seedorfSiamo al limite della follia tendente alla demenza. Non trovo altre parole per descrivere la situazione societaria in questo momento e la gestione del caso Seedorf ne è al dimostrazione. Ingaggiare un allenatore alla prima esperienza per poi bocciarlo dopo poche sconfitte oltretutto con una squadra non allestita nè tanto meno preparata da lui è pura assurdità.

Se tutto va bene Clarence e il Milan si separeranno a Giugno, altrimenti in caso di ulteriori sconfitte con Lazio e Fiorentina ( due sfide non esattamente facili) la rottura potrebbe avvenire già da subito in favore di un Tassotti traghettatore, in attesa del prescelto, Pippo Inzaghi. Molti sono stati i motivi che hanno portato a questo “punto di rottura” e non mi soffermerò qui a ripeterli visto che ci sono stati enumerati più volte, ma quello che realmente ha scaturito tutto questo è possibile riassumerlo con le parole che il Mister ha pronunciato durante un incontro con gli ultras: Non mi fido di questi calciatori, non sono da Milan. A fine stagione cambio trequarti della rosa. Difronte a queste parole non c’è Seedorf che tenga.

L’olandese ha infatti esplicato al meglio il pensiero del tifoso odierno rossonero, ovvero che la maggior parte dei calciatori che indossano la maglia del Milan attualmente non la meritano, perchè non sono degni di rappresentare la storia gloriosa che quella maglia rappresenta e non sono in grado di sopportarne il peso. Un’affermazione del tutto inattaccabile ma che nella sua semplice verità ha toccato un nervo scoperto e dolente da alcuni anni a questa parte: quello del portafoglio. Della gestione di Balotelli,, del giocare con una punta o due o degli allenamenti mal organizzati al sig. (ex Cav.) Sivlio Berlusconi poco importa , ma guai a dirgli di mettere concretamente le mani nel portafoglio , visto che un progetto ambizioso come quello di Clarence andrebbe finanziato e non poco. Voci recenti lasciano trapelare la possibilità che Berlusconi abbia dato mandato ai suoi legali (nel loro pochissimo tempo libero, s’intende) di considerare ogni possibile opzione in vista di una risoluzione anticipata del contratto condita da un corposo dossier mirato ad avviare un procedimento di licenziamento per giusta causa, in modo da addebitargli tutti quegli episodi negativi che hanno contribuito a ledere l’immagine del club, oltre al danno economico ( leggasi: eliminazione dalla Champions).

Insomma sono bastate poche settimane a Seedorf per passare da pupillo presidenziale a zimbello presidenziale. Altra notizia del giorno, il Milan denuncia 35 tifosi dopo i fatti della partita contro il Parma per istigazione a delinquere e minacce aggravate. Dio, quanto mi manca la Fossa dei Leoni.

Posted by Angelo Raffaele Torre

Responsabile dei LIVE ed editorialista. @RaffoTorre on Twitter

17 Comments

  1. Che Clarence Seedorf sia in bilico é solamente una gigantesca puttanata messa in giro da ambienti Gallianiani.

    Si è partiti con la sacrosanta contestazione al pelato, lui era con le spalle al muro, ma è riuscito a spostare i riflettori su Clarence con l’aiuto dell’ESERCITO DI ADRIANO, di cui voi – merde – fate parte.

    E ora addirittura fa il salvatore della patria nel ruolo di tutor. Purtroppo il potere mediatico di G lo rende ancora un avversario tutt’altro che morto. La battaglia sarà ma il bene trionferà.

    Ma leggere voi ormai è diventato peggio di vomitare cacando.

  2. “Gallianianisemper”.

  3. Abbiate la decenza di cambiare nome, non è possibile che un nome scelto da me sia associato alla merda che siete diventati.

    Venendo a discorsi di campo: il pallone d’oro Taabab verso la panchina, ahahahahah, pensare che una manica di minchioni si scappellava come se fosse Gareth Bale.

  4. purtroppo a livello calcistico la macchina del fango di Galliani è potentissima.. se poi aggiungi gente come Bombonera, Abbiati e merda varia che, pur di strappare un altro contratto, rema contro chi ha esplicitamente detto che vuol cambiare più della metà della squadra si arriva alla conclusione che Seedorf, il Professore, si trova in discussione dopo due mesi e con una squadra non costruita da lui.

  5. Si poteva benissimo immaginare che saremmo arrivati a questo punto. Soltanto i poveri deficienti non si sono accorti che la squadra è stata costruita alla cazzo di cane e con la cacciata di un allenatore in confusione, si doveva assumerne uno con controcazzi fino a giugno, che ci portasse alla tranquilla salvezza, senza scazzare con assurdi esperimenti. Invece, “non-allenatore” culonio, se fosse stato davvero furbo, avrebbe accettato l’incarico per la prossima stagione, pretendendo una campagna acquisti decente e specifica per il gioco che ha in mente. Invece vi divertite a scaricare le colpe su uno o sull’altro, seguendo la nuova politica di una società diventata ridicola e con una proprietà menefreghista che non sta certamente pensando al bene del Milan. Da anni ormai!

  6. Sadyq, amico mio, fino a che non si è scatenato il terremoto attorno a Galliani, nessuno (se non qualche sparuto minchione) aveva mai messo in discussione la permanenza di Seedorf.

    Seedorf era estraneo da tutti i discorsi.

    Poi arrivano le critiche a Galliani, due giorni di bombardamento su quella merda di dirigente, poi una bella mattina che succede? Succede che STRANAMENTE nell’occhio del ciclone ci finisce Seedorf, i giornali lo danno per spacciato, nessuno parla più di Galliani che, anzi, rientra nelle vesti di TUTOR.

    Fattele due domande… perchè nel giro di una notte il colpevole è diventato Seedorf?

    Perchè lo stronzo ha fatto una telefonata all’ESERCITO DI ADRIANO, i suoi giornalisti prezzolati che hanno prontamente messo a tacere le critiche al RE DEL MERCATO e hanno iniziato a picchiare duro su Clarence.

    Clarence che è nelle sabbie mobili: o parla bene del geometra o verrà massacrato dalla macchina del fango di G.

    Doveva fare come Sogliano, cioè rifiutare di entrare in contatto con cravattagialla. Lasciarlo andare a picco con i Bronzetti e i Diavolini di corte che suonano la musica.

  7. Dopo Milan-Parma il bersaglio era su Galliani, contestato dalla curva.

    Perché a metà settimana il mirino è finito su Seedorf?

    Cos’è successo?

    Cos’è cambiato?

    Si sono giocate altre partite?

    Mi son perso qualcosa?

    Abbiamo perso ancora?

    Mi sembra strano che nel bel mezzo di un processo, cambi l’imputato da un giorno con l’altro.

    Cos’altro deve succedere prima che apriate gli occhi?

    Che Galliani vi trombi la mamma e vi rubi la macchina?

    1. Diavolo1990

      Io vorrei capire anche perché era andato su Galliani. E’ successo che c’è Berlusconi può pagare curve, giornali ma la sua macchina del fango non funziona più.

      PRESIDENTE BOCCIATO, ASSENTE INGIUSTIFICATO

  8. Ecco bravo, hai comimciato a fartele tu, le domande. Adesso pensa a quanto sia stato semplice finora, al Milan, fare lo scaricabarile delle colpe e chiediti chi può essere il primo parafulmine utilizzato da ad e proprietà! È chiaro che la colpa è sempre di qualcun altro e loro devono uscirne puliti!
    Resta il fatto che culonio ha azzardato troppo per uno nelle sue condizioni. Io non riesco nè posso giudicarlo come allenatore, ma non si è saputo vendere. Ha avuto troppa fretta!

  9. Il mirino è finito su Galliani perchè è lo stronzo che presenta Honda in mondovisione prendendo per il culo tutti noi, è lo stronzo che per due partite prende il cadavere di Essien come se Mourinho avesse scritto scemo in fronte, è lo stronzo che spende 8 milioni per Constant, 12 per Matri, 8 per Zapata, che mantiene Traorè, Nocerino, Zaccardo, Coppola, è lo stronzo che da 3 anni dice che DOBBIAMO SFOLTIRE LA ROSA PER ARRIVARE A 25 GIOCATORI COMPRESI I PORTIERI e poi ci ritroviamo sempre con più di 29 giocatori.

    Insomma, è lo stronzo che amministra un capitale in linea con i tempi in maniera a dir poco vergognosa.

    Ma tutte queste cose le sappiamo, è inutile ripeterle.

    Quello che c’è di nuovo è che questo stesso stronzo ha deviato decine di titoli di giornali che lo riguardavano su una persona che è al Milan da due mesi. Tutti i giornali e le tv hanno fatto inversione a U nello stesso momento.

    Porcaputtana dai, ha fatto tirare fuori la storia delle omelette, ci rendiamo conto?!?

    1. <3

  10. Duole ammetterlo, ma Seedorf è tenuto per le palle da Galliani. Oggi ha fatto la conferenza con la pistola alla tempia, o leccava il culo al merda o altrimenti i giornalisti amici del geometra l’avrebbero ricoperto di merda sui giornali.

  11. La storia della omelette non la conosco.
    Comunque, se tutti si sono accorti che sta amministrando male e che sta sperperando i soldi a disposizione in cazzate, ma chi cazzo sarà l’unico demente che ancora non se n’è accorto? Perché un tale inetto deve ancora stare al suo posto?

    1. E’ il ragionamento che infatti dovrebbe andare per la maggiore.

      Ma come puoi vedere, tutti alla proprietà rinfacciano lo scarso portafoglio.

  12. E’ semplicemente folle mettere in discussione Clarence dopo averlo supplicato di salvare una situazione di emergenza. Se si voleva un allenatore per l’immediato per tamponare la situazione si doveva puntare su altri, Clarence ha bisogno di tempo per poter lavorare per ottenere dei risultati,. Non e’ diventato un cretino tutto in un colpo.

  13. LPF posso farti gentilmente notare che pochi giorni fa ti feci notare che in caso di contestazioni quelli che ci avrebbero rimesso di più sarebbero stati i nostri Barbara Berlusconi e Seedorf?

    Purtroppo la mancanza di strategia di tifosi come te è lampante e fa più danni perfino di Galliani.

    In questa fase qualunque contestazione sarebbe stata dannosa. Te lo avevo detto e ripetuto quando avevi preso l’ ennesima tangenziale ed avevi attaccato ad offendere tutti come tuo solito.

    La tifoseria sarebbe dovuta starsene zitta e buona fino a fine stagione. Avrebbe dovuto evitare pressioni a Seedorf dirette ed indirette (che ovviamente Galliani gli avrebbe girato), avrebbe dovuto far lavorare la società tranquillamente su stadio e fondi d’ investimento vari e sulle strategie di mercato e poi a fine stagione nel caso, avrebbe dovuto riempire di email Barbara e la stessa proprietà.

    Così non avete fatto, anzi gente come te voleva inasprire ancora di più i toni e questi sono i risultati.

    Lo capisci o no che le cose si fanno in silenzio, dietro le quinte con intelligenza e senza baruffe da piazza?

Comments are closed.