E ora provate a prendervela con Ibra, l’unico che qualcosa ha fatto in questa serata. Il Milan che dovrebbe avere più fame scende in campo con un primo tempo inguardabile contro un’Inter che sulla carta non dovrebbe avere stimoli ma che, sul campo, si è rivelata essere la migliore amica della Juventus in questa stagione levandoci sei punti (alla faccia delle guerre post-calciopoli quando c’è da mettersi contro di noi sono tutti amici). Non si può iniziare un derby in questo modo con due terzini a casa e un centrale di difesa che invece di pensare alla propria squadra di club pensa alle Olimpiadi di Londra col Brasile. Non si può iniziare un derby con scelte sbagliate vedi Bonera sulla sinistra il cui posizionamento errato nella linea del fuorigioco causa il primo gol e Cassano, migliore nell’ultimo frangente di stagione, in panchina.

E’ apparsa carica a mille la squadra che apparentemente non doveva avere più nulla da chiedere mentre siamo apparsi completamente fuori partita noi. Nonostante questo il primo tempo era finito 1-1 anche a causa di un rigore generoso ma, a termini di regolamento, indiscutibile. Da quel momento la partita sfugge completamente di mano al fischietto che ci rappresenterà agli europei: impunite due entrate dure di Samuel e Cambiasso, compensati gli episodi dubbi con due rigori generosi all’Inter, negato un altro penalty rossonero per fallo di mano di Cambiasso – il Milan sembra averne di più dopo il 2-1, splendido, di Ibrahimovic ma finiamo puniti da un paio di episodi favorevoli.

Chiudiamo così al secondo posto un campionato fallimentare dal punto di vista del risultato, non possiamo nonostante infortuni ed episodi arbitrali che ci hanno penalizzato ritenerci soddisfatti di quella che è la Champions League diretta per una stagione che ricorda moltissimo quella 2004/05 dove con la squadra migliore non si è riusciti a vincere nulla. Sarebbe stato bello vincere per la prima volta un campionato davanti ai bianconeri in volata, segno che forse qualcosa rispetto a come era prima poteva cambiare – purtroppo non è cambiato nulla e prova ne sono stati anche alcuni episodi di stasera come, ad esempio, il primo gol bianconero in fuorigioco netto.

Inammissibile comunque fare zero punti contro una squadra che ha 13 sconfitte in stagione e che aveva come unico obiettivo stasera quello di non farci vincere il titolo considerato che chiuderà comunque a circa 20 punti da noi con la prospettiva di giocare l’anno prossimo con Metalist Kharkiv e Otelul Galati. La causa non è comunque da ricercarsi nell’attacco – il migliore del campionato – ma nella difesa: 32 gol subiti sono decisamente troppi per poter ambire a vincere un titolo – qualcosa là dietro va registrato (e lo diciamo da mesi): il problema di oggi non sono i due gol fatti, ma i quattro presi. Perdere un derby così, con scelte completamente sbagliate ancora una volta è da esonero immediato – non arriverà comunque nessuno non tanto perché la società creda in Allegri ma perché non ci sono soldi per un allenatore che valga il Milan – ed è forse una cosa ancora più vergognosa della sconfitta di stasera. Per il futuro ci sarà tempo comunque di parlare più a freddo – non è questo il momento più adatto per farlo.

Da sconfitti non resta che metterci in poltrona e goderci le polemiche estive tra Juventus e FIGC per una terza stella che, se venisse permessa, darebbe adito ad un precedente pericoloso secondo il quale chiunque può mettere quello che vuole sulla maglia. Mi auguro che anche le altre società si muova in questo senso cominciando a mettere un numero di stellette random sulla maglietta rivendicando scudetti non vinti. Per quanto riguarda invece eventuali complimenti – a quelli là – mai ne ho fatti e mai ne farò: ho una dignità, io.

INTER-MILAN 4-2 (PRIMO TEMPO 1-1)
MARCATORI: Milito (I) al 14’, Ibrahimovic M) su rigore al 44’ p.t; Ibrahimovic (M) al 1’, Milito (I) su rigore all’8’ e al 34’, Maicon (M) al 43’ s.t.
INTER (4-3-2-1): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Zanetti, Cambiasso, Guarin (dal 17’ s.t. Obi); Sneijder (dal 39’ s.t. Cordoba), Alvarez 8dal 31’ s.t. Pazzini); Milito (Castellazzi, Cordoba, Ranocchia, Palombo, Zarate). All. Stramaccioni.
MILAN (4-3-1-2): Abbiati (dal 35’ p.t. Amelia); Abate, Nesta, Yepes, Bonera (dal 21’ p.t De Sciglio); Nocerino, Van Bommel, Muntari (dal 32’ s.t. Cassano); Boateng; Robinho, Ibrahimovic. (Mexes, Gattuso, Aquilani, Maxi Lopez).
ARBITRO: Rizzoli (Bologna)
NOTE: spettatori 78.222. Ammoniti: Julio Cesar, Zanetti, Alvarez Nocerino, Abate, Van Bommel per gioco scorretto. Recuperi: 3’ p.t.; 3’ s.t.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

53 Comments

  1. se hai una difesa che prende 32 gol, di cui il 90% di questi completamente regalati, lo scudetto non lo vinci…. basta questo per spiegare tutto.

    stasera la sintesi della stagione del Milan; due infortuni nel primo tempo immediati, il 456esimo e 457esimo della stagione, primo gol regalato, perchè come sempre chi segna contro di noi non lo fà perchè è bravo, ma perchè siamo delle fave noi, e uno scudetto che se ne va.

    1. Il primo gol arriva da uno schema su calcio piazzato.
      Ecco, schema su calcio piazzato – parole sconosciute ad acciuga.

      1. ah certo il bellissimo schema di Stramaccioni “Bonera-Yepes cappella44″…. Yepes, quello che “nella partita secca è meglio di tanti altri”, tra l’altro, ma daltronde stronzo Thiago che pensa alle Olimpiadi.

        Ma vaaaaaaai vaaaaaai Diablugnoni.

        1. Yepes erano più di due anni che non perdeva una gara di serie A.

        2. perchè devi trollare così…

          anche io l’altro giorno ho vomitato copiosamente dopo essermi sbronzato, cosa che non mi era mai successa in vita mia, dopo 98 sbronze in carriera.

          Yepes ha fatto una gran bella cazzata, punto, senza se e senza ma.

        3. E’ Bonera che non è in linea e sbaglia il fuorigioco.

        4. Bonera sbaglia il fuorigioco, Yepes si perde Samuel, guardacaso l’uomo più pericoloso dell’Inter sui calci piazzati… puoi continuare fino all’infinito.

          Cagata in combutta, tutto parte da Bonera, Yepes che da nostro miglior centrale/colpitore di testa si prende il migliore degli altri, e sbaglia… errore molto grave.

  2. epilogo scontato, giusto cosi. chapeau! per non vincere questo campionato, ci dovevamo impegnare.. ci siamo riusciti!

    de sciglio caga in testa a tutti i terzini che abbiamo!

    una cosa che non c’entra niente con il calcio ma premettetemela: Sarkò ora ridi sta minchia!!!!!!

  3. E ora provate a prendervela con il Goal di Muntari.

    Ibra? Non si vince nulla (quando ci sono le rivali) con una prima donna come Ibra indipendentemente dai rigorini, e dai lampi discontinui in una partita che possono aggiustare qualche parola.

    Si vince con il gioco, con la grinta e con la voglia di vincere.

    Tutte cose che le prime donne che cazzeggiano non ti permettono di fare. Prima o poi anche te diavolo capirai che il calcio è un gioco di squadra e non un gioco per solisti e che vince sempre il collettivo più forte ed unito

    1. Lo scorso anno il collettivo più forte ed unito lo abbiamo avuto proprio grazie all’arrivo di Ibra.

      1. concordo. Ma concorderai che il giochino è durato poco. Giusto il tempo di una stagione senza rivali.

        Appena abbiamo trovato una rivale agguerrita competitiva non è nemmeno più valso il vecchio meccanismo dimostrando che sul lungo periodo una certa dipendenza e certi schemi non fanno bene allo spirito e al gioco. E

        Oltre tutto la squadra che ha vinto dimostra chiaramente che si può fare a meno di prime donne se si ha un grande collettivo. Anzi chi ha vinto ci ha insegnato come costruire un grande collettivo, appunto senza prime donne. Addirittura Krasic è stato epurato

        1. Le prime donne non c’entrano niente, abbiamo il migliore attacco del campionato, per quello siamo a posto. Ma abbiamo un centrocampo di mediani che ne filtra ne propone, una difesa che prende il doppio dei gol dello scorso anno e dei portieri indegni di giocare in Lega Pro.

  4. La Juve ha fatto 24 punti nelle sfide importanti contro i 7 nostri.

    Che dite la coppia Ibra Allegri è da mettere in discussione o aspettiamo di finire la prossima stagione a meno 10 dalla Juventus

    1. Più che la coppia vorrei mettere in discussione Allegri, e la dirigenza.

  5. Divertente l’imbarazzo di Compagnoni che ripeteva la Juventus è campione d’Italia, senza aggiungere per la ????esima volta….

    Eh pazienza, scudetto meritato.
    Il giusto contrappasso verso tutti coloro che per anni hanno insultato una leggenda del nostro club come Andrea Pirlo, hanno gioito nel venderlo e ridevano di lui, cancellando quello che per anni ha fatto con la nostra maglia.

    Questo scudetto è il fallimento di quelli come Milan Night che deridevano Andrea Pirlo.
    Sono felice per Andrea.

    1. O la gazzetta che non mette lo scudetto in copertina…

  6. Allegri da ieri può essere definito mister 4 pappine?

    O Mister scontri diretti?

    Nooo, non ha colpe!
    Ahahahahahaah

    1. Francamente ieri le sue scelte sono da esonero. Ma temo che questa estate i tifosotti torneranno a rompere le palle. Difnderlo ora vuol dire essere in malafede

  7. purtroppo la previsione che avevo fatto qui RSN si è avverata

    la difesa ha fatto la frittata per ben due volte

    sulla prima rete Bonera sul rigore Abate

    credo che se si vuol vincere qualcosa bisogna ricostruire l’intero reparto difensivo a cominciare dal portiere spesso infortunato

    interessante il ragazzino della primavera , su di lui e Thiago bisogna ricostruire sopratutto bisogna comperare almeno un terzino e un centrale da Milan visto che Mexes è stato ormai scaricato da Allegri

    1. Thiago Thiago Thiago…sicuro che non se ne vada?

      1. Mi spiego meglio: che non se ne voglia andare lui al Barcellona, non che la società voglia venderlo.

        Io di sti cazzi di brasiliani non mi fido mai.

        1. Ha quattro anni di contratto per cui può rompere come vuole ma ci devono dare tanti soldi. Vale tranquillamente 60 milioni

  8. bella domanda ma con questa crisi bastano 40 mil. in contanti

    se va via Thiago l’anno prossimo titolari i ” fenomeni ” Mexes e Bonera o Acerbi /Ogbonna

    mamma mia come siamo caduti in basso ,

    senza contare che a centrocampo chi prenderà il posto di Van Bommel e Seedorf ? Montolivo e qualche parametro zero ?

    speriamo ma la vedo durissima , soldi non ci sono in cassa e bisogna vendere per acquistare un top player

  9. A costo di essere molto impopolare, io dico che se arriva una bella offerta per Thiago lo lascerei andare.

    Che senso ha avere Thiago se poi accanto gli giocano Bonera e Nini? A sto punto mi faccio dare Mascherano, 20-25 milioni cash, prendo Ogbonna e un buon terzino sinistro (Fabio Grosso *.*)

    Manca il fenomeno? Pazienza, la difesa migliore d’Italia è quella di Bonucci-Barzagli-Chiellini.
    Si lavora sul reparto e non ci si affida più ai miracoli di Nesta o Thiago.

    Anzi, vendiamo pure Mexes che tanto vi sta sul cazzo e ad ogni errore lo mettete in croce. Via Mexes mi prendo Silvestre che è molto più grazioso di Acerbi.

    Silvestre-Mascherano o Silvestre-Ogbonna con Mascherano al posto di MVB. Mi tengo Nesta e Yepes e c’è il jolly Bombonera. A destra Abate (tranne quando sta Milito) e si fa crescere Sciglio che mi gusta, a sinistra un terzino vero e Nini/Mesbah/Sciglio come riserve.

    Insomma, io un pensierino a vendere Thiago lo farei.

    1. condivido
      con una squadra che ha bisogno di essere rinnovata il sacrificio di Thiago ci può stare ( va per i 29 anni ) a condizione di prendere al suo posto 2 giovani top player per la difesa , un terzino ed un centrale

      purtroppo Mexes con lo spropositato ingaggio che ha non lo vendiamo in Italia , forse in Premier ? ho paura che rimmarrà al Milan nelle stesse condizioni che in passato ha avuto Flamini ovvero una riserva di lusso

      dei giovani sicuramente Ogbonna sembra quello con le maggiori potenzialità
      Silvestre concordo è un ottimo difensore centrale

  10. il Milan night è andata avanti per mezza stagione a dire che la rosa non era competitiva e a mettere Berlusconi fra i principali responsabili…c’ era pure chi cercava di Spacciare Allegri come il miracolato esente da gran parte delle colpe.

    Nessun rimpianto su Pirlo e non si può rimpiangere che sia andato alla Juve. Era svincolato. Rinnovargli a cifre folli nemmeno morti. Gli faceva bene cambiare aria. Lo avesse fatto anche Seedorf saremmo stati meglio.

    Semmai io rimpiango di brutto Ronaldinho.

    1. Anche io rimpiango dinho

  11. Ok vendere Thiago (io non lo farei…) e le alternative di mercato che proponete ci possono anche stare, dopo però bisogna vedere quale droga assumono in via Turati che con i soldi incassati non ci ritroviamo con “Oliveira 2”, Emmerson Jr., il cugino di Rivaldo ecc…

    1. verissimo

      bisogna azzeccare i sostituti e non è facile

    2. Mio caro, io più di fare nomi non posso fà…dico quello che farei io come fanno tutti di questi tempi.

      Ringrazia la madonna che almeno faccio interessanti e non i soliti 4-5 nomi del cazzo che fanno i tifosotti che conoscono solo quelle mezze pippe.

      Comunque ieri abbiamo STRAPERSO il derby dello Stile.
      L’inter fa il riscaldamento con la maglia di Ivan Ramiro Cordoba, lo premia, lo celebra. Noi abbiamo sfottuto Pirlo che l’ha rigirato tranquillamente in culo, domenica ci sarà l’addio di uno dei più grandi centrocampisti della Storia, Clarence Seedorf e magari non sarà nemmeno tra i convocati. E sicuramente qualcuno allo stadio lo fischierà e festeggerà il suo addio invece di ringraziarlo.

      Il mondo ce l’ha invidiato e noi ci sputiamo sopra. Vergognatevi.

      1. Ora per favore non rimpiangiamo Pirlo. Domenica non conta più un cazzo, quindi passerella vecchi, applausi e fuori dai coglioni

      2. Bhe se alcuni sono riusciti a rovinare persino il giro di campo dell’addio di Paolo Maldini non mi stupirei della cosa…

  12. Io non rimpiango. Faccio solo notare che dopo mesi (anni?) a deriderlo, darlo per morto, per pippa, per mummia, per cancro, del teorico della valvola, ora MI SA MI SA che è lui a ridere. Oooooops…

    1. Io l’ho visto marcato male. Bastava mettere su un uomo vedi van bommel e lo annulli. Nessuno l’ha fatto

      1. Il risultato è che stanotte Pirlo ha fatto baldoria, i fenomeni che lo sfottevano invece avranno sentito un bruciorino di culo.

        Onesto contrappasso. Magari la si smetterà di infamare chi per anni ha scritto la nostra storia solo per una stagione storta passati i 30 anni. Naaaaa, figurati se lo capiscono. Domenica tirate le arance a Seedorf, questo è il vostro livello.

        1. Si certo… già me lo vedo Seedorf fare faville altrove…

        2. E’ proprio questo il punto ! Se assieme a Pirlo se ne fossero andati via i mafiosi come Seedorf, Zambrotta o gli inutili come Inzaghi e Gattuso forse la storia sarebbe andata diversamente. Onore a Pirlo per la professionalità.
          Come mai il professor Culone andrà a giocare in serie B brasiliana e non ha trovato un cazzo di squadra europea che lo voglia ? Nemmeno il Frosinone. Nemmeno il Poggibonsi. E noi lo schieravamo in coppa contro il Barcellona. Che società di merda. Che mafioso surinamense.

        3. almeno lui con il barcelona non si è tirato indietro!!!!!!!

  13. MALDINI preso a cazzi in faccia il giorno del suo addio è stata la performance più imbarazzante che la curva poteva offrire, da quando sono tifoso del Milan. Perchè Maldini è Maldini. Il Gesù Cristo, il Rambo, l’Einstein della difesa.

    Seedorf, per carità, ha dato tanto. Ma è comunque un mortale. Io per onestà morale non sbeffeggerei neanche Pippardino, figuriamoci Seedorf. Ma è cotto, bollito, andato. Si fa troppa confusione secondo me tra quelli che insultano i detrattori di Seedorf. Perchè non capiscono che quei detrattori rimpiangono il Seedorf dei tempi d’oro, ma QUESTO Seedorf proprio no… non lo rimpiangeranno MAI.
    Stesso discorso per Pirlo, che avrà pur vinto quest’anno per i nuovi stimoli (la voglia di “vendicarsi”), ma onestamente ha giocato una partita a settimana, e comunque stando anche abbastanza fermo in campo (e indisturbato aggiungerei, visto che quando era da noi sistematicamente subìva una doppia marcatura… quest’anno sembra che TUTTI i suoi avversari si siano dimenticati di lui).

    Mettetela come volete ma chi si trascina in campo non ha più il diritto di giocare nel Milan, indipendentemente dal suo contributo passato.
    Maldini forse si è trascinato per un anno o due… di certo non 5-6. E comunque non ha mai offerto prestazioni inguardabili. Negli ultimi anni è semplicemente diventato umano. Aveva la sua dignità, Lui. Anche se c’erano dei dissapori tra Lui e la curva, meritava certamente un addio degno della Sua fama, della Sua dedizione alla causa del Milan, e del Suo innegabile contributo a rendere questa squadra una della più forti di sempre.
    Quindi diamo pure a Seedorf il giusto tributo (e ripeto, non giustificherei comunque eventuali insulti o festeggiamenti), ma che si tolga di mezzo una volta per tutte.

  14. domenica salutano definitivamente i nostri colori Seedorf Nesta ed Inzaghi

    spero che i tifosi rendano gli onori a tre fuoriclasse che hanno dato tanto per questi colori

    è ora di rifondare , con un poco di coraggio e pazienza

    largo a giovani di valore

    1. Mi spiace solo per Nesta. Secondo me un altro anno ai suoi livelli (magari non giocando tutte le partite) l’avrebbe fatto. Ma va bene anche così in fondo…
      Pippo ormai non gioca più, è inutile tenerlo.
      Di Seedorf ho già parlato.
      Immensamente grato a tutti loro, ma è tempo di levare le tende.

  15. Si certo… già me lo vedo Seedorf fare faville altrove…

    Non la imparate proprio la lezione, eh?

    Comunque fottecazzi di quello che farà, può anche smettere per quanto mi riguarda e io lo ringrazierò per tutto quello che ha fatto, perchè è giusto così. Lo ringrazio per i derby, per Atene, per Monaco, per Manchester, per Madrid, per tutto.

    Andate a chiedere a Ferguson, a Mourinho, a Xavi, a Iniesta, a Capello, a Ancelotti cosa è Clarence Seedorf. Vai all’estero a parlare con inglesi, spagnoli, francesi e senti che ti dicono di Clarence Seedorf. A questa gente, no ai pipponi di Milannight…poi ditemi se uno così non merita una passarella.

    Non mi risulta che Zidane sia stato fischiato al suo addio. Non mi risulta che Del Piero sarà fischiato, che Cordoba sia stato fischiato, che Figo sia stato fischiato, che Scholes sia stato fischiato, che Nedved sia stato fischiato, che Materazzi sia stato fischiato. E molti di questi non valgono un’unghia di Clarence Seedorf.

    Solo uno è stato fischiato: Paolo Maldini. Con un gesto di INDEGNO SQUALLORE, da parte di gente che definirla babbea è farle un complimento. Spero domenica di non dovermi vergognare agli occhi del mondo un’altra volta.

    1. Il problema è che avere un glorioso passato non dà diritto ad essere i padrini dello spogliatoio. Se seedorf si fosse comportato come Del Piero non c’era alcun problema.

    2. nicco RED_BLACK 7 Maggio 2012 at 13:14

      concordo con LPF!!

  16. Penso che in tutte qst parole bisogna solo dire una cosa : vergogna! Vergogna per avere dato via Pirlo indipendentemente da come ha giocato qst stagone (direi fondamentale per la Juve ) vergogna per scelte sbagliate e risbagliate vergogna per falsi moralismi e per aver avuto dottori incapaci di guarire giocatori per noi fondamentali pato t. Silva boa ecc.. !! Sarebbe ora di ragionare pensando al futuro e nn al passato pur glorioso k sia !! Complimenti finali per allegri !!! Steve

  17. Il problema è che avere un glorioso passato non dà diritto ad essere i padrini dello spogliatoio. Se seedorf si fosse comportato come Del Piero non c’era alcun problema.

    Ma che cazzo ne sai te…portami una prova, che magari non sia un post di milannight che mi ci pulisco tra palle e culo…

    Lo chiamano Obama eh, mica Saddam Hussein…

    1. La scenata al cambio contro il Bologna è inaccettabile

      1. sei in malafede, come al solito. ora trovi il pretesto della sostituzione con il bologna, ma tu lo hai insultato anche prima!!!!

  18. nesta ieri ha cacciato le palle, ha lottato fino al 94, stavamo sul 4-2 e s’è buttato davanti alla ricerca di non so cosa , venitemi a dire ora che uno che si preserva da un derby per non rischiare di farsi male e saltare le olimpiadi( che sono tra tre mesi) ci tiene di più di uno che a chievo giocò con la febbre, di uno che ha azzerato leo messi!!! i campioni sono questi, a 20, a 30 o a 50 anni!!!!!!

    1. Nesta è un EROE. Non basterebbero 8 giri di campo domenica per tributargli tutti gli applausi che merita. Credo che piangerò.

      Gli intitolerei una curva del Silvio Berlusconi Stadium: curva Nesta e di là curva Seedorf.

      1. se non avesse smentito le voci sulla juve, sti coglioni avrebbero fischiato anche lui!!!! invece di stare con il pesce in mano quando fa una bella giocata boateng, fischiate anche lui, anzi lui li meriterebbe, a 25 anni riesce a giocare 20 partite e si ritira dalla nazionale!!!!! via dal milan queste fighettine del cazzo!!!!

        roque junior continuò a giocare con uno stiramento in finale di champions, il tanto sbeffeggiato dida la stessa finale giocava con una frattura alle dita di una mano e ora questi qui per precauzione non giocano per mesi, bah, se parlassimo di economia politica li definiremmo parassiti sociali, che vadano a rubare lo stipendio a qualche sciecco!!

  19. Vergogna per tutto !!! Tante tante tante tante tante parole tanti bei ricordi ma fatti presenti POCHI !! Un uomo un atleta deve capire qnd é ora di smettere e fare altro . Avere rispetto per se stesso perché nn merita di fare quella fine …alla fine chi più o chi meno tirano tutti a se stessi e il rispetto per noi dov é?????? Sono sempre stanchi poveri fanno solo quello tutto il giorno e nn so mica se arrivano a fine mese … Poveri !!! VERGOGNA ….

Comments are closed.