Si sapeva che sarebbe finita così come nelle migliori tradizioni della sesta giornata della fase a gironi e, francamente, del risultato mi importa anche poco. Lo Zenit sbanca San Siro (per la terza volta su tre con un pubblico da Coppa Italia, assolutamente indegno per la massima competizione Europea) e, francamente, “sticazzi”: usciamo da questa partita con zero infortuni e un solo cartellino giallo all’inutile Flamini. Ed è la cosa che mi importava, decisamente, più del risultato.

Il ritmo è basso già dai primi minuti di gara, con i rossoneri che meriterebbero il gol del vantaggio già dopo quattro minuti quando Pazzini viene atterrato nell’area di rigore avversaria: rigore visibile da Marte, non assegnato dal direttore di gara. Da lì sono comunque i rossoneri a fare la gara con lo Zenit che non si rende mai pericoloso fino al momento del gol che arriva su una visibile distrazione di Acerbi che parte fuori posizione e sorprende la difesa: tiro imparabile e 1-0. Da lì in poi la gara diventa “Pro Forma” con lo Zenit che difende il risultato e i rossoneri che provano, a dire la verità senza troppa convinzione, a segnare il gol del pari: possiamo dire, se vogliamo, che si è rivisto il Milan di Sampdoria e Atalanta ad inizio campionato.

I segnali preoccupanti sono essenzialmente tre. Primo – se due indizi fanno una prova, il terzo non può che essere la conferma: Zapata è superiore ad Acerbi, difensore che non è assolutamente da Milan e lo si vede, dopo Napoli, anche nell’occasione del gol. Capisco preferirgli Bonera e Yepes ma non si capisce perché lo si continui a preferire a Zapata: basta con l’ex Chievo, semplicemente inadatto inguardabile. Secondo – se Constant si prende un raffreddore sulla fascia sinistra è un dramma (rendiamoci conto – Constant): Antonini è già inguardabile di suo Mesbah invece, oggi, ha dimostrato ancora una volta di non sapere non perché gioca nel Milan ma perché gioca a calcio in una qualsiasi lega professionistica. Terzo – senza Montolivo a centrocampo si fa fatica e si perde in imprevedibilità. Una piccola nota per Allegri: è indecente portare apposta un ragazzo della primavera in panchina per farlo giocare e schierarlo poi solamente nel recupero.

Bene Boateng in crescita, bene anche Robinho, per quel poco che ha fatto vedere subentrando dalla panchina. Così così De Sciglio, a cui è stato probabilmente chiesto di limitarsi mentre assolutamente bocciato il duo Pazzini (a volte si può tirare in porta, non solo fare sponde) – Bojan (orribile) e Flamini (non commento) da cui, considerata la situazione ai margini della rosa, mi sarei aspettato una prova d’orgoglio per risalire le gerarchie. Detto questo è forse inutile perdersi in processi su partite che erano, di fatto, poco più di amichevoli estive: per analizzare il vero Milan in appuntamento domenica alle ore 15 in quel di Torino, quando punti e gol torneranno a pesare.

MILAN-ZENIT SAN PIETROBURGO 0-1 (Primo tempo 0-1)
MARCATORE: Danny al 35′ p.t.
MILAN (4-3-1-2): Abbiati; De Sciglio, Zapata, Acerbi, Msebah (dal 20′ st Robinho); Flamini (dal 36′ st El Shaarawy), Ambrosini, Emanuelson; Boateng (dal 46′ st Petagna), Pazzini, Bojan (Gabriel, Yepes, Nocerino, De Jong). All.: Allegri.
ZENIT (4-3-3): Malafeev; Anyukov, Alves, Lombaerts, Hubocan; Witsel, Denisov, Shirokov (dal 43′ st Kanunnikov); Semak (dal 46′ st Lumb), Hulk (dal 36′ st Zyrianov), Danny (Baburin, Zuev, Evseev, Djordjevic). All.: Spalletti.
ARBITRO: Chapron (Francia).
NOTE – Spettatori 29.508 per un incasso di 861.702,33 euro. Ammoniti Lombaerts per gioco non regolamentare, Flamini e Hulk, Alves per gioco scorretto. Angoli: 6-1 per il Milan. Recuperi 1′ e 5′.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

17 Comments

  1. Abbiamo condotto la partita x 70/75 minuti.- Un rigore ci manca.- Un gioco cosi cosi.- Dei giocatori nn da Milan.-
    Quest’anno va’ cosi.-
    Speriamo di andare avanti.-
    Forza MILAN.-

  2. per la prima volta quest’anno allegri ha indovinato la formazione che doveva schierare, anche se io avrei risparimato de sciglio e non avrei fatto entrare robi e elshaarawy.

    male bojan, male acerbi. ambro e flamini lenti. mesbah inadeguato. pazzini mal servito.

    prendiamo il psg.

  3. Se non si segnano gol finisce a tarallucci e vino

    Inizia la partita e si ha la netta impressione d’assistere ad un’amichevole estiva.
    I ritmi sono lenti e l’arbitro sembra un buon uomo raccattato in qualche ‘trani’ di periferia. Forse il vino trangugiato gli annebbia la vista poichè non vede un rigore talmente evidente che costringe il quarto uomo a sospendere l’incontro e chiedere l’intervento degli infermieri per fare la prova alcolemica agli altri cinque colleghi.
    Risultato il sig. Chapron , l’assistente di porta e quello competente, di linea, hanno un tasso alcolemico di molto superiore a quello consentito per dirigere un incontro sportivo.
    I giocatori in campo si adeguano e pare vogliano rallentare i ritmi in modo da consentire all’arbitro di poter seguire la partita senza affanno.
    Ma il francese attraverso il suo respiro intriso di particelle alcoliche, emette una tale quantità d’alcol da fare in modo che al 35′ Ambrosini e Flamini stramazzano al suolo ubriachi mentre Acerbi, ancor prima di inalare l’aria,nel luogo del misfatto, viene stordito dall’odore. Danny che è astemio ed è munito di mascherina protettiva, segna il più comodo dei gol approfittando anche del semi stordimento di Abbiati.
    Nel seconda frazione di gioco i rossoneri tengono palla per quasi tutto il secondo tempo.
    Ma si distraggono guardando gli spalti dove, i tifosi dello Zenit, surriscaldati dalle massicce dosi di Vodka ingerita, si denudano mettendosi sotto i riflettori non per sbronzarsi.
    Anche le panchine sembrano adeguarsi. Ma il più ubriaco di tutti sembra Hulk che, richiamato in panca da Spalletti, da in escandescenze al punto di espellere tutto il livore derivante dal suo stato di ebrezza non smaltito nell’intervallo. Vengono inseriti, nel tenzone, Robinho, El92 ed, a tempo quasi scaduto, il giovin Petagna. Ma poi alla fine tutti da Giannino. Spaghetti all’astice, in alternativa brodetto alla marchigiana il tutto innaffiato da ottimo Verdicchio di Jesi. Naturalmente in abbondanti quantità. I bravi bambini, come El92 e De Sciglio…a casa.
    Domenica prossima c’è una partita vera da vincere!

  4. non ho visto la partita ma sul gol chi ha sbagliato ?

      1. Io ho scherzato, ma parlando seriamente l’errore è collettivo ed il gol preso è stato fortuito e fortunato, per i russi, perchè la palla è rimasta lì e Danny la ha trovata
        grazie all’intervento maldestro di Ambrosini che ha ostacolato la copertura, a donna, come avrebbe detto Cosmi, di Flamini. Acerbi, che già di per se non è un fulmine
        di guerra, ha dorminto il sonno ‘dell’ingiusto’ ed Abbiati non ha fatto il necessario passo in avanti che gli avrebbe consentito, forse, di deviare il pallone in angolo.
        Ma Acerbi è grande e grosso quindi può, sempre in onore di quel calciatore di seria A che lo ha diffamato dicendo che Francesco non potrebbe giocare neppure tra i dilettanti, smentire i suoi detrattori quando il Milan sarà costretto a fargli cambiare aria!
        Comunque il detrattore, calciatore di serie A, non è neanche lontanamente simpatizzante del Milan!

  5. Io ho visto solo che ha messo Petagna al 91°. 😯
    Ma daglieli 10 minuti cazzo dai..

    Quand’è il sorteggione?

    1. Giovedì 20 alle 11.30

  6. da quello che leggo sembra che De Sciglio sia stato il migliore in campo

    ma Abbiati ieri come è andato visto che alcuni hanno commentato male la sua partita?

  7. per me il migliore è stato zapata. il peggiore bojan

    abbiati ormai è troppo lento, speriamo che la prossima non la giochi!

    1. insomma Dida due la vendetta se ho capito bene

      domenica speriamo che giochi Amelia in porta con il Torino

  8. beh non è che mi fidi ciecamente di amelia ma questo passa al convento!!

  9. p.s il miglior dida piscia in testa al miglior abbiati!!! e anche il peggior dida piscia in testa al peggior abbiati!!!!

    1. concordo

      visto che l’incompetente di Livorno non prova neanche Gabriel per vedere se questo ragazzo è da Milan

      ho paura che farà la fine di Didac

  10. Diavolo90 discrimina Acerbi solo per una questione estetica.

    Ritenere Acerbi più brutto di Constant è pura e semplice malafede.

  11. Segnalo che Huntelaar è inserito tra i candidati al team dell’anno UEFA…
    … che giocatore che ci siamo fatti scappare per colpa di L3-0nardo…

  12. Troppo brutto il Milan di ieri per me se la sono venduta ai russi. Come succede di solito in queste partite. Non c’è altra spiegazione. Erano enormemente meno grintosi di noi, sembrava che sapessero il risultato, altrimenti ci avrebbero messo più coglioni.

Comments are closed.