre minchiate senza senso!

  14. Io non la conosco, anche se dal poco che so, capisce poco di calcio

    più o meno come te.

    Barbara che fra parentesi è di gran lunga migliore del padre da tutti i punti di vista.

    cantera non bestemmiare però.

    1. Almeno io posso anche ammetterlo, al contrario di qualche idiota che invece pensa di averlo inventato!

      1. W l’ idiozia se chi ritiene a ragion veduta di essere meglio di altri è idiota!

  15. È un’idiozia ritenersi meglio degli altri. Anche perché, gli altri non li conosci quindi non puoi giudicare sulla base di divergenze sportive! Ma contento tu!

    1. “E’ un idiozia ritenersi meglio degli altri”. E perché? Non siamo tutti uguali anche per capacità. Perché uno non dovrebbe sentirsi migliore di altri in ambito strettamente sportivo o in qualunque altro contesto?

  16. Perchè chi pensa di essere meglio degli altri è un cretino di natura! E poi, chi è davvero migliore non lo dice e non si vanta!

  17. Anche perchè tu sei migliore degli altri nel tediare chi ti legge: dici sempre le stesse cose. Ti conosco da anni eh!

    1. Bè le cose quelle sono. C’ è poco da variare. Poi con tutto il rispetto non è che te brilli per varietà argomentativa. Se si leva gli insulti al presidente e alla rosa “storicamente scarsa” negli anni e qualche insulto personale agli utenti che la pensano diversamente da te non è che rimanga molto.

      Ma chi te lo ha detto che chi è migliore non lo dice o si vanta. Giusto i falsi modesti fanno così. I peggiori di tutti

  18. A me non mi freg a niente di stare a discutere seriamente nei blog. Non leggo neanche tutto per mancanza di voglia. Sto su internet per passare il tempo e, come adesso mentre lavoro. Figurati se ho voglia di stare a fare discussioni del cazzo su argomenti che neanche approfondisco! Poi spesso non intervengo.
    Il presidente si merita insulti e calci nel culo, quindi è giusto farlo. Agli altri, io rispondo ma non perché la pensano diversamente, perché fanno altrettanto!
    Se le cose sono quelle, è inutile continuare con la solita tiritera. Lomabbiamo capito quello che pensi!

    Sull’ultima cosa, è semplice: chi sa non ha bisogno di dimostrarlo e di farlo sapere. La falsa o vera modestia non c’entra niente! Ma tu fai come ti pare!

Comments are closed.