Non un passo avanti deciso, ma almeno un passettino sì. Il Malaga che ci aveva costretto ad un vergognoso catenaccio 15 giorni fa in quel della Rosaleda è costretto dal Milan di oggi a fare lo stesso. Da questo punto di vista le statistiche sono semplicemente impietose: 19 tiri a 4 a favore dei rossoneri, 11 calci d’angolo a 1, 55-45 di possesso. Insomma: abbiamo creato tanto ma segnato poco e siamo stati, come già in passato, puniti alla prima occasione: un tiro in porta e un gol del Malaga.

La reazione però rispetto a circostanze analoghe come Atalanta e Sampdoria c’è però stata ed è stata forte. Il Milan ferito da quella che è stata l’unica occasione del Malaga della partita (sulla quale la difesa ha comunque molte responsabillità) ha comunque continuato a fare gioco mantenendone il pallino e mettendo più volte sotto gli spagnoli con la stessa qualità offensiva già vista nella gara di sabato scorso contro il Chievo promuovendo di fatto il 4-2-3-1

Con quei quattro, almeno là davanti il Milan resta una delle migliori squadre del campionato – il problema è però dietro dove, ad esempio, De Jong continua ad essere un oggetto misterioso incapace di contenere l’azione avversaria e di passarla avanti prendendosi dei rischi: non certo il giocatore visto al City incapace di prendere l’iniziativa e impostare l’azione. In difesa Constant è quantomeno decente in fase offensiva proponendosi sulla fascia con incursioni che Antonini ormai non è più in grado di fare – purtroppo non si può dire lo stesso di De Sciglio, ampiamente il peggiore in campo dei rossoneri, entrato dopo quattro minuti per l’infortunio di Abate (Allegri spieghi).

Le note liete sono sempre le solite: prima di tutto Bojan ed El Sharaawy che trascinano la squadra nelle poche azioni da gol create, quindi il solito Montolivo che, una volta schierato nel suo ruolo, ha dimostrato ancora una volta come non sia quel cadavere visto ad inizio stagione e come l’errore della società sia stato quello di non aver voluto sborsare tre milioni di euro 12 mesi fa – avrebbe egregiamente sostituito Pirlo, rispetto al quale il rendimento in questo inizio di stagione è ampiamente migliore. Per quanto riguarda le cose da rivedere sicuramente la posizione della linea di difesa: troppo lontana dal centrocampo – lo si è visto nell’azione del gol subito dove non solo nessuno ha potuto intervenire ma, come già accaduto nell’occasione del gol di Hernanes nessuno ha voluto intervenire: se ri-analizzate bene l’azione vedrete che tutti provano a fare fuorigioco tranne Constant che rimane alto.

In fase di attacco c’è sicuramente da rimarcare come sui calci piazzati non abbiamo preso una volta, una, il pallone sui calci d’angolo da noi battuti mentre sulle ripartenze c’è da dire che molto spesso i giocatori non si trovino e vengano serviti non sulla corsa nello spazio ma sui piedi rallentando l’azione. Va detto che Allegri è stato anche fortunato nella giornata di stasera con un cambio El Sharaawy – Boateng che allo stadio nessuno ha compreso: sarebbe stato più opportuno, ad esempio, levare De Jong o l’impalpabile Pato ma è proprio il brasiliano che realizza il gol del pari.

La classifica non sorride né piange: va detto che non vinceremo il girone nemmeno quest’anno e stavolta è da considerarsi sicuramente come un fallimento date le avversarie – per la qualificazione rimaniamo ancora davanti dopo quattro giornate e dopo aver affrontato l’avversario più difficile e, certamente, rimarrà aperta fino all’ultima giornata. Se il Malaga fa il suo dovere, ovvero quello di non biscottare, una vittoria a Bruxelles potrebbe già chiudere il girone – in caso di pareggio, invece, a San Siro ad inizio dicembre si giocherà la prima gara ad eliminazione diretta della nostra coppa. Per quanto riguarda la stagione, invece, sono quattro partite senza perdere: ed è già una notizia.

MILAN-MALAGA 1-1 (primo tempo 0-1)
MARCATORI: Eliseu (Ma) al 40’ p.t.; Pato (M) al 28’ s.t.
MILAN (4-2-3-1): Abbiati; Abate (dal 6. p.t. De Sciglio), Bonera, Mexes, Constant; De Jong, Montolivo; Emanuelson (dal 35’ s.t. Robinho), Bojan, El Shaarawy (dal 17’ s.t. Boateng); Pato. (Amelia, Yepes, Ambrosini, Pazzini). All.: Allegri.
MALAGA (4-2-3-1): Willy; Gamez, Demichelis, Weligton, Sanchez; Camacho, Iturra (dal 29’ s.t. Toulalan); Joaquin (dal 37’ s.t. Seba), Isco, Eliseu; Saviola (dal 24’ s.t. Santa Cruz). (Kameni, Onyewu, Duda, Portillo). All.: Pellegrini.
ARBITRO: Webb (Ing). Ass: Mullarkey, Cann. IV uomo: Child. Add:Oliver, Taylor.
NOTE: Spettatori 30.891 (di cui 12.408 paganti) per un incasso di 862.932,97 euro. Ammoniti De Jong, Emanuelson, Montolivo, Iturra, Weligton, Sanchez per gioco scorretto. Angoli. Recuperi 1’ p.t., 4’ s.t.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

19 Comments

  1. Il nostro commento
    Finalmente una una bella partita che speriamo abbia divertito il presidente Silvio Berlusconi. Il Milan è ben messo in campo con il modulo 4-2-3-1. C’è il ritorno di Pato dal primo minuto e questa è di per se una notizia confortante. Poi la conferma di Bojan Krkic dietro la prima punta ed i due esterni d’attacco che sino ad oggi hanno offerto le migliori prestazioni personali. In particolare Stephan El Shaarawy accolto, al suo apparire sul terreno di gioco, da autentica ovazione. Questa sera la prestazione di El92 non sarà la sua migliore di questo scorcio di stagione ma la presenza di Stephan mette da subito in soggezione la difesa avversaria. L’incontro è piacevole perché gli spagnoli, pur con una tattica che bada più alla fase difensiva che non a quella offensiva, giocano in maniera ordinata però senza mai impensierire la difesa rossonera. Ci pensa Oward Webb ad ammonire per un fallo di gioco De Jong. Come a Palermo questo cartellino peserà sull’esito dell’incontro! Infatti De Jong al 40′ non può commettere fallo tattico perchè verrebbe espulso. Allora Isco può comodamente fare un bell’assist per Eliseu che sorprende Constant ed infila un incolpevole Abbiati. Per quel che si era visto una autentica beffa! Tuttavia il Milan è tornato quasi ai suoi migliori fasti e nella ripresa scende in campo con una determinazione inusitata e mai vista, per un lasso di tempo di circa 50′ quest’anno. Un Milan che a tratti entusiasma il pubblico che aumenta il tono degli incitamenti. Alla fine il miracolo si compie, nonostante l’arbitro. Perfetto cross di mancino di Kevin Constant e Alexandre prende l’ascensore e sale in cielo. Coglie una stella e la deposita dietro lo strepitoso Caballero(migliore in campo del Malaga). San Siro è in festa e Silvio, come fosse una liberazione esclama: Finalmente! Il Milan attacca ma come troppo spesso succede un poco la sfortuna ed un poco le decisioni che non premiano mai i rossoneri,non riesce a agguantare una vittoria che sarebbe stata strameritata!

    1. Nostro?
      Plurale maiestatis? 😐

      1. Ok plurale maiestatis ma anche commento del gruppo con il quale seguo le partite. In genere rispetto e riporto anche le sensazioni di altri se non è di disturbo!

        1. Per me va bene, è che non capivo il noi.

    2. 😐

  2. Il Paperinooooooooooo!!
    Torna al gol con il Presidente (e me) allo stadio: che affinità!!

    Meritavamo la vittoria, vittoria morale.

  3. beh pensavo un po meglio ma va bene cosi…

    constant, tolta qualche cagata, ha giocato un’ottima partita spero che non ci siano dubbi su chi sia il terzino sinistro titolare ora.

    male de sciglio e de jong, il primo il primo è giustificato per l’età il secondo deve darsi una mossa altrimenti farà compagnia a flamini tra panchina e tribuna.

    ema ieri non mi è piaciuto ma almeno ci prova.immenso montolivo che alcuni consideravano una pippa!!!ottimo bojan!!!

    el shaarawy era stanchissimo, questo è il prezzo da pagare quando sul 3-1 con il chievo il mister di sta minchia invece di togliere abate non ha tolto lui!!!!

    capitolo papero: è tornato al gol !!! *__* però ditegli che a calcio si gioca a 11, in una partita intera non ha passato una palla e ha provato il suo solito dribbling ogni volta…. per ora mi accontento del gol… bentornato paperino *___*

    il Presidente torna allo stadio nella sera in cui ci sono come ospiti parenti e amici di Pep, ehm…

    1. De Sciglio era reduce da una gastrointerite debilitante ed in quelle condizioni ha fatto anche più di quel che poteva fare. ‘Heart the strong’ DeJong sconta la fama di rompigambe. Ammonendolo al primo fallo non lo si aiuta a crescere sia nella codizione mentale che nell’affiatamento con i compagni. Montolivo, il principe di Caravaggio, semplicemente immensoooooo! E Bojan Krkic diventerà il Messi della Madonnina! Patooooooooooooooooo! Ribadisco il Milan ci (se mi è consentito) piaciuto perchè ha intrappreso la giusta direzione per una sempre migliore crescita! Un po’ di pazienza che il vero Milan sta arrivando!

      1. mica ho detto che de sciglio è scarso, è logico alla sua età sbagliare qualche partita, lo preferisco apiedidimerda abate….

        io sono stato e sono ancora un grande fan di nigel però uno che aveva la fama di spaccagambe da noi sembra troppo molle, che continui a spaccare gambe a noi li in mezzo serve uno cosi!!!!!

        cmq facendo due calcoli, con 4 punti si è matematicamente ai quarti…. ma anche con due punti( con pareggio con gol ad anderlecht) e una non vittoria dell’anderlecht a malaga…. con tre punti invece è tutto in gioco…..

        1. Concordo, l’importante e che non ci remino contro Collina e Platinì(Manchester City docet)

        2. A Collina gli davamo da mangiare noi al ristorante di Meani, figurati se ci rema contro. Magari c’ha ancora qualche conto da pagare..

          De Jong se non si sveglia perderà il posto al rientro del Munta e andrà ad aggregarsi al gruppo della briscolina con Trattorè, Nocmerdino, Acerbi e Mesbah. Se Pato esplode pure il Cazzo Cazzini può andare al gruppo briscolina.

        3. su dai non siamo mai stati piangina eh…. che poi collina si sa con noi aveva un ottimo rapporto!!!

        4. organizzeranno un tavolo a 10 di poker mi sa… hai dimenticato flamini e didac vilà!!!

        5. Smettiamo con la leggenda metropolitana di un Collina amico del Milan! Se vi leggete lo score di Collina con il Milan vi rendete conto che il bolognese non è mai stato amico del Milan. Io lo ricordo soltanto arbitro del famigerato Milan-Inter 6-0! Per il resto preferisco dimenticare Siena-Milan 2-1, il capolavoro di Baglioni approvato dal ‘brillante’ e due domeniche dopo Milan-Juventus 0-1 con due rigori lapalissiani negati al Milan! Quindi perdita dello scudetto. Ma lasciamo stare Calciopoli altrimenti mi inferocisco con proprietà e dirigenza d’allora. Altro che Agnelli e le assurde richieste di risarcimenti. Per il Milan sì che c’erano e ci sono gli estremi per richiedere risarcimenti. Soltanto che i rossoneri fanno parte, purtroppo, del ‘Palazzo’ (io sono riveriano e detesto un certo tipo di potere)ergo… è per questo che l’attuale team rossonero non si lamenta? O cosa altro deve ancora succedere di quanto è già stato fatto contro la squadra rossonera? Altro che lamentini qui continuano nell’opera di demolizione, anche mediatica, di quel poco di buono che sta emergendo per esclusivo merito, soprattutto di alcuni giocatori e di parte dello staff tecnico!

  4. è stata la partita delle conferme per alcuni vedi bojan e De Sciglio

    come al solito Allegri mette terzino sinistro Costant che non è il suo ruolo e si vede , quando in quel ruolo è più indicato Emanuelson , abbiamo qualche speranza di vedere Urby titolare terzino sinistro ?

    sulla rete presa le maggiori responsabilità sono di De Jong che non ha chiuso ed ha permesso il passaggio , cmq Montolivo rende meno con al fianco l’ Olandese invece di Ambrosini , quasi quasi spero di vedere in quella posizione il buon Muntari

    cosa dire della prestazione di Pato ? se non segnava era largamente negativa per le condizioni fisiche non ottimali , non avendo per un anno giocato per infortunio
    ma il Milan si può permettere di farlo giocare il papero in queste condizioni ? ci vorranno mesi forse per vederlo in condizioni accettabili

    anche Robinho rientrante dall’infortunio mi è sembrato in condizioni fisiche precarie , non sono convinto che sia giusto impiegarli questi calciatori in partite in cui cmq ci giochiamo ancora un obbiettivo , a posteriori forse era meglio impiegarli in campionato dove ormai siamo fuori da tutti gli obbiettivi o no ? .

  5. per riassumere

    alla fine è stata una prestazione positiva ma non ottima , speriamo con la Fiorentina di avere un poco più di fortuna

    sicuramente è neccessario fare un poco di turn over perchè alcuni come il faraone sono stanchi ,i sarebbe bello rivedere in campo Muntari

    1. muntari ha avuto una leggera ricaduta difficilmente ci sarà domenica!

      il milan ha bisogno di emanuelson più avanti, per ora constant da terzino sta facendo a mio avviso molto bene!!!! diamo un po di continuità alla formazione titolare sopratutto per quanto riguarda la difesa!

      1. concordo

        infatti il turn over lo vedevo bene a centrocampo dentro Ambrosini ed in attacco dentro Boateng e Pazzini

Comments are closed.