Dosi massiccie consigliate per i ragazzi

Nell’articolo prepartita di Milan-Sampdoria mi ero chiesto se il barlume di gioco che si era visto nelle prime amichevoli estive fosse, o meno, un miraggio. Oggi sappiamo, purtroppo, la risposta: il gioco latita, i giocatori migliori sono stati venduti, svenduti, oppure se la sono data a gambe alle prime avversità.

Ci siamo riempiti di calciatori fisici, grossi, alti e forti, con polmoni da 30 metri cubi, che invece di dare un ritmo infernale alla partita sono lenti come un treno merci in salita.
Questo, si dice, è quello che vuole l’allenatore. Ovviamente giocatori che costano zero o giù di lì, e probabilmente valgono altrettanto, e che non hanno minimamente idea di come sia la vita in Serie A – che non offre tutte quelle praterie che offrono gli altri campionati europei.

Ci siamo messi in casa Pazzini, una prima punta che non gioca la palla, ma aspetta il cross alla velocità della luce pronto per deviarlo in rete: bell’acquisto, visto che i nostri terzini, Abate ed Antonini, la parola cross non la conoscono né l’hanno mai sentita nominare.

Abbiamo voluto esordire con la formula della “falsa prima punta”, aspettandoci che la Samp ci cascasse come un pollo. In realtà si è trattato solo di un maldestro tentativo di coprire il fatto che noi di prime punte non ne abbiamo, perché una è andata in pensione di vecchiaia, l’altro è stato svenduto al PSG, un altro ancora è un invalido civile, e quello abile ed arruolato era stato preso solo da 3 giorni.

Il Pazzo si è subito inserito a meraviglia negli schemi di Allegri, in quanto questi sono rappresentati da un solo e semplice imperativo: “andate in campo e arrangiatevi, se poi mi accorgo che qualcosa non va ve lo urlo in livornese”. Gli urli di Allegri di fronte ad una squadra immobile e frastornata mi fanno tornare a mente il penoso “Fate gol! Fate gol!” di Lippi in Sudafrica 2010; sono il sintomo dell’impotenza, dell’impossibilità di risolvere le cose alla radice. In pratica è come se ad un ammalato di colera fai un punturone di Plasil: questi smetterà di vomitare per qualche ora, salvo continuare poi, fino alla disidratazione fatale. E così sarebbe stato (o sarà) per l’arrivo di Ricky Kakà: un banale palliativo. Attorno a se avrebbe il deserto, tecnico e motivazionale, farebbe star buoni i tifosi per 15 giorni, ma poi le sconfitte ci farebbero subito tornare alla realtà. E 10 milioni per tener buoni i tifosi due settimane, secondo Galliani, sono troppi.

Arriva Niang, benvenuto all’ennesimo giocatore di origini africane prelevato a basso costo dal campionato francese. Non che ultimamente gli africani di Francia ci portino bene, ma io quando si tratta di calcio africano sono sempre favorevole, molto meglio un africano di un brasiliano demotivato. Il ragazzo è davvero giovane, ed ha un gran talento, sulle sue tracce c’era anche l’Arsenal, ma noi l’abbiamo beffato.
Speriamo solo che non si tratti di un altro attaccante giovanissimo che arriva al Milan e si blocca: insomma, speriamo che M’Baye Niang faccia meglio di El Shaarawy. Perché ElSha, che è un ottima persona al contrario di Cassano, ma altrettanto al contrario calcisticamente fa proprio pochino: grande stile, grande tecnica, ma in partita combina poco, a volte nemmeno un dribbling sbagliato come Pato, o un gol mancato come Binho, spesso il vuoto, cosmico.

Auguri Niang, se non altro ci sei costato poco.

Posted by reostato

Editorialista e responsabile dei LIVE insieme ad Anonimoabusivo

36 Comments

  1. Con un allenatore vero, El Shaarawy renderebbe il 50% in più. Perchè un allenatore vero lo prenderebbe, lo attaccherebbe al muro e gli farebbe passare la voglia di atteggiarsi da fenomeno consumato a suon di calci nei denti.

    Ma noi un allenatore vero non ce l’abbiamo. Abbiamo un minorato mentale che grida dai, dai, va bene, va bene.

    Mi consola il fatto che ogni secondo che passa si avvicina quella meravigliosa notte di metà novembre in cui perderemo una gara di Champions con una squadra tipo il Trabzonspor e il livornese verrà esonerato in diretta tv come accadde con il piadinaro con tendenze rivoluzionarie di Zaccheroni.

    1. il paragone ci sta tutto , speriamo prima già domenica sera magari l’esonero

      mi sembra però che zaccheroni fosse di un livello superiore ad Allegri via

  2. E comunque Plasil è un classe ’82 e giuoca nel Bordeaux, potrebbe essere un bel rinforzo. Era uno dei perni del Monaco di Deschamps che perse la finale del 2004 contro un giovine ma già affascinante Mou.

  3. summit in via turati con il ds della roma, si parla o bojan krkic o di borriello, in ogni caso caschiamo bene!!!

    1. caschiamo benissimo

      il capitan Allegri ci porta diretti in serie B se non lo cambiano subito ,

      ha voluto i giocatori muscolari che a suo dire corrono , domenica hanno fatto di tutto tranne che correre

  4. per la partita di domenica

    speriamo nella coppia centrale difensiva colombiana con davanti alla difesa come mediano Flamini o Ambrosini se il capitano sta bene

    1. per la partita di domenica davanti alla difesa ci sarà una sorpresa!

      1. speri ancora in Diarra ?

        1. bah il mondo è pieno di giocatori con le caratteristiche alla van bommel e a basso prezzo, se galliani si svegliasse… occhio sopratutto a genoa e palermo, e alla premier league…..

  5. anche con l’autogestione questa squadra ha le potenzialità per arrivare tra le prime tre…purtroppo c’è chi in società conta più di belusconi. se era per silvio allegri era già da maggio a casa, però galliani e barbarella hanno rotto il cazzo e ora ce lo ritroviamo ancora qui.

    voglio marcolino van basten!!!

  6. Allegri è un problema grosso per il Milan. Oltre a volere giocatori muscolari rovina quelli agili. Anche El Shaarawi come Pato ingrossato dopo un anno di cura Allegri. Lui se i giocatori non li distrugge non è contento. Quelli che sanno giocare al calcio gli fanno schifo. O li fa scappare o li fa diventare trasformers. La gente scappa da lui anche perché è cretino dovessi rovinare il fisico per dare retta a uno come lui. Se io fossi El Shaarawi altro che svogliato. Non mi presenterei proprio agli allenamenti visto che a stare con Allegri rischierei di rovinarmi e di disimparare.

    Fatta questa premessa doverosa, perché non c’ è modo migliore d’ iniziare la giornata che ricordando al mondo che Allegri è la Morte nera del calcio e che El sharaawi dovrebbe fare un gioco diverso. E’ ridicolo utilizzarlo per fare quei tagli a cazzo che oltre tutto nemmeno ha minimamente nelle caratteristiche essendo uno che dovrebbe partire da dietro palla al piede.

    E a dirla tutta è ridicolo l’ unico movimento che Allegri chiede ai suoi semplificabile in: tutti dentro tagliando a cazzo. Ma che gioco di merda è?

    Ma ad inserirsi basterebbe uno o due giocatori, gli altri anzi dovrebbero venire in contro, palleggiare, cucire il gioco, stare corti ed alternare dribling a scambi stretti.

    Ma figuriamoci. Con Allegri sembra di essere un orologio impazzito che segna le ore a caso.

    Questa cosa che non sia ancora arrivato il suo esonero è ridicola.

    I tifosi lo ripudiano, non piace a berlusconi, Galliani ha preso il vizio di caziarlo, i giocatori vanno via e gliene dicono di tutti colori, chi rimane sembra sia legato al palo della tortura tanto è scoglionato e demotivato.

    Oltre tutto Allegri ha detto che contro la Sampdoria il milan nel primo tempo ha avuto timore.

    Cazzo ma se questo qui li fa cacare in mano contro la Samp i giocatori alla prima squadra seria che troviamo cosa succede?

    Dai su. Toglieteci questo strazio di torno e fatelo in questi giorni.

    Altrimenti a me starebbe bene anche se i famosi giocatori entusiasti lo silurassero loro. Anche se perdono 2-3 partite di fila per farlo dimettere a me sta bene lo stesso

  7. Mancavano le amarezze, tutte condivisibili, di reostato. Un pessimismo cosmico che esprime appieno l’aria che si respira tra i tifosi milanisti.
    Come avevo anticipato sono finiti i tempi dei giochini con la ‘finanza creativa’. Kakà? Se non verra gratis e non si dimezzerà l’ingaggio, non tornerà al Milan!
    El Shaarawy è semplicemente un ragazzo che deve diventare un giocatore da Milan. Le qualità tecniche le ha tutte. Deve essere impiegato nel suo ruolo che è quello di seconda punta sull’esterna sinistra. Così come è stato impiegato, domenica scorsa, lui come quasi tutti i rossoneri impiegati fuori ruolo, sono un insulto alla ragione. Pazzini? Sapevamo cosa poteva dare. E’ una punta centrale che deve avere(due ali)esterni che lo supportano con buoni cross(Emanuelson e De Sciglio?)oppure può fare da boa per centrocampisti(Nocerino e Montolivo) che si inseriscono da dietro. Al momento questo passa il convento. Manca un centrocampista centrale(peccato che Strasser sia infortunato). Nella Primavera lo vedevo bene in quel ruolo. Coraggio, armiamoci di pazienza e speriamo in un miracoloso ritoeno al gioco, del calcio, da parte di monsiieur Mexes. I centrali difensivi visti, finora, sono quasi tutti improponibili a parte l’ottimo rincalzo: ‘Marione Yepes’. Ora non dobbiamo dare addosso troppo alla squadra. Allegri? Speriamo che…… Sempre e comunque forza MIlan!

  8. primi tre posti…

    complimenti alle 11.23 la prima trollata della giornata

    p.s. il colpo lo fa il siena se riesce a prendere guidetti in prestito con diritto di riscatto

  9. accordo vicino per bojan.

  10. ah per inciso io avrei preso vargas dalla fiorentina al prezzo di saldo…. ma si sa galliani fa affari con pochi eletti, tra cui preziosi, bronzetti, raiola…..

    1. sto vargas alla fine non lo ha preso nessuno

      compreso il bayer qualche motivo ci deve essere non ti pare ? che abbia un rendimento discontinuo ?

      1. Vargas crea problemi, non si allena, si perde in discoteche ecc. detto a maggio da un fiorentino che ne sa molto. Vogliamo un altro festaiolo in squadra?

  11. andrà al genoa in prestito gratuito, ha caratteristiche importanti, che a noi mancano…. abbiamo preso giocatori ben più scarsi e meno continui su….

    1. quoto fabregas

  12. Binho-Pato-Bojan, siamo il Barcellona d’Italia.

    1. ..che poi era quello che voleva Berlusconi. Diciamo che Galliani ci ha messo parecchio a trovare la strada ma alla fine ce l’ha fatta.

    2. Col “piccolo” dettaglio che il Barça dell’era Guardiola sul mercato ha speso 246 milioni di cartellini.

      1. Esatto, quindi noi siamo ancora più furbi. E risparmiamo anche sul doping perchè non ci facciamo.
        Siamo il Barcelona 2.0, meno costoso e più pulito.
        E non vogliamo nemmeno i rigori fischiati a gioco fermo, vero Kuypers di merda?

        1. Questa rimarrà negli annali, nei libri di storia, nei manuali della cazzata.

    3. per un anno ,

      l’anno prossimo Bojan torna da contratto al Barcellona ,

      abbiamo preso un attaccante in affitto per una stagione , se poi dovesse esplodere anche la beffa di vederlo andare via

      e questo sarebbe un progetto serio ?

  13. ora il prossimo passo è prendere un guardiola low cost…. e io insisto, voglio Marco Van Basten!!!

  14. offerti al Milan Andy Caroll e Angelino Palombo!

    1. Eh beh. Siamo diventati una discarica!

      1. verissimo

        questa battuta (discarica) l’avevo già detta quando stava arrivando il centroavanti pippa dal genoa

  15. a proposito di Genoa

    notizia di mercato

    sembra che il faraone ritorni in Liguria in prestito per un anno

    già scaricato da allegri o ennesimo scambio di giocatori tra le due squadre ? o libera il posto per l’arrivo di kakà il 31 ?

    bohh staremo a vedere segnatevi quello che vi sto dicendo

  16. Intanto Boateng fuori rosa per motivi disciplinari. Pare abbia esagerato in allenamento.

  17. Barcenolizzarsi con Allegri?

    é come per un uomo palestrato farsi le tette per diventare un trasformers “con sembianze di fica”. Dai su. Non spacciamo la discarica che siamo per un tentativo di Barcellona. Bastassero 3 seconde punte per essere il Barcellona…

    Si sta lavorando per Barcellonizzare il Milan. Per il prossimo anno ovvio. La cessione di El Sharaawi potrebbe avere un senso.

    Almeno lo sottraiamo dalle grinfie di Hannibal. Penso che questo sia un anno di transizione e che si stia lavorando già per Guardiola. Almeno spero. Certo far fuori tutti i giocatori tecnici non è proprio il massimo per barcellonizzare il Milan.

  18. “Andremo avanti con il modulo della scorsa stagione”. Almeno sul piano del gioco nessuna rivoluzione, la decisione è stata presa.

    By il nostro allenatore…

    Se a qualcuno era venuto il dubbio che ci fossimo Barcellonizzati il nostro “grande allenatore” ha subito chiarito:

    Faremo cacare al cazzo anche quest’ anno. Anzi peggio perché prima facevamo cacare, ma c’ erano le magie di Ibra. Ora faremo cacare punto

  19. Soprattutto io vorrei capire quale era il gioco della passata stagione da traslare in questa nuova. Io da appassionato di tattica faccio fatica a capire come giocavamo lo scorso anno. Per me il gioco è una cosa e il tutti palla alla punta con tagli a cazzo è un’ altra. Forse sono troppo esigente io con questo allenatore e mi aspetto che quando parli di gioco lo faccia con gli stessi parametri miei boooo

  20. Siamo il Barcelona 2.0, meno costoso e più pulito…

    Questo vince il premio stronzo dell’anno per il 2012 e il lustro successivo

    Il Pdl nuoce gravemente alla salute

    1. Premesso che su Kuypers la penso esattamente come ‘l’intimorito dell’80’. Ora mi domando: non vorrei che forse La Paura ha centrato il bersaglio? Ragioniamo un poco. L’acquisto di Pazzini è per ora inspiegabile ma quello di Bojan Krkic chiarisce l’indirizzo che il team vorrebbe dare al gioco della squadra. Rimangono tutti i dubbi, ben evidenziati da ‘la cantera’, sulle difficoltà che comportano queste operazioni. A mio parere l’attuale rosa del Milan non comprende, in maggioranza, uomini adatti a scimmiottare il gioco del Barcellona. Esempio eclatante è Montolivo scimmiottato per Mascherano opure Bonera per Puyol. Ciò non toglie che si possa fare il tentativo di ‘cavar sangue dalle rape’. I miei capelli canuti mi consigliano prudenza. Ho vissuto gli anni delle utopie di Pippo Marchioro. Anche allora il calcio italiano stava cambiando pelle. Ma ci sono voluti Sacchi e tanti, ma proprio tanti, soldi di Berlusconi per fare che ciò avvenisse. Inoltre la base di quella squadra era già solida perché Lhirdholm aveva continuato nel Milan quello che già aveva iniziato con la Roma, cioé, praticare il ‘gioco a zona’. Utopie? Forse. Ma la strada intrappresa sembra quella in considerazione di come il Milan ‘ha fatto schifo’ con la Sampdoria. Unica cosa che non capisco è perchè si parla di cessione di El Shaarawy. Il ragazzo è una ‘punta esterna sinistra’ e può giocare perfettamente, com Bojan a destra. Al centro c’è il finto centravanti Kevin-Prince. Il tentativo ci sta ma gli interpreti sono tutti da verificare. Inoltre bisogna dimenticare il 4-4-2 perchè è fuori dal tempo. Speriamo che non insorgano altri commentatori alla David Messina il quale riteneva Arrigo Sacchi la rovina del calcio italiano. Anche Gianni Brera non aveva mai digerito la rivoluzione ‘sacchiana’. Pensava chelo strapotere del Milan erano solo i soldi di Berlusconi. Errore clamoroso e per certi versi pacchiano. Come poi ha dimostrato lo scudetto dei record conquistato, dall’altra squadra di Milano, con il gioco all’italiana di Giovanni Trapattoni. Corsi e ricorsi storici!

Comments are closed.