Rientra anche lui, questa volta non ci saranno più scuse. La squadra campione d’Italia è di nuovo completa. Robinho lo considero più di Pato la punta titolare del Milan di fianco a Zlatan Ibrahimovic. Non solo per il numero di gol segnati – pari a quelli di Pato – ma anche e soprattutto per la grande capacità di allargare il gioco che l’altro brasiliano non ha. Agirà dietro alle due punte – causa squalifica di Boateng – ma di questo parleremo domani nel prepartita.

Non si può però non guardare il calendario – se era proibitivo quello prima della sosta – ora affonteremo dopo il Palermo il Bate, il Lecce, il Parma, la Roma ancora il Bate e infine il Catania. Non solo sono d’obbligo 6 vittorie e concesso al massimo il pareggio contro la Roma – ma anche data la caratura delle avversarie e una generale risoluzione del problema sarà opportuno operare delle scelte di turnover. Se infatti – scelta opinabile – il centrocampo con Van Bommel e Nocerino non era “superiore” a quello di Juventus e Napoli altrettanta scusante non potrà essere usata per la caratura delle squadre contro cui giocheremo: perdere ulteriori punti non sarà ammesso.

Lo staff tecnico cerchi quindi di compensare la preparazione falsata a causa di una supercoppa (a cui tengono solo quelli la e che probabilmente avrebbero ancora Gasperini in panca se gliela avessimo lasciata vincere) tornando in un momento di forma al limite dell’accettabile per smuovere al più presto quell’1 sotto la voce vittorie del nostro campionato. Poi – certo – schierare Taiwo o Antonini al posto di Bonera, Emanuelson largo in un modulo che lo valorizzi – o non certamente trequartista – aiuta. E non poco.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.