Dopo l’unica pausa più lunga di 3-4 giorni del periodo di sfide ravvicinate che attende il Milan, si torna in campo per uno degli anticipi della 24^ giornata. Spal e Milan scendono in campo già alle 15.

Orario quasi inedito per il Milan, arrivato a giocare però alle 12.30 del sabato nel famoso derby “di Zapata”. Il 2-0 derivante da due rigori dell’andata fu l’ultima partita vinta prima di una serie negativa di 4 partite, tra cui Roma e derby. Da allora è cambiato l’allenatore (Gattuso) e sono partiti tre giocatori ai margini della rosa, con in cambio l’ingresso di un paio di Primavera; dall’altra parte la Spal di Semplici ha ceduto Oikonomou, Mora e quattro giocatori ai margini prelevando Cionek dal Palermo, Dramé e Kurtic dall’Atalanta, Everton dal Partizan e il duo Vitale-Simic dalla B, facendo forse il miglior mercato di gennaio della A (in proporzione ai mezzi e alla classifica).

Gli emiliani vengono da 2 punti in 4 gare nel girone di ritorno (i pareggi con Inter e Udinese, il primo proprio a Ferrara). Tra i convocati del Milan tornano Gomez e Rodriguez mentre restano ai box lo squalificato Calabria e Kalinic (oltre a Conti e Storari). G. Donnarumma; Abate, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Biglia, Bonaventura; Suso, Cutrone, Calhanoglu il probabile undici (4-3-3). 3-5-1-1 per la Spal, con: Meret; Simic, Salamon, Felipe; Lazzari, Schiattarella, Everton, Grassi, Mattiello; Kurtic, Antenucci. Fuori Vicari, Schiavon, Cionek, Konate e Borriello per i biancazzurri. Arbitro della partita Mariani di Aprilia, con Doveri-Lo Cicero al Var.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014

One Comment

  1. Borgofosco
    Mario De Magistris 10 Febbraio 2018 at 12:30

    Per il Milan è una partita più complicata di quanto non si possa immaginare. Quindi piedi ben piantati per terra poiché da oggi inizia un ciclo terribile di 5 gare da disputare tutte a distanza di tre/quattro giorni tra loro a partire dalla trasferta faticosissima in Bulgaria. Inoltre il tecnico avversario,Leonardo Semplici, è un ottimo allenatore ed ha preparato benissimo la partita. Infine il Paolo Mazza è uno stadio dalle mille insidie. Quindi non mi resta che dire: FORZA MILAN

Comments are closed.