Partita che ha il sapone d’Europa quella che vede come protagoniste Sampdoria e Milan terminata con il risultato di parità di 2 a 2. Essendo una sfida di importanza massima il designatore ha deciso di mandare a Genova uno degli arbitri italiani impegnati anche in campo internazionale: Daniele Orsato della sezione di Schio.

Orsato in carriera ha arbitrato i rossoneri per ben 17 volte con un bottino di 8 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte (prima di questa sera) per i rossoneri; una statistica che di certo non farà ben sperare al popolo milanista.

Sotto il punto di vista arbitrale questa partita si è mantenuta sulla normale amministrazione per tutto il primo tempo mentre durante il secondo sono avvenuti gli episodi più dubbiosi.

Il primo episodio si presenta al 10′ quando la Sampdoria recrimina un rigore per una spinta di Rami su Okaka: spinta minima con conseguenti proteste esagerate da parte del giocatore della Samp quindi giusto non assegnare il calcio di rigore.
Al 25′ Bonera viene ammonito per un intervento falloso su Gabbiadini: trattandosi di un fallo tattico è giusto ammonire il giocatore milanista anche se Gabbiadini finisce su Bonera dopo aver subito una spinta da parte di El Shaarawy.
Altra giusta ammonizione si presenta al 35′ quando Orsato estrae il cartellino per Mexes dopo che quest’ultimo è entrato in scivolata dritto su Eder.

Si passa alla seconda fazione di gara. Un secondo tempo che vede due delle punizioni più penalizzanti che un arbitro possa infliggere ad una squadra: un rigore ed una espulsione.
Primo episodio del secondo tempo si presenta al 55‘ quando viene ammonito giustamente Dancan dopo che il blucerchiato ha atterrato con un fallo Essien.
Arriviamo al 64′ quando Orsato assegna un rigore per i rossoneri dopo un tocco con il braccio di Mesbah: rigore netto in quando, dopo un cross basso di Menex, il giocatore della sponda blu di Genova in scivolata anticipa Torres toccando con il braccio sinistro la palla non permettendo così l’intervento di Bonaventura che giungeva da dietro. L’unica pecca di questo episodio è quella di non aver ammonito Mesbah.
Andiamo al 70‘ quando Torres va giù in area di rigore dopo un contrasto con De Silvestri: la gamba del difensore travolge in parte il giocatore milanista, Torres non simula ma accentua. Rigore che può esserci ma non è netto; non si deve gridare allo scandalo se non viene assegnato (trattasi di una situazione simile a quello avvenuto in area milanista al 10′ tra Rami e Okaka).
Cinque minuti più tardi De Sciglio commette un fallo tattico interrompendo una pericolosa azione della Sampdoria e guadagnandosi una giusta ammonizione.
Poco dopo giusto ammonire anche De Jong per un pestone su Regini.

Ultimo episodio (e che probabilmente chiude le porte al Milan per un probabile assalto finale) è la doppia ammonizione a Daniele Bonera: giusta in quanto il giocatore rossonero commette un fallo di ostruzione su Obiang al limite dell’arena rossonera (situazione molto simile alla prima ammonizione).

Partita che si preannunciava difficile sotto il punto di vista arbitrale e cosi è stata a partire dal secondo tempo.Grande senso di autorità da parte di Orsato che sbaglia raramente se non in alcune situazioni di minima importanza. Coraggiosa la scelta di assegnare il calcio di rigore e giustissima la scelta di espellere per doppia ammonizione Bonera. Sempre molto vicino all’azione anche se questo spesso comporta un ostacolo per i giocatori.

 

Voto Orsato: 7-

Posted by Nocerino Giuseppe

Nato a Napoli nel 1994. Frequenta il corso di Laura in Scienze dell'Amministrazione e Organizzazione. Schermidore. Tifoso del Milan da sempre e amante della classe arbitrale di cui faceva parte. In passato ha collaborato con vari di siti di Wrestling e Sport. Dal 05/10/2014 è entrato a far parte di Rossonerosemper come Moviolista.

2 Comments

  1. Buon arbitraggio e giusto, come hai rilevato, criticare l’arbitro perché era sempre troppo vicino ai giocatori e spesso si poneva come ostacolo! Però Antonio hai dimenticato il fallo netto, gioco non pericoloso ma pericolosissimo commesso da Eder ai danni di Nigel De Jong. Azione irregolare che ha portato al gol del pareggio doriano. Concordo sulla buona prestazione dell’arbitro ma è grave la manchevolezza di non aver fermato l’azione viziata da un evidentissimo giuoco pericoloso! Dulcis in fundo con Orsato, ma questa per me da sempre non è una novità, i falli dubbi hanno sempre penalizzato il Milan(Pippo però lasci perdere perché sareme sempre noi tifosi a denunciare le nefandezze degli arbitri di turno che danneggiano il Milan)

  2. Caro Antonio ho voluto rivedere su Mediaset le impressioni che avevo ricavato, a caldo, sull’arbitraggio di Orsato. Le discutibili e talvolta risibili di Graziano Cesari hanno evidenziato il penalty non concesso al Milan(abbraccio prolungato e continuo di De Silvestri su Fernando Torres) che anche tu avevi visto ed io lo avevo giudicato trascurabile. In fifesa della mia tesi ribadisco che io affermo da sempre che uno dei difetti peggiori di Orsato sia quello di non valutare come fallosi interventi in giuoco pericoloso. A Genova ne ho visto almeno due uno all’inzio, per intimidirlo?, di De Silvestri su El Shaarawy e l’altro in occasione dell’azione che ha portato al pari della Sampdoria a mezzo del gol di Okaka. Non avevo considerato rilevante le spintarelle che hanno fatto richiedere presunti falli da rigore suo Okaka e Rami. Ma devo ammettere che avevi visto benissimo(io no) il rigore su Fernando Torres. Allora devo correggere il mio giudizio si Orsato (che per me da sempre è arbitro a cui sta antipatico il Milan)cambiando la valutazione da buon arnitraggio ad arbitraggio quasi insufficiente!

Comments are closed.