Stadio Luigi Ferraris in Marassi, ore 20.45. Si gioca di venerdì perché si pensava che la gara col Plzen fosse decisiva, invece questa volta sarà quella di campionato la gara più importante del binomio data la qualificazione in Champions League già ampiamente archiviata. Genoa – Milan apre quindi il programma della 14° di A in un campionato che, per questo mese, normalizzerà il piccolo vantaggio che ha la Juventus su di noi di non giocare le coppe Europee (e che continuerà anche per il mese di Gennaio) considerato che presumibilmente in Repubblica Ceca martedì si giocherà poco più di una partitella di allenamento. Da qui a Natale abbiamo quattro gare (recupero della prima giornata compreso) di cui tre di queste in trasferta. Difficile ma non impossibile che arrivino in queste dodici punti data la caratura delle avversarie – mi accontenterei di dieci che ci porterebbero alla sosta a soli sei punti (su nove residui) dai quaranta con cui si è concluso lo scorso anno il girone d’andata, lasciandoci anche un margine per eventualmente fallire la gara più difficile delle ultime tre – ovviamente quella contro i nerazzurri (anche questa in trasferta sul non facile campo di Bergamo).

FORMAZIONE MILAN – Saranno le indiscrezioni provenienti dall’Olanda (sponda Van Basten) o la presenza di Donadoni in tribuna domenica scorsa (pare non casuale) ma Allegri è parso ieri particolarmente spavaldo e sicuro di se come raramente lo si è visto. “A Coverciano ci sono corsi da allenatore che si possono tranquillamente frequentare” è stata la risposta al solito giornalista fan dell’olandese col numero dieci sulle indicazioni tattiche circa la posizione di Ibrahimovic fornite dall’olandese. Olandese che Allegri comunque accontenta, data questa ispirazione tattica che lo pervade, e che acciuga colloca per la seconda volta consecutiva al posto di sua competenza – quello in panchina – per far spazio allo stesso centrocampo che ha spezzato le reni al Chievo ad eccezione di Van Bommel affaticato (dovrebbe giocare Ambrosini). Yepes dovrebbe vincere infatti il ballottaggio con Bonera in difesa per il posto a fianco di Thiago Silva, mentre sulle fasce non si toccano Abate e Antonini. In attacco Pato favorito per il posto a fianco di Ibrahimovic proprio come un anno fa quando in questa gara a Gennaio il brasiliano riuscì a segnare – chissà se il fatto di doversi giocare il proprio futuro rossonero in quattro partite lo spingerà a rendere al meglio.

FORMAZIONE GENOAIl Genoa è tuttora imbattuto a Marassi ma il Milan arriva da sei vittorie e un pareggio nelle ultime sette gare. Meno incoraggiante lo score rossonero in trasferta con due vittorie e un pari in cinque partite disputate anche se tutte in campi difficili a parte quello di Lecce. Peserà per il Grifone l’assenza di Palacio che ha segnato ben cinque delle quattordici reti messe a segno dai rossoblu in questo torneo, al suo posto di fianco a Caracciolo (in gol contro la Juventus) partità Jankovic. Dietro di loro Merkel, in comproprietà proprio dal nostro vivaio, e per il quale si parla già di ritorno come rinforzo a centrocampo nella prossima sessione di mercato. In difesa altra vecchia conoscenza rossonera, quella di Kakha Kaladze che giocherà di fianco a Dainelli e davanti a Frey. Genoa in un momento no dopo la sconfitta a Cesena che ha fatto parlare in settimana anche di possibile esonero per Malesani – insomma, non approfittare della situazione e lasciare punti sulla A7 sarebbe veramente un peccato.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.