S.S. Lazio v AC Milan - Serie ADomenica 23 marzo, ore 20.45, Stadio Olimpico. Trasferta a Roma per il Milan di Clarence Seedorf, contro i biancocelesti della Lazio.

Le due squadre probabilmente più sottotono del campionato rispetto alle previsioni -insieme all’Udinese- si affrontano in una gara ormai di poca importanza, se non per la Lazio che potenzialmente, a meno che la Fiorentina non si faccia scavalcare arrivando fuori dalle 5, può ancora puntare alla qualificazione in Europa League. Per il Milan fermo a 35 punti, l’unico obiettivo ancora in ballo è evitare gli odiosi preliminari di Coppa Italia che spettano alle squadre dalla nona in poi. Il Verona ottavo e in piena crisi è a quota 40, poco sotto la stessa Lazio a 41.

Sul piano dei risultati, la Lazio del rientrante Reja ha vinto 3 delle ultime 5 partite, il tutto dopo aver pareggiato il derby con la Roma. Per il Milan invece 3 sconfitte consecutive, arrivate dopo i successi con Bologna e Samp. Il re dei subentri a metà stagione ha riportato la Lazio in una buona posizione con 21 punti in 11 partite, ma ha dovuto scontare un’eliminazione dall’EL contro la rivelazione Ludogorets. 4-3-3 per il tecnico di Gorizia, con: Berisha; Konko, Biava, Dias, Radu; Gonzalez, Ledesma, Biglia; Candreva, Keita, Klose. Solito 4-2-3-1 invece per il Milan e per Seedorf, con: Amelia; De Sciglio, Rami, Zapata, Constant; De Jong, Muntari; Poli, Kakà, Taarabt; Pazzini. Ballottaggio tra il Pazzo e Balotelli in attacco, si rivedono Zapata e Constant, con Amelia in porta al posto dello squalificato Abbiati.

Dopo le gare del sabato Torino-Livorno e Chievo-Roma, la domenica offre le sfide probabilmente più interessanti. Dopo l’anticipo dell’ora di pranzo Parma-Genoa, alle 15 derby nerazzurro tra Inter e Atalanta, accompagnato da una sfida salvezza a distanza: Bologna-Cagliari e Udinese-Sassuolo completano il pomeriggio di A insieme a Sampdoria-Verona. Alle 18.30 antipasto della finale di Coppa Italia, con Napoli-Fiorentina; la sera, Catania-Juventus (ovviamente preferita da Sky per il canale-ammiraglia) insieme a Lazio-Milan. Basta con la solita menata conclusiva sull’onore da riconquistare, che obiettivamente -dopo tutte queste sconfitte- ha stufato e forse portava anche un po’ di sfiga; qui c’è solo da vincere unicamente per fare tre punti e uscire dalla crisi. Al risultato grosso ci penseremo l’anno prossimo, ora tocca riprendersi dal punto di vista mentale e di forma.

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014

6 Comments

  1. Volevo dire al mio amico Sadyq, riprendendo il discorso di ieri, che secondo l’obiettivo di Seedorf è quello di far emergere la scarsezza di questa rosa indegna per cercare di convincere cravattagialla che questi fanno cacare.

    Perchè, se ricordi, appena abbiamo messo in fila qualche partita decente, quel bastardo è saltato fuori con le sue assurde statistiche dicendo che la rosa è buona e sarà la base per l’anno prossimo.

    Secondo me ha senso far emergere l’indaguatezza di gran parte dei giocatori mettendoli a disagio. Dovrebbe essere lampante, ma per il pelato e i suoi adepti evidentemente non lo è.

    Fossi allenatore del Milan, anche io avrei come obiettivo quello di mostrare a tutti quanti quanto i vari Honda, Essien, Constant, Ramì, Bonera siano dannosi.

    Purtroppo il piano si sta rivelando più complicato del previsto e rischiamo di ritrovarci senza Seedorf e con Honda stra-confermatissimo.

  2. Ma guarda che non c’era bisogno che si sforzasse molto! Per mettere in evidenza una rosa di merda, non serviva nemmeno che mettesse in campo una formazione come stasera! Ce ne eravamo gia accorti tutti ….. insomma, …. tranne uno, e i bucmechers!
    Poteva affidarsi ad un roccioso 442 ad esempio, scegliendo quelli più adatti e l’anno prossimo, chiedere quelli giusti per le idee che ha in testa!

  3. LPF dammi retta. Se proprio vuoi pianificare per il bene del Milan, butta giù una bozza e poi fattela sistemare bene da qualcuno bravo un tantino più lineare di te nei ragionamenti. Poi prima di buttarla giù, prenditi quei 7-8 giorni di tempo per pensarci e dormirci su con calma.

    Sennò rischiamo di dover fabbricare una bomba atomica appositamente per “risolvere i problemi del Milan”

  4. Sadyq, purtroppo quell’uno e quello dei bookmakers negano anche l’evidenza. Cosa vuoi costruire con questi? Andrebbero venduti praticamente tutti!

    Io li manderei allo sbaraglio.

  5. Cantera fatti le seghe su un altro gran partitone di Honda. E anche Ramì ed Essien.

  6. Togli Essien e lascia Taarabt ed è da orgasmo

Comments are closed.