San Siro, ore 20.45. Sarà la prima e l’unica partita casalinga di Dicembre, intersecata tra due trasferte consecutive di campionato prima e dopo questa gara. Sarà il Siena di Sannino una delle ultime avversarie abbordabili tra le mura amiche a dirci quanto è realistico il pareggio di Bologna e quanto di esso dobbiamo preoccuparci per il proseguo del torneo. Tre punti ci permettono di nuovo la vetta temporanea, oltre al poter guardare in tranquillità il posticipo di domani tra Lazio e Udinese e di rimanere a un tiro di schioppo dai friulani e dalla Juventus (impegnata in casa contro il Novara, dove probabilmente farà tre punti). Di punti avevo detto prima di questo ciclo che ne sarebbero bastati dieci dopo la Fiorentina per una classifica, in questa fase, ancora accettabile – siamo quindi chiamati alla vittoria sia nella gara odierna che in quella di Cagliari per andare alla sosta con 34 punti e mantenere la possibilità di chiudere il girone di andata a quota 40, come un anno fa, con due vittorie su tre dopo la pausa.

San Siro è stato per quest’anno il fortino del Milan, con una imbattibilità casalinga che in caso di successo si estenderà a tutto il 2011 nelle competizioni italiane – solamente Barcellona (grazie a un rigore inesistente) e Tottenham (grazie a una serie di infortuni nelle nostre file) sono riuscite a sbancare, di misura, quello che rimane il più difficile campo Italiano nonostante il tanto declamato San Paolo (ovviamente contro la squadra giusta). Tutto questo nonostante un pubblico forse, imborghesito, che sta cominciando a lasciare vuoto lo stadio, per riversarvisi solamente nei grandi appuntamenti (come quello coi catalani) rendendolo comunque un catino molto più caldo di quello napoletano in condizioni di tutto esaurito.

In porta dubbio Amelia, con Abbiati che non ce la fa a recuperare potrebbe giocare Flavio Roma. In dubbio anche Antonini e Nocerino, per il primo è pronto Taiwo sulla fascia per il secondo Clarence Seedorf come mezz’ala. Bonera in vantaggio su Mexes per il posto di fianco a Thiago Silva al centro della difesa, con Abate confermato titolare dal lato opposto. Van Bommel e Aquilani ancora titolari, così come Boateng e così come Pato che, nonostante le critiche e i risultati che non depongono a suo favore, dovrebbe partire ancora titolare dal primo minuto. Nel Siena è in dubbio Mattia Destro, di fianco a Calaiò – sinora il Milan ha conquistato nelle mura amiche 18 punti, contro i soli quattro fuori casa della squadra di Sannino. Non sarà quindi, probabilmente, come contro il Bologna, una gara aperta ma bisognerà saper sfondare le difese avversarie – magari in fretta come nelle ultime occasioni per finire in goleada. Il Milan vince da cinque gare consecutive contro il Siena, toscani reduci da tre sconfitte a  fila senza nemmeno aver segnato un goal. Sulla carta, quindi, una passeggiata di salute. Ma lo doveva essere anche domenica scorsa…

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.