"Gioca lui"

La storia del Milan è il 4-3-1-2. Abbiamo sempre schierato due punte e giocheremo così anche questa sera, Cassano sarà in campo. E’ il diktat presidenziale di Galliani, ore 15 che cambia completamente i piani di Allegri per il Barcellona. Se si pensava di giocare con il 4-4-1-1 con Ambrosini, Boateng, Nocerino e Van Bommel a supporto di Seedorf solo dietro Pato, gli ordini dall’alto non si discutono, si eseguono. Cassano al Camp Nou risulterà l’unico neo di formazione, incapace di dare supporto e di rilanciare l’azione in fase di non possesso. Continuo a pensare che gli imprescindibili in questa formazione siano soltanto due: Robihno e Boateng. Non a caso finché il Ghanese è rimasto in campo il Milan al Camp Nou si è procurato le quattro occasioni più nitide della sua gara fino al famoso corner di Thiago Silva: il gol di Pato, Pato lanciato a rete fermato per fuorigioco, Pato lanciato a rete che viene chiuso perché sbaglia il controllo e Boateng che spara alto.

https://i2.wp.com/newsimg.bbc.co.uk/media/images/41705000/gif/_41705412_4_4_1_1_416.gif?resize=342%2C247

4-4-1-1: una occasione persa?

Il risultato è stato comunque quello di una difesa alta, che non voglio chiamare catenaccio o paragonarlo a quello di Mourinho per due semplici motivi: il primo è che il Milan in questa situazione ci si è trovato segnando subito e volendo mantenere il vantaggio lasciando due uomini sulla linea dei difensori mentre quello dell’Inter era premeditato, non lasciando mai nessuno in tale posizione; il secondo è che con tale formazione il Milan è riuscito a bucare due volte la loro difesa mentre Mourinho in 180′ al Camp Nou non aveva non solo mai pareggiato ma nemmeno segnato un gol con l’Inter. Se è stata una versione di catenaccio lo è stata rivedendo e correggendo gli errori lasciati dal portoghese, tanto è vero che il Barcellona ha segnato su una distrazione individuale (Zambrotta che battezza fuori il pallone) e su una punizione inesistente. Rimane comunque l’idea di una presidenza che abbia imposto dall’alto un modo di giocare (lo stesso Galliani aveva annunciato nel Week-end che il Milan avrebbe provato a fare la partita) che poi si è rivelato infruttuoso data la prestazione di Cassano. Non dico che con il 4-4-1-1 avremmo vinto la partita, ma se la fase di non possesso difficilmente poteva peggiorare con un modulo che consente maggior copertura, certamente non poteva non migliorare la fase di possesso palla togliendo dal campo il peggiore della gara. Gara sulla quale vorrei lanciare una provocazione al sig. Rosell: invece di lavorare tutta l’estate per portare un doppione di Xavi in maglia blaugrana, sarebbe stato meglio si fossero cercati un terzo difensore centrale dopo aver perso Milito (non il fratello scarso dell’inter, quello originale) a parametro zero. A dire la verità un tentativo era stato fatto chiedendo al Milan proprio Thiago Silva in cambio del via libera sull’operazione Fabregas, ma dopo l’ennesima prestazione monstre di quello che va sempre più vicino ad essere il miglior centrale al mondo, coronata dal gol del pareggio, la risposta di Galliani – tenetevi Fabregas e tutto l’Arsenal – appare sempre più appropriata.

Allora difesa a quattro?

Ma non è solo “milanello bianco” l’unico ambiente dove il presidente ama fare la formazione. Già, Moratti prima dell’impresa contro il Trabzonspor aveva imposto – tra il silenzio mediatico – una difesa a quattro poi schierata nella gara con i turchi inutilmente. Inutile specificare come tale imposizione – non tanto diversa da quella delle due punte dopo un famoso derby nel 2004 vista come sacrilegio e interferimento nei sacri affari di spogliatoio da parte della presidenza – sia stata trattata come dogma indiscutibile evitando quelle polemiche create ad hoc sette anni e mezzo fa. Inutile specificare, l’ho già detto troppe volte, come questa Inter sia figlia anch’essa di scelte sbagliate della presidenza datate maggio 2010 quando ignorando l’episodicità che portò alle tre vittorie si pensò di avere in mano la squadra più forte del mondo senza avere nemmeno quella più forte d’Italia al netto di una combine con la Lazio. L’Inter aveva in mano tre pezzi di mercato pregiati: Cambiasso, Milito e Maicon che poteva piazzare ad alto prezzo tirando un succosissimo pacco a chi li avesse acquistati (e non diciamo – chi lo avrebbe detto un anno fa, perché io e dna ne discutevamo nel post del 9 settembre 2010). Fa specie vedere come lo stesso tifoso, che definiva un anno fa proprio nei commenti di quel post Cambiasso: “una bandiera,un giocatore integro,tatticamente il migliore al mondo…” ridefinirlo ad un anno di distanza in altra sede “quasi alla canna del gas“. Lo stesso Maicon definito un anno fa “il terzino più forte del mondo che per me è nel pieno della sua maturazione” poi asfaltato da Abate e Cassani cui si è mostrato inferiore sulla fascia destra nell’ultimo campionato ma anche dalla “promessa da 25 milioni” Bale contro il Tottenham. Insomma se un anno fa “vendere cambiasso entra nella storia dei blog mondiali” oggi era forse l’ipotesi più plausibile che se praticata in quella famosa estate dove giocatori mediocri avevano alte valutazioni di mercato avrebbe risparmiato agli interisti la cessione di Eto’o necessaria per monetizzare. Eppure noi un anno fa avevamo previsto tutto, ma non ci han dato retta.

https://i0.wp.com/www.ilsussidiario.net/img/ANSA/gasperini_R400_22giu11.jpg?resize=311%2C215

"Dai che con 4 dietro non perdiamo!"

Oggi gli interisti sono tornati a chiedere la testa di allenatori che non hanno colpe per la pochezza della rosa a disposizione – vista comunque da qualcuno (ricordate il post sul Milanista incontentabile?) ancora superiore alla nostra – e a lottare su un altro fronte a difendere uno scudetto – simbolo di un periodo florido ottenuto con l’inganno che forse mai più tornerà – che non gli appartiene citando come arma di difesa improbabili prescrizioni a cui ha rinunciato la Juventus nei casi doping (e mi chiedo – nel caso – loro vogliono rinunciare alla prescrizione per essere onesti o essere come la squadra bianconera che disonestamente – a loro dire – non l’ha fatto? – a naso direi la seconda). Un anno fa Moratti parlava della sua Inter come il nuovo Barcellona, è riuscito, grazie a una serie di scelte una più sbagliata e sconsiderata dell’altra a trasformare ancora il nuovo Barcellona: nella cara vecchia Inter.

Comunicazione di servizio. Dato lo scarso successo degli ultimi post, la rubrica storie di Calcio viene definitivamente soppressa.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.