https://i2.wp.com/www.aimc.eu/public/immaginiaimc/clubs/240179//logo%20milan-atalanta%20%20%20web%201%20foto.jpg?resize=302%2C178Adesso possiamo dirlo. Dopo il gol di Pato che ci ha portati a +10 sulla Juventus, per cercare la quale in classifica a Milanello è stato assunto un sommozzatore, comincia un campionato di 13 partite, 13 finali per la lotta scudetto.

Alcune precisazioni: è vero, non siamo mai stati così vicino a quelli là da dopo calciopoli in questo periodo di stagione, periodo nel quale loro tendono a perdere punti e tolti gli scontri diretti abbiamo fatto due punti in più di loro nel campionato. Ma non dimentichiamo la cosa fondamentale: questa lotta a noi non costa nulla. Per come si era messa la stagione siamo soddisfatti anche del secondo posto. Chi deve vincere assolutamente lo scudetto (e potrebbe non bastare), chi sta pagando 38,6 milioni di Euro per ogni punto di vantaggio su di noi sono loro. La pressione è tutta dalla loro parte. Noi non abbiamo nulla da perdere.

Vediamo ora la prima di queste finali. Si gioca a San Siro, contro l’Atalanta, in una domenica caratterizzata dal blocco del traffico (che ovviamente fa parte del complotto, giocando l’Inter fuori casa) mi aspetto lo stadio quasi pieno. L’anno scorso fu l’ultima grande partita di Inzaghi, che segnò una tripletta in una partita in cui Dinho fece vedere buone cose. Non come questa stagione, ovviamente. Ma fu una vittoria dopo la gara del 2007/08 con una serie di errori arbitrali che la parola ‘complotto’ è ridicola e dopo quella del 2006/07 vinta a fatica. Gara facile ma da non sottovalutare insomma. Prima di andare all’Olimpico è una giornata che sulla carta dovrebbe essere a nostro favore.

Passiamo all’aspetto tattico, si dovrebbe rivedere Beckham, non nel ruolo di gennaio ma come sostituto di Flamini a Centrocampo, confermati Pirlo (bene) e Gattuso (meno bene). Ovviamente confermato Abbiati in porta (benissimo) e là davanti il trio delle meraviglie Pato – Dinho – Borriello. Dinho come al solito sarà la chiave. Anche a Firenze, triplicato ogni possesso palla ma ci metteva sempre la sua giocata. E anche lì sono arrivati i 2 assist. Ormai, a Barcellona lo rimpiangono….

3 punti da fare. Magari come le ultime 2 volte. Sapete che bello vederli gridare al complotto un’altra settimana?

Milan: 4-3-3 12 Abbiati; 20 Abate, 13 Nesta, 33 Thiago Silva, 25 Bonera; 32 Beckham, 21 Pirlo, 8 Gattuso; 7 Pato, 22 Borriello, 80 Ronaldinho

Atalanta: 4-4-1-1 1 Consigli; 4 Capelli, 2 Talamonti, 5 Manfredini, 6 Bellini; 79 Ferreira Pinto, 22 Padoin, 15 De Ascentis, 20 Valdes; 72 Doni; 90 Tiribocchi

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.