Diego Lopez 7: provvidenziale in due occasioni, incolpevole su punizione e rigore inventato.

Antonelli 5,5: soffre dietro, vuoi per l’inferiorità numerica vuoi per il poco filtro dei centrocampisti. Davanti prova a inventarsi qualcosa, ma con un avversario come il mediocre Gilberto poteva fare di più.

Rodrigo Ely 4: non è adatto al ruolo di difensore titolare del Milan, anche se paga la gaffe di Valeri che lo ammonisce per un intervento appena sanzionabile. Sulla sua espulsione si chiude la partita.

Romagnoli 5,5: avventato in occasione del rigore procurato, anche se sulla sua bonta ci sarebbe molto da discutere. Per il resto compitino diligente.

Zapata 6: un buon intervento e normale amministrazione, mai messo a dura prova dagli attaccanti viola.

De Jong 5: nodo cruciale della cattiva prestazione. Che non sappia impostare lo sappiamo, se poi smette anche di fare filtro siamo in croce.

Nocerino 6: entra tardi ma sembra uno dei pochi che voglia dire e fare qualcosa.

Bertolacci 5: male male male. Lontano ricordo del centrocampista 2014/15, male in costruzione, male in inserimento, male in appoggio.

Bonaventura 6
: come l’anno scorso uno degli ultimi a mollare. Si divora un gol solo da spingere dentro con la fronte.

Honda 5
: gioca poco, ma in quel poco fa imprecare non poco.

Bacca 6: corre per due, pressa e si sbatte. Fare di più era oggettivamente impossibile.

Luiz Adriano 5: nervoso e poco lucido, mai in partita realmente.

Mihajlovic 4,5: apprezziamo il tentativo di lanciare Rodrigo Ely, ma forse in partite del genere gli esperimenti non sono una grande mossa.

Mattia Urbinati

Posted by Mattia Urbinati

Prima c’era il gioco del calcio, poi è arrivato il Milan. Da quel momento tutto è cambiato. (L'Equipe)