AC Milan's Bojan Krkic scores against Siena during their Italian Serie A soccer match at San Siro stadium in MilanQuesta volta è proprio il caso di dirlo: nuovo anno, vecchie abitudini. Non è cambiato infatti niente rispetto al Milan lasciato prima delle vacanze di Natale, ma d’altronde non si capisce cosa sarebbe potuto cambiare visto il totale immobilismo nel mercato se non per operazioni in uscita. Anzi ci siamo ritrovati peggio di come ci eravamo lasciati, con De Sciglio centrale in difesa accanto ad un Acerbi che si conferma inguardabile. E proprio prima, ci vuole un primo tempo di assenza ed errori per far capire ad Allegri qualcosa.

Il tema centrale della partita contro il Siena si rivela infatti l’ennesima ingiustificabile esclusione di Bojan dall’undici iniziale. Lo spagnolo continua infatti ad essere il più vivace ed imprevedibile del reparto offensivo dopo il Faraone, ma nonostante tutto ce lo ritroviamo ogni volta in panchina, per far spazio a qualcuno sicuramente meno meritevole. Fino al suo ingresso, il Milan in attacco è solo El Shaarawy, che questa volta non riesce da solo a risolvere la situazione per un po’ di sfortuna ed anche la bravura di chi lo chiudeva ogni volta. Assente ingiustificato invece Pazzini, che fino al rigore non fa altro che sgomitare con il fallosissimo Felipe, puntualmente non ammonito se non a partita quasi terminata. Per il resto il Milan è totalmente prevedibile, e non c’è alcuna traccia di velocità, manovra e imprevedibilità. La fortuna principale è stata quella di non subire grosse occasioni, per la scarsezza del Siena, cosa che non ha rischiato di mandarci sotto se non nel secondo tempo con il tiro di Rosina. Se la cava quindi De Sciglio, in una posizione completamente sbagliata per lui, mentre Acerbi si conferma inadatto per un posto da titolare in una squadra di Serie A.

La chiave ritardata è quindi l’ingresso di Bojan e una squadra più offensiva, che sarebbe stato opportuno proporre fin dall’inizio vista la pochezza dei nostri avversari. Un altro chiaro segnale dell’inutilità di Allegri sulla nostra panchina, uomo inadatto a quel ruolo e non meritevole di essere chiamato allenatore. Nonostante tutto, ciò che conta di più sono i tre punti, specie nella giornata di campionato in cui perdono Inter, Fiorentina,Juve e anche Roma, su cui recuperiamo tre punti. Una ripresa di campionato amara quasi per tutte le grandi, che ci regala un netto riavvicinamento al terzo posto, adesso solo a 5 punti. La convinzione di non essere inferiore a nessuna delle altre squadre in lotta per il secondo o terzo posto già c’era, adesso bisogna continuare a dimostrarlo sul campo. Per farlo servono operazioni di mercato, da realizzare nel più breve tempo possibile e senza aspettare l’ultimo giorno come ogni vota. Bisogna cedere chi non serve, come l’inutile Antonini che è riuscito a conquistare il titolo di peggiore in campo giocando solo mezz’ora, o gli indecenti Traorè e Acerbi; poi bisogna comprare, con oculatezza e non puntando ai grandi nomi come vogliono farci credere. È iniziato un nuovo anno, vediamo di lasciarci le vecchie brutte abitudini alle spalle.

Posted by Nicco

Editorialista del blog. Responsabile degli approfondimenti sulla squadra immediatamente successivi alle gare italiane.

15 Comments

  1. Inconcepibile che Bojan non giochi, specie dopo quanto accaduto a Roma.
    Ci sono gli estremi del licenziamento per giusta causa.

    1. Tutte le volte che ha giocato dall’inizio ha fatto cagare! Come anche quasi tutte le altre volte subentrato!

      1. difendi l’ultimo pato e critichi l’ultimo bojan… vero intenditore

        1. Difendo Pato perchè era nostro e costava poco tenerlo un altro anno! Critico Boian perchè non ha ancora dimostrato niente e non ha fatto un cazzo!
          Quando mi dimostrerete il contrario, voi grandi intenditori (intenditori di questa minchia), vi darò ragione!

        2. Bojan ha fatto più di quanto Pato ha fatto nell’ultimo anno e mezzo.

        3. 3 Liga, 1 coppa di Spagna, 2 supercoppe Spagnole, 2 Champions League, 1 Supercoppa UEFA, 1 Mondiale per Club, un Europeo Under-17 (da capocannoniere) ed un europeo Under 21.

          Non male per un 22enne che “non ha ancora dimostrato niente”

  2. E’ arrivato a giustificarsi dicendo che nel secondo tempo Bojan rende di più – seguito a ruota dal codazzo di Allegriani – quindi nella sua testa è giusto regalare un tempo (perchè di fatto senza Bojan non abbiamo costruito niente come gioco, solo azioni personali di ElShaa) per cercare poi di raddrizzare la situazione.

    E magari nel primo prendi una o due pere, o tre come a Roma perchè no.. tanto poi ci pensa Bojan, l’unico con i piedi e la testa, ma che non può giocare i primi tempi..

    1. 41 punti nei secondi tempi, da retrocessione nei primi.

      Correggere sempre la formazione in corsa secondo me è un demerito: vuol dire che non la si è azzeccata subito

      1. con un allenatore serio avremmo almeno 6 punti in più

        quelli persi in casa con Atalanta e Sampdoria quando l’incompetente di livorno era ancora alla ricerca dell’undici titolare

        punti persi pesantissimi per la lotta al terzo posto

  3. facendo due conti per la lotta la terzo posto , il Napoli è sicuro che arriva nei tre primi posti ha fatto 39 punti nel girone d’andata senza la penalizazzione , al ritorno almeno 36/37 li fa quindi per un totale di 74 punti , roba che il MIlan per pareggiare deve farne al girone di ritorno punti 44 come la juve all’andata impossibile

    il Milan deve fare la corsa sulla Lazio , è vero che ha 9 punti di vantaggio , la partita decisiva però sarà a San Siro , se si vince lo scontro diretto e si recupera nel frattempo qualche punto …..

    naturalmente per sperare servono almeno un paio di acquisti da Milan

    ma se vanno in porto alcune cessioni come quella di Abate perchè non sperare ?

  4. io più che le sconfitte con atalanta e samp rimpiango i pareggi con palermo parma e napoli, partite che per come abbiam giocato dovevamo stravincere…purtroppo senza de jong a centrocampo siamo fragili e dietro prendiamo gol da coglioni….

    per il terzo posto secondo me noi siamo esculsi; troppi punti persi e difficilemente napoli e lazio, che sono squadre quadrate, perderanno cosi tanti punti, a meno che non vadano avanti in europa league….

    l’inter è un flop, la roma è troppo altalenante….

  5. Gli espertoni avevano predetto zona retrocessione fino alla fine quindi se anche non arriviamo terzi non mi dispero il solo fatto di finire tra le prime dieci supera le aspettative che mi ero fatto dando retta agli espertoni.

    1. Gli espertoni o gli Allegriani?

  6. Non sono in sintonia con l’articolo di Nicco. Non tanto perchè mi sono stufato di sostenere, con voi, una causa persa:Francesco Acerbi. Mi limito a dire che il voto minimo dato dai critici, a Francesco, è stato 5,5 e quello massimo 6,5. Non mi pare che si possa dire che Acerbi non può giocare in serie A e non credo che il ‘vizzolese’ sia più scarso della maggior parte dei centrali che giocano in Italia. Può essere che non sia idoneo per la difesa del Milan, ma mi piacerebbe sapere, in Italia chi può concretamente prenderne il posto, nel Milan, anche in considerazione che Astori è stato più volte scartato, dallo staff tecnico milanista, cosi come Ogbonna. Ora si parla di uno scambio di centrali tra Milan e Genoa. Granqvist è un ottimo colpitore di testa ma difetta molto nei movimenti rapidi. Se lo svedese fosse stato accoppiato ad un Thiago Silva, allora avrebbe formato una coppia fortissima. Però sono stufo di parlare solo della difesa quando il centrocampo, ieri era pressoché inesistente ed era tenuto a galla dal ‘vecchio’ capitano: Massimo Ambrosini. Per non parlare dell’attacco dove fino all’ingresso di Bojan aveva prodotto due tiri in prta sempre su iniziativa individuale di El92. Pazzini ieri è sembrato persino più scarso di Paolucci che, nell’unica occasione capitatagli, sulla testa, l’ha messa dentro. Mentre Gianpaolo non ne prende una neanche per sbaglio(ieri si è fatto scavalcare dal cross di Stephan come un principiante).
    ps. Siamo fuori dalla Coppa Italia perchè è stato designato Silvio Mazzoleni come arbitro dell’incontro. Un bel piatto di casoncelli, da mariuccia, e via!!!!

  7. acerbi è GOFFO! ieri sul gol di paolucci dove era??? perchè stava li???

    e poi ogbonna da chi è stato scartato??? non è stato preso solo perchè cairo chiede parecchio ma a giugno prossimo da qualche parte va!

    giampaolo sarà anche scarso ma qualche gol lo fa, 9 reti stagionali, 8 in campionato con 3 rigori(in media con milito)

Comments are closed.