Da dove partiamo? Sky Sport, da sempre feudo bianconero in quanto sua consistente fetta di abbonati, continua a mandare l’immagine del gol di Bacca con la linea del fuorigioco che viene disegnata solo quando parte il pallone. Quella corretta, mandata nel postpartita, che dimostra come Bacca sia in posizione regolare è sparita. Poi arriva la rubrica “regoliamoci“, quella che settimana scorsa ha giustificato un fuorigioco della Juventus dicendo che il cross era troppo alto che sentenzia dicendo che il rigore non è “netto ma legittimo”. Intendiamoci, di rigori ce ne possono essere quattro o cinque a partita in un calcio dove ormai ci si butta ad ogni minimo contatto in area come fosse una piscina sulla scia di Neymar. Sta a chi commenta e chi fischia evidenziarli o meno: così come si evidenzia un tuffo di Dybala che cerca il contatto con un triplo carpiato spacciandolo per rigore netto e si fa sparire un altro tutto di Deulofeu dall’altra parte – nessuno dei due era rigore ma il contatto con il nostro era molto più evidente. Puf, sparito! La regia dello Stadium è sempre grandiosa.

Le fanzine gobbe. Ok, sono senza dignità – e lo sapevamo. Certo che fa specie vedere citati i regolamenti interpretati alla lettera cercando il cavillo da chi non rispetta le sentenze ed espone un 34 impunito di fronte al proprio stadio. Prendete il rigore sotto, in Bologna-Juve 0-0: distanza ravvicinata, giusto non darlo e così via era il commento medio dei moviolisti bianconeri. E’ incredibile come il giudizio cambi radicalmente se a favore o contro.

Il resto dei giornalisti è abbastanza evidente: c’è chi ormai ha una posizione di lavoro ed una carriera consolidata (Pistocchi, Varriale ecc) ed è libero di parlare sicuro del posto. Altri sanno che se vanno contro chi comanda in Italia non lavorano più e si adeguano, supini. Fatevi due chiacchiere con qualcuno di questi, se ne avete la possibilità, e capireste la situazione. Purtroppo tutti “tengono famiglia” quindi in un caso si commenta in un modo, in un caso in un altro. Mourinho diceva che con il silenzio si è costruita calciopoli.

Non è possibile che ogni volta ci sia SEMPRE il codazzo giustificativo dei servi a libro paga. La Juventus a leggere questi signori non ha mai vinto una partita per errori arbitrali a suo favore. C’è sempre il cavillo, l’episodio che compensa 40 minuti prima o la classica giustificazione “hanno giocato meglio”. E’ una genuflessione apostolica di esseri senza spina dorsale, venduti a quel giuramento di distacco ed imparzialità del loro Ordine professionale che dovrebbe far indignare quanto e più degli episodi visti in campo.

Poi ci sono i peggiori di tutti. I “finti obiettivi”. Perché passino i gobbi, ma vedere Milanisti non protestare per quel rigore fa incazzare. Sentire leggere che “comunque loro meritavano” (come se ci fosse una correlazione tra fare la partita e meritare favori arbitrali) fa incazzare. Sentire leggere che è giusto così perché loro hanno una società e noi no fa incazzare. Vedere come questi esseri privi di una spina dorsale, di una dignità che covano rancore. Ecco, voi siete le capre peggiori di tutti: avete tradito il vostro credo in confronti di battaglie che non vi appartengono. Sparite, dileguatevi, dissolvetevi: avete tifato closing, non Milan. Avete gettato la maschera e vi siete rivelati per quello che siete. Questo Milan che lotta non ha bisogno di smidollati come voi che non lo sostengono.

Condividiamo in ogni riga l’editoriale di ieri di Mauro Suma, ultimo baluardo del vero e genuino tifo milanista. Per tutto il resto c’è solo da indignarsi e vergognarsi

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.