L’Africa è un pensiero, un’emozione, quasi una preghiera: lo sono i suoi silenzi infiniti; i suoi tramonti; quel suo cielo che sembra molto più vicino del nostro, perché si vede di più, perché le sue stelle e la sua luna sono più limpide, nitide, pulite: brillano di più.

L’Africa sarà il banco di prova. Basta coi pronostici, con chi è rimasto a casa, con chi dice che siamo qui per niente.

Stasera sapremo se Johannesburg e Berlino, in fondo, non sono poi così lontane.

DAL GREEN POINT STADIUM DI CAPETOWN ITALIA-PARAGUAY, l’esordio dei campioni del Mondo

https://i0.wp.com/www.corrieredellosport.it/images/45/C_3_Media_446245_immagine_det.jpg?resize=378%2C232Ci siamo. Dalle 20.30 inizia il nostro mondiale. Il mondiale dei campioni in carica.

IERI – Prima di pensare a noi, però, andiamo a dare un occhio a quanto successo nella giornata di ieri. Alle 13.30 andava in scena Algeria – Slovenia. Partita che ha detto poco, se non che queste due squadre nel girone inglese saranno probabilmente destinate entrambe all’eliminazione. Già, l’Inghilterra che sembrava quasi invulnerabile e si è scoperta ‘normale’. Mi è piaciuto il Ghana, anche se ha pagato qualcosa la tattica Serba, quella di puntare molto sul fisico di Zigic in avanti, trascurandone la scarsa mobilità. Nonostante ciò il Ghana mi sembra un po’ meglio rispetto a quattro anni fa, quando raggiunse gli ottavi. Io stesso prima del mondiale l’ho pronosticato come una delle possibili sorprese del torneo per la semifinale.
Infine la Germania, che da la prima vittoria netta del torneo con la goleada. 4-0. E un segnale chiaro a Francia, Argentina e Inghilterra. I tedeschi ai mondiali sono sempre una delle squadre da battere. L’Australia non sarà la stessa di 4 anni fa, ma il segnale è incoraggiante, soprattutto perché la Germania poteva farne molti di più. Ci sarebbe da dire che 12 giocatori su 23 non hanno origini tedesche… ma ne parleremo più avanti nel proseguo della rassegna iridata.

OGGI – Prima di noi, alle 13.30, consiglio a tutti di non perdere l’esordio Olandese contro la Danimarca. Perché? Perché in caso di passaggio del girone potrebbero essere entrambe nostre avversarie e soprattutto per vedere se l’Olanda, come al solito con molto talento ma scarsa capacità di organizzarlo, potrà essere inserita tra le favorite di questo mondiale. E’ anche il giorno di Giappone – Cameroon, altra Africana, altra possibile sorpresa. Se è vero che la stagione di Eto’o all’Inter non è stata un granché con pochi gol anche se alcuni importanti, può provare il riscatto mondiale con la propria nazionale. Ed eccoci a noi.

ITALIA – Lippi ha le idee chiare ed è convinto che faremo un grande mondiale. Stasera lo dimostri in mondovisione. Tutti gli occhi del mondo saranno sull’esordio dei campioni in carica. La nazionale non si sente vecchia, e in effetti non lo è, almeno rispetto ad altre come l’Inghilterra. Nel gruppo ci sono sensazioni positive. Vedremo se i giocatori avranno le gambe per supportarle. Il Paraguay è una squadra che ha fatto della velocità la propria arma di forza. I risultati parlano chiaro. In casa propria ha messo sotto Argentina e Brasile senza mai subire gol e ha fatto uno straordinario girone di qualificazione concluso ad un punto dagli uomini di Dunga (all’ultima giornata era primo e già qualificato). Due precedenti tra le due squadre, due vittorie azzurre. E considerato che poi si andrà contro Nuova Zelanda e Slovacchia, chi vince stasera, ha al 90% vinto il girone.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI ITALIA-PARAGUAY:

Mondiali Sud Africa: Italia-Paraguay (diretta Rai1 e SKY), coraggio  azzurri!!!!ITALIA (4-3-3): 1 Buffon, 19 Zambrotta, 5 Cannavaro, 4 Chiellini, 3 Criscito, 6 De Rossi, 22 Montolivo, 15 Marchisio, 7 Pepe, 11 Gilardino, 9 Iaquinta. (12 De Sanctis, 13 Bocchetti, 2 Maggio, 23 Bonucci, 8 Gattuso, 17 Palombo, 16 Camoranesi, 10 Di Natale, 20 Pazzini, 18 Quagliarella, 14 Marchetti). All.: Lippi.

ArchundiaPARAGUAY (4-4-2): 1 Villa, 6 Bonet, 14 Da Silva, 21 Alcaraz, 3 Morel, 13 Vera, 16 Riveros, 15 V. Caceres, 17 Aureliano Torres, 19 Barrios, 18 Haedo Valdez. (12 D.Barreto, 22 Bobadilla, 2 Veron, 4 Caniza, 5 J. Caceres, 20 Ortigoza, 8 E. Barreto, 11 Santana, 10 Benitez, 7 Cardozo, 9 Roque Santa Cruz, 23 Gamarra). All.: Martino.

ARBITRO: Archundia (Messico) nel 2006 arbitrò, da fuoriclasse,  Italia-Rep.Ceca 2-0. In Confederations, l’ anno scorso, Italia-Brasile 0-3

Comunicazione di servizio: mano a mano che le partite vengono giocate, nella scheda si sbloccano nuovi pronostici.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.