Si torna in campo anche in Europa dopo i primi tre punti ottenuti contro l’Austria Vienna. Saranno i croati del Rijeka gli avversari di stasera del Milan, per cercare da subito di allungare e portare a casa la qualificazione con un po’ di anticipo.

Dopo la sconfitta di domenica a Genova e le varie polemiche di inizio settimana sull’allontanamento di uno dei preparatori è tempo di calcio giocato (per fortuna). Tanti i cambi per risparmiare uomini ed energie in vista della Roma, di fatto restano tre titolari di domenica. Conferma però per il modulo 3-5-2, con: G. Donnarumma; Paletta, Bonucci, Musacchio; Borini, Mauri, Locatelli, Calhanoglu, Rodriguez; A. Silva, Cutrone. Si rivedono Paletta e Borini, esclusi dai convocati Zapata e Biglia mentre ci sono tutti gli attaccanti e il primavera Gabbia a centrocampo.

4-2-3-1 che potrebbe modificarsi in un 4-3-3 per i croati. Prskalo; Vesovic, Elez, Zuparic, Zuta; Bradaric, Males; Kvrzic, Misic, Heber; Gavranovic. Nell’altra sfida del girone l’Aek Atene ospita l’Austria Vienna, dopo aver battuto il Rijeka 1-2 nella prima giornata. Due ex “italiani” e cioè il centrale Zuparic (tre anni e mezzo al Pescara) e l’ala ex Crotone Acosty; unico giocatore con una certa notorietà è l’attaccante della nazionale svizzera Mario Gavranovic. Niente diretta tv in chiaro, su Tv8 andrà Lione-Atalanta sempre alle 21; arbitra la partita l’israeliano Grinfeld per l’ultimo “ritorno”, quello di una vera fase di coppa europea a San Siro.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014

15 Comments

  1. Borgofosco
    Mario De Magistris 28 Settembre 2017 at 13:26

    Dopo la burrasca c’è da attendersi un Milan un po dimesso che affronterà una partita non semplice sotto il profilo psicologico e caratteriale, Non facciamoci illusioni! Le due partite che vanno da qui alla sosta saranno determinanti per la condizione tecnica della squadra! L’eventuale traghettatore esiste ed è a Milanello: Rino Gattiso. Ma ricorrere a lui significherebbe forse il fallimento dell’ennesima stagione, Questo nonostante la dispendiosa campagna di rafforzamento, Di mio aggiungo che il Milan non sta simpatico al ‘Palazzo’ Non ripeto la mia fissazione sui designati da Rizzoli. Constato amaramente d’avere sempre ragione!

    1. Milanforever

      Gara non semplice da superare, hai ragione.
      Non ti seguo sull’eventuale sostituto, nonostante il bene che voglio a Rino. Sono stanco dei dilettanti e degli allenatori alle prime armi.
      Presto è probabile che si liberi Carletto, ma non sarei d’accordo comunque.
      Sugli arbitri mi dispiace, ma è una battaglia persa. A Genova e Roma non abbiamo certamente perso per loro…

    2. Milanforever

      Ho detto “presto”… non pensavo lo fosse già…

  2. Milanforever

    Mi è sparito un commento?
    Facevo presente che la probabile formazione forse è questa:
    Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Abate, Kessié, Locatelli, Calhanoglu, Borini; Cutrone, André Silva.
    Poi che la gara è tutt’altro che semplice, ma su questo spero di sbagliarmi.

  3. Carletto e’ libero! Ed ora che si fa ? Aspettiamo Conti quando e se sara’ lo prendiamo al volo?

    1. Milanforever

      Volevi dire Conte? Direi di si…

      1. E se poi non viene? E nel frattempo ci teniamo il sorridente? E se Carletto trova una squadra ?
        Bel dilemma!

        1. Milanforever

          Come dico sempre non mi piacciono le minestre riscaldate.
          Poi non è detto che sia disposto a tornare.
          Questo Milan sarebbe perfetto per Conte. Ma è chiaramente tutto rimandato al prossimo anno.
          Per adesso cerchiamo di stringere la cinghia e non sbragare alle prime difficoltà. In queste situazioni è importante la forza della società. Mah…

  4. Milanforever

    Ma Paletta e Mauri da quale cappello erano usciti? Troppo importante la partita di questa sera sotto il profilo psicologico per forzare troppo il turnover.

  5. Se qualcosa non mi sfugge Rino e Carletto si volevano bene. Io apprezzavo molto il duopolio Rocco Viani. Magari Capello sarebbe piu’ adatto a fare il Viani ma Carletto non fallirebbe. Ad azzannare i giocatori ci vedo bene Rino. E Montella ? Non ce l’ho visto mai. Confesso.

    1. Milanforever

      Ti prego Vittorio, basta con i paragoni con la preistoria del calcio.

  6. Quella massa di incompetenti, capeggiata dal nostro cieco e crotino, che pensa a Kalinic o a Cutrone come centravanti del Milan, dovrebbe avere capito, oggi almeno, davanti all’ennesimo colpo di grande classe di Andre Silva. Ora io mi chiedo come si possa perdere fino a questo punto la propria capacita’ di valutazione. Fossero cointeressati al cartellino oppure allo stipendio dei calciatori, ebbene si capirebbe. Ma da liberi osservatori del calcio fa davvero pena assistere a tale ignoranza. Montella ha dato,prova di totale incapacita’ e di non capire un cazzo di calcio. Penso gli piacciano i leccaculi o altre cose. Non ci puo’ portare in Champion. Se poi per congiunzioni astrali favorevoli ci arrivasse, pensate voi a fare la Champion con lui allenatore.
    Quindi va fatto subito.

    1. Milanforever

      Se aspettavi un po’ a scrivere ti saresti accorto che nella pietosa serata Montella è stato salvato dalla sua scelta di lasciare in campo Cutrone.

  7. Tre gol mentre scrivo! incredibile ! La frittata era fatta.

    1. Milanforever

      La frittata è fatta lo stesso

Comments are closed.