France/Mali - 25.03.2008 - Match Amical“Rami ha ricevuto il permesso di allenarsi con il Milan fino all’apertura della prossima finestra di mercato”. Così il sito del Valencia ufficializza lo sbarco a Milanello del roccioso difensore francese Adil Rami, 27 anni e 5 stagioni trascorse nel club spagnolo; smentite alla base dunque le notizie diffuse ieri sera riguardanti possibili complicazioni nell’affare, l’idoneità è arrivata e Rami giocherà nel Milan. Innanzitutto stiamo parlando di un giocatore nella piena maturità, nel momento in cui la sua vita calcistica dovrebbe essere all’apice. Verrà fuori che contrasta con il “Proggetto ciovani” di cui tanto si è parlato, e mi chiedo sinceramente come i tifosi abbiano fatto a crederci, ma nel Milan di oggi i giovani ci sono eccome, da De Sciglio a El Shaarawy passando per Poli e ne cito solo tre, la squadra ha bisogno come il pane di giocatori esperti e di carattere soprattutto in difesa, dove la panchina è piuttosto corta; per questo l’acquisto di rami ha perfettamente senso. Tecnicamente parliamo di un giocatore molto forte fisicamente, bravo nella marcatura, alto e molto abile di testa seppur poco disciplinato tatticamente e abbastanza lento; qualitativamente non inferiore, forse nemmeno tanto superiore, a Mexes e Zapata; in un reparto che vede come sole alternative Bonera e Silvestre l’aggiunta di una pedina di buon livello come Rami permette di avere tre centrali potenzialmente titolari e dunque la possibilità di un turnover se non altro credibile. Forte di testa dicevamo: non stupitevi se continueremo a prendere gli stessi gol su palla inattiva: il problema continua e continuerà a rimanere il manico.

Caen – Milan 3 a 0, Milan – Milan Primavera 0 a 1. Questi sono i risultati delle ultime uscite della squadra di Massimiliano Allegri. Nonostante fosse sceso in campo un Milan privo di qualunque titolare, chi non era in nazionale era in infermeria, tra i tifosi rossoneri si è scatenato il finimondo; al grido di “Serie B! Serie B!” addosso a squadra e società è stato lanciato e detto di tutto. Sia ben chiaro: nemmeno a me piace fare figuracce e perdere partite in malo modo come in Francia, tuttavia non si può giudicare una squadra dopo un’amichevole giocata con le riserve delle riserve; sarebbe necessario interrogarsi piuttosto sul perché di queste sconfitte, sul motivo della totale deconcentrazione dei giocatori e come mai nonostante il gruppo sia lo stesso da parecchio tempo diversi individui sembra abbiano cominciato a giocare a pallone l’altro giorno. Del resto, per battere il Caen, settimo in classifica nella Ligue 2, le riserve delle riserve dovrebbero essere più che sufficienti. Nota positiva Gabriel: il giovane portiere brasiliano si è messo in luce compiendo diversi buoni interventi, chissà che l’allenatore abbia per una buona volta il coraggio di dargli una possibilità. Interessante anche l’esito della partita con la primavera: il risultato lascia il tempo che trova, ma ciò dimostra che alcuni dei ragazzi di mister Inzaghi potrebbero avere un futuro in prima squadra. L’inserimento di giocatori come Rami, esperti e di carattere è fondamentale al pari di dare il giusto spazio ai giovani della primavera: se ben gestiti, evitando di mandarli allo sbaraglio, possono diventare una preziosa risorsa.

Sabato sera, in un San Siro giustamente a porte aperte, i rossoneri affronteranno l’Udinese di Francesco Guidolin. Non si fa in tempo a parlare di tattica e formazione che “AC Milan comunica che Mario Balotelli ha riportato una sofferenza al muscolo vasto intermedio della coscia destra. Il calciatore verrà monitorato nei prossimi giorni per meglio definire l’entità del problema e stabilire la prognosi”. Eccoci qua: ennesimo infortunio muscolare, e per di più capitato al nostro giocatore più forte e rappresentativo, con tanto di cartolina di ringraziamento a Cesare Prandelli. Viste le ultime uscite, andando al di là delle amichevoli, è evidente come Mario Balotelli serva come il pane a questo Milan: Matri è assolutamente inadeguato per non dire peggio e la manovra offensiva, priva dell’estro di SuperMario, ne risente parecchio. Nonostante le promesse di un Milan rinato dopo la sosta, la partita contro i friulani sarà tutt’altro che una passeggiata; servirà tutto il calore dei tifosi che popoleranno gli spalti di San Siro per spingere il Diavolo verso la vittoria.

Giangi_Ceresara

Posted by Giangi_Ceresara

Classe '93, studente di Linguaggi dei Media in Cattolica, è redattore del blog da quasi un anno. Il Milan è la passione di una vita, nel bene e nel male rossonero per sempre.