Non ci sarà, ormai lo sappiamo tutti. E a mio parere è un fatto positivo. L’infortunio ha fermato Inzaghi più di quanto abbia fatto il gol di Raul contro l’inter in un inseguimento al record che ormai aveva stufato i tifosi rossoneri.

Mi ero già espresso contro il rinnovo di contratto a un giocatore ormai all’alba dei 38 anni, forse un anno in più di carriera regalato a chi doveva finirla tra gli applausi di tutti con la doppietta al Real Madrid. Egoistico rinnovare a mio parere per la sola ragione del “record”, costringendo peraltro Paloschi ad andare a giocare a Verona e bloccando l’inserimento di un giovane.

Guardiamo in faccia la realtà: Inzaghi è il quinto attaccante della rosa, avendo davanti Ibrahimovic, Robinho, Pato e Cassano e nella lista ci vanno da sempre in quattro (ed è stato proprio l’acquisto del barese a gennaio a buttarlo fuori dalla lista). Da un punto di vista tecnico è una decisione ineccepibile. Così come lo è l’inserimento dei “vecchi di centrocampo”, che a differenza di Inzaghi possono garantire più gare ad alti livelli e sono difficilmente rimpiazzabili sul mercato data l’impossibilità di disporre di giocatori più forti a poco prezzo.

Rimane quindi solo da convincere qualche romantico che lo voleva in campo a tutti i costi, magari lo stesso romantico che si scaglia contro i senatori a centrocampo, il permalosetto, quello con la puzza sotto il naso. Lo stesso a cui schifava un anno fa farsi prestare un giocatore dal Genoa per comprarlo un annata dopo e che ora ha magari nella propria camera maglia o poster di Boateng. Ma se ne farà anche una ragione, mentre sale e scende dal carro di turno.

Ah Raul si metta anche lui il cuore in pace. Il record sarà presto di Leo Messi.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

29 Comments

  1. “Il record che ormai aveva stufato i tifosi rossoneri”, secondo me aveva stufato solo te e qualche altro ingrato!
    Io sono orgoglioso di avere un giocatore come Pippo Inzaghi nelle mia squadra.
    Sono 3 anni che alcuni “tifosi” vogliono mandare in pensione Pippo e puntualmente Pippo ci leva le castagne dal fuoco quando è necessario.
    Non è un discorso di romanticismo, il fatto è che, anche a 38 anni, Pippo “vede la porta” e “fiuta il gol” come nessun altro.
    Adesso dirò un’eresia e tutti vi straccerete le vesti ma, ad esempio, uno come Pato, che alterna periodi (non così frequenti) ottimi a periodi di buio assoluto, ha solo da imparare da Pippo Inzaghi in termini di lucidità mentale e freddezza sotto porta.. merce rara e più che mai utile in partite “dentro o fuori” come sono quelle di Champions.
    Per piacere…

  2. anche second me..
    a quanto è arrivato già?
    pensavo ad una trentina, wikipedia dice 37 (in 57 gare)…

    gli dò ancora 4 anni, massiamo 5 x superare i due nonnetti…

  3. @ale
    Intanto benvenuto.
    Ho capito ma a 38 anni? Quanto può dare a 38 anni ancora?
    La partita di Inzaghi era probabilmente una, la quarta. Dato che la prima la salta per infortunio e che contro le due piccole in europa non segna dato che assomigliano più a gare di campionato.
    Se vuole fare sto record del cavolo se ne vada a giocare da qualche altra parte in UEFA come ha fatto Raul dove può trovare spazio. Inzaghi non ha più niente da dare a questo Milan.

  4. stra quoto Ale…poi se Allegri non lo voleva si doveva opporre al suo rinnovo….in ogni caso ha toppato. Rinnovare ad Inzaghi per non metterlo in lista champions è ridicolo

  5. la penso come Alex…poi se Allegri proprio non lo voleva doveva opporsi al suo rinnovo…

    in ogni caso ha toppato

  6. scusate non mi aveva preso il primo commento

  7. Inzaghi o lo rinnovi o non lo rinnovi…poche seghe…

    Le cose o si fanno o non si fanno…

    Cazzo, hai fatto la scoperta del Giaconi!

    io benché onestamente abbia sulle scatole il modo d’ intendere il calcio di Allegri non l’ ho mai attaccato una sola volta cosi per fare.

    Eh si certo! Anche le marmotte incartano la cioccolata!

  8. Ecco, un post di otelma con cui sono d’accordo!

    Dna, le opposizioni di Allegri sui rinnovi, nel Milan non valgono! Lo dimostra l’intervista di qualche giorno fa a Pirlo: se silviolo vuole rinnovare, si rinnova. Non ci sono discussioni!
    Perciò lui usa i giocatori che gli mettono a disposizione!

  9. tuttavia non l’ ho mai criticato tanto per fare….se non ti torna mi trovi qualche mio commento in cui secondo te l’ ho criticato senza motivo e ne discutiamo

  10. baresi6persempre 5 Settembre 2011 at 17:46

    Il problema è che Pippo nella partita secca, anche se gioca 20/30 minuti, è sempre determinante. La doppietta con il Real, vorrei ricordare a tutti, a conti fatti ci è valsa il passaggio del turno. Come Seedorf, è uno che in campionato non serve quasi più ma, in Champions, è uno a cui non rinuncerei mai.
    Non doveva inserirlo per riconoscenza, doveva inserirlo perchè l’avrebbe schiaffata come al solito.
    Quoto e straquoto Ale sul discorso di Pato. Da Pippo potrebbe imparare rapacità e professionalità.

  11. Il 4 ed il 5!
    Gli dai sempre colpe che non ha!

  12. cazzate….se gli fa tanto schifo il fatto che qualcuno prenda le decisioni si dimetta…siccome ci sta bene a fare il para fulmine per gli altri se ne prenda le colpe e le responsabilità del caso…del resto guadagna abbastanza anche per prendersi colpe non proprio sue…non glielo ha mica ordinato il dottore di stare al milan

  13. Le cazzate son le tue!
    Se non ha colpe, per quale motivo si deve accollare quelle non sue!

    Quindi:

    se non ti torna mi trovi qualche mio commento in cui secondo te l’ ho criticato senza motivo e ne discutiamo

    Eccone un altro!

    Ps: si dice parafulmine!

  14. io dico che poteva farsi sentire di più e dire chiaramente al capoccia che non rientrava nei piani e sentire cosa questo ne pensava

  15. Ma chi cazzo te lo dice che non lo abbia fatto?
    Ma guarda che sei proprio buffo eh!

  16. Il problema è che Pippo nella partita secca, anche se gioca 20/30 minuti, è sempre determinante. La doppietta con il Real, vorrei ricordare a tutti, a conti fatti ci è valsa il passaggio del turno

    Era. Non è
    La doppietta col Real ha portato un punto. A conti fatti una sega, per il semplice motivo che si sarebbe vinta facile la gara regalata con l’Ajax.

  17. baresi6persempre 5 Settembre 2011 at 20:22

    No caro Diavolo. E’ non era. Tu dici che si sarebbe vinto con l’ajax ma con i sarebbe sai quante cose potrei contestare? Se non avessimo vinto 4-0 con il Deportivo ma solo 2 o 3 non saremmo andati li belli tranquilli e si sarebbe passato il turno facile.
    Comunque sempre per sottolineare l’importanza di Pippo in Champions ti ricordo la doppietta in casa del Marsiglia anche quella fondamentale ai fini del passaggio del turno.
    Il problema è che si tende a bollare gli over 30 quasi tutti come bolliti e finiti e tutti gli over 35 come inutili senza capire che ci sono sempre le eccezioni. Nell’ultima finale di Champions hanno giocato un 41enne e un 38enne che, sconfitta a parte, erano stati tra i migliori giocatori di quel torneo.

  18. Ma voi pensate che questo Inzaghi possa oggi fare la differenza in CL ancora? Io no.
    Inzaghi è il passato. Un buon passato, ma bisogna pensare al futuro. L’errore è stato rinnovargli il contratto.
    Con l’Ajax abbiamo giocato con le riserve. Che si sarebbe vinta è fuori di ogni dubbio.
    I 4 attaccanti migliori sono Pato, Ibra, Cassano e Robinho. E vanno fatti giocare quesi. Non ritengo che Inzaghi possa fare più la differenza.

  19. Inzaghi è finito? Probabile, possibile.
    Ma per piacere non facciamo revisionismo. Il calcio è anche emozione e quella doppietta al Real, a livello di emozioni, vale 10 vittorie all’Ajax. Quella sera ero allo stadio e quella mezzora rivoltò la squadra, la metto tra i ricordi più belli.

    E’ solo questione di forma fisica: chi pensa sia finito, appoggi l’esclusione. Chi pensa che si regga in piedi, la contesti. Tutto il resto è noia.

  20. Diavolino sei posseduto dallo spirito di un imbecille?

    Ci rendiamo conto che stiamo criticando Inzaghi, uno che con il “suo record del cazzo” ci ha fatto vincere dei trofei.

    DOV’ERAVATE VOI LA SERA DI ATENE QUANDO PER DUE VOLTE LA METTEVA DENTRO, A 34 ANNI , E CACCIAVA NEL CULO LO SCUDETTO ALLE MERDE, EH??

    Visto che qualcuno ha tirato in ballo mister ciabatte, perchè non gli dite stai zitto e gioca quando servi, e invece ce lo troviamo sempre in campo. Il signor Seedorf in quanto a professionalità dovrebbe solo imparare da Alta tensione, così come i quattro davanti a lui nelel gerarchie dovrebbero imparare il suo fiuto del goal, anche il signor pato, che stimo tanto

    Se solo inzaghi avesse 10 anni di meno non avremmo bisogno ne di Pato, ne di Ibra ne di nessun mister X o Y

  21. È noia anche questa discussione oramai!

  22. Bene, non li ha quei 10 anni in meno e nessuno sta criticando Inzaghi!
    Si sta solo dicendo che non è stata un’eresia lasciarlo fuori a 38 anni per far posto agli altri quattro attaccanti che abbiamo!
    Ma quanto la fate lunga!

  23. milan dominat hai parlato come fosse la sacra bibbia.ti straquoto.w pippo e la gente come lui che ci ha fatto vincere in tutti questi anni.gattuso compreso.

  24. baresi6persempre 5 Settembre 2011 at 20:50

    Il discorso non è farla lunga perchè Inzaghi è stato escluso. Il nervoso sale quando vedi commenti che in sostanza dicono che Pippo è inutile xkè vecchio, che Pippo deve stare zitto e non rompere i coglioni, che doveva ritirarsi dopo Madrid e via discorrendo.
    Uno ha il diritto di ritirarsi quando vuole, anche a 45 anni, se si sente in forma e se qualcuno lo scrittura. Pippo ha avuto il rinnovo e, infortunio al polpaccio a parte, si sente in forma. Se poi Allegri lo ha voluto escludere padronissimo di farlo, ma che non si rompano i maroni a Inzaghi perchè giustamente è rimasto molto deluso e innervosito da questa decisione.

  25. Beh, non si devono neanche rompere i coglioni ad Allegri, se invece in forma non lo vede e lo esclude dalla lista cempions!
    Non si deve rompere i coglioni a chi gli chiede di evitare, a 38 anni suonati quasi 39, di polemizzare sulle scelte dell’allenatore!
    Non si devono rompere i coglioni a quei tifosi, sempre grati ad Inzaghi ed a tutti gli altri che hanno fatto grande il Milan, se non sono tanto dispiaciuti per queste scelte!
    Si sa che possono essere dolorose, si devono fare e il numero da inserire è limitato.
    Ma di cosa stiamo ancora a parlare? secondo voi, chi dei quattro avrebbe dovuto lasciare fuori?

  26. Sono le scelte, che possono essere dolorose!

  27. baresi6persempre 5 Settembre 2011 at 21:16

    Come ho detto Allegri è padronissimo di lasciarlo fuori visto che non lo vede in forma.
    Non mi sembra ci siano state dichiarazioni ufficiali di Inzaghi ma solo presupposizioni riportate dai giornalisti.
    I tifosi sono liberissimi di non essere dispiaciuti ma non trovo corretto attaccare Inzaghi sulla base di niente.
    Chi avrebbe dovuto lasciare fuori? Sinceramente io avrei escluso Bonera… cinque difensori centrali mi sembrano eccessivi…

  28. Come spiega otelma nel post, si sono sempre portati 4 attaccanti.
    E poi, si vede che Allegri, non pensa che siano troppi cinque centrali difensivi! Che poi, Bonera può fare anche l’esterno!

  29. DOV’ERAVATE VOI LA SERA DI ATENE QUANDO PER DUE VOLTE LA METTEVA DENTRO, A 34 ANNI , E CACCIAVA NEL CULO LO SCUDETTO ALLE MERDE, EH??

    La sera di Atene era 4 anni fa.
    Piacerebbe anche a me se Seedorf e Nesta fosssero quelli del 2003, Kakà quello del 2007 e Sheva quello del 2004.
    Ma il tempo passa per tutti

    Uno ha il diritto di ritirarsi quando vuole, anche a 45 anni, se si sente in forma e se qualcuno lo scrittura.

    Ecco appunto, ma non dobbiamo essere per forza noi a farlo giocare.
    Un conto è la gratitudine ma in questo momento la posizione di Inzaghi e quella di Seedorf pari sono.

Comments are closed.