Stadio Friuli, ore 15.00. Si cambia tutto per cambiare poco: c’è l’esonero nell’aria qualora oggi dovesse andare male contro una squadra che, come noi, ha perso i pezzi migliori nell’ultima sessione di mercato e che, a differenza di noi, può contare su uno dei migliori allenatori d’Italia per quanto riguarda il gioco. Sì, perché se sulla nostra panchina lo scorso anno ci fosse stato Guidolin al posto di Allegri difficilmente avremmo perso il titolo in favore della Juventus e, soprattutto avremmo molti meno problemi con un allenatore che è sempre riuscito a fare bene anche quando si è trovato un manipolo di brocchi in mano – cosa che non riesce al livornese pur giocando unicamente con dei nazionali.

Allegri proverà quindi a rivoltare la formazione della gara contro l’Anderlecht come un calzino: fuori Bonera per infortunio e Antonini per scelta tecnica la fascia sinistra dovrebbe essere affidata a De Sciglio o a Mesbah mentre al centro dovrebbe agire finalmente Zapata di fianco a Mexes per quella che, sulla carta, dovrebbe essere o diventare la coppia di centrali titolare. A centrocampo tornerà Montolivo che, con De Jong davanti alla difesa e Nocerino dall’altro lato dietro Emanuelson (che sostituisce Boateng) dovranno servire palloni per Pazzini ed El Sharaawy: una formazione che si avvicina a quella ottimale che speriamo acciuga trovi presto spostando l’olandese sulla fascia sinistra e il faraone dietro le due punte – tempo al tempo.

Sarà importante vedere al Friuli se quei venti minuti di sfuriata contro l’Anderlecht in cui avremmo meritato anche il gol erano frutto del caso oppure di un preciso momento di sfruttamento del vero potenziale della squadra: nel primo tempo contro i belgi la squadra era rimasta pressoché bloccata con quasi la paura di buttare in avanti il pallone e uno scarsissimo movimento delle punte con Pazzini troppo lontano dalla porta: spero che il tecnico abbia rivisto quello spezzone di partita nelle classiche videocassette del giorno dopo e si sia dato da fare per correggere ciò che non funzionava – anche se di Mourinho ce n’è uno solo.

La sensazione che ho per la gara di domani è che il Friuli sarà il crocevia del nostro campionato: se si vince e si prende fiducia si può provare a mettersi nella scia del treno che porta in Europa, se si perde si proverà il rilancio cambiando allenatore: chiunque arrivi non può essere peggio di chi ha regalato alla Juventus lo scudetto dell’anno scorso – anche se sto cominciando ad avere l’idea che tenere questo scarsissimo tecnico costituisca il miglior alibi per la società.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

11 Comments

  1. Borgofosco

    “tenere questo scarsissimo tecnico costituisca il miglior alibi per la società”
    Aggiungerei che alla luce di quello che sta accadendo diventa profetico quanto detto in altra occasione: il mancato arrivo di Tevez e la mancata cessione di Pato hanno rappresentato ciò che è stata la sconfitta di Napoleone a Waterloo. Lo scudetto venne perso anche e soprattutto a seguito di quella decisione!
    Per quanto ne capisco di calcio ho sempre considerato l’allenatore un corollario. Il Milan venne allenato da Todeschini che di professione faceva, mirabilmente, lo scultore. Il Milan degli anni 50 cambiava allenatore ad ogni piè sospinto, ma vinceva in Italia ed in Europa con facilità irrisoria.
    Altri dirigenti che a partire dalla coppia Trabattoni-Busini è proseguto e migliorando con il guppo di lavoro voluto da Andrea Rizzoli. Il segretario era Bruno Passalacqua che rappresentava una sorta di deux ex machina che non sbagliava un colpo. Il susseguirsi di dirigenti, tra i quali il padre di Franco Carraro, che fece uscire il Milan da un oblio di 44 anni e che costrinse un quotidiano francese ad inventarsi la coppa dei campioni proprio per consentire al Real Madrid, al Milan ed al Benfica di dimostrare che anche nel continente si giocava al calcio e che alcune squadre non soltanto potevano vincere contro le squadre inglesi, ma impartirgli lezioni di calcio.
    Mi chiederete se voglio dire che l’attuale ‘regime’ al Milan è al suo crepuscolo? Non bisogna essere dei geni per capire che tutti gli indirizzi vanno in quella direzione!
    Tutto il resto è secondario compreso la questione allenatore che andava sostituito già durante l’intervallo della partita Milan-Barcellona.
    Inutile fare sceneggiate perché anche fossero reali il pubblico le percepirebbe, come è diventato luogo comune, come delle farse.
    La ristrutturazione della squadra, fatta ‘ad capocchiam’ comporta un solo indirizzo: la proprietà non vuole avere più nulla a che fare con il Milan?

  2. Zapata giuoca perchè Bombonera non è al 100% e Yepes è diventato papà.
    Nini non giuoca perchè è confuso.
    Boamerd non giuoca e non avrebbe dovuto giuocare già da molto tempo.

    Insomma, se la formazione ha più senso delle altre volte è perchè stavolta Acciughino si è arreso all’evidenza, non si è inventato nulla.

    Spero sia la ultima farsa..ehm, partita.

    1. verissimo

      le poche volte che in questi anni ha azzeccato la formazione l’incompetente di Livorno è grazie ad alcuni infortuni

  3. voci da Milanello

    Tassotti tentenna non vuole subentrare subito ad Allegri

    purtroppo questa carta non se la giocano subito ,

    cercheranno in tutti i modi di arrivare alla pausa natalizia così la società comunicherà al mondo sportivo che ad Allegri è stato dato tutto il tempo necessario per provare a salvare la stagione ma non vi è riuscito e non verranno criticati dai media per aver messo alla porta l’incompetente di Livorno ,

    che poi è arrivato al Milan voluto e sponsorizzato da Galliani , Berlusconi e Braida spingevano per Spalletti ma questa storia vecchia purtroppo ,

    è facile vero signor Galliani fare il mercato con gli amici procuratori quando si hanno i soldi in abbondanza da dividere le provvigioni con gli amici procuratori ?

    il nostro presidente di calcio ne capisce ma ormai ha delegato tutto ad altri e questi sono i risultati ,

    Silvio riprendi il comando via Galliani e Allegri e ripartiamo con Maldini ed altre persone serie

    1. Borgofosco

      Fammi capire…. la cessione di Pato al PSG poi annullata da un intervento di Silvio è stata tutta una sceneggiata’ Ed a che pro?
      Favorire l’avvento di Paolo Maldini e di sua figlia Barbara. Mi pare completamente inverosimile!
      E…. se fosse così si potrebbe dire che è stato commesso un altro errore marchiano nella comunicazione
      Pensandoci bene mi sovvien di dire: -ma va la’ Boldi… non stiamo girando una fiction oppure un film sulle vacanze di Natale!-
      Questo è, con le dovute proporzioni, il ‘dramma’ calcistico che stanno vivendo e soffrendo soprattutto i tifosi del Milan!

      1. la mancata cessione di Pato è stato sicuramente l’errore di Silvio ,ma sinceramente poi Galliani questa estate ne ha fatti anche lui

        da non aver tenuto Aquilani e Maxi Lopez , da non aver preso Verratti e Ogbonna , tra cartellino ed ingaggio non era poi tanto diversa la spesa con De Jong e con il duo Acerbi
        Zapata , meglio un difensore forte che due di medio livello via

        1. Borgofosco

          A me risulta che mancavano i soldi per acquistare Maxi Lopez. Il Samp ha sfuttato l’opportunità con un’abile mossa di mercato.
          Aquilani è stato ritenuto un giocatore fisicamente non affidabile. Per non pagare il programmato riscatto non lo si è fatto giocare nel finale della stagione.
          Bastava che la proprietà aumentasse temporaneamente il budget e forse con Aquilani in campo avremmo fatto un altro finale di campionato.
          Caro ‘Massimo’ dobbiamo sempre guardare le due facce della medaglia. Adesso però andiamo a soffrire guardando Udinese-Milan.

  4. guarderò i primi minuti del milan, se sarà al solità merda cambierò canale e mi vedrò il mondiale di ciclismo, due partite a settimana di questo milan non le reggo….

  5. per Diavolino

    Cantù vince la supercoppa italiana ed interrompe il dominio di Siena 😆

    noi la nostra parte l’abbiamo fatta come al solito

    adesso vediamo se l’olimpia è una corazzata o un’ammasso di giocatori ben pagati

    1. Diavolo1990

      La supercoppa è una partita secca…. capirai…
      Scandalo che giochi Cantù e non Milano, la finale playoff vale molto di più della finale coppa Italia…

  6. Abbiati, Abate, Zapata, Mexes, Mesbah, Montolivo, Ambrosini, Nocerino, Emanuelson, Pazzini, El Shaarawy.

Comments are closed.