Nonostante tutto è ancora lì, seduto su quella panchina che non si merita, davanti ad un microfono a rispondere a domande che non gli dovrebbero essere poste. Non lo chiamerò più allenatore, da oggi, né mister…perché allenatore è colui che allena, che tiene in piedi una squadra permettendo di costruire gioco e vittorie. È colui che conosce i giocatori a sua disposizione e fa di tutto per esaltare le caratteristiche, a costo di sacrificare le proprie idee. Mister è colui che riesce a tenere insieme 25 ragazzi convincendoli che bisogna sacrificarsi, correre e sudare pur di raggiungere obbiettivi importanti. Mister è colui che effettua i cambi con razionalità, che ha l’idea giusta prima ancora che questa possa venire ad altri. Avete ragione, sono tutte cose che no si addicono al signor Allegri, che potrà essere una brava persona, potrà essere tutto quello che volete…ma di calcio non ne sa assolutamente niente.

Anche nella partita di sabato ha sbagliato praticamente tutto. Ha mandato in campo undici teste che ragionavano ognuna a modo proprio, non ha creato i presupposti minimi per una partita quantomeno decente, si é ancora una volta nascosto dietro le sue non-idee sbagliando modulo, non schierando Bojan dall’inizio accanto ad El Shaarawy e Pazzini. Il colmo lo raggiunge quando toglie dal campo il faraone, che nonostante tutto, nonostante le critiche aprioristicamente decise, ieri è stato il migliore in campo… Già, toglie il migliore per far restare Emanuelson in campo per altri 10 minuti e poi toglierlo per inserire Costant. Questo signore non ha le palle di schierare tre attaccanti per paura di prendere 6 goal, non ha la capacità di cambiare modulo quando anche il più conservatore degli allenatori lo avrebbe fatto.

E no, non venitemi a parlare di rosa o delle cessioni illustri. Questi aspetti sono stati commentati, e in maniera molto esaustiva, alla fine del calcio mercato. Adesso una squadra c’è e, che ci piaccia o no, con questa bisogna lavorare. Gli altri vanno avanti per la loro strada e, nella buona e nella cattiva sorte, si guadagnano più o meno giustamente il titolo di favorita per lo scudetto: continua a vincere nonostante le sostituzioni preventive la Juve (che non bisogna fare l’errore di condannare sempre e comunque in ogni partita solo perché ladra nel DNA), così come il Napoli che vince e convince nonostante la partenza illustre di Lavezzi. La Roma perde in maniera prettamente zemaniana, ma probabilmente lo so era messo in conto ancora prima di iniziare che partite del genere sarebbero capitate durante l’arco della stagione. Nel bene o nel male vanno tutti avanti, senza troppe storie, solo grazie alla presenza di un allenatore sulla loro panchina, un vero allenatore e non uno che si appioppa questo titolo in maniera indegna. Se ne avessimo uno anche noi le cose cambierebbero, perché nella mediocrità del calcio italiano, basta un po’ di esperienza e un pizzico di follia per fare la differenza.

Posted by Nicco

Editorialista del blog. Responsabile degli approfondimenti sulla squadra immediatamente successivi alle gare italiane.

20 Comments

  1. Non vorrei essere frainteso: per me quando questo imbecille andrà via, farò festa con la bandiera alla finestra.
    Ma El92 andava tolto comunque, perché era stremato, era una larva ormai, perché ha corso per più di un’ora come un matto dietro a tutti i palloni…, come si fa all’oratorio.

    E il nostro pelatone ha tutta la responsabilità per aver rinnovato il contratto a questa marionetta, oltre a tutte le altre colpe.

  2. Ahahaha, la squadra c’è! Ma dove? E quali sarebbero le caratteristiche da esaltare, se sono un’accozzaglia di seghini inutli, che neanche uno come muorigno riuscirebbe a portare oltre l’ottavo posto! A proposito di muorigno, solo lui farebbe entrare tutti gli attaccanti a disposizione se fosse in difficoltà! Nessuno, almeno in italia lo farebbe!
    E sono in tanti a pensare che sia solo tutta colpa di Allegri:

    http://www.milannews.it/?action=read&idnotizia=91197

  3. Ora in modo goliardico ma non troppo mi piacerebbe :
    1) avere i nomi di chi diceva che Ibrahimovic impediva lo sviluppo del gioco del Milan.
    2) Ibra era una zavorra.
    3) Ibra tarpava le ali a Pato e ad El Shharawi.
    4) che questi amici del forum dicessero “avevamo detto una cazzata !!”

    I nomi li conosciamo tutti ma siccome su Milan Night quando dissi che Cassano al Milan non andava preso perché era un pallone gonfiato e un deficiente rubastipendio mentre quando ha giocato non ha mai demeritato soprattutto nell’anno dello scudo, questa mia errata previsione feci alla svelta pubblica ammenda, adesso mi piacerebbe che chi sperava nell’addio di Ibra tornasse sui suoi passi e ammettesse l’errore, oppure avesse l’orgoglio di dire, con Ibra sarebbe andata peggio, almeno ci facciamo due risate !!!!!!

    1. Carissimo io ti rispondo perché non ho paura di nascondermi dietro niente e nessuno come fanno altri. Per me Ibrahimovic è stato un danno perché ha ritardato di due anni la vonsapevolezza della mediocrità della nostra squadra e della totale inadeguatezza del nostro allenatore. Io l’ho detto in passato e lo ridico senza problemi: i gravi errori di quelle teste bacate che ci ritroviamo come dirigenti sono stati uomo “questo è il club che sognavo” e mezza sega in panchina. Sarò strano, sarò tutti quello che vuoi, ma a me vincere uno scudetto come quello di due anni fa non mi entusiasma. Dare in mano la squadra ad uno zingaro non mi interessa e non mi sono mai sentito rappresentato da quel personaggio. Sono assolutamente contento che sia andato via e non torno sui miei passi. Con un allenatore come si deve questa squadra potrebbe tranquillamente lottare per i primi tre posti, perché la mediocrità della nostra squadra corrisponde di fatto alla mediocrità di tutto il campionato. Basta poco per fare la differenza quando il divario è così poco!!!

      1. Hai fatto bene a rispondere, non come i soliti fan di Seedorf che uscivano fuori quando la zecca del Suriname faceva una rete e rimanevano interrati per tutto il resto del tempo, in agguato…..
        In parte condivido quello che dici, tranne sullo scudetto di due anni fa, che è stato bellissimo. Anche perché venivamo da anni di interismo, avevamo un grande leader che era Ibra, 2 bellissimi derby vinti, vittorie doppie anche col Napoli……

  4. La squadra, è composta da gente che è in nazionale o ci è stata. L’età media rispetto agli anni scorsi è diminuita e il numero di nazionali è aumentato.
    Questa squadra con un allenatore è da testo posto tranquillo.

  5. Personalmente non sono mai stato un sostenitore di Ibrahimovic, ciò nonostante, in questa squadra, era importante per il semplice motivo che, al di là dei gol, essendo un giocatore prettamente accentratore, il fatto di imporre agli altri 10 in campo dei movimenti obbligati, ovviava al fatto che, l’allenatore, la lettura di una partita (prima e durante) non sa neanche dove sia di casa. Ora Ibra non c’è più, gli uomini in campo sono messi nella stessa maniera allo sbaraglio, nessuno più li guida ed ecco i risultati.
    Nel 99% dei casi il cambio di allenatore l’ho sempre trovato un espediente ridicolo, in quanto non possiamo di certo pretendere che, via Allegri, El Shaarawy diventi Cristiano Ronaldo, Antonini si trasformi in Marcelo e Pato non si rompa più… Però, in questo momento e per quello che si è visto in queste misere 3 giornate di campionato, sono anche io dell’idea che basterebbe dire loro che cavolo fare nel rettangolo di gioco per fare una discreta partita, senza sperare ogni volta che Pazzini scivolando devii fortuitamente la palla in rete con l’orecchio… La squadra può crescere e ottimisticamente parlando credo che possa crescere più di quanti non si aspettino, ma non con Allegri.

  6. , che neanche uno come muorigno riuscirebbe a portare oltre l’ottavo posto!

    A parte che per arrivare ottavi – dato che è impensabile togliere punti a Juve, Roma, Napoli, Inter, Lazio, Fiorentina perchè come fai anche solo a pareggiare con queste corazzate? – dicevo per arrivare ottavi magari Atalanta (tre titolari fuori) e Sampdoria (neopromossa) dovresti batterle.. e Acciughina nun glie la fà…

    Comunque gli Allegriani (i pochi Allegriani) ripetono il ritornello che questa squadra non può vincere. Poveracci, non si rendono conto che noi gli si chiede:

    a) dare un gioco come succede ad ogni squadra di ogni serie dal campionato Esordienti in su.
    b) togliere dal piedistallo Boateng
    c) abbassare la cresta a El Merdaawy
    d) far giocare Sciglio
    e) provare soluzioni alternative a Nini
    f) variare il modulo
    g) variare le situazioni di gioco: inserire il cambio di gioco o il contropiede
    h) creare schemi su palle inattive
    i) smetterla di usare frasi come “abbiamo un punto in più dell’anno scorso”
    l) dato che non ci sono più i “vecchi” almeno FARLI CORRERE STI STRONZI e non entrare in forma a metà ottobre quando saremo quattordicesimi
    m) urlare qualcosa di diverso da dai dai dai dai dai dai dai dai che sembra uno che sta venendo.
    n) imparare a fare i cambi
    o) sistematina del nodo alla cravatta e pettinarsi prima delle interviste
    p) non ripresentare mai più due mediani in casa in una partita contro una squadra che fa barricate
    q) metterci più coraggio e smetterla di perdere partite in fotocopia
    r) DIMETTERSI

  7. Lpf così mi deludi: te ne mancavano solo cinque per completare l’alfabeto!

    1. Già che ci siamo… 😈

      s) Acerbi sarà pur bravino ma è altamente antiestetico. Che metta l’affascinante Yepes.
      t) Bombonera ci mette impegno, non gli voglio male, ma è pur sempre Bombonera. Dia spazio all’atletico Zapata o il pingue McSex.
      u) ha uno stipendio tale da potersi permettere qualche lezione di italiano, si esprime male. E pure in dizione è scarso.
      v) quel cazzo di Abbiati ha la reattività di un piccione morto sparato. Amelia e Gabriel non danno proprio sicurezza?
      z) TORNARE AD AGLIANA

      …a sforzarsi un attimino si riempirebbero pure le lettere dell’alfabeto inglese. Volendo ci si fa pure l’alfabeto ungherese, 44 lettere..

  8. Pare che sul nuovo contratto di Allegri, se viene esonerato, ci sia come clausola 10 milioni di buonuscita.
    In pratica ce lo teniamo fino al 2014.

    1. Fonte?

      Minchia se fosse vero che tragedia.. chissà che cazzo si era bevuto Glandiani quel giorno in cui firmarono il contratto..

  9. Comunque sono in linea con i vostri pareri: il Milan non è male male, è sicuramente da primi 4-5 posti in classifica (un po’ come l’inter d’altronde), ma avete un allenatore cretino. Ora, non dico che in caso di risultato avverso, in casa contro una squadretta, debba scatenare 5 attaccanti in stile Mou, ma cazzo, abbandona il doppio medianaccio e gioca largo con tre (mezze)punte.

  10. Abbiamo ceduto Cassano all’Inter, allungando:lol:gli pure 7 cucuzzoni per prendere Spazzini, avendo gia in casa Maxi Lopez
    che reputo superiore all’ex blucerchiato.
    Più intelligente sarebbe stato proporre uno scambio con Julio Cesar alla pari, ci saremmo cosi tolti il fastidio di vedere lo
    scarsone col N.32 fra i pali.
    Non ho capito l’acquisto di De Jong che vedrei meglio con in mano una sega e una pialla, avendo già in rosa due randellatori Muntari
    che presto guarirà e Flamini che rispetto all’olandese é un cesellatore del centrocampo e che se segna con la Samp viene giu lo
    stadio ma purtroppo ha trovato un kamikaze sulla linea di porta. Via il gran capo che porterà con se tutta la fuffa e come per incanto
    il Milan guarirà:lol::lol::lol:

    1. on il gran capo a chi ti riferisci visto che Silvio Berlusconi brilla per latitanza! Se parli dell’Ad ed è vero che bisogna pagare una penale… io la farei pagare a Galliani ed a chi gli ha consigliato di firmare quel contratto capestro(manco si trattasse di Guardiola). Purtroppo ‘diavolino’ è quasi sempre ben informato e quanto saputo ha il sentore di non essere una bufala. Ma il sistema di liberarsi del livornese c’è….dare il comando a Mauro Tassotti affiancato, in panchina, da un consigliere tecnico: Pippo Inzaghi. Del resto se in panca ci stanno una pletora di giocatori ci possono stare anche tutti e tre gli allenatori, soltanto che le disposizioni le impartisce Tassotti. Così si eviterebbe di pagare penali.A malincuore devo ammettere che se uno non ha il coraggio che ebbe Massimo Giacomini, trasformò Chicco Evani da centrocampista a terzino sinistro, ed ha a disposizione tale Emanuelson, che sa crossare dal fondo con il piede giusto, allora proprio non merita il comando delle operazioni tecniche sul terreno di ‘giuoco’.
      Per De Sciglio ed El Shaarawy, che non sono titolari fissi, mi sto cominciando ad incaz…. di brutto! De Jong è un randellatore e va impiegato come sostituto di Gattuso. Nocerino è uno dei tanti centrocampisti offensivi che è stato ben impiegato nella passata stagione. Coraggio, lo avevo già detto, questo è quanto passa il convento e bisogna fare di necessità virtù!

  11. montolivo non convocato!!!

  12. a) dare un gioco come succede ad ogni squadra di ogni serie dal campionato Esordienti in su.
    Non si può, quei babbei non capiscono una mazza.
    b) togliere dal piedistallo Boateng
    Ma chi ce lo ha messo? Quello c’è!
    c) abbassare la cresta a El Merdaawy
    Almeno è uno dei pochi che corre. Si stanca troppo, per forza non ha idee!
    d) far giocare Sciglio
    Le altre due le ha giocate, non mi sembra sia stato un’iradiddio!
    e) provare soluzioni alternative a Nini
    Gia mi stai sul cazzo, quando usi ‘sti diminutivi anche di più: si, taiwo, mesba …. ma vaacagareva!
    f) variare il modulo
    Si, il 555 sarebbe oggi, la cosa migliore!
    g) variare le situazioni di gioco: inserire il cambio di gioco o il contropiede
    Il gioco si può variare a seconda dei protagonisti che hai in campo. A questi gli si potrebbe dare una vanga! Magari ci picchiano il presidente!
    h) creare schemi su palle inattive
    Si? E per chi? Chi va a finalizzare, cazzini il piantato in terra? O forse boian? ….. ahahahah!
    i) smetterla di usare frasi come “abbiamo un punto in più dell’anno scorso”
    Perchè tu non lo capisci, ma è il chiaro sintomo di chi sa che non c’è niente da fare! Guarda oggi gli outing che sta facendo Galliani!
    l) dato che non ci sono più i “vecchi” almeno FARLI CORRERE STI STRONZI e non entrare in forma a metà ottobre quando saremo quattordicesimi
    Ma io li ho visti correre, non avevano idea di cosa fare, ma correvano …… ah gia, è vero, è Allegri che gli deve insegnare a giocare!
    m) urlare qualcosa di diverso da dai dai dai dai dai dai dai dai che sembra uno che sta venendo.
    Io non lo so cosa urla. Non mi frega un cazzo!
    n) imparare a fare i cambi
    Questa te la concedo, a volte non lo capisco! Ma penso che gira e rigira, sempre merda rimane!
    p) non ripresentare mai più due mediani in casa in una partita contro una squadra che fa barricate
    È vero, che cazzo li tiene a fare tutti i centrocampisti di qualità che abbiamo, in panchina?
    q) metterci più coraggio e smetterla di perdere partite in fotocopia
    Il coraggio non si compra nel banco salumi. Non tutti ce l’hanno, basta guardare tante partite del campionato!
    r) DIMETTERSI
    Talmente d’accordo che l’avrei fatto appena Silva e lo zingaro hanno firmato per i francesi e tutti gli altri abbandoni in massa!
    s) Acerbi sarà pur bravino ma è altamente antiestetico. Che metta l’affascinante Yepes.
    t) Bombonera ci mette impegno, non gli voglio male, ma è pur sempre Bombonera. Dia spazio all’atletico Zapata o il pingue McSex.

    Secondo me, nessuno di questi è da Milan e, anche con tutto l’impegno che possono metterci, non arriveranno a mezzo Silva!
    u) ha uno stipendio tale da potersi permettere qualche lezione di italiano, si esprime male. E pure in dizione è scarso.
    Per il mondo del calcio è anche troppo colto!
    v) quel cazzo di Abbiati ha la reattività di un piccione morto sparato. Amelia e Gabriel non danno proprio sicurezza?
    Amelia assolutamente no, il mago gabriel non lo conosco, ma mi sembra giovane per fare il portiere titolare del Milan! Però peccato, si poteva frugare e comprare un portiere decente, Allegri no?

    Ps: e la roma che va!

  13. che dire amici milanisti… leggo i vostri commenti e mi ripeto: “è ciò che penso io!!“.
    Sappiamo bene che il Milan da quando c’è il becchino di Allegri non ha mai avuto un gioco convincente e oggi c’è una certezza.. senza Ibrahimovic non si vince.
    Ora mi chiedo… dirigenza rossonera…CONDIVIDO che avete fatto fuori tutti i senatori per ringiovanire la rosa… MI DISPIACE aver perso Tiago Silvia e Iba, ma è meglio arrivare oggi 10° in classifica che far fallire la società… infine SORRISO sulla love story tra la miss B e il “Pape Rotto”… almeno c’è qualcuna che tiene il brasiliano in allenamento orizzontale sperando cmq che non stira l’unico muscolo che è in attività da 14 mesi da questa parte…
    MA… QUELLO CHE NON COMPRENDO e del perchè non hanno cambiato il coach???
    Via allegri

  14. Non sa più vincere. Non sa più segnare. Non sa più giocare. Tutto è collegato, in un circolo vizioso di causa-effetto che scaturisce da scelte folli susseguitesi da un pò di mesi a questa parte. Il risultato di tanta scelleratezza ci porta in dote un inizio stagione da brividi con orizzonti nefasti. Quattro partite con squadre per nulla irresistibili e una sola vittoria maturata con il Bologna dopo una prova di certo non esaltante. Ieri con l’Anderlecht è andata in scena l’ennesima prova grigia di una squadra che si fatica a definire tale. Senza gioco, priva di grinta e, aspetto più preoccupante per il lungo termine, consapevole dei propri limiti. Non è ancora chiaro se puntiamo al possesso palla o alle ripartenze, se giochiamo larghi o stretti, se si cerca la verticalizzazione o si avanza orizzontalmente. Regna una certa anarchia tattica il cui maggiore responsabile è sicuramente il tecnico. Prima di sprofondare in abissi da cui è impossibile risalire è forse giunta l’ora di una scelta, chiara e decisa. E’ evidente ormai che Allegri ha perso completamente la bussola e continuare sotto la sua guida sarebbe troppo deleterio. Non è l’unico colpevole, di certo, con questa rosa fatta di giocatori finiti, vedi Flamini, di giocatori scarsi vedi Mexès e Antonini, e di giocatori forse sopravvalutati vedi Boateng. Ho più volte ripetuto che in cima alla scala dei colpevoli c’è la proprietà, con la dirigenza a seguire, che insieme hanno smantellato una squadra non riuscendo poi a ricostruirne una un tantino competitiva. Detto questo però l’allenatore ci ha messo del suo. E’ impossibile immaginare di andare avanti di questo passo. Non ci sono margini di miglioramento perchè sembra non esserci una minima idea di chi e cosa debba fare questo o quello. Per favore, mi appello alla proprietà, auspicando un ultimo atto di amore verso noi tifosi, anche se dubito ne siate più capaci, comunque lo spero vivamente: staccate la spina!

Comments are closed.