Finisce con un pari una brutta partita tra Milan e Fiorentina, una partita che ci vede mancare l’aggancio al terzo posto e ci riporta dietro in classifica avendo, praticamente, perso punti da tutti gli avversari. Una partita anche sfortunata perché di fatto la Fiorentina non ha creato nulla con il gol del pari arrivato da un gentile regalo di De Sciglio (che continua imperterrito ad essere schierato titolare perché la sua riserva è Armero, non per altro) ed è stata l’unica occasione di una Fiorentina che sostanzialmente è venuta a San Siro a fare le barricate. E le ha fatte bene anche e soprattutto perché il falso 9 ha fallito per la seconda volta dopo Milan-Juventus: senza un vero centravanti si soffre contro le difese chiuse e non sempre Honda può togliere le castagne dal fuoco. Abbiamo migliorato la fase difensiva ma ci siamo scoperti improvvisamente sterili in avanti con una sola vera occasione segnata sul gol del vantaggio, tanti palloni, tanto possesso, tanti cross ma pochi tiri.

Ci meritavamo forse la vittoria ma come sempre non è arrivata – non è arrivata perché non l’abbiamo chiusa quando potevamo farlo e tutto grazie a Menez che si è spesso incaponito in dribbling o azioni personali vanificandole spesso e volentieri: non biasimo Inzaghi per averlo schierato visto l’inconcludente Torres di Verona ma francamente lo avrei cambiato molto prima dell’80° minuto dopo la prestazione di stasera. Male anche El Sharaawy che ancora una volta non segna e spreca due occasioni con tiri imprecisi alti sopra la traversa: non segna un gol ufficiale in campionato dal derby di due anni fa e non penso sia solo un caso. Bene invece la difesa con Zapata al posto di Rami che si rivela scelta azzeccata per sostituire Cuadrado vista la maggiore velocità: non responsabili i due centrali sul gol di Ilicic e non credo che Abbiati – spero comunque all’ultima apparizione – potesse fare di più.

Oltre ad Alex le altre note positive arrivano dai soliti Honda ed Abate: tutte le azioni pericolose continuano a passare da quel lato del campo – il problema è che spesso in area non c’è stato nessuno a riceverle visto che Menez spesso e volentieri si defila. La vera sorpresa in negativo è Bonaventura che doveva entrare per dare la scossa ed invece ha deluso – francamente comincio a contare i giorni per il rientro di Montolivo a centrocampo perché uno come lui, lì, manca e non poco visto il livello tecnico – De Jong chiude bene ma ha grossi limiti nel rilancio dell’azione e andrebbe meglio nel ruolo di Muntari – che non ha nemmeno giocato troppo male stasera ma è troppo discontinuo per questo Milan. La classifica rimane comunque buona: siamo quinti, ad un punto dal terzo posto, al pari con la Lazio e davanti alle altre avversarie quotate – sperando che l’occasione mancata oggi non sia la prima di una lunga serie.

Milan-Fiorentina 1-1 (primo tempo 1-0)
MARCATORI: De Jong (M) al 25′ p.t.; Ilicic (F) al 19′ s.t.
MILAN (4-3-3): Abbiati; Abate, Alex, Zapata, De Sciglio; Poli (dal 23′ s.t. Bonaventura), De Jong, Muntari; Honda, Menez (dal 35′ s.t. Torres), El Shaarawy. (Agazzi, Lopez, Armero, Bonera, Rami, Essien, Saponara, Van Ginkel, Niang, Pazzini). All. Inzaghi
FIORENTINA (4-3-1-2): Neto; Tomovic, Rodriguez, Savic, Alonso; Kurtic (dal 10′ s.t. Ilicic), Aquilani, Borja Valero; Mati Fernandez (dal 25′ s.t. Vargas); Babacar (dal 36′ s.t. Badelj), Cuadrado. (Lupatelli, Tatarusanu, Basanta, Bernardeschi, Joaquin, Lazzari, Marin, Pasqual, Richards). All. Montella
ARBITRO: Banti di Livorno, assistenti Vuoto e Passeri. Quarto uomo, Di Fiore.
NOTE: Spettatori 38.384 per un incasso di 1.045.669,77 euro. Ammoniti Cuadrado (F), Muntari (M), De Jong (M), Rodriguez (F) per gioco scorretto. Angoli 5-4 per il Milan. Recuperi 0 p.t., 3’ s.t.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.