d57f796a44851fb86386dce3deaa74b0-155-U20210255799251H-U8027571071BBG-620x349@Gazzetta-Web_articoloEra difficile fare punti al San Paolo in piena emergenza e infatti punti non ne abbiamo fatti. Usciamo tutto sommato con un 3-1 facilmente prevedibile vista la differenza di valori in campo e la situazione attuale, un 3-1 che è più rotondo rispetto alla partita d’andata ma completamente differente per dinamiche. La notizia è che siamo stati in partita per buona parte della stessa andando addirittura in vantaggio con Taaraabt prima di essere ripresi da un tiro abbastanza fortunato di Inler – il rovescio della medaglia, purtroppo, ci vede prendere il 3-1 in un buon momento dopo l’entrata di Pazzini. Sicuramente dal punto di vista della prestazione meglio perdere così rispetto all’andata quando dopo pochi minuti dal primo tempo eravamo già 0-2 in casa.

Parola quindi al campo che come sempre è capace di capovolgere le certezze mostrate in una settimana: prima su tutti quella di Mario Balotelli che dopo aver ribaltato la gara di Cagliari fornisce una prestazione semplicemente imbarazzante, in secondo luogo quella di Mexes colpevole stasera, credo, su tutti e tre i gol danneggiando anche una buona prova di Rami – infine menzione speciale per l’indegna maglia numero sette passato da trasferimento record (all’epoca) della storia della premier League a bidone completo. Continua a non essere accettabile la resa del materiale umano a disposizione specie da parte di chi avendo tante presenze in nazionale alle spalle dovrebbe essere un professionista serio.

Le note positive della gara sono pochissime – una di queste sicuramente Taarabt autore dell’unico gol rossonero, unico a rendersi pericoloso in un paio di occasioni anche nel secondo tempo non concretizzate dalle punte. Paradossalmente stasera siamo migliorati parecchio coi cambi – sia quello di Kakà autore di una buona prova, sia quello di Pazzini e Montolivo che hanno creato le uniche occasioni del secondo tempo. La strada per migliorare è ancora lunghissima e non era certo il San Paolo di Napoli il luogo in cui fare punti vista anche e soprattutto la sconfitta dell’andata in casa – troppo il divario in campo con una squadra che negli ultimi cinque anni ha speso 150 milioni più di noi. Non può non passare dal mercato un rilancio di questo Milan – mercato che per essere fatto avrà però bisogno di trovare una buona base nel gioco e su questo sono comunque soddisfatto dalla prova di stasera – perdere così ci sta, subire la mattanza vista a San Siro all’andata ancora meno.

NAPOLI – MILAN 3-1 (primo tempo 1-1)
Napoli (4-2-3-1): formazione ufficiale: Reina; Maggio, Albiol, Fernandez, Ghoulam; Inler (88′ Dzemaili), Jorginho; Mertens, Hamsik (83′ Behrami), Insigne (78′ Callejon); Higuain. A disp.: Rafael, Colombo, Britos, Uvini, Henrique, Radosevic, Bariti, Pandev, Zapata. All.: Benitez
Milan (4-2-3-1): Abbiati; De Sciglio, Rami, Mexes, Emanuelson (70′ Montolivo); De Jong, Essien; Abate, Taarabt, Robinho (46′ Kakà); Balotelli (73′ Pazzini). A disp.: Gabriel, Zaccardo, Silvestre, Constant, Muntari, Poli, Saponara, Petagna. All.: Seedorf
Arbitro: Massa
Marcatori: 11′ Inler, 56′ Higuain, 82′ Higuain (N), 8′ Taarabt
Ammoniti: Abbiati, Taarabt (M), Jorginho, Inler, Callejon (N)

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.