Dopo Muntari... gol annullato a Robinho

E’ bastato uno sfogo di Marotta su Tuttosport (ci abbiamo fatto anche una vignetta in giornata), una partita che per le condizioni che sapevamo (leggasi Champions League) poteva essere decisiva, una gara in equilibrio e il solito arbitraggio. Allegri così furioso non l’avevamo mai visto – ma lo sfogo è risultato sacrosanto: “nelle quattro gare in equilibrio abbiamo dovuto subire torti arbitrali“. E ancora: “bisognerebbe stare zitti perché il gol di Muntari falsa tutto il campionato“. Qualcuno si attaccherà forse al gol annullato al Catania, dove però Bergessio che serve Gomez parte in posizione regolare – gli episodi contro il Milan, come spesso accade per fermarci, sono invece ben tre: il primo lo vedete nella foto, è il gol regolare annullato a Robinho che fa il paio con quello di Muntari nello scontro diretto – il secondo e il terzo sono due fuorigiochi: il primo di Ibrahimovic che poteva servire agilmente Robinho a porta vuota, il secondo di Kevin Prince Boateng lanciato in solitaria addirittura dalla propria metà campo – dove, lo sanno anche in eccellenza, non esiste fuorigioco.

Passando a noi questa partita va comunque vista in ottica “stanchezza” Champions League – paradossalmente il più indecente, per distacco netto, è però Urby Emanuelson che mercoledì ha giocato uno spezzone di partita. Robinho prende una sufficienza stiracchiata per il gol segnato (grandissimo assist di un Ibrahimovic che comunque mi pare stanco e bisognoso di un turno di riposo), Bonera e Antonini confermano la buona prestazione di mercoledì mentre Aquilani manca di quel dinamismo necessario per far ripartire l’azione (si, a costo di scrivere una bestemmia, preferisco il cadavere Seedorf ora come ora al romano). Abate, al rientro, sembra aver migliorato qualcosa in copertura mentre in fase offensiva mi piacerebbe vedere qualche cross di prima. Abbiati rimane una delusione: il cross da cui arriva il gol di Spolli si può e si deve prendere in uscita. 

A proposito del gol del Catania su calcio piazzato oggi siamo stati da capelli in piedi – cito tre episodi su tutti: il primo dopo sette minuti del primo tempo quando viene battuto un corner e dentro l’area nessun giocatore se ne accorge, il secondo nel finale quando vediamo Ibrahimovic andare a battere i calci d’angolo, il terzo a due minuti dalla fine quando Bonera invece di tirare la punizione della disperazione in area la passa ad Abate e per poco non fa la frittata: c’è uno schema o viviamo alla spera in Dio? E se Berlusconi, in fondo, tutti i torti non li avesse? Sui primi 15 metri quando abbiamo la palla siamo da retrocessione – e c’è chi un gioco riesce a crearlo con giocatori più scarsi, vedi appunto il Catania di oggi – hanno accelerato dieci minuti e in quei dieci minuti han forse creato più di noi nel resto della gara.

Prospettiva campionato: è vero, se la Juventus batte il Napoli va a due punti – è altrettanto vero che avrà comunque la trasferta di Palermo, Roma e Lazio seppur in casa mentre il nostro calendario dice Fiorentina – Chievo – Genoa – Bologna – Cagliari – Atalanta. Impossibilea meno di partite da ufficio indagini FIGC – che gli uomini del parrucchino facciano 30 punti su 30 chiudendo ad 89 (quota che nemmeno noi siamo in grado di raggiungere) quindi pensiamo positivo, anche perché già da domenica prossima avremo dei rientri importanti. Se le partite le chiudiamo subito come al solito, non lasciandole in equilibrio come oggi, non potranno ulteriormente falsarcele.

CATANIA-MILAN 1-1 (Primo tempo 0-1)
MARCATORI: Robinho (M) al 34′ p.t.; Spolli (C) al 12′ s.t.
CATANIA (4-3-3): Carrizo; Motta, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Izco, Lodi, Almiron (dal 47′ st Seymour); Barrientos (dal 26′ st Llama), Bergessio, Gomez (dal 40′ st Lanzafame). (Kosicky, Bellusci, Ricchiuti, Catellani). All. Montella.
MILAN (4-3-1-2): Abbiati; Abate, Bonera, Mexes, Antonini; Aquilani (dal 40′ st Maxi Lopez), Ambrosini, Nocerino; Emanuelson (dal 8′ st Boateng); Ibrahimovic, Robinho (dal 28′ st El Shaarawy). (Amelia, Yepes, Zambrotta, Gattuso). All. Allegri.
ARBITRO: Bergonzi di Genova
NOTE – Spettatori paganti 11.047, abbonati 9.206, incasso 428.377 euro. Ammoniti Ambrosini e Mexes per gioco scorretto. Angoli 8-4 per il Milan. Recuperi: 2′ e 3′.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

48 Comments

  1. E’ da diverse giornate che è giù Ibra. Allegri potrebbe fare i cambi prima e avere il coraggio di cambiarle.

    I suoi limiti via vengono fuori. Per vincere oggi non c’ era bisogno di ammucchiare attaccanti gli ultimi 5 minuti. Bastava gestire meglio la partita e cambiare gioco prima. Non ci si può piccare di voler sempre fare lo stesso gioco sempre e comunque.

    A parte questo altra rubbata pure oggi. In ogni caso va bene cosi. Sapevamo che più di 4 punti fra roma e Catania sarebbe stato difficile. Del resto il turno di champions si sa pesa come u n macigno nelle gambe e nella testa.

    bene Boateng che ha ripreso un minimo di condizione, in crescita Robinho, già ok Abate. Speriamo di recuperare Nesta per martedi.

    1. Dna, a volte mi sembra che tu non consideri il fatto che giochiamo contro degli avversari! Non è che questi siano disponibili a farci l’inchino dicendoci: “accomodatevi” eh! Forse solo il Barcellona riesce a copiare il Grande Milan di Sacchi che riusciva sempre e comunque a fare il proprio gioco, in casa o fuori e contro qualsiasi avversario!
      A questo Milan non riesce e non è colpa dell’allenatore!

      Poi, devo anche ammettere, a malincuore, che lo zingaro è meglio che stia in campo: in ogni momento ti può fare il gol o farlo fare! Oggi abbiamo avuto la dimostrazione lampante: hai visto che ha fatto?
      Credimi, mi costa ammetterlo! Se ci pensi bene, riesce anche a te!

      1. Ibra impone al Milan un gioco preciso. Anche quando non è in perfetta condizione.
        Il Milan tuttavia ha gli uomini per variare di tanto in tanto questo cazzo di gioco e lo dovrebbe fare. Senza Ibra il Milan gioca un calcio diverso, per me addirittura migliore e veloce. Non c’ è nulla di male a variare schema di attacco. Tutte le grandi squadre hanno almeno 2 varianti consolidate da utilizzare nelle differenti situazioni.

        Anche il Milan e lo ha dimostrato. Tuttavia si finisce sempre li. Non si ha mai il coraggio di cambiare gioco. Piutosto si buttano dentro 4 attaccanti e si rischia di prendere goal al 91′ ma hioco non si cambia.

        E’ un gravissimo limite di Allegri la scarsissima duttilità. Poi trovi squadre organizzate come il catania e il giochetto non riesce, specie se non c’ è il classico rigore salva risultato in questo tipo di partite.

        Anche martedì per segnare dovremmo inventarci qualcosa di diverso. Tipo El Sharawi, Maxi Lopex, come contro la Juventus.

        1. Dna, non si ha mai il coraggio di cambiare, perchè per adesso, quello è il modulo vincente! C’è poco da fare: campioni in carica, con la possibilità di ripetersi!
          Sono convinto che se tu fossi al posti di Allegri, faresti lo stesso: troppo rischio è da sciocchi!

  2. Me lo sbatto sulle palle il secondo gol fantasma! La partita è finita 1 a 1 e questo è quello che conta. Il resto sono chiacchiere assolutamente inutili!

    1. Eccerto… come Firenze, come Muntari. Così è calciopoli 2

      1. Non ricordo il finale di Firenze, ma quello è il risultato che conta!
        Smettila Otelma e preserva il fegato che sei giovane!
        Smetti di leggere i giornali del cazzo e non girare per internet in cerca di minchiate che ti fanno male!
        Guardati solo le partite sintonizzandoti all’ora di inizio e appena fischiano la fine, cambia canale!
        Non immagini come starai bene quando ti abituerai!

  3. cominciano ad essere tante però le chiacchere inutili.

    Alla fine si assegnano i campionati in questo modo. Comincia ad essere complicata la cosa se le partite equilibrate vengono sempre decise dagli arbitri. Nonn è che sempre dobbiamo segnare 2-3 per vincere le partite. Nemmeno io amo parlare di arbitri, ma qui i punti che mancano cominciano ad essere diversi

  4. Essere fatti fessi non piace a nessuno e Max ha fatto bene a ribadire a muso duro che dopo il gol non dato di Muntari tutti i pagnistei gobbi sono fuoriluogo.
    Quello di oggi era meno visibile, ma comunque era gol sacrosanto.

  5. Forse ci si dimentica che oggi il Milan del Sig. Allegri poteva e doveva chiudere la storia scudetto.
    Non e’ possibile ed e’ indecente che si debba far partire sempre e comunque l’azione o dal lancio improvvisato della difesa o da un mediano incontrista mezzo cotto che nei 10 anni precedenti non aveva mai impostato a ragione un bel niente ……….. e questo alla lunga nel calcio europeo , quello che conta e piace al presidente non si era mai visto.
    Voglio una cazzo di squadra piu’ camaleontica , non posso piu’ sopportare l’anticalcio del Livornese.
    E cribbio non e’ questione di uomini , ma di acume tattico..
    Uno come bergessio con quella faccia e quei piedi quadrati da terza divisione messicana non deve saltarmi per 10 volte i miei centrali …..Non deve
    Oggi sono proprio incazzato nero

    1. Voglio una cazzo di squadra piu’ camaleontica , non posso piu’ sopportare l’anticalcio del Livornese.
      E cribbio non e’ questione di uomini , ma di acume tattico..

      Esatto… non è questione di uomini. C’è chi ci riesce con meno. E in questo ha ragione berlusca. Spero che l’allenatore della prossima stagione se ne renderà conto.

      1. che ti piaccia o no, l’allenatore della prossima stagione sarà quello che c’è adesso, mettiti l’anima in pace che sennò ti viene un ictus…

  6. Se vuoi una squadra “cameleontica”, non lo devi chiedere certo ad Allegri, che comunque, ricordo, è campione d’Italia ed attualmente primo!

    1. E’ campione d’Italia perché aveva una rosa nettamente superiore alle altre.

      1. Ma guarda, chissà perchè avrei scommesso che la risposta sarebbe stata questa!
        È strano come si faccia presto a dargli tutte le colpe ed invece, i meriti sono sempre degli altri, compresi i magazzinieri!

  7. sempre la stessa storia… le tragedie cazzo!!!

    non vinciamo una partita, drammi su drammi, gente che vuole una squadra “camaleontica”, e la colpa è sua, è di quell’altro, Berlusconi ha ragione, Allegri gay, Ibra merda, e che due palle!!

    Io ho visto un Milan stanco visibilmente, che comunque meritava di vincere la partita (gol fantasma a parte), che come era prevedibile che fosse, ha sofferto il gioco dinamico del Catania, (squadra che sta facendo veramente bene) che però ha preso gol su palla inattiva, su errore netto di Abbiati, che su una palla morta e lenta come quella, se la doveva andare a prendere.

    Sulla questione dei gol presi su calci piazzati non sono daccordo per una sega; il gol di oggi come tutti gli altri che abbiamo preso quest’anno, non è che li prendiamo perchè difendiamo male (mi vengono in mente alcuni anni della gestione Ancelotti, in cui nelle prime 10/12 partite dell’anno prendevamo SOLO gol su calci piazzati perchè una partita marcavamo a zona, l’altra a uomo, ma non cambiava un cazzo), li prendiamo per errori/dormite nostre… cito a mente Zambrotta che si perde Burdisso a Roma, Abate e MVB che perdono Koscielny a Londra, e Abbiati che non esce oggi, non farei tutto sto cazzo di allarme quindi.

    Ero più che sicuro che a Catania qualche punto l’avremmo perso, ma pensavo potessimo giocare infinitamente peggio di come abbiamo effettivamente giocato…. ora sotto al Camp Nou.

  8. ASCOLTAMI SIGNOR “SO TUTTO IO” CHE CHE TI LIMITI SOLTANTO A GUARDARE I RAGIONAMENTI DEI VERI TIFOSI ! MA PERCHE’ OGNI TANTO NON PROVI A RACCONTARCI QUALCOSA DI TUO….. SE CE’ E SE ESISTE NEL TUO LIMITATISSIMO E QUINDI INVOLUTO PENSIERO DA CRITICO DA STRAPAZZO.
    SE CE LA FAI PER UNA VOLTA ESPRIMITI ED ESPRIMICI QUALCOSA INVECE DI ANDARE A CERCARE NELLE RIGHE DEGL’ALTRI I TUOI GODIMENTI DA BAMBINO DELLE MEDIE…
    SCUSA MA MI HAI ROTTO LE PALLE E CREDO NON SOLO A ME….QUINDI….

    1. Hai proprio ragione!
      Ma Sadyq è fatto così, quando dice qualcosa di suo piscia fuori dal vaso per cui gli conviene tentare di contraddire gli altri a posteriori…ci vuole pazienza con certi “tifosotti”, caro Bettino.

      Venendo alla partita, devo dire che un pareggio a Catania tra due sfide col Barça è SACROSANTO. Un po’ ingenuo, ma in questo periodo è impensabile di essere sempre al 100% della forma e della concentrazione. Soprattutto con un allenatore modesto in panchina.

      Arbitri: siete sicuri che quello è gol? Sicuri sicuri sicuri sicuri sicuri? Io no. L’errore grave è quello sul fuorigioco di Ibra, era un gol praticamente fatto.

      Comunque Allegri pensi al campo. La guerra, se la vogliono fare, spetta alla società, gente molto più preparata ed esperta. Pensi al Barcellona, va là..

      1. A te, cosa devo dire? Faccio finta di niente, tanto in questo periodo sei così!

        1. E chi t’ha chiesto un cazzo…è a Betty che devi rispondere…

        2. Idiota, come al solito ti intrometti a cazzo!

    2. Guarda coso, che se ti ho rotto le palle, non me ne frega un cazzo! Io mi esprimo e scrivo quello che mi pare e, se non ti sta bene, tornatene ad Hammamet!

        1. Come adesso, babbeo!

    3. Ma poi quali sarebbero i veri tifosi? Forse tu, intelligentone, che non fai altro che scrivere improperi contro Allegri? Ma vattene a cagare vai!

      1. Finalmente sei riuscito, anche se scadendo nella volgarita’ elementare dei bimbiminchia, a creare un pensieruccio tuo senza finire ad incartarti su te stesso..
        E’ il primo passo …ed un buon inizio

        1. Resta valido l’invito!

  9. Il rigore dato al Barcellona contro il Bilbao è vergognoso….

  10. E oggi, SIMM TUTT’E NAPULE, PAISA’!

    Vai Pochooooooo!!!!

  11. “Camaleontico” non vuol dire di non essere in grado ogni volta che un minimo equilibrio viene rotto o dal dinamismo di quattro gregari o dai piedi un’attimo migliori della champions , di non riuscire a rigenerare o cambiare il giuoco—Cazzo riprendere il filo di una partita che si complica e’ l’arte dei grandi Mister–E chi si improvvisa coraggioso e capace solo buttando attaccanti nella mischia perche’ cosi’ poi non possono dirmi nulla—beh questo non deve accontentere noi tifosi,ma solo i poveretti da tuttosport del giorno dopo.
    Che impari a ribaltare la squadra negli spogliatoi e a sparigliare le carte una volta tanto il Livornese—
    Simo all’abc della tattica

    1. Ebbene sì, continuo ad essere d’accordissimo con te. Soprattutto la parte sul rigenerare e cambiare il giuoco. E’ di piramidale importanza in certe partite.

  12. Ah dimenticavo….ma lasciare in porta un giocatore palesemente stirato–che se vuoi davvero bene al Milan sei il primo a chiedere il cambio o noh !!!!
    Questa non e’ sapienzatattica, ma intelligenza e sangue freddo…
    E se mi dicono che Abbiati non puo’ giocare a barcellona e’ veramente drammatico e ingenuo il tutto!!!

  13. Come mai molti tifosi milanisti che oggi si lamentano per un episodio difficile da vedere se non con mille fermoimmagine da angolazioni diverse e sul quale ancora non c’è certezza,si dimenticano che in occasione dello 1-1 con la Roma nella stessa azione che porta al rigore c’è sia il fuorigioco di Ibra che la gamba tesa di El Shaarawy su Heinze?

    Come mai molti tifosi interisti quando recriminano per un fuorigioco di 4 cm non si ricordano quello di 180 metri di Maicon a Siena?

    Come mai molti tifosi juventini quando si lamentano di un mancato rigore e si appellano a Calciopoli,si dimenticano l’incredibile gol di Muntari che portava il Milan sul 2-0 e chiudeva il Campionato?

    Come mai dunque la gente si dimentica sempre quello che non fa comodo e magari poi nella vita fa il blogger,il giornalista sportivo o il commentatore televisivo condizionando così l’opinione pubblica?

    È come sempre un problema di mentalità che vale qualunque sia il colore della sciarpetta al collo: finchè rimaniamo convinti che ogni volta che non vinciamo è perchè c’è un qualche deus ex machina che ce lo vuole mettere nel culo,non si capisce perchè continuiamo a star lì a guardare le partite,salvo poi andare a festeggiare delle vittorie che non si capisce che valore abbiano visto che si inseriscono in un contesto dominato da ladri,farabutti e disonesti.

    Se la si pensa davvero così si capisce perchè uno come Mourinho ha impostato la sua vita professionale sulla base dell’ “io contro il sistema”.

    1. No matto per favore, non andiamo a ripescare la Roma perché era una cosa accaduta 10 secondi prima… gli episodi contro il Milan sono molto di più e più pesanti di quelli a favore.
      E’ come far passare il fuorigioco millimetrico di Matri compensante il gol di Muntari

      1. Non è quello il principio (a parte il fatto che con la Roma le due cose avvengono nella stessa azione nell’arco di pochi secondi,ma vabbè,di esempi simili se ne possono fare 1000).

        La questione non è mettere tutti gli episodi sullo stesso piano,nè fare il solito giochino della scala della gravità (per esempio per me è che sono interista il gol annullato a Thiago Motta nell’ultimo derby fa parte della metafisica),la questione è l’atteggiamento mentale che IN GENERALE si deve avere nei confronti degli episodi arbitrali e cioè RICORDARSI TUTTO,torti e favori.

        Poi è ovvio che il confine tra l’essere onesti e l’essere fessi è sottile.

        Esempio chiarificatore:

        Supponiamo (stracciandola) che una squadra sia protagonista di 30 episodi arbitrali; tu capisci bene che pensare che siano divisi esattamente tra 15 torti e 15 favori è difficile.,per cui ti aspetti una distribuzione un po’ casuale.

        Quand’è che si è autorizzati,diciamo così,a storcere un po’ il naso? Quando si ricevono 25 favori e 5 torti oppure 5 favori e 25 torti!!! magari piazzando gli uni o gli altri in momenti decisivi.
        A quel punto sì (e il passato lo conferma) forse c’è del marcio in Danimarca…

        Se invece tutto sommato a fine campionato ci si rende conto che andato tutto secondo una statistica ragionevole,allora bisogna stare ziti sia che si vinca sia che si perda.

        L’importante,lo ripeto,è togliersi quella assurda forma mentis per cui ogni volta che non si vince è SOLO perchè gli altri rubano. Se la si pensa così non si capisce perchè uno non dedichi le sue domeniche al Volano piuttosto che al calcio.

        1. Io mi aspetto che sia casuale, ma così casuale non è.
          Meglio parlarne che passare da
          “alla fine tutto si compensa e vince la più forte” (quando sei davanti), e “paghiamo calciopoli” (quando sei dietro)… insomma vedere le cose da due prospettive diverse a seconda della posizione in classifica.
          E’ su questo che Allegri ha sbottato, sul fatto che il direttore sportivo di una squadra che ha avuto continui favori arbitrali nel girone di andata, ne ha avuto uno ENORME nella gara scudetto si permetta la mattina stessa di dire che PAGA CALCIOPOLI.
          Si chiama senso della decenza.

        2. Ma questa è la triste logica del calcio italiano.

          Per te che sei milanista è assurdo l’episodio del gol di Muntari,per loro che sono juventini è assurdo essere ad un mese dalla fine del campionato con un solo rigore a favore e quindi ci si scorna.

          Se vincerà il Milan verrà fuori Marotta a ribadire l’effetto Calciopoli,se vincerà la Juve verrà fuori Galliani a dire che si è trattato di una sorta di risarcimento post Calciopoli.

          Insomma,nessuno riconoscerà la vittoria dell’altro,cosa che tra l’altro nessuno ha fatto per 4 anni nei confronti dell’Inter,per cui non mi stupisce più nulla.

          La verità è che tra un mese tu sarai in Duomo o uno juventino sotto la Mole a festeggiare uno scudetto mentre tutto il resto d’Italia ti/gli darà del ladro,cosa della quale il festeggiante di turno se ne sbatterà altamente le palle.

          Così è sempre stato,così è e così (purtroppo) sempre sarà.

  14. Tre anni fa,in occasione di Genoa – Inter,sul sito di Tuttosport omisero un fotogramma nella ricostruzione del gol di Balotelli.

    Qua invece siamo ad un livello successivo!! 🙂

    http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/juventus/articoli/79737/gol-fantasma-la-foto-fa-discutere.shtml

    1. Semplicemente hanno zoomato male… bastava mettere la mia foto nell’articolo di ieri….

  15. Convocati per il Camp Nou
    PORTIERI: Abbiati, Amelia, Piscitelli.
    DIFENSORI: Abate, Antonini, Bonera, De Sciglio, Mesbah, Mexes, Nesta, Zambrotta, Yepes.
    CENTROCAMPISTI: Ambrosini, Aquilani, Boateng, Emanuelson, Nocerino, Seedorf.
    ATTACCANTI: El Shaarawy, Ibrahimovic, Maxi Lopez, Pato, Robinho.

    1. MVB 😥 😥 😥 😥 😥 😥 😥 😥 😥

  16. dai su non litigate, oggi è giorno di festa… facciamo un brindisi a clarence clyde seedorf!!!

  17. sono d accordo con matthony.ci attacchiamo agli episodi solo quando ci torna comodo.e lo dico da milanista.secondo me a silvio non e piaciuto lo sfogo cosi forte di allegri nel dopo partita,e aldila dell aspetto del giuocooooo……credo che non gli piaccia un allenatore che si lamenta cosi degli arbitri.non mi meraviglierei se il prossimo anno ci sara un nuovo tecnico su la nostra panchina.

  18. Idiota, come al solito ti intrometti a cazzo!

    Ma che vuoi? Io mi esprimo e scrivo quello che mi pare e, se non ti sta bene, tornatene ad Hammamet! (cit.)

    1. Bene, lo faccio anch’io, ma tu non devi per forza rompermi i coglioni! o non ti sta bene che ti ignori?

  19. tornatene ad hammamet è eccellente!!!

    Comunque si il gioco va variato. Vincente o meno che sia lo schema principale se ripetuto all’ infinito stanca i giocatori e diventa prevedibile.

    E poi non ci dimentichiamo che tutte le volte che abbiamo giocato diversamente abbiamo fatto bene. E poi sono convinto che bisogna rischiare. E’ cretino cambiare gioco solo quando costretti dalle squalifiche o dagli infortuni.

    Oltre tutto vincente o meno che sia il nostro gioco è sempre un gioco di merda.

    Lanci lunghi al bisonte che fa le sponde è un gioco di merda che viene praticato nelle categorie più basse.

    Ho capito che Allegri ci sta facendo dei buoni risultati ma non per questo bisogna andare avanti per dirizzoni. In questo la mia posizione critica verso Allegri non si è mossa di un millimetro.

    Semmai ho mitigato la mia posizione su di lui come motivatore. Ora quasi quasi lo è prima no. E’ cresciuto.

Comments are closed.