contatore visite free

Milan – Salisburgo 4-0: reazione da ottavi

Nonostante un primo tempo ballerino il Milan fa il bis del 4-0 alla Dinamo Zagabria otto giorni dopo e passa agli ottavi contro un Salisburgo che è durato 45 minuti. E’ una partita a due facce con un primo tempo molto equilibrato in cui realizziamo il miracolo di fare gol su calcio piazzato, sprechiamo due occasioni nette ma facciamo tre miracoli in difesa. Il secondo tempo è totalmente differente anche grazie al gol a freddissimo di Krunic (primo in Champions League) che di fatto taglia totalmente le gambe agli austriaci. Da lì rischiamo praticamente niente e ne mettiamo altri due con Giroud (grande azione di Leao) e poi Messias (gol alla Robben) nel finale.

E’ un no game che è vero che è con una squadra inferiore ma è una netta dimostrazione di superiorità che comunque il Chelsea non ha dato contro gli austriaci. In attesa di poterci misurare, magari ad armi pari, con una squadra migliore, i segnali delle ultime due partite anche considerando gli infortuni sono molto importanti per provare che non solo il Milan passa ma il Milan a questi livelli ci può stare.

A livello di singoli ovviamente molto bene Giroud, bene anche Theo Hernandez che ha sempre saputo attaccare gli spazi lasciati dal Salisburgo così come Leao a cui è mancato solo il gol e l’ultimo passaggio. Perfetta la partita di Bennacer lasciato a riposo domenica scorsa (e si sente la mancanza) e benino anche dietro Tomori e Kalulu, meno Kjaer. 

Raggiunto il primo obiettivo stagionale sarà quindi ora di aggiustare quello principale e rimettere in carreggiata il campionato. Le prossime due gare sono più che abbordabili e sei punti sono obbligatori. Lunedì c’è il sorteggio – chiunque uscirà non saremo favoriti ma, forse, anche gli altri non vorranno pescare noi. Questa squadra ha alzato il livello dalla prima partita e lo ha portato fino in fondo al netto di quella partita sfortunata col Chelsea. Ora occorrerà farlo di nuovo agli ottavi di finale dove ci misureremo con una delle top – e lo faremo senza pressioni.

MILAN-SALISBURGO 4-0
Marcatori: 14’ Giroud, 46’ Krunic, 57’ Giroud, 91’ Messias.

MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu; Kalulu (dal 86’ Gabbia), Kjaer, Tomori, Theo Hernandez (dal 78’ Ballo-Touré); Bennacer (dal 69’ Pobega), Tonali; Rebic, Krunic (dal 78’ De Ketelaere), Leao (dal 69’ Messias); Giroud. A disp.: Mirante, Jungdal, Brahim Diaz, Dest, Origi. All. Stefano Pioli.

SALISBURGO (4-3-1-2): Kohn; Dedic, Solet (dal 46’ Bernardo), Pavlovic, Wober (dal 77’ Ulmer), Seiwald, Kjaegaard, Gourna-Douath (dal 64’ Kameri), Sucic, Okafor (dal 77’ Koita), Adamu (dal 61’ Sesko). A disp: Mantl, Walke, Van Der Brempt, Piatkowski, Simic, Diarra. All. Jaissle.

Arbitro: Lahoz (ESP).

NoteAmmoniti: 43’ Okafor. Recupero tempo: 2‘ 2T.