LAPR0989-110--630x365Preso in giro, reo di non avere il pedigree necessario per giocare a San Siro. Eletto come neo del mercato dai non evoluti stasera Walter Birsa si è preso la sua personalissima rivincita: lo ha fatto con il gol che ha permesso al Milan di battere la Samp per la seconda vittoria del nostro campionato, la prima senza subire gol, la quarta stagionale – tutte a San Siro. Lo ha fatto giocando da migliore in campo insieme a Poli – non un caso, nonostante si continui a sputare a zero sul nostro mercato: il numero 14 si era già distinto nelle gare contro Napoli e Bologna fino a quella di oggi dove ha trovato il giusto premio col gol partita. Eppure era lui quello preso in giro, quello che a San Siro non doveva nemmeno giocare – forse perché arrivato dopo, forse perché non un pupillo dell’allenatore come Muntari o come Matri (Allegri, ci devi 11 milioni di tasca tua, sia chiaro) oggi abbastanza inguardabili. Allenatore a cui è stato dato un po’ di respiro nonostante alcune scelte discutibili e assurde come quelle che hanno levato Poli e lo Sloveno.

La Samp è veramente poca cosa, non arriva mai vicino al gol tirando quasi sempre da lontano e quasi sempre lontano dalla porta: si anima solo nel finale mettendoci in difficoltà sui calci piazzati (dove gli avversari continuano a colpire indisturbati) riuscendo una sola volta a fare l’unico tiro in porta della gara. Gara che comunque il Milan ha abbandonato con troppa e ingiustificata sufficienza sull’1-0 non cercando mai il raddoppio com’è avvenuto a Bologna prima di subire il pari quando l’avversario è al tappeto – avversario impensierito solamente nei primi minuti dopo il gol con una iniziativa di Zaccardo. Prendiamo e portiamo comunque a casa questi tre punti che portano ad otto la nostra classifica e ci portano momentaneamente all’ottavo posto della graduatoria con una trasferta difficile alle porte domenica prossima sul campo della Juve.

Siamo comunque in crescita e lo abbiamo dimostrato anche stasera – per quanto scarsa potesse essere questa Samp passare da subire tre gol a rete inviolata rimane comunque un buon passo in avanti: martedì si va ad Amsterdam a giocarsi una qualificazione importantissima poiché portarsi a sei punti sulle dirette concorrenti prima del doppio scontro con il Barcellona vorrebbe dire avere il pass per gli ottavi quasi in tasca e poter pensare in tranquillità a Juve e sosta. Juve e sosta perché la gara di stasera mi ha ricordato quella di due anni fa con l’altra squadra di Genova: un 1-0 insipido con Ibra che fu l’inizio della ripresa verso lo scudetto – speriamo quindi che anche il risultato di stasera sia l’inizio di qualcosa di importante e non solo casualità.

MILAN – SAMPDORIA 1-0 (primo tempo 0-0)
Milan (4-3-1-2): Abbiati; Zaccardo, Zapata, Mexes, Constant; Poli (74′ Nocerino), De Jong, Muntari (46′ Emanuelson); Birsa (66′ Niang); Robinho, Matri. A disp.: Amelia, Abate, Cristante, Gabriel, Vergara. All.: Allegri
Sampdoria (4-4-2): Da Costa; De Silvestri, Regini, Mustafi, Costa; Wszolek (53′ Soriano), Obiang, Palombo (61′ Krsticic), Gavazzi; Gabbiadini (67′ Petagna), Sansone. A disp.: Fiorillo, Eramo, Renan, Rodriguez, Pozzi, Gastaldello, Barillà, Gentsoglu. All.: Rossi
Arbitro: Peruzzo
Marcatori: 47′ Birsa
Ammoniti: Gavazzi, Costa (S)

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

19 Comments

  1. Questo Milan sembra un puzzle i cui pezzi non sempre si incastrano perfettamente per arrivare a costruire una figura che risulti leggibile più che gradevole.
    All’inizio della partita De Jong appariva frastornato e fuori ruolo. Muntari era rimasto negli spogliatoi lasciando al povero Constant il compito di sopperire alla sua assenza e possibilmente svolgere anche il compito di fare scorribande, da laterale basso, sulla fascia sinistra del Milan.
    Naturalmente questo super-lavoro non era sostenibile ed il povero Kevin finiva per commettere un errore dietro l’altro.
    Nel primo tempo in avanti si salvavano Poli, Birsa e Robinho mentre Mexes era nella giusta serata. Abbiati rispondeva presente così come Zaccardo. Zapata aveva ingerito abbondanti dosi di fosforo per cui non aveva le solite evidenti amnesie .
    Il gioco del Milan era, come al solito, deludente ed accentuava la delusione della Curva fuori dallo stadio perchè squalificata.
    Mi sono sconosciuti i motivi per i quali la Sud era fuori da San Siro. Osservo solo che Tosel, quando si tratta di Milan, non lesina mai punizioni esemplari(tre giornate ad Ibrahimovic ed altrettante a Balotelli mentre ad altri consente il killeraggio impunito e la vestizione con magliette razziste. Tiremm innanz!
    Alla fine la curva avrà gioito per questo successo e scopriamo avrà capito che l’oggetto misterioso Birsa è un buon giocatore che può stare nella rosa del Milan.
    Ad Alessandro Matri non vogliamo gettare addosso la croce. Sostituire Balotelli è quasi impossibile anche per giocatori, di prima fascia, che all’estero prendono cinque volte il suo stipendio.
    Nella ripresa molto meglio perché la sostituzione di Muntari ha rimesso le due squadre in parità numerica facendo lievitare la prestazione di Constant e soprattutto Robinho e Birsa la cui intesa dava la sensazione che almeno esistevano degli schemi offensivi che producevano un barlume di ‘giuoco’.
    E’ andata bene perchè la Sampdoria ha problemi maggiori del Milan.
    Ora per capire qualcosa attendo il ritorno della curva ingiustamente penalizzata e soprattutto il ritorno dei titolari di qualità, Montolivo, El Shaarawy e Kakà, per capire se quest’anno potrò soffrire meno e divertirmi nel vedere il Milan vincere la partita!

  2. Se facessi anche io il post-partita sul mio blog AcSilvio lo intitolerei sicuramente: Milan-Sampdoria 1-0, una serata da FALCHI, eheheheh, ihihihi.. chi vuole intendere…

    Vittoria che definirei doverosa, contro una squadra con gente come Gavazzi … mica cazzi… tuttavia è sempre l’occasione buone per le puttanelle del MoVimento di elargire qualche merito gratuito all’Acciughina di merda.

    Se il Milan batte in casa la peggior Samp della storia (numeri di classifica alla mano) è gran merito dell’Acciughina. Oh yeah.

  3. Tra l’altro che bello vedere Mexes che chiama la sostituzione di Poli all’Acciughina e il merda che esegue subito… ahahahah, grande mister Mexes!

    Meno male che i nostri giocatori ogni tanto lo supportano, altrimenti quello lasciava che Poli morisse di stenti in mezzo al campo.

    Mexes tutor di Allegri.

  4. Migliore in campo, oltre a mister Mexes, Nigel MerDJong.

    Bravo Birba, ma ti levi dal cazzo alla svelta quando torna Riccardino, goditi gli ultimi attimi di gloria, merdaccia.

    Mitra Matri, daiiiiiiii però… che così fai dar ragione ai Pazziniani.. :-/

  5. Perché nella “copertina” di questo sito campeggiano le immagini di un giocatore dello Scialle 04, di uno che non gioca mai e di un altro che vorresti ch non giocasse mai?

    1. Bravo!
      Perchè il padrone fa il finto impegnato!

      Leva quelle merde!

  6. perchè diavolino è una vedova di boamerd

  7. una vittoria importante solo per i punti contro un’avversaria penosa che per fortuna non ha schierato titolari Petagna e l’altro che sono entrati nella seconda parte del secondo tempo se no la partita sarebbe stata un poco più equilibrata

    per una volta allegri ha fatto un buon turn over

    la mossa Zaccardo al posto di Abate ottima come la sostituzione di Muntari (spento) per Ema , i cambi effettivamente hanno dato qualcosa come Niang che meriterebbe più spazio

    cosa dire abbiamo creato 8 occasioni da rete con una sola concretizzazione , sinceramente durante la partita ho pensato possono segnare Poli o Birsa , Matri un fantasma ha cannato altre 2 occasioni facili , Robinho ne ha sbagliato una colossale ma almeno in alcuni momenti ha messo a disposizione della squadra la sua classe peccato per quelle pause in cui sparisce dal campo

    riassumendo nel primo tempo giocavamo in 9 perchè Muntari Matri non pervenuti , nel secondo in dieci , speriamo che Martedì con il rientro di Balo Matri finisca in panchina perchè merita di giocare più Birsa e Robinho della pippa pagata 12 mil

    Anche in difesa Zapata non avrebbe meritato di giocare ma evidentemente Allegri non se la sente di rischiare il giovane Vergara ma se continua così Silvestre rischia di diventare al suo rientro il prossimo titolare

  8. vedo che il carro di de jong si sta riempiendo… ehm ehm di questi tempi l’anno scorso venivo insultato….

  9. AUGURI PRESIDENTE!!!!!

  10. Auguri Sheva!!

  11. Speriamo sia l’ultimo!

  12. Chissà che non sia l’ultimo per te… si sa che fine fa chi vive sperando..

    1. Magari si portasse via te, gli servirà un leccaculo!

  13. Il regalo ce l’ha fatto Lui a noi, ci sorprende sempre, noi siamo debitori, possiamo metterci solo il cuore.

  14. Tu ci puoi mettere il culo e la lingua!

  15. In effetti la grafica del blog andrebbe quanto meno aggiornata.

    Soprattutto sarebbe l’ ora di fare un atto dovuto all’ intelligenza dei lettori. De allegrinizziamo il blog con una bella scritta. Ormai ci siamo imposti nel web come anti allegriani sofisticati (ovvero che sappiamo dettagliare molto bene tecnicamente e tatticamente perché acciuga ci fa cacare e perché disprezziamo gli allegriani). Valorizziamo la nostra identità.

    Ma Saponara perché ancora non convocato?

  16. Io voglio sperare che dopo che Matri ha mostrato il suo valore e che El92 ritorna dall’infortunio, martedì quantomeno si PROVI a schierare Balo e Faraone insieme.

    Ah, ma che dico, non succederà mai.

    1. concordo Novecento

      quella pippa di Matri in panchina se no giochiamo in dieci , l’attacco sarà Birsa Robinho e Balo , con il faraone e Montolivo pronti ad entrare nel secondo tempo dalla panchina

      sono ottimista , super mario riposato voglioso di fare una grande prestazione , in Olanda si vince 2 – 1 e qualificazione in tasca Barcellona permettendo

Comments are closed.