Approfittando della pausa del campionato dovuta all’incontro di qualificazione per i prossimi mondiali in Brasile della nostra Nazionale, diamo uno sguardo a ciò che le altre squadre concorrenti ci hanno mostrato in queste due giornate di torneo e per l’occasione lo faremo in ordine di classifica:

JUVENTUS: La squadra di Conte-Carrera ha avuto due incontri piuttosto agevoli se consideriamo che ha affrontato fuori casa l’Udinese reduce da 120′ in coppa dei Campioni. Il suo punto di forza sono le giocate sugli esterni con Asamoah che si è dimostrato un innesto superlativo. Tralasciando le innumerevoli (di già?) polemiche dovute ai favori, o presunti tali, arbitrali è senza dubbio la squadra bianconera la prima forza del campionato.

NAPOLI: Compito non facile quello di Mazzarri costretto a sopperire alla cessione dell’uomo più talentuoso della sua compagine, quel Lavezzi convinto ad approdare a Parigi a suon di miliardi. Ebbene l’odiatissimo toscano pare esserci riuscito, trovando non solo una squadra più coesa ma anche delle sorprese come Pandev e Insigne che non stanno facendo rimpiangere l’argentino. Se riusciranno a farsi velare anche negli scontri diretti ci sarà da divertirsi.

LAZIO: Alzi la mano chi conosceva Ivan Petkovic prima del suo arrivo nella Roma biancoceleste. Sicuramente non saranno in molti ma “Vlado” sta ricoprendo degnamente il ruolo dell’outsider. Certamente ha avuto scontri non impossibili ma per ora grazie anche ad un Klose in forma straordinaria la Lazio sta meritando pienamente la testa della classifica.

SAMPDORIA: Grazie anche alla vittoria esterna con il Milan, i blucerchiati di Ferrara hanno avuto un inizio di campionato molto promettente per trattarsi pur sempre di una neo-promossa. Gli innesti di Maxi Lopez, grande rimpianto rossonero a mio parere, e di Maresca hanno apportato ulteriore esperienza ad una squadra ben messa in campo che per ora ha sbagliato poco e nulla.

CATANIA: Gli Etnei che hanno affrontato Roma e Genoa probabilmente hanno riscosso più di quanto meritato a causa di avversari ancora in fase di rodaggio. Alcuni elementi come Gomez e Bergessio non sono da prendere alla leggera.

TORINO e GENOA: Due formazioni che per il momento hanno mostrato poco e nulla. Gravi amnesie difensive per il Genoa e una pochezza di gioco in generale per il Torino che ha trovato nell’ennesima conferma di Rolando Bianchi il proprio punto di forza.

INTER, FIORENTINA, PARMA e CHIEVO: Squadre che come noi hanno 3 punti. Inter e Fiorentina sono sicuramente su un altro livello, la squadra di Stramaccioni nonostante la batosta con la Roma ha degli elementi come Sneijder e Milito che possono sempre risolvere una partita, mentre la fase difensiva ha mostrato gravi lacune. I viola di Montella invece non hanno ancora trovata la quadratura del cerchio ma fin quando Jovetic fa il fenomeno possono stare tranquilli. Parma e Chievo potrebbero avere il solito inizio folgorante, soprattutto i clivensi, per poi scoppiare nella seconda parte del campionato. Se non prima.

CAGLIARI, UDINESE, BOLOGNA, PALERMO e PESCARA:  Anche se il Cagliari ha un solo punto, per quanto espresso in campo non si differenzia granchè dalle altre  squadre che non ne hanno. Udinese, Bologna e Palermo hanno iniziato sicuramente nel peggiore dei modi ma hanno uomini e mezzi per riuscire a raggiungere un buon piazzamento. Sempre che Zamparini non cacci Sannino prima. Discorso a parte per il Pescara che sarà retrocesso a Gennaio, nel migliore dei casi.

ATALANTA e SIENA: Infine le due squadre penalizzate (con le neo-promosse Samp e Torino) a causa dello scandalo “Calcioscommesse” . L’Atalanta ha già dimostrato di potercela fare e  forse senza la penalizzazione dello scorso anno forse avrebbe tolto anche il posto in Europa League alla seconda squadra di Milano. Per gli uomini di Cosmi l’impresa è ben più ardua e la squadra dovrà impegnarsi parecchio per raggiungere la salvezza.

Posted by Angelo Raffaele Torre

Responsabile dei LIVE ed editorialista. @RaffoTorre on Twitter