O vendi o spendi.

Non c’è titolo migliore del concetto passato nella giornata di ieri da Luca Serafini: qualora il Milan dovesse cedere Thiago Silva al Paris SG si dimetterebbe ufficialmente da grande club. In realtà il Milan questo passo lo ha già fatto sei anni fa, con la prima cessione importante, quella di Andry Shevchenko al Chelsea per i rubli di Abramovich – mai prima d’ora infatti la società rossonera aveva ceduto un campione ad una diretta concorrente per l’Europa.

Andando a vedere i risultati dal 2006 ad oggi tutto ciò è confermato: la Champions League vinta immediatamente è stata il canto del cigno di un gruppo che già si era formato dietro l’Ucraino – gruppo che poi andando a sfaldarsi di trofei importanti vedrà il misero scudetto dell’anno scorso unico trofeo nei successivi cinque anni. Lo sapevamo e lo sapevamo già dalla vittoria di Atene che quella sarebbe stata l’ultima coppa dei campioni alzata per un bel po’ di tempo e c’era già consapevolezza di questo al momento della vittoria greca: una vera e propria vergogna per i tifosi.

La trattativa per Thiago non è che l’ennesima manfrina mediatica di un presidente che non ha più voglia e passione di gestire una squadra che non vuole vendere. Si è parlato di bilancio – ma il bilancio è stato appena ripianato nell’assemblea degli azionisti con l’assegno di Berlusconi a differenza di Kakà 2009 e una cessione che non abbasserebbe le spese fisse (come potrebbe essere quella di Ibrahimovic) darebbe ben poca linfa alle casse.  La storia del bilancio a posto e in attivo per una cessione è quindi l’ennesima c….ata per giustificare la dirigenza, nonostante quanto detto, infatti, se una società ha un debito in bilancio da sempre questo viene scalato dalla vendita al momento della cessione, ribassando così il prezzo. Non esiste in nessuna economia al mondo l’obbligo di vendere una società col bilancio in attivo, anzi le maggiori acquisizioni (termine tecnico, scalate) avvengono molto spesso quando le società hanno gravi buchi di bilancio da ripianare.

Facciamo però per un attimo i tifosotti creduloni: ammesso e non concesso che questi soldi vadano a bilancio – siamo poi sicuri che il gioco valga effettivamente la candela? L’effetto domino con i giocatori che chiedono la cessione vedendo sparire il progetto a loro promesso pare essere già partito – qualora non ci si dovesse qualificare per la prossima Champions League come ha fatto l’Inter nell’affare Eto’o si perderebbe inoltre gran parte del guadagno senza considerare la preziosissima sponsorizzazione di Fly Emirates, uno dei pochi marchi con ampia disponibilità economica che difficilmente accetterebbe di porre ancora il suo brand su una società non vincente, costringendoci a ripiegare sui primi Betclic e Balocco a caso.

C’è poi l’opzione B, quella di un reinvestimento di parte dei soldi. Nessun acquisto sarà mai pari alla cessione dell’unico top mondo nel proprio ruolo (considerato che Ibra in valore assoluto è sì superiore al brasiliano, ma ha davanti Messi e Ronaldo nel ruolo di attaccanti) che gioca nel campionato italiano. Si perderebbe la pole position per il prossimo scudetto che attualmente abbiamo comunque in virtù della rosa e del fatto che si giocherà ad impegni pari con la Juventus la prossima stagione – finendo sicuramente dietro i bianconeri e forse anche dietro al Napoli di Mazzarri con ancora il malus Allegri che causa la perdita di 5-10 punti a stagione da applicare in attesa di capire cosa farà l’Inter sul mercato. C’è però il precedente proprio di tre anni fa con i soldi di Kakà rimasti lì, freschi, in attesa di un acquirente perché appena Galliani e co. provavano ad avvicinare un giocatore il prezzo lievitava in modo tale da poter comprare solamente ad offerte indecenti – salvo poi cedere lo stesso giocatore a prezzi inferiori ad altre società: emblematico il caso di Hernanes. Gli acquisti andrebbero quindi fatti prima di una cessione importante, come è stato per Ibrahimovic e Robinho prima delle cessioni per 25 milioni complessivi di Borriello e Huntelaar.

La trattativa invece evidenzia grandi incomprensioni a livello societario: Allegri è stato completamente tagliato fuori, Barbara si oppone, Braida dice che non sarà venduto proprio mentre Galliani (quello del 99,9%) partiva in aereo per Parigi, il non-presidente boh… ma se tra una mignotta e l’altra ce lo fa sapere lo possiamo aggiungere.  Cosa ancora più grave: è stato il Milan ad andare a Parigi e non il Paris SG a venire a Milano come si confà quando un giocatore viene venduto. Questo fa pensare che siamo stati noi i primi a voler piazzare qualche pezzo pregiato come dei volgari piazzisti provando a contattare più persone possibili per sentire il prezzo migliore prendendo per il culo i tifosi.

C’è poi la terza ipotesi – ancora peggiore della cessione – quella di un teatrino mediatico stile Kakà-City per giustificare altri non acquisti in estate con un paio di giornalisti di turno a piangere urlando “grazie presidente”. Sarebbe una figura di merda colossale oltre al danno di immagine a cui non voglio nemmeno pensare.

La missione del Milan è quella di lottare ogni anno per vincere la Champions League partendo, se non tra le favorite, almeno immediatamente alle spalle di esse: questa società ha ampiamente dimostrato di voler fare del Milan una nuova Udinese – se non è più in grado di mantenere fasti e promesse del passato che metta pubblicamente la società in vendita, la svenda e se ne vada. Purtroppo per noi Il Milan serve a Fininvest unicamente per risparmiare soldi sulla tassazione delle altre imprese del gruppo – quello che il presidente (per noi, non servi e non politicizzati, rigorosamente con la p minuscola seguendo le regole della lingua italiana) non dice quando si vanta di staccare assegni e di cacciare i soldi è che in realtà parte di quei soldi li sta risparmiando da un’altra parte.

Il Milan ideale dovrebbe adattarsi alle grandi squadre non solo nello stadio di proprietà, ma anche e soprattutto in una giunta direttiva che rende conto di quello che fa ad un azionariato popolare. E’ il momento che si aprano gli occhi e che si provi a fare un Milan vincente, cosa che questa società non è più in grado di fare anche a costo di ripetere quanto fatto dai cugini nel 1908: una secessione contro questa società immobile e vetusta che appoggerei senza condizioni da imprenditori col cuore rossonero che volessero provare una ipotesi tanto remota quanto affascinante. Si lo so, c’è chi parla di colori prima di società e dirigenti: la ritengo una patetica scusa per coprire la mala gestione. La politica del Milan è sempre stata quella di identificarsi prima nei giocatori, poi nei colori facendo diventare i giocatori stessi un esempio e un simbolo dei colori che portavano e non trattandoli come merce di scambio.

L’ultimo paragrafo di questo sfogo lo dedico a Thiago Silva che comunque non è esente da colpe: è facile parlare di Baresi e Maldini e di voler diventare una bandiera lontano dal calciomercato. Certe cose bisognerebbe prima dimostrarle coi fatti che a parole rifiutando anche offerte importanti da altre società o magari scendendo in campo in un derby scudetto anziché pensare all’olimpiade con la propria nazionale. Viva la sincerità di Ibrahimovic – tanto odiato per essere mercenario ma che, perlomeno, dice sempre quello che pensa.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

17 Comments

  1. Ahahahahaahahahaaha…la secessione diobono….ahahahahahahaha

    Di cazzate ne ho lette tante in questi giorni e in questo post – tra cui quella che non si ragionevole sistemare i bilanci prima di una cessione (per vendere bisogna sempre arrivare al fallimento?), quella della pantomima (il PSG non c’ha un cazzo di meglio di fare che farci da spalla illudendo i loro tifosi e quella che non saremmo competitivi nell’OSCENO campionatucolo italiano senza manco conoscere gli eventuali sostituti.

    Ma la secessione le batte tutte.

    Peraltro alla fine della fiera, se prenderemo la vicenda e la spoglieremo delle vostre paranoie e visioni mistiche resterà il fatto che o ci danno 50 milioni o Thiago Silva resta qua. Semplicemente e logicamente ciò.

  2. il barcelona vendendo ibra si è dimesso da grande club perchè ha ceduto ad una diretta concorrente un suo campione! il manchester vendendo ronaldo si è dimesso da grande club perchè lo ha ceduto al real madrid diretta concorrente… come fila questo ragionamento!!!

    La missione del Milan è quella di lottare ogni anno per la champions??? come mai negli anni 80 al massimo si lottava per la salvezza o per la promozione in A????

    un post pieno di banalità…

    1. Diavolo1990

      La missione che ha dato Berlusconi.
      Negli anni 80 c’era comunque una voglia che ora manca. Barça e Man. Utd lo hanno sempre fatto, il Milan no. E il Barça ha venduto Ibra per Villa, non per due o tre giovani.

  3. uno dei pochi marchi con ampia disponibilità economica che difficilmente accetterebbe di porre ancora il suo brand su una società non vincente,

    beh…comunque sponsorizzano l’Arsenal, dunque di società perdenti ne hanno esperienza 😀

    1. Per non infierire ricordando anche l’Amburgo… 🙄

  4. E il Barça ha venduto Ibra per Villa, non per due o tre giovani.

    Se arrivassero un discreto centrale come è Silvestre o sto cazzo di Dedè e un mediano che stia davanti alla difesa meglio di Muntari, non saremmo secondi alla Juve.

    E se anche lo fossimo, sticazzi. Loro erano secondi a noi a settembre e ci hanno spazzati via.

  5. la voglia di vendersi le partite????

    la juve ha venduto zidane al real….ehm… solo noi non possiamo vendere i campioni per offerte irrinunciabili!!!!

    1. Diavolo1990

      No. Lo stile Milan non prevede questo. Prevede il campione come immagine della società che ne diventa parte e che dopo la carriera finita lì ne diventa dirigente.

  6. visto che Thiago abita nel mio paese , (ha preso la casa che era del calciatore Adriano quello dell’Inter)

    sono andato a vedere se c’era ancora l’Audi parcheggiata sotto la veranda vicino al Garage( perchè dentro c è una Ferrari e un’altra auto )

    devo dire che l’AUTO è lì e quindi ancora qualche speranza che una decisione definitiva non sia stata presa
    c è

    vi è parecchia corrispondenza nella cassetta della posta ed ho visto quella che credo sia la donna delle pulizie entrare nell’abitazione

    per il momento non sembra esserci nessun trasloco in corso

    speriamo che questa vicenda finisca come quella con Pato a Gennaio

  7. penso che come tutti avevamo individuato in Thiago il nostro capitano del futuro

    se la cessione riguardava qualche altro giocatore della rosa tipo che so Boateng non ci sarebbe stato questa sollevazione popolare dei tifosi

    ma Thiago no prima di lui si dovevano sacrificare altri calciatori componenti della rosa
    o sbaglio ?

    1. Diavolo1990

      Tipo Pato, che tutti volevano a Parigi e tutti si sono incazzati quando non è stato ceduto?

      1. appunto

  8. diavolino dimenticavo gran bel post

    perchè ci sono molte cose su cui discutere

    o uno i colori rossoneri li ha sulla pelle come li ha avuti Gattuso nel recente passato ed altri o non li ha punto

    diavolino

    grandi gii Oklahoma Thunder 1-0 su Miami

    dell’Armani stendiamo un velo pietoso che è meglio va

    1. Borgofosco

      Spiace per l’Armani ma il basket è più veritiero del calcio. Vince quasi sempre la squadra più forte.
      Per quel che riguarda la proprietà del Milan, prendo atto del rinsavimento della famiglia Berlusconi.
      Riporto semplicemente quanto sta nel sito dell’Ac Milan: “Il valore del Brand del Milan è stato certificato dal più completo Studio mondiale sul tema: è in ascesa, più 7%, è il primo in Italia e nella Top ten mondo. Il rating del Milan, AA+, è il quinto al mondo, ben superiore a quello della stessa Serie A Tim”.
      Con queste premesse mi sembrava pazzesco che la società facesse una campagna cessioni che definire demenziale sarebbe stato un complimento. Non ci credevo anche se ho tentato, in altri postati, di farmene una ragione. Ho vissuto, relativamente agli avvenimenti sportivi, in apnea per due giorni. Ora comincio a capire che forse possiamo ancora sperare di mantenere la posizioni di prestigio a livello internazionale.
      Gli acquisti fatti sono quanto di meglio potessero permettere i ‘buchi di bilancio’ e qualcosa ancora si farà.
      Ora vado a letto rasserenato. Non rivivrò gli incubi nei ricordi di un Milan, inizi anni 80, post prima ed unica stella!

  9. Io quando leggo questi post mi riscopro sempre particolarmente liberale.

    Vergognoso per i tifosi de che? Ce li mettono loro i soldi o il presidente? Sarà libero un presidente di non spendere per la sua squadra?

    Infatti il bilancio è stato già ripianato da Berlusconi. Non può essere che abbia piacere Silvio a rientrare in possesso della cifra spesa?

    Bilanci puliti di fronte a una cessione non obbligatori. No infatti tutti i giorni ci sono compratori che smaniano dalla volontà di comprare squadre in perdita da ripianare con elevato debito. Nemmeno all’ isola che non c’ è di questi tempi.

    Azionariato popolare? Certo ma mica da ora. Andava fatto da 20 anni e gradualmente mentre Berlusconi era al Top. Farlo ora è impossibile.

    Il discorso è semplice. O il Milan rimane a Berlusconi o va agli sceicchi, bravi a spendere ma che di calcio non capiscono nulla.

    Ma si va. meglio che rimanga a Berlusconi. Cediamo anche Ibra già che ci siamo almeno abbiamo qualcosa per fare mercato. Ricostruiamo la squadra, fra qualche anno saremo di nuovo competitivi e teniamoci Silviuccio che almeno ci fa vincere. Se non domani sarà domani l’ altro non appena potrà prendere un allenatore al verso.

  10. Comunque ripianare 60 milioni, porta si a un risparmio fiscale per fininvest ma intanto sono 60 milioni cash che escono dalle casse per un risparmio fiscale di 30.

    Insomma non proprio questa gran genialata per una società.

    1. Borgofosco

      I discorsi sull’azionariato popolare(non è mai troppo tardi)e sulle coperture di bilancio sono sempre state valutate con molta accuratezza nel team rossonero. A Silvio piace la definizione di uomo solo al comando. Meritevolmente non spilla quattrini a soci minoritari che comunque avrebbero scarsa o nulla voce in capitolo. Ma qui dobbiamo parlare di calcio ed essere felici per il rinsavimento della famiglia proprietaria. Luca Serafini ha colto nel segno: “qualora il Milan dovesse cedere Thiago Silva al Paris SG si dimetterebbe ufficialmente da grande club”. Io lo avevo detto, seppur in maniera meno efficace, parlando di abdicazione a favore del PSG. Avevo collocato il PSG come serio pretedendente alla coppa dalle grandi orecchie qualora si fosse acquisita le prestazioni dei due top player milanisti. La sostanza è che senza ‘lilleri non si lallera’ ma che i ‘lilleri’ non si guadagnano se non si hanno ambizioni da grande squadra che deve continuare ad essere protagonista nei palcoscenici planetari.
      Allora lasciamo l’innumerevole schiera dei rag.Rossi o Bianchi e pensiamo alla grande proprio come Silvio ci ha abituato a pensare!
      Spero di non essere smentito dalla cessione di uno o di tutti e due i fuoriclasse!!!

Comments are closed.