Dopo il pareggio dell’andata (unico sussulto di Luiz Adriano, desaparecido prima della cessione) torna lo scontro diretto con la Fiorentina. Settima contro ottava, in pratica chi perde rischia di essere fuori dalla corsa per l’Europa nella sfida delle 20.45.

Con il ritorno di Paletta e Kucka finisce il clou dell’emergenza; entrambi dovrebbero partire titolari. Tre assenti in difesa (De Sciglio, Antonelli, Romagnoli) e i lungodegenti Bonaventura e Montolivo a centrocampo. Donnarumma; Abate, Paletta, Gomez, Vangioni; Kucka, Sosa, Bertolacci; Suso, Bacca, Deulofeu. Zapata, Pasalic, Lapadula e Ocampos si siedono quindi in panchina, dove ci sarà anche uno tra Zucchetti e Cutrone (primavera).

Nella Fiorentina confermato il 3-4-2-1 con: Tatarusanu; Sanchez, Rodriguez, Astori; Chiesa, Vecino, Badelj, M. Oliveira; Ilicic (Saponara), Borja Valero; Kalinic. Gli ex della partita, oltre ovviamente a Montella in panchina, sono Mati Fernandez, in realtà ancora in prestito dai viola, e sull’altro versante Astori (cresciuto nel vivaio rossonero) e Saponara. Pochi i reduci della celebre annata del “rigore per il Milan” che anche oggi che lo sport nazionale è diventato negare rigori o espellere giocatori al Milan ogni tanto rispunta fuori; Abate e Poli da un lato, Borja Valero e Tomovic nella Fiorentina. Dopo i successi di Atalanta e Lazio, Bologna-Inter tra poco sarà l’unica partita interessante per noi in classifica.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014

2 Comments

  1. Borgofosco

    Non vorrei essere ripetitivo ma Paolo Valeri mi ricorda la stroncatura della carriera di Rodrigo Ely, proprio in un Fiorentina-Milan, ed altri scandalosi arbitraggi tutti contrari ai rossoneri(clamoroso e scandaloso l’annullamento di un gol valido a Montolivo in un derby). Quindi anche qui temo più l’arbitro che la Fiorentina anche se la squadra di Paulo Sousa è una compagine che gioca bene un calcio non ostruzionistico e cerca di vincere e non di ‘rubare’ le sue vittorie. Mi auguro che il pubblico possa vedere una buona partita senza intromissioni esterne, volute dal ‘Palazzo’, così come si sono troppo spesso verificate in altre partite.

  2. Milanforever 19 Feb 2017 at 12:11

    Tornando alla discussione precedente a proposito di traditori
    http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/juventus/juve-pirlo-torna-come-ambasciatore_1141042-201702a.shtml

    Questa sera partita molto rischiosa e l’ultima a San Siro dell’era Berlusconi. La altre viaggiano forte, un pareggio servirebbe a poco.

Comments are closed.