Questa volta l’hanno fatta troppo grossa. Il furto di venerdì sera ha finalmente aperto gli occhi, finalmente ricompattato il tifo milanista tutto dalla stessa parte. Le reazioni spontanee dei giocatori hanno compattato lo spogliatoio e fatto capire a tutti che c’è un gruppo dietro questa maglia, un gruppo che tiene a quella maglia più di ogni altra cosa nonostante chi, ossessionato da un closing che non arriva, questo gruppo quest’anno non è riuscito a goderselo. Mi dispiace per loro, meno per noi. 

E’ finita la pacchia: tutta italia se n’è accorta. Tutta italia si è accorta del sistema e di chi a libro paga continua a sostenerlo. Tutta italia è con Gigio Donnarumma, le sue dichiarazioni in campo e i suoi gesti fuori dal campo. Tutta l’Italia sportiva ha visto e per l’ennesima volta ha capito che così non si può andare avanti.

E allora rilanciamo un mantra che chi in questi anni ha remato contro ed ora si trova sempre più disperato, sempre più con le spalle al muro ad aizzare un muro di non-tifosi che gli appartiene e che gli sta crollando come un castello d’argilla sotto i piedi. Un gruppetto di tifosi da cui è sempre meglio, ogni giorno, rimarcare le distanze. Quello di Norimberga.

Norimberga per quei giornalisti che hanno fatto le moviole con gli occhi da tifoso, cercando un rigore che non esiste per tutto il mondo che conosce il regolamento del calcio.

Norimberga per tutti quei moviolisti imparziali con 19 squadre su 20 e a trovare sempre una direttiva, un episodio contro, una particolare interpretazione per la ventesima.

Norimberga per chi parla di devastazioni degli spogliatoi senza uno stralcio di foto, di prova, al solo fine di parlare di quello e non del furto, per farlo dimenticare.

Norimberga per i fuorigioco in vitro e gli arbitraggi scandalosi che come sempre avvengono allo Stadium.

Norimberga per quei tifosi che non prendono le distanze, non si indignano perché “hanno fatto 24 tiri e meritavamo di perdere”, primi complici del teorema gobbo sul quale si fondava calciopoli, indegni difensori dei colori che loro stessi meritano di tifare.

Norimberga per quei giornalisti che a libro paga del potente di turno hanno passato mesi, anni, a dileggiare le altre società per mettere i tifosi gli uni contro gli altri in modo che il loro padrone potesse continuare a dominare indiscusso e ora chiedono, addirittura, di abbassare i toni.

Norimberga per quei giocatori che dopo aver fatto gli antisistema in quel sistema ci passano a suon di maxistipendi e clausole pagate, rinnegando i loro stessi tifosi che li hanno difesi e gli hanno pagato lo stipendio a suon di biglietti ed abbonamenti TV.

Norimberga per chi in questo momento lascia solo il Milan che ha bisogno di noi. Vaffanculo la Juve, vaffanculo il closing, vaffanculo i tifosi del closing. C’è una squadra che non ha nulla da invidiare alle altre 19 e che lotta ogni centimetro con i propri mezzi senza regali da parte di nessuno (anzi…) e me la voglio godere fino in fondo. Quel che poi sarà fuori lo vedremo dopo.

Arriverà la rivoluzione. E sarà dolcissimo vedere le teste coronate cadere.

 

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.