La minestrina non piace, ma se hai fame la mangi – eccome. Questo è stato Milan – Sassuolo di stasera: una prova non brillante, appena sopra la sufficienza, ma non scontata viste le ultime due partite. Abbiamo vinto e abbiamo vinto con merito perché di fatto le uniche occasioni da gol le abbiamo create noi con un Sassuolo mai pericoloso. Al gol di Pazzini se ne aggiunge uno sbagliato da Poli, un palo di Cerci, un’altro colpo di testa di Pazzini con un super Pomini contro il gol annullato (sul quale – ricordo – il fuorigioco è merito della difesa, non una botta di culo che scende dal cielo) ed un rigore assurdo, al limite dell’inesistente. Il Sassuolo non ha mai tirato in porta e rispetto ad una settimana e tre giorni fa è già un grosso passo avanti.

Cerci è sicuramente l’esordio più positivo. Non ha ancora i 90 minuti perché nel secondo tempo è drasticamente calato – e probabilmente è stato tenuto a riposo per questa partita – ma è sicuramente un passo in avanti rispetto al resto della rosa. Poi c’è Pazzini centravanti che in coppa Italia la sua figura la fa – come ho già avuto modo di scrivere non penso che Inzaghi voglia giocare senza centravanti visto che si è incaponito su Torres fino allo sfinimento, semplicemente non ritiene nessuno dei due all’altezza di Menez lì in mezzo in serie A. Per questo ben venga Destro (possibilmente non Osvaldo, ma nel caso ce lo faremo andar bene) in mezzo per utilizzare giocatori del genere in un contesto superiore.

30 minuti buoni anche per El Sharaawy che poi si spendementre si conferma sciagura De Sciglio (che, per fortuna, si infortuna lasciando spazio a Bonera – guardate la palla del 25 nel secondo tempo). Male Bonaventura che esce alla distanza gli ultimi 10 minuti di partita – si mangia due gol Poli che corre e si impegna ma nulla di più. Da rivedere e non di poco Zapata (incolpevole sul rigore, perché non c’è, ma autore di svarioni) e Abbiati (sul rigore lui sì poteva uscire). La cosa preoccupante, più che altro, è che ancora non corriamo e riusciamo a giocare solamente a ritmi veramente bassi – il Sassuolo oggi non l’ha alzato, una settimana fa sì, così come il Torino sabato scorso.

Per il resto dovevamo passare il turno ed il turno è stato passato. La cosa peggiore è il solito gruppo dei tifosi radical chic che nonostante questo continua imperterrito con battutine e slogan sulla coppa Italia quando se fossimo usciti avrebbe chiesto l’esonero. C’è troppa gente che guarda la partita con un occhio pessimistico, in maniera forse un po’ frustrata, pronta a gridare al complotto al primo cambio sbagliato o al primo tiro subito e questo non va bene – gli sfottò lasciamoli ai tifosi delle altre squadre, non mischiamoci a loro. Sembra quasi che festeggiare una sera, una vittoria, sia quasi un reato. Bravo Pippo stasera ad onorare l’impegno e puntare su una coppa che ci può portare in Europa League e può aggiungere un trofeo in bacheca. Tra due settimane la Lazio, ora testa al campionato.

MILAN-SASSUOLO 2-1 PRIMO TEMPO 1-0
MARCATORI Pazzini (M) al 39 p.t.; Sansone (S) su rigore al 19’, De Jong (M) al 42’ s.t.
MILAN (4-3-3) Abbiati; Abate, Alex, Zapata, De Sciglio (dal 1’ s.t. Bonera); Poli, De Jong, Bonaventura; Cerci (dal 38’ s.t. Montolivo), Pazzini, El Shaarawy. (Diego Lopez, Agazzi, Albertazzi, Rami, Zaccardo, Saponara, Menez, Mastour, Niang). All. Inzaghi.
SASSUOLO (4-3-3) Pomini; Longhi, Cannavaro, Antei, Vrsaljko; Biondini, Chibsah (dal 43’ s.t. Berardi), Missiroli; Sansone (dal 43’ s.t. Floro Flores), Floccari, Pavoletti (dal 41’ s.t. Zaza). (Polito, Consigli, Gazzola, Bianco, Magnanelli, Brighi, Berardi). All. Di Francesco
ARBITRO Tommasi (Barbirati-Ranghetti)
NOTE – ammoniti Missiroli, Biondini, Cannavaro e Zapata

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.