Ve li ricordate?

Ve li ricordate?

Non è bastato nemmeno il pareggio con il Chievo a convincere i quadri dirigenti del Milan ad allontanare Max Allegri dalla panchina o meglio a decidere di pagargli la sontuosa buonuscita che gli è stata promessa a momento dell’ingaggio. La squadra dunque ha affrontato l’amichevole con lo Young Boys (vinta 3-1 con gol di Kakà, Cristante e Saponara) e la partita di Campionato contro il Genoa, con lo stesso allenatore che parlava dopo il pareggio a Verona con la stessa calma di uno che aveva appena fatto risultato al Bernabeu.

Si cercherà di salvare il salvabile a Gennaio con qualche innesto, Honda e Rami già sicuri, e poi a Giugno si parla di rivoluzione con Seedorf in panchina fortissimamente voluto da Silvio Berlusconi, che se fosse stato per lui lo avrebbe già preso già quest’estate. Le voci in proposito sono contrastanti: alcuni dicono che Galliani abbia ostacolato l’arrivo dell’olandese perché impegnato in una strenua difesa di Allegri, convinto che quest’ultimo potesse dare ancora molto al Milan, altri invece sostengono che la scelta di far rimanere “Acciuga” al suo posto sia stata solo una scelta tattica dovuta al voler conservare Seedorf in modo da non bruciarlo subito. Per quanto queste possano essere entrambe valide motivazioni quella che ha fatto propendere per la permanenza di Allegri è stata senza dubbio quella economica e questo sinceramente mi preoccupa: se per il bene del portafoglio abbiamo mandato a donzelle allegre una stagione con quali criteri si rifonderà una squadra addirittura rivoluzionandola? Il “se non entra nessuno non esce nessuno“? Chi si prenderà i vari Constant, Muntari, Zaccardo, Emanuelson e tutta l’altra gente che sicuramente non è degna di indossare gli storici colori rossoneri?

Ultime notizie parlano di una Galliani pronto a lasciare il ruolo di amministratore delegato per andare ad ingrossare le file della nascente Forza Italia 2.0, pronto ad acquistare senatori a parametro zero. Battute a parte mi sembra solo una sorta di contentino per una persona che ormai si è deciso di allontanare da quello che da quasi trent’anni è il suo lavoro ma senza deteriorare i rapporti o evitando che qualcuno della concorrenza ne approfitti. Infine menzione speciale per la CURVA SUD che dopo mesi di silenzio e dopo aver preso anche le parti di Allegri schierandosi inevitabilmente contro la proprietà ha deciso di svegliarsi per chiedere il licenziamento del livornese e promette battaglia in caso di mancato risultato con il Genoa. Un “meglio tardi che mai” è quantomeno scontato in questo caso.

Posted by Angelo Raffaele Torre

Responsabile dei LIVE ed editorialista. @RaffoTorre on Twitter