Prima apparizione stagionale per il Milan nella Coppa Italia. I Rossoneri passano il turno con il brivido vincendo con il risultato di 2 a 1 e con un gol segnato nel finale.
L’arbitro designato per questa sfida è  Dino Tommasi di Bassano del Grappa che è presente nelle liste della Sere A dal 15 Marzo 2008. L’arbitro della sezione di Bassano non ha mai arbitrato i rossoneri in precedenza.

Primo tempo molto tranquillo per la terna arbitrale fino al 46’ quando l’arbitro annulla un gol al Sassuolo: la squadra di Di Francesco batte una punizione dopodiché Versajko mette dentro di testa ma l’arbitro o, per meglio dire il guardalinee, segnala un fuorigioco.  Chiamata molto dubbia in quanto sembra che De Jong (unico che poteva tenere in gioco Versaljico) abbia il braccio destro poco dietro la sagoma del giocatore del Sassuolo quindi il gol era da annullare. Anche se si dice che nel dubbio non bisogna fischiare questo discorso non regge quasi sempre in quanto non si può sapere se il guardalinee in quel momento aveva dubbi o meno. In conclusione si può definire un ottima chiamata.
Unico episodio da segnalare nel primo tempo oltre al gol annullato si presentano al 6’.  Dopo 6 minuti di gioco Cerci mette un pallone al centro che giunge a Poli il quale non esita a calciare: il guardalinee segnala fuorigioco su Poli ma la decisione è errata in quanto era EL Shaarawy ad essere in fuorigioco (posizionato poco più avanti di Poli e non partecipante all’azione).

Al contrario del primo la moviola del secondo tempo è abbastanza ricca.
Arriviamo direttamente al 62’ quando Tommasi assegna un rigore dubbio al Sassuolo: Pavoletti cerca di raggiungere un pallone lanciato dal proprio centro campo ma viene raggiunto il velocità da Zapata che cade insieme al giocatore del Sassuolo. Pavoletti sembra che faccia cadere Zapata inciampando tra le gambe del giocatore rossonero, il giocatore rossonero una volta caduto si trascina giù anche l’attaccante nero verde: decisione di Tommasi che sembra errata in quanto è il giocatore dl Sassuolo che causa il rigore commettendo un leggero fallo su Zapata.
Pochi minuti più tardi è giusta l’ammonizione per Missiroli che trattiene la maglia di Poli che fuggiva in velocità sulla fascia: trattasi del classico fallo tattico. Al 75’ un’altra giusta ammonizione per Biondini che entra in scivolata da dietro su Cerci senza toccare il pallone.
Passiamo al 82’ quando un difensore del Sassuolo ferma un tiro di Bonaventura con il braccio: chiaro il gesto di Tommasi che alzando entrambe le braccia sembra far proseguire per  il vantaggio ma in quel caso sarebbe stata giusta assegnare la punizione ai rossoneri essendo al limite dell’area.
Nei minuti finali giuste le ammonizioni per Cannavaro e Antei: entrambi gli interventi sono da dietro, quello di Cannavaro in scivolata mentre quello di Antei è un classico contrasto da dietro per non permettere a Pazzini di girarsi: giuste ammonizioni per gioco pericoloso  e  eccesso di aggressività (Cannavaro) e per intervento tattico (Antei).

Siparietto curioso si presenta al 73’ quando Tommasi preferisce vedere la stretta di mano tra Abate e Sansone invece del pallone; per fortuna Abate avverte platealmente l’arbitro che il gioco era appena ripreso dopo una punizione.

Una prestazione nella media quella della terna arbitrale e del quarto uomo Gervasoni. Da evidenziare una grandissima chiamata da parte del guardalinee (per alcuni può essere fortuna ma nessuno può saperlo)  e una chiamata che fa nascere molti dubbi come il rigore assegnato al Sassuolo. Sempre vicino all’azione e autorevole nell’affrontare i giocatori.

 

Voto Tommasi: 6

Posted by Nocerino Giuseppe

Nato a Napoli nel 1994. Frequenta il corso di Laura in Scienze dell'Amministrazione e Organizzazione. Schermidore. Tifoso del Milan da sempre e amante della classe arbitrale di cui faceva parte. In passato ha collaborato con vari di siti di Wrestling e Sport. Dal 05/10/2014 è entrato a far parte di Rossonerosemper come Moviolista.