Saldi di fine mercato. Il periodo di caccia preferito da Adriano Galliani per cercare di rinforzare una rosa che come spesso accade inizia la stagione con mille dubbi e pochissime certezze. Se fino a ieri le speranze di molti romantici erano tutte riversate in Ricardo Kakà, ex gloria di un Milan ormai completamente tramontato, in poche ore la situazione si è completamente ribaltata e il Milan ha virato su un altro separato in casa: Bojan. L’attaccante del Barcellona, che lo aveva prestato per due anni alla Roma con un diritto di riscatto improponibile, sarà l’ennesimo rinforzo per il nostro reparto offensivo, dove si andrà ad aggiungere a Pato, Robinho, Pazzini, El Sharaawy e Niang.

No, non abbiamo sbagliato i calcoli: anche quest’anno ci ritroveremo con 6 attaccanti in rosa, con il grosso problema di gestirli e schierarli nella maniera corretta. A questo dovrà pensarci Allegri, che si giocherà le sue ultime chance nei prossimi mesi, con una squadra giovane e abbastanza inesperta a cui bisogna ancora dare un volto ben preciso. Non sorprendono a questo proposito le voci di un possibile cambio di modulo, dal 4-3-1-2 al 4-3-3 per sfruttare al meglio le caratteristiche degli stessi attaccanti. Sta do fatto che Allegri non ha più scusanti, non ha più problemi di personalità forti nello spogliatoio, visto che li ha fatti scappare tutti, ma dovrà forse per la prima volta dar conto solo alle sue reali capacità di allenatore. Ulteriori perplessità derivano dalle parole di Galliani: “Bojan bel colpo, mercato chiuso”. Cosa? Ma sta scherzando vero? Se così non fosse ci ritroveremmo con 6 attaccanti e un numero non ben precisato di difensori dato che sono uno peggio dell’altro quelli dello scorso anno e tutti da verificare i nuovi arrivati.

La gara contro la Sampdoria ha ampiamente sottolineato come questa formazione abbia delle importanti lacune nelle zone salienti del campo: il centrocampo e la difesa. A centrocampo manca chiaramente l’uomo diga, il nuovo Van Bommel. Montolivo non sa e non vuole farlo, ma Allegri si ostina a piazzarlo lì. I nomi sono sempre quelli, e non stiamo qui a commentarli nuovamente: l’unica certezza è che il mediano manca e questi saldi di fine mercato dovrebbero essere utilizzati anche in quella direzione. Altro buco clamoroso di cui parlavamo è la difesa, sia al centro che sulla fascia sinistra. Nel ruolo di centrale sono tutti da scoprire Zapata e Acerbi, sempre che il nostro allenatore abbia le giuste capacità per farli credere e maturare. A sinistra la penuria è totale, con Antonini e Vilà a contendersi un posto. Incognite, tante incognite e pochissime certezze in una difesa tutta da costruire.

Per finire una notazione positiva: nel giro di due anni l’età media della nostra rosa si è drasticamente abbassata e il nuovo arrivo Bojan si aggiunge ai vari El Sharaawy, Niang, Pato, De Sciglio, Acerbi e Zapata! Tutti giovani, tutti potenzialmente forti; adesso sta al nostro quasi allenatore metterli insieme e farne una squadra degna di tale nome.

Nicco

Posted by Nicco

Editorialista del blog. Responsabile degli approfondimenti sulla squadra immediatamente successivi alle gare italiane.