Massimiliano-Allegri-a-Silvia-Toffanin-con-Barbara-D-Urso-una-bufalaNovembre come giugno. Proprio come 5 mesi fa infatti si torna a parlare di esonero di Allegri, di summit, di colloqui tra presidente e amministratore delegato, di attese e di malumori e come 5 mesi fa il tutto si conclude con un nulla di fatto.

Quest’estate la partenza del mister sembrava cosa fatta, dopo le innumerevoli dimostrazioni di insoddisfazione da parte di Berlusconi e altrettante stilettate al livornese. Fondamentale fu allora l’intervento in extremis dell’Ad che salvò la panchina di Allegri, il quale finì per mandare giù parecchi rospi pur di rimanere, forse per non rinunciare alla consistente somma della buona uscita. Le cose ad oggi non sono cambiate: la mancanza di risultati, il pessimo gioco mostrato dalla squadra e gli innumerevoli errori difensivi hanno peggiorato la situazione del livornese, mai apprezzato dal presidente. Proprio Berlusconi infatti nel consueto pranzo del lunedì con i figli avrebbe nuovamente messo in discussione la posizione dell’allenatore, tanto da dare il via ad una giornata convulsa, una giornata che sembrava essere decisiva per il futuro del Milan, con Allegri a casa ad aspettare il responso e Galliani costretto a rinunciare a tutti gli impegni per aiutare il presidente nella decisione.

Decisione che ancora una volta salva Allegri, preferendo la continuità ad una svolta improvvisa della stagione. Ma ora come allora credo che la scelta del presidente sia sbagliata. Gli errori e le mancanze della scorsa stagione si sono ripresentate puntualmente alla ripresa del campionato se non peggio. E mi chiedo come si potesse pensare il contrario: per quanto la classe e la voglia di Kakà non possano che aiutare la squadra, non sono abbastanza per una compagine senza schemi né nerbo, quindi senza la mano forte di un allenatore. Allegri resta in panchina quindi, almeno fino alla ripresa del campionato o fino alla prossima sconfitta: al di là di tutto credo che una sconfitta casalinga con il Genoa potrebbe decretare realmente la fine del rapporto tra Allegri e il Milan. Il Presidente ha chiaramente espresso la sua posizione, ora tocca a Galliani mettere da parte l’orgoglio e forse l’attaccamento che lo lega al livornese, è tempo che anche lui si renda conto che la squadra necessita di un cambio, di una svolta per uscire da questa crisi profonda. Non si tratta (solo) di acquisti sbagliati, di infortuni e di iella: è necessaria una guida, una voce nuova che trascini i rossoneri fuori da un momento difficilissimo. Serve un nuovo allenatore.

Posted by SG

Editorialista del blog

9 Comments

  1. IO NON DIMENTICO quando la curva chiedeva più rispetto per il nostro mister Allegri.

    IO NON DIMENTICO quando la Gazzetta metteva in prima pagina i sondaggi (su commissione!) che dicevano che la maggioranza dei tifosi rossoneri voleva la riconferma della merda di Livorno.

    IO NON DIMENTICO e quindi dico che bisogna andare avanti con Allegri e chi si è preso una responsabilità la deve difendere fino alla fine.

    Andremo a fondo con Allegri, Galliani e i tifosotti che hanno voluto la riconferma.
    Perchè è giusto così.
    Per dai carri si può scendere in corsa, ma la nave che affonda non va abbandonata.

    1. La riconferma l’ha voluta Barbara. Buttaci dentro pure lei

  2. Non è proprio così.

    La Dottoressa Barbara ha confermato Allegri non perchè creda in lui (a differenza del Gallo Chicchirichì) ma perchè vuole che chi ha contribuito a creare questa situazione si assuma le sue responsabilità fino in fondo.

    In parole povere: questo Milan è il vostro, tenetevelo fino a fine anno. L’anno prossimo lo gestiremo Noi e confronteremo i risultati.

    Questo è il Milan dei Tassottiani, Allegriani, Gallianiani, Braidiani, Mentaniani, Curvaioli, Raoliani, Bronzettiniani, Preziosiani.

    I Barbariani e Berlusconiani non spartiscono nulla con voi.

    1. Veramente Di Marzio ha detto che Barbara a Barcellona ha detto ad Allegri che vuole che rimanga l’allenatore del Milan il più a lungo possibile

      1. E tu te la sei bevuta.

        Glu glu glu.

        Lo vedrai a maggio.

        E’ inutile che provi a mischiare le carte: Galliani <3 Allegri.

      2. a chi l’avrebbe detto??? a lui???

        manco si scopasse Barbarella sto di marzio… che vuoi ne sappia di quello che pensa e dice Barbara…

  3. Barbara per ora si è mossa per fare piazza pulita. Anche io credo alla versione di LPF e la prassi in genere è questa.

    Faranno finire la pessima stagione ai responsabili (anche perché la stagione è troppo compromessa e rischierebbero di bruciarsi) Allegri, Galliani e tifosotti politicizzatj Allegriani che li sostengono per poi prendere in mano tutto da Maggio.

    Raggiunta la salvezza e gli ottavi champions si può comodamente iniziare a tifare contro in attesa di un bel repulist a fine anno.

  4. E’ saltato l’allenatore del Chievo! Siamo alle comiche finali

    A questo punto credo abbia ragione chi dice che Galliani tiene Berlusca per le palle.

    1. eh!

Comments are closed.