82 i punti conquistati dal Milan. Gli stessi dell’ultimo scudetto, 2003/04 seppur con quattro giornate in più. Stessi anche i gol fatti (65) e quelli subiti (24).

53 i punti conquistati da Leonardo nella sua cavalcata trionfale verso la remuntada fallita per una media di 2,30 punti a partita. 55 i punti conquistati da Allegri nelle stesse partite (chi volesse più informazioni consulti il post sulla famosa media punti di Leonardo) con una media di 2,39. Questo ci dice che non esiste nessun effetto Leonardo, semplicemente il calendario del brasiliano era nettamente più facile senza le trasferte di Palermo, Verona, Roma (doppia) e Lecce campi su cui sono cadute molte grandi. 1,80 punti/partita infatti la media di Allegri nelle altre 15 gare quelle in cui Rafa Benitez raccoglie 23 punti, con una media di 1,53 punti/partita.

la posizione del Milan in entrambi i gironi: andata (40 punti) e ritorno (42 punti) segno di regolarità.

24 i gol subiti dal Milan in questo campionato. Record del torneo a 20 squadre a parità con la Juventus 2005/06 e il Modena 1946/47

15 i gol di differenza con la seconda miglior difesa, quella della Lazio. Mancato di uno il record della fiorentina 1955/56 che prese 16 gol in meno dell’inter. Ma nell’era moderna registriamo i 13 gol incassati in meno del Milan rispetto al Napoli nell’87/88. Quello che ha fatto questo Milan è comunque impensabile.

1 il cartellino giallo subito da Thiago Silva in questo campionato, in occasione dell’1-1 a Genova, alla 24° giornata, onde ricordare quanto questo difensore sia anche e prima di tutto un giocatore corretto oltre che forse, ora, il migliore al mondo. Vi ricordate quando entrò in diffida l’anno scorso? Bene a partire da quel momento quella è diventata l’unica ammonizione presa in 50 gare di campionato disputate. 3 invece le ammonizioni di Nesta, tutte nel finale di stagione.

12 dei 24 gol subiti in campionato sono in partite in cui ha giocato Bonera. Vi basta? Solo 7 quelli subiti quando ha giocato Yepes.

14 i gol segnati da Pato, Ibra e Robinho in questa stagione in campionato, 3 i gol su rigore dello svedese. Tutti e tre “capocannonieri” della squadra.

23 su 38 le giornate in cui il Milan non ha subito gol, i “clean-sheet” come amano chiamarle in inghilterra.

6 i punti di distacco alla fine tra Milan e Inter. Questo a significare l’importanza dei due derby, ma attenzione, levando quelli il Milan avrebbe sempre 9 gol di vantaggio di differenza reti. Quindi attenzione a dire che hanno fatto la differenza.

12 i punti in più del Milan rispetto alla scorsa stagione, 6 quelli in meno dell’Inter, 11, 22 e 20 in più per Napoli, Udinese e Lazio. Livello quindi alzato, in particolare quello rossonero ha fatto la differenza. L’inter è rimasta la stessa per rosa e punti, eccetto quelli dei due derby persi contro una squadra superiore che l’anno scorso non era presente.

1 la presenza di Legrottaglie contro la Lazio. Tanto basta no?

6,31 la media di Abbiati secondo la Gazzetta dello sport che conferma Julio Cesar come il portiere migliore del campionato, evidentemente necessitando di un paio di occhiali, specie per chi continua a spacciarcelo come il numero uno del mondo, quando nei top 11 Fifa e Fifpro da 4 e 5 anni rispettivamente troviamo sempre tra i pali Iker Casillas.

0 gli scudetti di Cartone nella nostra bacheca. Questo ci teniamo sempre a sottolinearlo. Vero Gerry?

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.