https://i0.wp.com/musibrasil.net/immagini/ronaldinho_adriano.jpg?resize=197%2C197Frey

Zanetti – Nesta – G. Milito – Bridge

Ambrosini – Cambiasso – Hargreaves

Ronaldinho

Pato – Ibrahimovich

Allenatore: Giovanni Trapattoni. A disposizione: Abbiati,  Grosso, Maxwell, Flamini, Vieira, Seedorf, Cassano, Raul, Toni, Trezeguet.

C’è una trentatreesima squadra che partecipa a questo mondiale. E’ quella degli esclusi. E’ quella di chi, per infortunio, rinuncia o perché non si è proprio qualificato con la propria nazionale. E’ una formazione che fa paura e che il mondiale forse lo stravincerebbe a mani basse.

Si calcola che il Brasile abbia circa 1000 calciatori che in giro per il globo prendono a calci una palla per mestiere. È la scuola calcistica migliore di sempre, una fucina inesauribile di talenti. Per questo Dunga ha dovuto fare delle scelte: fuori Pato, Adriano e Ronaldinho. In pratica un attacco che giocherebbe titolare in tutte le Nazionali. Ovviamente non si tratta solo di una questione di ordine tecnico. Ronaldinho e la vita notturna sembrano inestricabili, e parrebbe che non disdegni di accompagnarsi al giovane Pato, che ha fatto così naufragare il precoce matrimonio. Adriano è un capitolo a parte, quando si ingurgita alcool come Gatorade tra il primo ed il secondo supplementare difficilmente si ha una forma fisica da atleta. Il Brasile quindi ci proporrà in attacco Robinho e Luis Fabiano. Soprattutto il primo di questi non è reduce da una buona stagione. E se per caso uno dei due dovesse uscire entrerebbe in campo Julio Baptista, uno che alla Roma fa la riserva di Menez. Maradona ha fatto anche peggio, lasciando a casa Cambiasso e Zanetti e portando gente come Bolatti, Datolo e Blanco. La dietro in difesa giocheranno Burdisso – Demichelis. A meno che non ci ripensi su Samuel, attualmente riserva. In Francia gli esclusi eccellenti si chiamano Benzema e Nasri. Soprattutto il primo di questi che ha sacrificato il ruolo di protagonista assoluto che aveva al Lione per deludere a Madrid. Dulcis in fundo… noi.Miccoli, Ambrosini, Grosso, e Cassano. Tutti per scelte del CT. Non ci sarà l’eroe del 2006. Come al solito a parlare di se saranno gli assenti. Una cosa è certa ad almeno tre tra Dunga, Maradona, Lippi e Domenech a fine mondiale questi nomi saranno rinfacciati.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.