https://i1.wp.com/milantropia.blogosfere.it/images/malmoe-milan-ibra.jpg?resize=242%2C144Swedbank Stadium, ore 18.30. Terzultimo impegno del precampionato per il Milan neo-supercampione d’Italia. Si gioca a Malmoe, in Svezia, là dove Zlatan Ibrahimovic iniziò nel 1999 a giocare con i professionisti. L’avversario dovrebbe, almeno sulla carta, lasciare presagire una passeggiata facile, nonostante i campioni di Svezia secondo la logica Mourinhana dovrebbero essere più ostici da affrontare dei recenti, umiliati, vice-campioni d’Italia. Malmoe che per questo è leggermente più avanti di noi con la preparazione, giocando mercoledì l’andata dei preliminari di Champions League contro la Dinamo Zagabria. Champions League di cui il Malmoe è l’unica squadra svedese ad aver disputato una finale nel lontano 1979, persa contro il Nottingham Forest.

IN CAMPO IN SVEZIA… Sarà un test importante per chi si deve giocare il posto da titolare, in particolare Antonio Cassano. Il Barese ha dimostrato con la nazionale di poter fare qualcosa ad alti livelli, nonostante la solita stampa di casa RCS provi a destabilizzare ulteriormente l’ambiente per la scelta di affibbiargli la fascia di capitano (sarei curioso di sapere se tra i comportamenti ineccepibili di Cannavaro c’è anche il video in cui si inietta una siringa o tra quello di Facchetti quello di avere la linea you&me con Bergamo designatore, inoltre quali siano queste abilità tecniche possedute da Facchetti e Bergomi superiori al barese non è dato saperlo) e che auspica a tutti i costi per il Barese un futuro lontano da Milanello. Sarà anche un momento di mercato con Raiola che riferirà a Galliani del tentativo fallito a Londra per Cesc Fabregas e proverà a inventare un colpo negli ultimi giorni di mercato con l’ombra di Kakà che si avvicina sempre più in vista del trofeo Berlusconi, minacciosa e inquietante. Ibrahimovic partirà ovviamente titolare, rimarranno invece a casa quasi tutti i rossoneri impegnati con le nazionali: Nesta, Thiago Silva e Yepes in particolare a cui è stato concesso del riposo supplementare. A casa anche Clarence Seedorf per un colpo subito al ginocchio in allenamento e messo a riposo precauzionale potranno trovare spazio anche dei giovani: ne sono stati convocati ben cinque Un solo precedente tra le due squadre, nella coppa dei campioni del 1969 col Milan sconfitto per 2-1 in Svezia e vincente 4-1 fra le mura amiche. Oggi sarà una sfida decisamente meno importante di quella ma non per questo meno probante per chi si gioca il posto da titolare a partire da Cagliari.

… E NEL PRIMO CLASICO Alle 22 invece tutti a Madrid per il primo clasico della stagione. Barça e Real si giocano infatti la Supercoppa di Spagna che, a differenza di quella Italiana, prevede una gara di andata e una di ritorno giocate rispettivamente nello stadio delle vincenti di Copa del Rey e Campionato, con Mourinho che stavolta mette già le mani avanti in caso di sconfitta definendo il trofeo “il meno importante della stagione” mentre invece l’ex portiere Madrileno Francisco Buyo mette pepe alla sfida dicendo che il Real vincerà l’andata per cinque a zero. Insomma la stagione spagnola inizia con il botto e anche questa partita si presenta come quella di riferimento per la stagione 2011/12.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.