San Siro, ore 20.45. Non fosse questo avversario sarebbe la classica partita di Champions League di cui frega poco o nulla perché tanto siamo già qualificati. Non può essere una partita normale quando a San siro andrà in scena quello che ho visto ribattezzare ieri come “il derby del mondo“, titolo azzeccatissimo per la partita tra il club più titolato al mondo e quella che tra un mese lo diventerà. Non è comunque una finale perché per chi perde ci sarà un cospicuo paracadute costituito dalla qualificazione già avvenuta tre settimane fa agli ottavi di finale che consentirà di giocare a mente libera questa gara senza vedere eventuali fantasmi in quel di Plzen. Non c’è quindi l’aria da dentro o fuori – si giocherà soprattutto per lo spettacolo e per misurarsi contro quella che almeno fino a quattro anni fa era la migliore squadra al mondo.

PUNTI DI FORZA: rispetto alla partita di settembre loro sono gli stessi, noi siamo cresciuti. Se si è usciti dal Camp Nou con un 2-2 in extremis (ma il 2-1 catalano era viziato da punizione inesistente) con una formazione rimaneggiata, si può e si deve tentare il colpaccio casalingo senza alcun timore reverenziale. Una vittoria metterebbe il Milan in posizione privilegiata anche per quanto riguarda la vittoria finale. Se il vincitore dovrebbe comunque essere tra Barcellona e Madrid sicuramente il target rossonero si alzerebbe ad almeno una semifinale. Se come è probabile soccomberemo questo non vuol comunque dire che non ce la si possa giocare con altre squadre che non siano le due spagnole.

ASSENZE E TATTICA: al Barça mancheranno Alves e Iniesta, giocheranno Maxwell e il canterano Cuenca al loro posto. Sarà quindi Abate a dover valorizzare l’assenza del brasiliano spingendo sulle fasce che i catalani ci concederanno. Bisognerà farli attaccare per farli scoprire e poi lanciare il contropiede velocemente con Pato tra i due centrali. Importante in questo senso anche l’inserimento di Boateng che è stato col suo infortunio l’ago della bilancia della gara d’andata, tra i primi venti minuti di un buon Milan che avrebbe potuto anche segnare più di un gol e il dominio catalano nel resto della gara. Il Barcellona giocherà presumibilmente a ritmo elevato, quindi non possiamo permetterci un Seedorf in campo oggi dove risulterebbe molto più utile la corsa di Robinho, Nocerino e Boateng. Non schiererei quindi nemmeno Ibrahimovic per lasciare spazio alla coppia Pato-Robinho – ma chissà che la sua personalissima vendetta contro Guardiola non spinga lo svedese a sbloccarsi, finalmente, in una gara di CL che conta. In fondo Zlatan prima di venire al Milan non aveva mai segnato da ex, e ha già fatto gol in successione ad Ajax, Juventus e Inter…

Milan: Abbiati; Abate, Nesta, Thiago Silva, Zambrotta; Boateng, Van Bommel, Seedorf, Aquilani; Pato, Ibrahimovic. A disp.: Amelia, Antonini, Nocerino, Ambrosini, Emanuelson, Robinho. All. Allegri
Barcellona: Valdes; Puyol, Mascherano, Piqué, Maxwell; Xavi, Keita, Fabregas; Cuenca, Messi, Pedro. A disp.: Pinto, Fontas, Afellay, Thiago, Montoya, Adriano, Sanchez. All. Guardiola

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

26 Comments

  1. vorrei che Seedorf questa sera sfoderi un primo tempo da campione Diavolino

    e poi Nocerino lo può mettere al suo posto nel secondo tempo dove presumibilmente la partita si farà ancora più calda

    in panchina abbiamo anche Robinho Inzaghi ed Ambrosini oltre a Nocerino
    non siamo messi male e l’assenza di Iniesta e Alves peserà parecchio nel gioco del Barcellona

    sono convinto che questa sera ci sarà una prestazione positiva che porterà minimo al pareggio se non alla vittoria

  2. Diavolo1990

    Io la giocherei così
    Abbiati-Abate-Nesta-Thiago-Antonini; Ambrosini-Nocerino-Boateng; Ibra; Pato-Binho
    Alternativamente Aquilani al posto di Boa e Ibra fuori

  3. Con il Barcellona non si può metterla sul piano del gioco e del possesso palla.Siccome però si vince tirando in porta e non tenendo la palla,le chiavi della partita sono tre:

    1- attaccare,attaccare,attaccare: Il Barcellona va attaccato sempre,non va aspettato e in fase difensiva non bisogna pressare,ma occupare le linee di passaggio.
    2- mantenere alta l’intensità e costante il ritmo: sono maestri nell’addormentare il gioco per poi accelerare all’improvviso tagliando in due la difesa.
    3- sfruttare in maniera intelligente le assenze di Alves e Iniesta. Senza il terzino brasiliano il Barca spinge molto meno e perde anche molto sul piano degli inserimenti e dello scarico sull’esterno; senza Iniesta perde in velocità di manovra e verticalizzazione in quanto le caratteristiche di Fabregas sono diverse. Sono due assenze importanti che modificano il gioco del Barca e vanno sfruttate.

    Tenendo conto che è una partita senza ansia di qualificazione e che gioca in casa,se due su tre dii questi aspetti tattici girano,il Milan ha buone chance di fare risultato pieno,realistico un 2-1.

    1. Diavolo1990

      Si ma quella formazione mi fa tanto paura che si regali il centrocampo

      1. Il centrocampo glielo regali cmq perchè sul piano tecnico loro sono cmq superiori. Sebbene lo stesso Fabregas sia un grande giocatore,non è Iniesta. È per questo che ti dico che l’assenza del buon Andres va sfruttata in maniera intelligente. Van Bommel e Nocerino dovranno evitare falli inutili causati da un pressing senza senso,ma dovranno semplicemente coprire gli spazi e verticalizzare velocemente favorendo gli inserimenti di Boateng.

        1. Diavolo1990

          Ecco se giocasse Nocerino… invece gioca Seedorf appunto. 🙂
          Bisogna sfruttare il fatto che in difesa siamo più forti.

        2. Seedorf è uno che queste partite le vuole giocare e in genere si esalta. Vedremo. Fossi l’allenatore io schiererei Aquilani Boateng Nocerino Van Bommel.

  4. Michele Bufalino 23 Novembre 2011 at 11:51

    senza paura? aiuto 😆

    1. Caro Michele,da tifoso interista quale io sono ti dico che nel 2009/2010 mi è toccato giocare contro il Barcellona 4 volte per cui si,bisogna giocare queste partite senza paura!!! 🙂

      1. Michele Bufalino 23 Novembre 2011 at 14:18

        Colgo l’occasione per raccontarti un aneddoto. In quel periodo mio Zio, interista storico, morì di infarto relativamente in giovane età. Mi sono sentito più vicino ai miei cugini e ho sempre apprezzato il gioco di Mourinho. Ho finito praticamente per tifare Inter in quella Champions League. Fu una impresa dal sapore diverso, che personalmente mi ha regalato emozioni “trascendentali”, se così possiamo dire. E’ per questo che nonostante la mia fede milanista, e anche se la cosa può sembrare folle, quell’Inter in un certo senso mi ha lasciato un gran ricordo e conforto.

        1. È una cosa bella!

  5. intanto non è sicuro che giochi Pato titolare

    meglio lui o Robinho ?

    meglio Seedorf o Nocerino

    secondo voi ?

    non capisco se è pretattica per confondere l’avversario oppure l’allenatore non sia convinto delle scelte voi che dite ?

    1. Diavolo1990

      Meglio Nocerino e Pato-Binho insieme

      1. diavolino

        giocheresti senza ibra ?

        mahh io credo invece che lo zingaro giocherà una partita superba è motivatissimo per dimostrare a quelli del Barcellona quanto è forte

        1. Diavolo1990

          Giocherei senza Ibra? No. Giocherei senza Ibra contro il Barça? Si o lo metterei dietro le punte

  6. Diavolo1990

    Alle 17 riunione tecnica di Allegri. Già me la vedo:
    Oh ragazzi ricordate che si gioca in 11 e solo il portiere può prenderla con le mani. Il portiere è quello con la maglia diversa… no rino no… quell’altro è l’arbitro!

  7. Michele Bufalino 23 Novembre 2011 at 15:37

    è il giorno di Milan – Barcellona e questo è il primo titolo Gazzetta:

    Alvarez, l’investimento ora paga
    Ricky può cambiare l’Inter?

    mah..

  8. Il Barca rinuncia pure a Pique e gioca con la difesa a tre!!!!

    Eh….Gasperini ha fatto scuola!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :lol::lol::lol::lol::lol:

  9. Diavolo1990

    Non so chi ha fatto la cagata peggiore.
    Di certo se ci sovrastano a centrocampo il sig. Allegri Massimiliano è ingiustificabile. Ma sono sicuro che ci sarà chi gli darà ragione

    1. Mah….va bene che la partita non conta molto,ma Guardiola la sta stracciando sboroneggiando troppo…rinunciare anche a Piquè e cambiare modulo passando alla difesa a tre oltretutto con Mascherano che è un centrale adattato,a San Siro contro il Milan non mi sembra una genialata……in più in attacco tiene in panca sia Pedro che Sanchez avanzando Fabregas….mah,mi sembra un po’ stracciata come cosa,non ne capisco il senso.

      1. Diavolo1990

        Si ma noi abbiamo il centrocampo regalato. Probabile che voglia fare una sorta di 1-6-3 tanto con Seedorf e MVB palloni più avanti non arrivano…
        Andava fatto giocare il Noce

  10. Cmq la partita non sta andando male,un buon Milan tutto sommato. Per fortuna che l’arbitro si è confuso tra Nesta e Aquilani in occasione del rigore altrimenti era secondo giallo.
    L’errore del Milan è che sta giocando tatticamente come se avesse contro Iniesta e Dani Alves con Zambrotta fermo e basso e Van Bommel che non trova una collocazione.
    In ogni caso dietro il Barca balla un po’ (inconcepibile questo schieramento a 3 rinunciando a Pique), per cui ci sono spazzi e mezzi per attaccare.

    Vediamo il secondo tempo.

    1. Diavolo1990

      Ma secondo me non era da giallo e l’ha ammonito per proteste Nesta. Non era manco rigore eh

  11. Bella partita,a tratti equilibrata.

    Non si può non tener conto del fatto che il Barca non aveva Iniesta e Dani Alves e che ha rinunciato a Pique e per 80 minuti a Sanchez e Pedro,ma tutto sommato non è stato un Milan malvagio che nel primo tempo ha avuto le sue occasioni.

    Sono fortissimi,ma umani.

    Se mi si concede un giudizio sui singoli allora dico che Seedrof e van Bommel hanno giocato una partita scandalosa e anche Ibra,aldilà del gol è stato nullo per tutta la partita con zero tiri,zero assist e zero giocate.
    A Pato va concesso (forse) l’alibi di essere appena tornato.

    Considerazioni??? Poche,se non il fatto che la squadra nettamente più forte della serie A non ce la fa ad avere la meglio con la prima della Liga con assenze importanti. Tranne la fantastica giocata personale di Boateng il gioco offensivo del Milan nel secondo tempo è stato nullo.
    Buono per il risultato che il Barca si sia mangiato 3 gol puliti.

    Neanch’io avrei concesso il rigore,al limite era rigore quello nel secondo tempo di Abate su Fabregas con il terzino del Milan che entra troppo in ritardo.
    Ingenuo Aquilani,a quel punto lascialo andare e amen anche perchè cmq la si voglia mettere ha rischiato essendo già ammonito.

    1. Diavolo1990

      A me Ibra è piaciuto, è tornato ha corso si è sbattuto ha segnato e ha fatto qualche assist. Non è più l’Ibra dell’Inter o del Barça contro l’Inter.
      Pato ha fatto schifo

  12. Diavolo1990

    NUOVO POST

Comments are closed.