Per l’angolo del tifoso, riceviamo e pubblichiamo per voi un’altra lettera inviata alla nostra email rossonerosemper@gmail.com.

lettera2Sono giorni che ci rifletto. Ma non ho mai, causa esami, avuto il tempo di scrivere. Sono giorni che leggo e sento i commenti e le opinioni dei tifosi del Milan in giro per i vari media, e mi sono onestamente rotto i coglioni.

Mi sono rotto i coglioni di gente che rema contro, sempre e comunque, qualunque cosa si faccia, solo per partito preso, senza uno straccio di argomentazione, senza un minimo di ragionamento. Va tutto male perchè lo scrive la Gazzetta, perché lo dicono le fanpage su Facebook, perché lo dice l’urlatore della domenica.

Mi sono rotto i coglioni di quelli che se Tevez va alla Juve è un fenomenale attaccante da 25 gol a stagione, che farà fare il salto di qualità alla seconda squadra di Torino facendogli vincere il triplete dell’universo per i prossimi seimila anni, ma se Tevez viene al Milan “COOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOSA?????????????? Abbiamo preso quel cicciobombo scarso di Tevez?? Ma ci distruggerà lo spogliatoio!! Ucciderà El Shaarawy! Ci manderà in B! Distruggerà il mondo!!1! Galliani sei proprio un incompetente”.

Già, Galliani. Ora, siamo tutti d’accordo che come comunicatore è pessimo, lo dicono i fatti, non io, ma trovatemi un dirigente capace di fare meglio di lui allo stato attuale delle cose. Abbiamo il settimo fatturato al mondo? Bene, ma siamo in rosso di milioni 7. Pochissimi, rispetto ai 70 dello scorso anno, ma da li non ci cavi i soldi per fare mercato. E allora? E allora o il dinero lo caccia il presidente *risate del pubblico*, o vendi i giocatori. E per provare a prendere Tevez si va in Brasile a vendere Robinho. Si può criticare il fatto che passi più tempo a cenare da Giannino che a trattare giocatori, lo si può criticare per mille altre cose, ma nella situazione attuale potete mettere chiunque, state sicuri che meglio di lui non può fare. Ma se credete che questo qualcuno ci sia, vi invito a commentare e spiegare chi e perché. Io a Galliani, quest’anno (per ora) rimpiango una sola cosa: la riconferma di Allegri.

Signori, mettetevi l’anima in pace: finché Massimiliano Allegri rimarrà l’allenatore del Milan, non rivedremo più un Milan veramente competitivo.
Perché voi non lo so, ma io del terzo posto non mi accontento.

Il mio Milan la Champions League punta a giocarsela fino in fondo, non si limita a parteciparci.

Non sto a tediarvi con i motivi del perché Allegri non dovrebbe più essere l’allenatore del Milan, primo perché potete facilmente arrivarci da soli, secondo perché farei notte a scriverli, terzo perché avrò occasione di farlo in altra sede.

In ogni caso, mi sono rotto i coglioni che per molti dei tifosi del Milan gli altri siano sempre i migliori. Gli altri comprano sempre i giocatori migliori, hanno i dirigenti più bravi, lo stadio più bello, il cazzo più lungo e la carta da culo più profumata.

Dove sono finiti i Casciavit? Dove sono quei tifosi a cui non importava in che serie il Milan giocasse, si andava lo stesso allo stadio? Dove sono finiti quei tifosi che seguono la squadra sempre e comunque, indipendentemente da chi ci gioca? Dove sono finiti quei tifosi che difendono l’onore della squadra contro tutto e tutti? Una volta non si guardava in faccia a nessuno, oggi “Se vendete El Shaarawy cambio squadra!” oppure “No, non mi abbono, tanto non comprano nessun campione”.

Facile per voi. Criticate e basta. Senza se e senza ma. Senza pensare, senza argomentare.

Facile per voi: le cose vanno male, me ne disinteresso.

Invece no, non funziona così.Che le cose vadano bene, che le cose vadano male, la squadra si segue, sempre. Vuoi criticare? Benissimo, nessun problema, purché non abbandoni la nave come il peggiore dei codardi.

Spero che questa poco ragionata accozzaglia di pensieri vi porti a riflettere, anche solo per qualche secondo.

I casciavit devono tornare a farsi valere.

Alla prossima e Forza Milan.

Giangiacomo C. (@Giangi_Ceresara)

Giangi_Ceresara

Posted by Giangi_Ceresara

Classe '93, studente di Linguaggi dei Media in Cattolica, è redattore del blog da quasi un anno. Il Milan è la passione di una vita, nel bene e nel male rossonero per sempre.