Si gioca alle 18 il posticipo che coinvolge anche il Milan: a San Siro arriva l’Atalanta.

Non è un vero derby, ma la rivalità esiste specie dopo l’approdo stabile dell’Atalanta nelle posizioni che contano (aka zona EL). Bergamaschi partiti con qualche difficoltà, avendo messo a segno 4 punti (come il Milan) ma in 4 gare e senza big intorno. Sfide sempre ostiche, negli ultimi anni, contro la squadra di Gasperini: due anni fa un doppio pari, 0-0 e 1-1, lo scorso anno addirittura uno 0-2 a San Siro prima dell’1-1 a Bergamo che come un anno prima ha consegnato l’Europa al Milan. Poi, in estate, la diatriba sull’esclusione dalle Coppe che avrebbe portato l’Atalanta ai gironi (e la successiva eliminazione all’ultimo preliminare dei nerazzurri con il Copenhagen).

Caldara e Cutrone fuori, torna tra i convocati Musacchio. Il 4-3-3 di Gattuso dovrebbe vedere in campo G. Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Biglia, Bonaventura; Suso, Higuain, Calhanoglu. 11 “titolare”, dopo il turnover extra visto contro il Dudelange. 3-4-1-2 per Gasperini con: Gollini; Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Adnan; Pasalic; Gomez, D. Zapata. Due gli ex in campo nel Milan, uno (Pasalic) nell’Atalanta. Arbitro della partita Doveri, con Orsato-Peretti al Var.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014