Tocca fare un altro intervento dopo la più grande valle di lacrime mai vista in seguito alla partita di ieri sera. Era impensabile solo arrivare a vedere ciò considerato che l’episodio che ieri sera ha falsato la partita è passato in sordina ed è il non fallo su Krunic che porta al rosso di Theo Hernandez. Solo due fuorigioco millimetrici e quel rosso ieri hanno impedito alla Roma di aggiungere un’altra goleada alla loro piccolissima storia.

E’ evidente che bruci. Brucia un Milan a sette vittorie consecutive, a 31 punti su 33. Brucia ai gobbi perché nel bene o nel male noi siamo la loro rivale, la loro vera rivale – quella a cui hanno impedito per anni di andare in Champions e se torna sono cazzi. Brucia ai nerazzurri perché d’altronde hanno l’ossessione persino ad un complimento di troppo, figuriamoci se possono tollerare che si parli così del Milan. Napoli e Roma per anni hanno sfruttato la ricreazione delle milanesi per occupare posti che non gli spettano per storia, con qualificazioni CL che alla fine han anche danneggiato il calcio Italiano. Il Milan lì dà fastidio a tutti. Si è parlato meglio dell’Atalanta di Gasperini che di questo Milan eppure questo Milan all’Atalanta di Gasperini è superiore da un anno e mezzo.

Se c’è una squadra che dovrebbe alzare la voce dopo la partita di ieri sera è proprio il Milan. I pozzi avvelenati in vista del derby ci sono e ci sono perché si ha il coraggio di omettere dalla moviola un episodio che non ha falsato una partita ma ne ha falsate ben due per tirare fuori un mezzo rigorino che c’è voluta la lente di ingrandimento e ancora non si capisce cos’era. 

Ci vuole coraggio. Ci vuole tanto coraggio soprattutto dai romanisti. E allora dico a te – caro tifoso della Roma che stai leggendo: con che coraggio ti aggrappi agli errori arbitrali in una partita dove il primo tiro in porta l’hai fatto al novantesimo? Con che coraggio parli di un mezzo rigorino Kjaer-Pellegrini che esiste solo quando la Juventus deve pareggiare (e Kjaer qua a differenza di Dumfries prende prima la palla) il quale sarebbe stato un clamoroso regalo per un risultato che non meritavi? Con che coraggio fai finta di non vedere che sei stato rimesso in partita proprio da Maresca con quel rosso?

Solo contro il Milan si può vedere discusso un rigore SOLARE come quello Ibanez-Ibrahimovic, un rigore dove Ibrahimovic sposta la palla e viene sgambettato impedendogli di andare al tiro. Solo contro il Milan si può sentire parlare di rigore su un mezzo contatto come quello. Solo contro il Milan non si possono dare meriti ad una squadra che sta rivoluzionando il modo di giocare a calcio in Italia. 

La scenata di Mourinho coi tifosi al seguito è vergognosa, disonesta e antisportiva così come la sua squadra ieri sera a condizionare l’arbitro dal primo all’ultimo minuto con urla, spinte, accerchiamenti. E’ disonesto parlare di Maresca in una partita dove lo stesso Maresca ti ha consentito di giocartela con un rosso completamente inventato. E’ vergognoso parlare di arbitri quando ieri sera l’unico risultato giusto era una vittoria larga del Milan.

Ancora una volta ci troviamo contro tutti e tutti e ancora una volta dobbiamo lottare contro un sentimento popolare anti-Milan dettato dal non avere quote in editori e televisioni. Ancora una volta speriamo che tutto questo fumo che si solleva sia la nostra forza fino alla fine di questo campionato. Questa invidia, questo continuo livore che si sente ogni volta ancora una volta ci sta facendo godere tantissimo.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.