Forse avevamo giudicato troppo presto, forse avevamo giudicato senza aspettare i fatti. Ma le nuove cifre e le spiegazioni che ne sono seguite ribaltano completamente quanto successo nella vicenda Donnarumma e le considerazioni da noi fatte pochi giorni fa.

Donnarumma non prenderà sei milioni di Euro. Li prenderà ma pagherà una cospicua parte a Raiola. Ecco spiegato l’extrabudget. Le commissioni tanto odiate, tanto bistrattate si sono semplicemente “spostate”. Non le ha pagate più direttamente il Milan ma le ha pagate in parte con le quote “regolari”, in parte tramite stipendio più alto al giocatore che a sua volta le riversa a Raiola. In questo modo il Milan tramite canali non ufficiali ha potuto fregiarsi come “la società che non si piega a Raiola” uscendone vincente agli occhi dei tifosi. Possiamo dire una paraculata? Si. Ma una paraculata che fa morale.

Non c’è la clausola da 50 milioni. Non c’è nemmeno quella da 100. Abbiamo un “paracadute” qualora fallissimo la Champions League. In pratica è stato evitato quello che Raiola avrebbe voluto più di ogni altra cosa, la vera discriminante di tutto questo. Una via di fuga a prezzo basso. Rimane da capire se valida – come mi auguro – solo per l’estero o anche per l’Italia. Non va dimenticato, comunque, che è e rimane decisiva la volontà del giocatore.

Ha vinto Fassone che alla sua prima prova da AD navigato si è dimostrato squalo all’altezza del suo predecessore. Ha tolto di mezzo Mirabelli dalla trattativa per non indispettire Raiola e togliergli l’ultimo aggancio. Ha messo di mezzo la famiglia per far pressione su Donnarumma. Ha forzato la mano e ha evitato quello che Raiola aveva in mente da un anno, portarlo alla Juventus a zero euro. Non è un caso che nel momento in cui si sblocca la trattativa si sblocchi anche quella di Sczezny e di Neto al Valencia. La storia ricorderà i nomi dei giornalisti che si sono vergognosamente prestati al giochetto giustificando il non rinnovo il giorno dopo.

Ha vinto Fassone quindi ha vinto il Milan. Perché vi sembrerà strano ma è possibile fare dei complimenti per il risultato ottenuto senza dover schifare per forza chi è venuto prima di lui come ormai succede abitualmente da chi dice di non pensare al passato ma parla ancora di Galliani dalla mattina alla sera. Se ne facciano una ragione questi signori e la curva che con un atto di vile oltraggio e codardia ha cantato quei cori: quei due signori hanno fatto la storia del Milan e alla storia ci sono passati loro e non Baroni o Avvocati e nemmeno il loro fastidioso e petulante codazzo di contorno.

Il Milan ad oggi ha una proprietà forte. La società segue di conseguenza. Si è potuto permettere il bugdet più alto della sua storia in una sessione di mercato. Si è potuto permettere di pagare prezzi più alti del normale per i giocatori. Si è potuto permettere di non scendere a patti per le cessioni, né di cartellini, né di stipendi pagati a metà, né di buonuscite questo perché non c’è più la necessità di dover cedere ad ogni costo. Far passare che prima c’era un’idiota e ora ci sono i geni senza considerare questo è oltraggioso ma finalmente ha mostrato al mondo i repressi che eravate.

Abbiamo avuto il miglior dirigente degli ultimi 30 anni di calcio italiano, ora speriamo che Fassone diventi quello dei prossimi 30. Senza articoli o televisioni eccessivamente e fastidiosamente servili (non siamo gobbi), senza rinfacciare cose a chi non c’è più. Provateci, anche se negli ultimi anni avete basato la vostra fetta di pubblico su questo, non è così difficile smacchiarsi dal codardo oltraggio e dal servo encomio Manzoniano di cui ormai siete massimi esponenti.

Ultimo paragrafo con un grande salutone ai signori Boban e Costacurta che evidentemente desiderosi di una poltroncina nel nuovo Milan così come nel vecchio hanno continuato con la loro linea livorosa nei confronti della squadra. E hanno fatto scoprire a chi li ha definiti eroi nazionali che tali non sono. Curiosa inversione ad U dei tizi di cui sopra, chissà, magari un giorno apriranno gli occhi anche su Massimo Ambrosini….

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.